Connect with us

Eccellenze sotto scatto

Un salmone fresco dal mar glaciale artico al ristorante di Tokyo in 36 ore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

È nota la passione gastronomica dei giapponesi per il pesce ma non certo solo per il sushi. Una passione che li porta ad essere esigenti ed anche generosi, se si tratta di assaggiare un pescato di qualità, come il salmone delle fredde ma limpide acque del mar Glaciale Artico.

Durante uno dei tanti periodici viaggi che mi portano in Scandinavia, mi è capitato recentemente di visionare un breve ed originale video*, prodotto e diffuso dalla Finnair, la compagnia aerea di bandiera finlandese, sull’itinerario compiuto dal salmone nordico per arrivare nel piatto di un affamato giapponese in un ristorante di Tokyo, a sole 36 ore dalla sua cattura. Ed ho voluto approfondire le modalità di questa impresa logistica, anche perché un salmone artico, con tutta la sua buona volontà, non ce la farebbe mai a nuotare in 36 ore dal mare Glaciale al mar del Giappone….

Ho quindi incontrato Janne Tarvainen, direttore generale della divisione Cargo di Finnair, e l’incontro si svolge presso il nuovissimo centro cargo nell’area dell’aeroporto di Helsinki, un grande complesso, costato 80 milioni di euro, operativo da inizio 2018, denominato Finnair Cargo COOL Nordic Cargo Hub. ‘Cool’, per ‘fresco’, intende sottolineare la particolarità di questa struttura, una cui sezione è riservata proprio alla gestione di raccolta e spedizione nel mondo di elevati volumi di merci e prodotti alimentari e farmaceutici che richiedono particolari condizioni di attenzione e temperatura controllata per la loro manipolazione.

Janne Tarvainen, in Finnair da circa 25 anni in varie posizioni, illustra con orgoglio e competenza le caratteristiche del nuovo centro di controllo del carico altamente tecnologico (CCC) che gestisce in modo intelligente e ottimizzato il flusso di merci e le prestazioni dell’hub. Indica anche le specifiche di Cargo Eye, una nuova piattaforma di monitoraggio delle operazioni sviluppata da Qoco Systems, che offre a CCC una visione diretta a 360 gradi di ciò che sta accadendo attraverso la rete: Cargo Eye raccoglie dati in tempo reale da tutti i sistemi di informazione e tracciamento di Finnair Cargo, come la posizione globale degli aeromobili, le informazioni di volo, la posizione geografica del traffico cargo e i dati chiave di SkyChain, il sistema di gestione del carico di Finnair sviluppato da Accelya.

“Grazie a Cargo Eye, dal Control Center nel nuovo terminale COOL possiamo vedere dove si trova ogni camion e aereo che trasporti, ad esempio, pesce o prodotti farmaceutici, ricevere le ultime informazioni sugli arrivi di merci e il trasporto di collegamento, controllare il contenuto e la temperatura, ed essere pronti a spostare le risorse a terra dove sono più necessarie in previsione della consegna “, spiega Tarvainen,

Ampiamente considerato dal settore della logistica aerea come il più avanzato in Europa. COOL è il gioiello della corona di Finnair Cargo nel rispetto dei suoi sforzi in corso per primeggiare nel collegamento cargo Est / Ovest nell’emisfero settentrionale ed è particolarmente degno di nota per il suo design, tecnologia e processi eco-compatibili. In effetti, COOL è eccezionale perché è uno dei due soli terminal cargo al mondo ad essere valutato ‘Molto buono’ dai valutatori di fama mondiale di sostenibilità degli edifici, BREEAM.

Una delle cose che più ha apprezzato della sua attuale posizione è la gestione del cambiamento che sta attraversando il settore del cargo aereo.

“La gestione dei cambiamenti e il cambiamento in generale sono qualcosa che mi piace e che trovo stimolante. Con questo progetto parliamo di trasformazione, non solo di un miglioramento incrementale, ma di una trasformazione, costruendo un terminale più ‘intelligente’ “.

Tarvainen afferma che il motivo principale per la costruzione del nuovo centro cargo è stato che la struttura esistente stava raggiungendo il limite di capacità. Con la compagnia aerea che aggiungeva ulteriore spazio per le merci, era imperativo che gli addetti disponessero degli strumenti giusti per essere in grado di elaborare il traffico nel modo più efficiente possibile. Il carico è importante per la compagnia aerea – rappresentando circa il 15% dei ricavi generati dalle sue operazioni widebody a lungo raggio – e pertanto Finnair era pronta a investire tempo e denaro nella costruzione di una struttura leader del mercato.

Un altro motivo per garantire che il centro sia il più efficiente possibile è il fatto che l’80% del carico gestito a Helsinki è traffico di trasferimento, il che significa che deve essere rapidamente elaborato.

Un altro punto di forza della compagnia aerea, sottolinea Tarvainen, è che volare attraverso Helsinki è geograficamente la via più breve verso l’Asia. Inoltre, l’aeroporto non soffre di congestione, a differenza di alcuni dei suoi più grandi concorrenti europei.

Il terminale è uno strumento sofisticato, che utilizza i dati e l’automazione per creare efficienza, processi e visibilità migliorati, piuttosto che un semplice magazzino. Ciò è ottenuto attraverso i suoi sistemi di gestione del carico e del magazzino, l’automazione e il software di monitoraggio Cargo Eye.

Dal fiordo al piatto

Ritornando al salmone norvegese appena pescato, sono oltre 450 tonnellate di merci trasportate da Finnair Cargo ogni giorno, ed alcuni degli articoli più comuni sono l’elettronica di consumo, le medicine e le sostanze deperibili come prodotti ittici e fiori. L’industria dei deperibili è destinata ad espandersi ulteriormente nel 2018 ed anni successivi, in quanto i consumatori richiedono cibi freschi fuori stagione. Circa una cinquantina di tonnellate è costituita da salmone norvegese e granchi reali molto richiesti dai mercati asiatici. Il carico trasportato per via aerea equivale solo a circa il 1% del flusso annuale di merci, ma rappresenta il 35% del valore di mercato, e ciò a causa di prodotti di valore elevato come i granchi reali. Grazie a sensori, Finnair Cargo è in grado di controllare la temperatura dei prodotti ittici durante l’intero viaggio. Ciò significa che i ristoranti in Giappone possono fidarsi al 100% della freschezza del salmone trasportato da Finnair Cargo. Presso l’hub COOL l’area di imballaggio per ittici e altri prodotti deperibili è mantenuta tra 6 ° e 8 ° Celsius e l’area di stoccaggio a 2 ° Celsius. Le merci deperibili vengono imbarcate solo 30 minuti prima della partenza, e, a differenza del carico generale che viene spostato 50 minuti prima, i beni deperibili procedono più tardi riducendo il tempo in cui sono esposti a condizioni meteorologiche esterne.

Finnair e la ditta di prodotti ittici norvegese Lerøy hanno sviluppato quello che chiamano il concetto “Pesce fresco ogni giorno“,  il che significa che insieme sperano di soddisfare la crescente domanda di salmone come ingrediente principale del sushi al mondo.

Il salmone del tipo Norwegian Aurora Salmon® è particolarmente richiesto in Giappone ed è un prodotto esclusivo di alta gamma su misura per il sushi e il segmento di mercato è tra i più esigenti.

Gli esigenti consumatori orientali di sushi si aspettano sicurezza e affidabilità nei loro prodotti e,  poiché l’impianto per il trattamento degli Aurora è situato nel nord della Norvegia, ha più senso inviare camion che trasportano salmoni a Helsinki invece che ad Oslo.

Il concetto del ‘pesce fresco ogni giorno’ è quindi garantire che il salmone sia trasportato rapidamente a Helsinki e in Asia, nel più breve tempo possibile, insieme al continuo miglioramento dell’affidabilità e della qualità della cooperazione con lo stato dell’arte delle tecnologie di monitoraggio.

Dei 31.000 metri quadrati della capacità totale di COOL, 3000 metri quadrati sono riservati per deperibili, 3000 metri quadrati per prodotti farmaceutici; e 25.000 metri quadrati per merci generiche e c’è lo spazio per la COOL Nordic Cargo Hub per crescere di ulteriori 10.000 metri quadrati

La nuova capacità di carico del vettore prodotta da altri aerei Airbus A350  in arrivo significa un aumento di carico gestito da Finnair del 45% entro il 2020. Un risultato indubbiamente lusinghiero per un investimento di risorse finanziarie e umane, oltre 300 gli addetti, di notevole impegno.

La riconosciuta cura di Finnair per la compatibilità ambientale è rinvenibile anche nell’uso di energia solare prodotta dai 1200 pannelli collocati sul tetto dell’edificio, e che fornisce il 10 % dei consumi energetici annuali sostenendo la strategia di sostenibilità di Finnair che mira a ridurre l’impatto ambientale. Ciascuno dei pannelli installati può produrre fino a 260 watt di energia e il livello annuale di produzione di energia è stimato in circa 265 MWh / a.

Il miglioramento costante dell’efficienza energetica delle sue strutture fa parte della citata strategia , sottolinea Tarvainen. Lo sviluppo sostenibile è stato un fattore chiave nella costruzione del nuovo terminal merci e le caratteristiche di sostenibilità dell’edificio hanno fatto guadagnare al terminal il rating “molto buono” anche qui sotto la certificazione di sostenibilità BREEAM.

Per quanto riguarda il contributo economico del settore merci al risultato globale di Finnair, Tarvainen cita che iricavi di Finnair Cargo nel 2017 sono stati di € 197,4 milioni, in crescita del 13,5% rispetto a € 173,8 milioni (2016). Tali  ricavi di Finnair Cargo ammontavano al 7,7% delle entrate totali di Finnair nel 2017, e di € 197,4 milioni di entrate cargo, l’Asia ha contribuito con € 147,1 milioni, il Nord Atlantico € 10,9 milioni, l’Europa € 31 milioni, il mercato interno con € 1,8 milioni.

Forse il buongustaio giapponese non può sapere tutto ciò che ha contribuito a portare il salmone artico nel suo piatto, ma certamente non sarà dispiaciuto nel saldare il conto del ristorante dopo aver fatto concludere il viaggio del salmone nel suo stomaco esperto e soddisfatto.

Gianfranco Nitti

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Eccellenze sotto scatto

Cerveteri, la Banda Riciclante ha invaso il Centro Storico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Questa mattina, i bambini e le bambine delle classi I^ B e I^C della Scuola Salvo D’Acquisto di Cerveteri, coordinati dalle Docenti Tina Di Bitonto, Paola Olmi e Flavia Guariglia, hanno animato i vicoli del Rione della Boccetta, Piazza Santa Maria e Piazza Risorgimento con una rumorosa e allo stesso tempo significativa sfilata musicale realizzata interamente con strumenti musicali riciclati.

A coordinare il progetto, è l’Associazione Teatro dei Mignoli di Bologna, che dallo scorso 21 marzo sta girando in lungo e largo l’Italia con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi ai temi della sostenibilità ambientale.

Da lunedì 15 Aprile, i ragazzi di queste due classi sono stati impegnati in diverse attività, prima lungo le spiagge di Campo di Mare, dove hanno dato via ad una pulizia della spiaggia, raccogliendo e differenziando i rifiuti abbandonati. Poi, sotto la supervisione delle Docenti e dei componenti dell’Associazione hanno dato vita ad un laboratorio creativo durante il quale hanno lavorato alla realizzazione di strumenti e oggetti musicali con tutto il materiale raccolto dalle spiagge.

Questa mattina, la sfilata nel Centro Storico dove ad accoglierli, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale tutta, l’Assessora alle Politiche Ambientali Elena Gubetti.

“Un bel progetto per il quale mi complimento con tutte le Docenti della Salvo D’Acquisto – ha dichiarato l’Assessora Gubetti – è importante sensibilizzare e formare i più piccoli sull’importanza della sostenibilità ambientale. Anche immagini recenti ci hanno dimostrato come nel mondo ci sia una vera e propria emergenza legata alla plastica e all’abbandono dei rifiuti. Tutti avranno sicuramente visto almeno una volta il servizio andato in onda alcuni giorni fa in TV con intere spiagge e tratti di mare completamente invasi dalla spazzatura. L’evento di oggi non è stata una semplice sfilata, ma è stato un vero e proprio grido di aiuto che i nostri bambini, gli adulti di domani, stanno lanciando alla società attuale”.

“Fa riflettere infatti – prosegue la Gubetti – vedere non solo i loro strumenti, ma anche la scultura che hanno realizzato i ragazzi, tutta con materiali raccolti dalle spiagge. Qualora non fossero stati raccolti dai nostri ragazzi, sarebbero stati molto probabilmente inghiottiti dal mare e avrebbero generato ulteriore inquinamento. Non mi resta dunque altro che complimentarmi con tutti i bambini, con l’Associazione promotrice e ovviamente con tutte le maestre impegnate”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Eccellenze sotto scatto

Pecorino e salame cotto, Nepi mette in mostra le sue delizie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il primo è un formaggio che ancora oggi prende vita nelle stesse località dove è nato, le campagne del Lazio. Il secondo è una tradizione antichissima della Tuscia, conosciuta e apprezzata già ai tempi degli Antichi Romani. Nepi torna ad aprire le sue porte per la Sagra del pecorino romano e del salame cotto, due specialità che saranno celebrate dal 10 al 12 maggio insieme alle altre perle gastronomiche del territorio.

Il Pecorino Romano Dop è una prelibatezza ormai rara, perché la gran parte della produzione è destinata ai mercati stranieri; dal sapore dolce e aromatico oppure piccante e deciso a seconda della stagionatura, può essere grattugiato o utilizzato per esaltare il gusto di tante ricette. Ad affiancarlo sarà il salame cotto, già menzionato nel I° Secolo d.C. nel De Re Coquinaria dal cuoco romano Apicio; un prodotto unico nel suo genere, che proprio in primavera sprigiona le sue migliori caratteristiche.

Ad affiancare queste due delizie saranno tanti altri prodotti tipici della Tuscia e del Bio Distretto, senza dimenticare le ricette tradizionali proposte a pranzo e a cena presso lo stand della Proloco: la vignarola laziale (un piatto contadino a base di fave, cipolla e lattuga), la cipolla bianca al forno e le salsicce e le carni di maiale alla griglia fornite dai   norcini locali. Ci sarà poi spazio per le fave e la scapicollata, una particolare pancetta stagionata e insaporita con aromi naturali, per la pizza con cipolla nepesina, piatta e non tonda (Nepi è conosciuta anche come “la città dei cipollari”) e per una ricca selezione delle specialità come il miele, le confetture, il vino e l’olio.

E così tra bande musicali, spettacoli itineranti, stornellatori romani e intrattenimenti per i più piccoli, per un weekend la “città dell’acqua” diventerà a capitale del gusto di un intero territorio. Come di consueto l’evento metterà in vetrina tutte le eccellenze della Tuscia Viterbese: non solo la gastronomia ma anche l’artigianato, il folclore e la musica.

La “Sagra del Pecorino e del Salame Cotto” sarà anche una buona occasione per conoscere una delle cittadine più affascinanti del Lazio, circondata dalle caratteristiche forre, affascinanti gole di millenaria erosione che ne delineano il paesaggio. Immersa in una natura incontaminata, Nepi custodisce l’imponente Forte dei Borgia, il sontuoso Duomo con l’interno a 5 navate, l’acquedotto settecentesco e la piazza comunale con l’omonimo palazzo progettato da Antonio da Sangallo il Giovane ed abbellita da una fontana del Bernini; senza dimenticare il Museo Civico, la Chiesa di San Tolomeo e le Catacombe di Santa Savinilla, uno dei complessi funerari sotterranei più importanti del Centro Italia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, villa Falconieri: il Parco dei Castelli Romani abbraccia in the same boat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il Parco dei Castelli Romani patrocina e partecipa al convegno sulla sostenibilità globale, in programma domenica 14 aprile 2019 dalle 17,30 a Frascati.

La tecnologia, soprattutto quella applicata alla comunicazione, rende per la prima volta tutto l’universo completamente connesso. In questo senso ‘siamo tutti nella stessa barca’ però non sappiamo controllarne i remi e il timone. Se questi fenomeni non vengono governati arriviamo al “paradosso per cui siamo capaci di creare una enorme ricchezza, ma non abbiamo un sistema economico che consente di ‘distribuirla’ al maggior numero possibile di persone; o almeno in una forma meno diseguale“.
La riflessione di Zygmunt Baumann, fra i più influenti pensatori contemporanei, professore emerito di sociologia all’Università di Leeds e a quella di Varsavia scomparso nel 2017, è nel docufilm “In the same boat” in cui alcuni tra i più autorevoli studiosi internazionali (Zygmunt Bauman, Tony Atkinson, Serge Latouche, Erik Brynjolfsson, Mariana Mazzucato, Pepe Mujica e altri), si interrogano sulle grandi trasformazioni (globalizzazione, progresso tecnico, avvento della robotica, immigrazione) in atto nelle economie avanzate e sull’impatto che tali trasformazioni potranno avere sul mercato del lavoro, sulla distribuzione del reddito e sui sistemi di sicurezza sociale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Aprile: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it