1

UNIONE EUROPEA PIOGGIA DI SOLDI PER I LAVORATORI LICENZIATI IN SPAGNA, PAESI BASSI, ROMANIA E GRECIA

di Cinzia Marchegiani

BRUXELLES PARLAMENTO EUROPEO- Arrivano fondi a pioggia per i lavoratori in esubero dall'UE per aiutare i lavoratori in esubero in varie industrie in Spagna, Paesi Bassi, Romania e Grecia.Per trovare nuovi posti di lavoro è stata approvata dal Parlamento europeo Mercoledì 17 settembre 2014. Il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) finanziamento, che va a completare gli sforzi nazionali, deve ora essere approvato dal Consiglio dei Ministri. Il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione è stato istituito per fornire sostegno supplementare ai lavoratori in esubero in conseguenza di trasformazioni rilevanti della struttura del commercio mondiale dovute alla globalizzazione o alla crisi finanziaria e per aiutarli a trovare nuovi posti di lavoro. Tra il 2014 e il 2020, il massimale annuo del fondo è di 150 milioni di euro. Lavoratori licenziati sono offerti misure come il supporto per le imprese start-up, assistenza nella ricerca, l'orientamento professionale e vari tipi di formazione. Nella maggior parte dei casi, le autorità nazionali hanno già iniziato a prendere le misure e di ottenere i loro costi di rimborso da parte della UE quando le loro applicazioni sono finalmente approvate.

Alla Spagna è stato concesso 700.000 € per aiutare 400 lavoratori licenziati da tre aziende di prodotti di legno nella regione di Castilla y León e 960.000 € di aiuto per 280 lavoratori che hanno perso il posto di lavoro nel settore alimentare e dei servizi bevande nella regione di Aragona. I licenziamenti del settore del legno erano dovuti alla perdita di mercati di esportazione, e quelle dell'industria alimentare della contrazione della domanda durante la crisi finanziaria ed economica.

L'aiuto di Castilla y León è stata approvata con 618 voti favorevoli, 71 contrari e 11 astensioni, e l'aiuto di Aragón da 597 voti a 74, con 26 astensioni.

Ai Paesi Bassi le autorità olandesi hanno applicato per il sostegno dopo una mancanza di ordini a causa della crisi finanziaria forzata 89 imprese edili nelle province Gelderland e Overijssel per rendere i lavoratori licenziati. L'1.625.781 € in aiuti del FEG pagherà per la formazione e altre misure per aiutare a 475 lavoratori in esubero ritrovare un lavoro.

L'aiuto è stato approvato con 602 voti a 70, con 306 astensioni.

Per la Grecia Panettiere greco NUTRIART e dei suoi fornitori fatte 508 persone licenziati perché le famiglie in crisi non potevano più permettersi di prodotti freschi o surgelati di NUTRIART e la gestione delle imprese è stato interrotto dai ritardi nei pagamenti da parte dei clienti. L'6.096.000 € in aiuti del FEG approvato dal Parlamento a pagherà per la formazione per aiutare queste 508 persone e altre 505 giovani senza lavoro per aumentare le loro possibilità di occupazione.

L'aiuto è stato approvato con 624 voti favorevoli, 69 contrari e 11 astensioni.

Alla Romania le autorità rumene hanno presentato domanda di aiuto del FEG per aiutare 1.000 lavoratori licenziati dal produttore del prodotto in acciaio Mechel Campia Turzii e il suo fornitore a causa di un forte calo della domanda per i loro prodotti, come gli ex acquirenti passati ai responsabili cinesi. L'aiuto 3.571.150 € FEG contribuire a pagare, tra l'altro per l'orientamento professionale, l'avvio di nuove imprese e di fornire mentoring dopo l'atterraggio di un lavoro.

Il Consiglio dei ministri dell'UE dovrebbe votare sul rumeno e le domande di aiuto greche il 25 settembre e gli spagnoli e quelli olandesi 8 ottobre.

L'aiuto è stato approvato con 614 voti a 71, con 16 astensioni.

La crisi morde i paesi membri e non si arresta, fondi a pioggia per imprese e lavoratori dall'UE incapace però  ad invertire la rotta di questa spirale che come un cobra uccide le sue vittime.