Connect with us

Esteri

UNIONE EUROPEA, TRATTE DI SCHIAVI E MIGRANTI: FRONTEX PUBBLICA LE ANALISI DEI RISCHI ANNUALI

Clicca e condividi l'articolo

Le rotte individuate e analizzate definiscono i flussi delle diverse nazionalità che si sono dirette in Italia.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

40 mila migranti clandestini arrivati in Unione Europea nei primi quattro mesi dell’anno, più della metà, 25 mila attraverso l’Italia. Stime delle frontiere attestano valori molti più alti intorno a i 55 mila, nonostante l’UE sia il maggior donatore del mondo di fondi miliardari per aiutare i Paesi in via di sviluppo (Pvs) per migliorare la democrazia, l’economia e la cultura

 

di Cinzia Marchegiani

L'analisi del rischio è il punto di partenza per tutte le attività di Frontex (Agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell'Unione europea) dalle operazioni congiunte attraverso la formazione di studi di ricerca. Frontex monitora l'ambiente di sicurezza globale, in particolare quei fattori politici, economici, sociali, tecnologici, giuridici e ambientali che potrebbero incidere sulla sicurezza delle frontiere. L'agenzia raccoglie dati provenienti da Stati membri, gli organismi dell'UE, nonché dai mezzi pubblici e da altre fonti all'interno e oltre i confini europei. Il lavoro di analisi dell'agenzia è più di individuazione dei rischi. Si tratta di massimizzare l'efficacia nella prevenzione della criminalità transfrontaliera – segnatamente traffici umani e il contrabbando – e garantire la sicurezza delle frontiere esterne dell'UE per prevedere le tendenze future e proporre rimedi. Le rilevazioni di attraversamento illegale alle frontiere dell'UE sono aumentate nettamente nel 2013, salendo a più di 107.000 da 75.000 nel 2012, con siriani, eritrei e afgani sia le nazionalità più comunemente rilevati. Nel dettaglio viene studiata la migrazione verso l'UE che nel 2013 è stata caratterizzata da tre fenomeni principali: un aumento significativo del numero di siriani in arrivo, un “flusso costante” di immigrati in partenza dal Nord Africa che attraverso il Mediterraneo si dirigono verso l'Italia, e rilevazioni di forte aumento di migranti irregolari verso la rotta dei Balcani occidentali. Il numero di siriani rilevati alle frontiere dell'UE, 25 mila ha rappresentato quasi un quarto di tutti gli arrivi nel 2013 quasi tre volte la cifra del 2012. Il flusso della nazionalità che maggiormente è entrata illegalmente nella maggior parte delle zone di confine che hanno fatto richiesta per la protezione internazionale sono Siriani. Più di due terzi di tutte queste domande sono state presentate in Svezia, Germania e Bulgaria. L'area centrale del Mediterraneo è stato il punto di ingresso principale in Europa per gli immigrati irregolari, in particolare durante la seconda metà dell'anno. Flussi migratori attraverso il Mediterraneo centrale in Italia, e in misura minore di Malta, sono state più pesante tra il mese di luglio e di ottobre, raggiungendo un picco nel mese di settembre, anche se gli arrivi hanno continuato in Italia per tutto ottobre e novembre, nonostante le condizioni di mare agitato, che di solito impediscono traversate marittime in quel periodo dell'anno. Con oltre 40.000 arrivi registrati, la rotta del Mediterraneo centrale rappresenta il 38% di tutti i rilevamenti della migrazione irregolare a livello UE. Anche se questa cifra rappresenta un aumento significativo rispetto ai dati acquisiti nel 2012, sono inferiori ai flussi del 2011 dovuti alla Primavera Araba quando 59.000 migranti sono arrivati in Italia. Questo percorso ha visto anche alcuni importanti episodi di barche ribaltamento delle e affondano, compresa la tragedia ottobre al largo della costa di Lampedusa che è costato la vita di oltre 360 persone.
Le rotte individuate e analizzate definiscono i flussi delle diverse nazionalità che si sono dirette in Italia. I siriani e gli egiziani sono partiti principalmente dall'Egitto nel 2013, mentre i migranti del Corno d'Africa e l'Africa occidentale partirono in gran parte dalla Libia. Tra i migranti africani, eritrei erano di gran lunga il più numeroso rilevato, con oltre 11.000 arrivi, con un aumento di quattro volte nel 2012. Per raggiungere l'Italia, i migranti del Corno d'Africa in genere utilizzati un percorso pericoloso attraverso il Sahara, viaggiando avanti attraverso la Libia. Sulla rotta del Mediterraneo occidentale, le rilevazioni alle frontiere greche con la Turchia hanno registrato il livello più basso degli ultimi cinque anni anche se questo percorso ancora rappresenta quasi un quarto di tutti i rilevamenti nell'UE. Il maggior numero di migranti in questa regione sono stati rilevati sia l'attraversamento del Mar Egeo per le isole greche dalla Turchia, o lungo la frontiera terrestre bulgaro-turca. Ancora una volta, siriani costituito la maggior parte dei migranti su questa tratta. 19 mila è il numero di rilevamenti al confine tra Ungheria e Serbia era quasi tre volte quello di un anno prima e ha reso la rotta dei Balcani occidentali il punto numero tre caldo per valichi di frontiera illegali in Europa.
Nel 2013, ci sono state circa 345 mila rilevamenti di soggiorno illegale nell'UE, che ha rappresentato un andamento sostanzialmente stabile rispetto al precedente anno. Sulla base dell'analisi dei rischi Frontex Network Dati ( FRAN ) per il 2013, il numero d'asilo domande presentate nella UE ha continuato ad aumentare. I dati preliminari indicano un generale incremento di circa il 28 % per un totale di 353.991 applicazioni nel 2013. Tra il 2012 e il 2013, rilevazioni di facilitatori diminuito del 11% , pari a circa 6900 nel 2013. Tale diminuzione può essere in parte dovuto all’entrata in UE con altri canali illegali e con la falsificazione dei documenti. Nel 2013 circa 159 mila migranti sono ritornati ai loro paesi. Il totale non fa includere riammissioni tra Stati Stati membri . Come nel 2012 , il Regno Unito e Grecia sono stati gli Stati membri che partecipano al più grande numero di ritorni.
Nell'Unione europea da gennaio ad aprile di quest'anno, sono arrivati 42 mila migranti clandestini, che è quattro volte superiore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, di cui 25 mila attraverso l’Italia. Ma a leggere sembra che questi dati siano anche sottostimati, le stime di frontiera attestano la cifra intorno a 55 mila per i primi quattro mesi del 2014.
Transumanze di persone, spesso schiavi che nel loro viaggio cambiano soltanto proprietario, usati e abusati per la loro condizione di estrema povertà. Miraggi di terre che rappresentano il futuro, molti di loro rimangono soltanto lo strumento indecente e criminale di chi fa soldi a palate sulle tratte di esseri umani. L’Unione Europea, in gamba a rilevare i dati e analizzarli non riesce a individuare una strategia vincente affinché queste persone riescano a vivere nella nazione natale. Questa dei centri di accoglienza non sono vita e neanche il loro futuro. Oltre la metà dei soldi spesi nel mondo per aiutare i Paesi in via di sviluppo (Pvs) proviene dall’Unione Europea e dai suoi Stati membri; l’Unione è quindi il maggiore donatore a livello mondiale. L’Italia canalizza circa la metà (il 46%) del proprio Aiuto Pubblico allo Sviluppo (Aps) attraverso l’Unione Europea: è il terzo contribuente netto al bilancio dell’Unione in materia di sviluppo, e il quarto contribuente al Fondo Europeo di Sviluppo (Fes), per un ammontare complessivo annuo intorno a 1.4 miliardi di euro. Le risorse utilizzate dalla Commissione Europea nella realizzazione di iniziative di sviluppo o attraverso il sostegno al bilancio sono pertanto in parte anche risorse dell’Italia. L'obiettivo primario dell’Unione Europea è l'eliminazione globale della povertà nell'ambito dello sviluppo sostenibile. Per tale ragione, l’Unione si adopera per contribuire agli Obiettivi di sviluppo del Millennio (Mdg) approvati da tutti i paesi delle Nazioni Unite. In tale contesto, l’'Unione si è impegnata ad aumentare il bilancio per gli aiuti e a portarli allo 0,7% del reddito nazionale lordo entro il 2015 (con un obiettivo collettivo intermedio dello 0,56% per il 2010); la metà dell'aumento dell'aiuto dovrà essere attribuita all'Africa. L'UE continuerà a dare priorità al sostegno ai Paesi meno avanzati e a quelli a reddito basso e medio. Se questa è logica, ora gli Italiani e i paesi membri dovrebbero chiedere di rendicontare il destino di questi miliardi di euro annui dati a fondo perduto, forse è il caso di tenerli e dedicarli alle transumanze mane, che come confermato dall’analisi di rischio del Frontex non si arrestano mai… Fondi dati per cultura, economia e democrazia, sono un investimento sbagliato se questi sono i dati. L’UE si conferma un contenitore non senso, dove vengono divorati miliardi di euro per non poterci cavare un ragno dal buco. L’Europa continua a fallire ogni progetto che aveva lanciato come il migliore per affermare giustizia sociale benessere dei suoi stati membri, oltre quelli che ha messo nella propria agenda di aiuti umanitari.  La logica non è un opinione!

Esteri

Usa, Donald Trump verso l’impeachment: Camera approva misura procedurale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La maggioranza della Camera Usa ha approvato col sostegno dem una misura procedurale che spiana la strada al voto per l’impeachment di Donald Trump, atteso in serata (nella notte in Italia).

Donald Trump è “un pericolo evidente ed immediato, deve essere processato, condannato e destituito“: lo ha detto la speaker della Camera Usa Nancy Pelosi.

“Alla luce delle informazioni di ulteriori manifestazione chiedo che non ci sia violenza e non ci siano vandalismi”. Lo afferma Donald Trump in una nota a Fox.

Il presidente chiede quindi l’aiuto di “tutti gli americani” a “stemperare le tensioni” e ribadisce di essere contrario alla violenza “di ogni tipo”.

Intanto proseguono i preparativi per la cerimonia di insediamento di Biden. I 15.000 agenti della Guardia Nazionale a Washington saranno in parte armati, e il Secret Service sta allestendo una maxi-operazione di sicurezza per blindare la città. Il timore è di nuove proteste violente: almeno 16 gruppi, di cui alcuni armati, si sono fatti avanti per manifestare.

Google sospende spot politici per insediamento Biden  – Google sospende tutti gli spot politici fra il 14 e il 21 gennaio in vista della cerimonia di insediamento di Joe Biden.

Accusato per assalto al Congresso si è suicidato – Chris Stanton, uno degli uomini accusati per le proteste al Campidoglio, si è suicidato. Lo riportano i media americani, sottolineando che Stanton si è tolto la vita nella sua abitazione a Alpharetta, in Georgia. La polizia ha rinvenuto nella sua casa due fucili semiautomatici.

Continua a leggere

Esteri

USA, eseguita la condanna a morte di Lisa Montgomery

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

E’ stata uccisa con iniezione letale in un’esecuzione federale Lisa Montgomery, la prima donna a essere messa a morte in 70 anni. Lo comunica il Dipartimento di Giustizia Usa.

La sua esecuzione era stata sospesa ieri per consentire una perizia psichiatrica sulla donna: una sospensione che aveva suscitato speranze in quanti nel mondo si oppongono alla pena di morte. 

Lisa Montgomery, l’unica donna nel braccio della morte federale, ha ricevuto l’iniezione letale nel carcere di Terre Haute, in Indiana.

La donna, 52 anni, era stata riconosciuta colpevole di un delitto efferato: l’uccisione a nel 2004 nello stato del Missouri di una donna incinta,la 23/enne Bobbie Jo Stinnett, alla quale ha estratto con un coltello il feto, portato via come se fosse suo figlio, lasciandola morire dissanguata. Oggetto di gravissimi abusi in famiglia da bambina, Montgomery era ritenuta gravemente malata di mente. E dopo la fine, imposta da Donald Trump, della moratoria sulla pena di morte federale, proprio su questo aspetto si è incentrato il ricorso dei suoi avvocati, accolto ieri da un giudice dell’Indiana, per una nuova perizia psichiatrica. Poi il via libera all’esecuzione, in ottemperanza a quanto già deciso dalla Corte Suprema.

“Dopo un’allucinante serie di decisioni, le une contro le altre, di vari tribunali, ore di incertezza e una vana richiesta finale di sospensione, Lisa Montgomery è stata messa a morte alle 7.31 ora italiana. L’11ma esecuzione federale sotto Trump, la prima di una donna da 67 anni”. Lo scrive in un tweet il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury.

Continua a leggere

Esteri

Indonesia, precipitato in mare il Boeing partito da Giakarta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il governo indonesiano ha confermato che il Boeing 737 della Sriwijaya Air – di cui si erano persi i contatti quattro minuti dopo il decollo da Giakarta – è precipitato in mare. Il volo trasportava 62 persone, di cui 56 passeggeri – tra i quali tre neonati e 7 bambini – e sei membri dell’equipaggio.

Il volo Sriwijaya Air SJ 182 era sulla rotta Jakarta-Pontianak. La perdita del contatto è avvenuta intorno alle 14 locali.

“Sospetti rottami” del Boeing erano stati ritrovati in mare al largo di Giakarta. E un pescatore aveva raccontato di aver visto un aereo schiantarsi in mare dopo una picchiata.

Continua a leggere

I più letti