Connect with us

Primo piano

UNIONI CIVILI, RENZI: "PRONTO A METTERE LA FIDUCIA"

Clicca e condividi l'articolo

"In Italia il partito delle tasse è la destra, quello che le ha abbassate è il Pd"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

"Che paura possono fare due persone che si amano, che chiedono di avere un'unione forte tra di loro? A me fanno paura quelli che si odiano". Nel suo intervento all'assemblea del Pd, Matteo Renzi, non ha escluso che pur di chiudere l'accordo sul ddl Cirinnà è pronto a "raggiungere un accordo di governo immaginando un emendamento sul quale dobbiamo essere pronti anche a mettere la fiducia". E' questa secondo Renzi la strada per uscire dal guado delle unioni civili: "siamo a un bivio – ha ammonito – e "non possiamo permetterci di frustrare la speranza come con i 'Dico' dieci anni fa. E' in gioco la credibilita' di tutti noi". Renzi si è anche detto pronto a partecipare all'assemblea dei senatori dei prossimi giorni "per cercare di dare una mano per raggiungere il risultato".
"Martedi' alle 20 al Senato approfondiamo e chiudiamo la partita" sulle unioni civili, ha poi detto il segretario del Pd in sede di replica. "Ho dato disponibilità a partecipare" alla riunione del gruppo del Senato" ed "è fondamentale che non si corra il rischio che in nome di uno squallido gioco politico da parte di alcune forze pronte a tutto pur di fare del male al Pd, si faccia del male anche a delle persone che hanno il diritto di guardare al futuro senza paura".

"In Italia il partito delle tasse è la destra, quello che le ha abbassate è il Pd". Lo ha detto il presidente del Consiglio e segretario del Partito, Matteo Renzi, aprendo il suo intervento all'Assemblea del partito.

L'Europa di Barroso, a differenza degli Stati Uniti di Obama, "non ha fatto crescere l'occupazione e ha ridotto la speranza dei giovani. E' ferma e ha bisogno di essere rimessa in moto. Serve una strategia economica non basata sugli egoismi di qualche paese dominante", ha detto. "Si deve avere la consapevolezza che o si ha il coraggio di tornare a pensare in grande o l'Europa diventerà un fastidioso giochino burocratico". "L'Italia in Europa sta presentando proposte, non batte i piedi come fanno i bambini quando fanno le bizze".

La discussione sul 'partito della nazione'" è un tentativo strumentale per cambiare argomento. La verità è che noi al Senato non abbiamo numeri e senza alleanze non andiamo avanti", ha continuato, "per avere dei numeri diversi – ha aggiunto – le elezioni vanno vinte, e aver coinvolto altre forze presenti in Parlamento dentro la maggioranza o a sostegno di provvedimenti della maggioranza è segno di buon senso", "non una 'marmellata' e 'tutti insieme indistintamente'. Per me – ha concluso – il vero 'partito della nazione' sono i 400 ragazzi della 'classe dem'". "A chi immagina su singoli provvedimenti di arrivare al momento decisivo e dire: 'o fate come dico io o me ne vado', la mia risposta sara' 'ciao'". Nel Pd, ha aggiunto, "il sistema delle minacce non puo' funzionare".

Renzi attacca così dal palco dell'assemblea chi "crede che sia un proprio dovere compiere una campagna pedagogica per cambiare gli italiani", chi "pontifica nelle universita'" e chi sostiene "che l'Europa sia una medicina". Gente "con pochi voti" che "voleva svendere e appaltare il Paese a suon di fiscal compact". "Noi – aggiunge – vogliamo cambiare l'Italia", perché "fuori dai loro pregiudizi c'e' un'Italia di persone perbene che non meritano i giudizi moralistici che vengono fatti". "Noi abbiamo fatto il Jobs act non gli esodati, abbiamo tolto il patto di stabilità, tagliato le tasse, parlato di crescita e non di austerità. Siamo la politica non la tecnica e dobbiamo esserne orgogliosi". Quindi prona il Pd, chiede aiuto a parlamentari e iscritti e lancia l'operazione 'tam tam'. "O parliamo tutti al Paese e con il Paese con un'operazione 'tam tam', o non saremo mai in grado di essere l'ancora di speranza del Paese", ha detto.

"Se vogliamo essere il partito di sinistra non possiamo non partire dal lavoro e dal desiderio di vincere la sfida occupazionale, anche per chi arriva a 50 anni e perde il posto". Così il presidente del Consiglio e segretario del Partito, Matteo Renzi, chiudendo la replica all'assemblea del partito. "L'Articolo 1 della Costituzione non è scritto nelle patatine ma nella vita quotidiana delle persone. Il reddito di cittadinanza è una posizione che vorrebbe far credere che il compito della politica e' dare uno stipendio a tutti, credo che invece sia dare un lavoro a tutti".

Alla minoranza del Pd non piace l'ipotesi di un accordo con il Ncd, che inevitabilmente porterebbe a uno stralcio della stepchild adoption. "Sono contrario a rinunciare all'adozione del figlio del partner – dice Roberto Speranza – . Dobbiamo difendere le nostre idee, il nostro punto di vista, e confrontarci nel dibattito parlamentare". Sulla stessa linea Federico Fornaro: "La stepchild per noi e' parte integrante del ddl Cirinna' e se la si toglie e' come tirare giu' un muro maestro. La fiducia non puo' essere usata come un'arma impropria". Renzi a margine dell'assemblea ha incontrato alcuni rappresentanti delle associazioni Lgbt. Un 'faccia a faccia' durato piu' di mezz'ora. "Si deve andare avanti con l'impianto della legge cosi' come e', comprensiva della stepchild adoption, che per noi e' il punto fondamentale", dice al termine dell'incontro Marilena Grassadonia. Un'intesa di governo, aggiunge, "ci preoccupa" perche' "quelle forze politiche non hanno dato segnali di apertura verso le nostre richieste e perche' ci hanno offeso pesantemente in Aula con affermazioni ostili verso le nostre famiglie". Il 5 marzo le associazioni andranno in piazza: "Non festeggeremo se andra' in porto qualcosa al di sotto delle nostre richieste".

Salute

Covid Italia, 26 percento dei casi è variante Delta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Con il 26% dei casi, l’Italia è al quinto posto nel mondo fra i Paesi in cui è maggiore la circolazione della variante Delta. E’ la stima pubblicata dal Financial Times sulla base delle sequenze genetiche del virus depositate nella banca internazionale di dati genetici Gisaid e dei dati provenienti dall’istituto di ricerca belga Sciensano. Le stime indicano inoltre che la variante Delta è dominante in Gran Bretagna e Portogallo, dove la concentrazione è rispettivamente del 98% e il 96%. Seguono gli Stati Uniti con il 31%, quindi Italia (26%), Belgio (16%), Germania (15%), Francia (6,9%).

L’analisi del Financial Times indica inoltre che in Gran Bretagna, Portogallo e Russia all’aumento della diffusione della variante Delta corrisponde un progressivo calo nella circolazione della variante Alfa. Questa tendenza non è invece ancora presente negli Stati Uniti, in Italia, in Belgio e in Germania, dove la variante Alfa sembra essere ancora quella decisamente dominante.

Ottenere il maggior numero di sequenze genetiche del virus è fondamentale per riuscire a seguire la diffusione della variante Delta, che secondo alcuni esperti sentiti dal Financial Times è probabilmente destinata a soppiantare ovunque la variante Alfa per la maggiore facilità con cui si trasmette. Il quotidiano osserva che, a fronte delle 500.000 sequenze del virus SarsCoV2 ottenute dalla Gran Bretagna, la Germania ne ha ottenute 130.000, la Francia 47.000 e la Spagna 34.000.

Per l’Italia non è riportato alcun dato. Il sequenziamento “è costoso, richiede tempo ed è stato trascurato”, rileva sul Financial Times il direttore dell’Institute of Global Health a Ginevra, Antoine Flahault. Resta da chiarire il motivo del ritmo diverso con il quale la variante Delta si sta diffondendo in Europa, ma il punto sul quale in molti sono d’accordo è che una delle principali contro misure sia accelerare con le campagne di vaccinazione anti Covid-19 in modo da rallentare la circolazione del virus il più possibile. “C’è un messaggio che tutti dobbiamo avere molto chiaro: non è finita”, osserva sul quotidiano il virologo Bruno Lina, dell’Università ‘Claude Bernard’ di Lione.

Continua a leggere

Politica

Roma, primarie Pd: è Gualtieri il candidato. A Castel Romano l’impegno dei volontari di Sant’Egidio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roberto Gualtieri ha raccolto 28561 voti, pari al 60,64% dei voti totali. Alle spalle Giovanni Caudo con 7388 preferenze e il 15.68%. Quindi Paolo Ciani di Demos, con 3372 voti. E ancora Imma Battaglia di Liberare Roma con 2897 voti per il 6,34%. Stefano Fassina quinto con 2625 preferenze e il 5,57%. Quindi Tobia Zevi (1663 3,53%) e Cristina Grancio (497 1,05%).

Ai gazebo si sono recati in 48624, una quota superiore alle attese, 40.000 il numero fissato dalla segreteria dem, e sopra anche alle prime stime fornite da Andrea Casu che aveva indicato in 45.000 la proieizione dei votanti ad urne chiuse. Un dato superiore, rispetto alla sfida del 2016.

A Castel Romano i volontari di Sant’Egidio, qualcuno anche dipendente del Comune di Roma, hanno accompagnato i nomadi di Castel Romano ai gazebo per le primarie. Oltre sette i viaggi effettuati con le vetture.

Continua a leggere

Salute

Lotta al Covid, Mario Draghi: “La cosa peggiore che si può fare è non vaccinarsi o vaccinarsi con una dose sola”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“L’eterologa funziona, io sono prenotato martedì”. Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa parlando dei vaccini nella sala polifunzionale della presidenza del Consiglio.
Al punto stampa partecipano anche il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario all’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo.

Ho più di 70 anni” e la prima dose con Astrazeneca “ha dato risposta bassa e mi si consiglia di fare l’eterologa. Quindi funziona per me e ancor più vero funziona per chi ha meno di 70 anni e meno di 60 anni“, dice il premier. “La cosa peggiore che si può fare è non vaccinarsi o vaccinarsi con una dose sola”, afferma Draghi.
“Se uno ha meno di 60 anni e gli è stato proposto di fare l’eterologa ma non vuole, questa persona è libera di fare la seconda dose di Astrazeneca purchè abbia il parere del medico e il consenso informato, bene”. La cosa peggiore è non fare la seconda dose, ribadisce Draghi.
Nonostante tutta la confusione, è straordinario come la popolazione non mostri l’intenzione di diminuire la vaccinazione e di non vaccinarsi, è straordinario. Rispetto ad altri Paesi, è uno dei comportamenti più ammirevoli, ricordiamocelo”, sottolinea Draghi aggiungendo: “Pronti a chiarire ogni confusione ma il comportamento è veramente costante e straordinario”.
“Non c’è alcun motivo” di temere “che ci sarà un rallentamento” nella campagna vaccinale. “Anzi, ci sara’ maggiore libertà di scelta, quindi non c’è motivo per temere un rallentamento”, sottolinea Draghi.

  “Domani inoltrerò la richiesta al Cts perché ci dica se possiamo togliere la mascherina o no”, lo dice il premier aggiungendo: “Ma non ci sono date”. “Sullo stato di emergenza decideremo quando saremo vicini alla scadenza”.

“Nel nostro Paese è stato disposto l’obbligo per il vaccino anti-Covid per gli operatori sanitari e ciò è giusto ma in questo momento non c’è la previsione di altri tipi di obbligatorietà. Vediamo una risposta positiva dei nostri cittadini e la campagna continuera “. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza.

“E’ stata già fatta tutta la pianificazione e riprogrammato con le regioni affinché siano già assicurate dosi con l’eterologa per tutto giugno, a breve per tutto luglio. Si tratta di 990mila cittadini che saranno vaccinati con mRna e quindi non ci saranno rallentamenti, il ritmo resterà di 500mila somministrazioni al giorno”. Così il Commissario per l’Emergenza, Francesco Figliuolo.

Continua a leggere

I più letti