1

USA 2016, Hillary Clinton: crescono timori complottistici

 

di Paolino Canzoneri

 

New York – Ieri domenica 11 Settembre durante la commemorazione annuale a Ground Zero per le vittime della strage delle due torri gemelle del 2001, la candidata democratica alle prossime elezioni presidenziali Hillary Clinton è stata improvvisamente sorretta dagli uomini del Secret Service a causa di un lieve malore e successivamente introdotta in una automobile e accompagnata fino all'appartamento della figlia a Chelsea in città dove fortunatamente si è ripresa e lasciando l'abitazione ha salutato i suoi sostenitori ed ha raggiunto serenamente e con le sue gambe la sua casa a Chappaqua nella contea di Westchester. Un lieve mancamento dovuto all'aria umida e ai 28° circa di temperatura che hanno accentuato i disturbi allergici e tosse protratta per oltre 4 minuti interminabili, segni evidenti di un lieve attacco di polmonite diagnosticatale dal suo medico nelle successive ore. Una infiammazione agli alveoli polmonari che non consentono la normale respirazione curabile con antibiotici e riposo proprio nelle fasi conclusive della campagna elettorale dove invece serve proprio uno sforzo finale, una energia supplementare che i candidati devono tirare fuori per convincere elettori titubanti di alcuni stati  a votare o cambiare preferenza.


Se la ride sotto i baffi o meglio sotto il ciuffo dell'ipotetico parrucchino il candidato repubblicano Donald J. Trump presente alla commemorazione a pochi passi dalla contendente alla corsa per la Casa Bianca durante la lunga e angosciante lettura di ogni singolo nome e cognome delle vittime della tragedia, che vede la sua popolarità e il suo consenso in leggera rimonta in vista del primo vero confronto televisivo previsto per il prossimo 26 Settembre. La Clinton al momento ha annullato i prossimi comizi previsti per i prossimi giorni e questo imprevisto fomenta ancora di più teorie complottistiche da parte anche del sindaco repubblicano Rudolph Giuliani relative ad una ipotetica inadeguatezza alla carica di Presidente degli Stati Uniti a causa di una malattia non specificata e nascosta già evidenziata  durante un recente comizio della Clinton per il Labor Day dove fastidiosi colpi di tosse hanno disturbato e interrotto piu volte il suo comizio. La pronta frase spiritosa per giustificare questa tosse è stata "Sono allergica a Trump.." e la conseguente risata dei presenti può aver sviato la cosa ma il mancamento di ieri, seppur di lieve portata, pone interrogativi seri che dovranno al più presto essere chiariti perchè ma se si paventa un complotto lo si deve ipotizzare sia nel caso che la Clinton nasconda una sua patologia grave e sia nel caso che Trump possa aver progettato di "agevolare" la patologia della sua contendente ma tutto questa sembrerebbe una trama di un film Hollywoodiano..magari non troppo.