Connect with us

Sport

V.DIVINO AMORE CALCIO (I CAT), CESARETTI DOPO LA PRESA DI LARIANO: «PROMOZIONE? VOLIAMO BASSI»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Roma – Un grande inizio di 2016 per la Virtus Divino Amore. La squadra del “neo” tecnico Nazzareno Mosciatti, subentrato a Stefano Gioacchini che è tornato in Inghilterra per motivi personali, ha sbancato il difficile campo dell’Atletico Lariano con un 3-2 firmato dalla splendida tripletta di Stefano Mosciatti (il figlio di Nazzareno). «Una partita tiratissima – commenta il 35enne difensore esterno sinistro, ma all’occorrenza anche centrale, Marco Cesaretti – in cui siamo andati sotto due volte, ma non ci siamo mai disuniti». Cesaretti ha guadagnato il primo penalty (valso il momentaneo 1-1), poi Mosciatti ha inventato un gran gol per il 2-2 e infine lo stesso esterno offensivo è rimasto freddo nel momento del rigore del decisivo sorpasso (conquistato stavolta da Ricciardulli). «Sul 3-2 abbiamo sofferto nella parte finale, l’Atletico Lariano ha spinto anche sostenuto dalle tante persone venute a vedere la partita. Questi sono punti che valgono doppio anche perché gli avversari sono una concorrente diretta ed erano ancora imbattuti tra le mura amiche». Qualche settimana fa la vittoria sul Campoverde, poi il k.o. con la capolista Fonte Meravigliosa (sconfitta immeritata di misura per 0-1) e ora la presa di Lariano. Ma gli scontri diretti per la Virtus Divino Amore non sono finiti. «Domenica giocheremo contro il Play Eur, una squadra che ha collezionato 26 punti ed evidentemente ci sarà un motivo – avverte Cesaretti -. Hanno tanti giocatori di categoria superiore e individualità importanti, non sarà una gara semplice. Gare così, comunque, non serve caricarle: danno stimoli forti a prescindere». E a proposito di stimoli, la vicenda legata alla partenza di Gioacchini ha riportato un “mostro sacro” del calcio dilettante sulla panchina della Virtus Divino Amore. «Stefano ha fatto tanto per questo gruppo e noi tutti gli siamo molto affezionati – dice Cesaretti – Per quanto riguarda Mosciatti, che sfidai da avversario ai tempi in cui militavo col Pomezia, essere allenati da lui regala sensazioni particolari, anche se già prima Neno lavorava in collaborazione con mister Gioacchini». Chiusura sulle possibilità di promozione…in Promozione della Virtus. «Voliamo bassi, ci sono sei squadre in lotta, tutte validissime: dobbiamo semplicemente pensare alla partita della domenica come fosse una finale, poi tireremo le somme».

Calcio

Sporting Ariccia (calcio), i 2006 concludono l’attività federale domani pomeriggio a San Giacomo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Ariccia (Rm) – Sono stati l’unico gruppo del settore giovanile agonistico dello Sporting Ariccia in questa stagione martoriata dal Covid. I 2006 provinciale (attuali Under 15 che “diventeranno” Under 16 dal primo luglio) hanno comunque mostrato costanza negli allenamenti e tanta voglia di controbattere alle difficoltà come racconta mister Orlando Moroni che li ha seguiti per gran parte dell’annata. “Questo è un gruppo consolidato, visto che già l’anno scorso aveva la stessa ossatura ed è stato rinforzato da qualche nuovo elemento. I ragazzi vanno elogiati perché si sono sempre allenati, sia nei periodi in cui era possibile solo la “forma individuale”, sia da un mese e mezzo a questa parte quando si è tornati alla “normalità”. Dopo oltre un anno senza gare ufficiali, abbiamo anche ripreso con l’attività federale partecipando alla Coppa Provincia e domani pomeriggio giocheremo l’ultima partita a San Giacomo: l’obiettivo era quello di far divertire i nostri ragazzi e di capire dove migliorare in vista dell’anno prossimo, ma gli allenamenti andranno avanti fino all’inizio di luglio considerando anche i raduni che verranno organizzati dalla società per tutte le categorie dell’agonistica proprio nei primi giorni del prossimo mese”. Moroni approfondisce il suo commento sul giudizio complessivo del gruppo 2006: “Probabilmente manca ancora qualcosa sia dal punto di vista qualitativo che numerico per completare la rosa e stiamo lavorando in tal senso, anche tramite la collaborazione di società del territorio. Il nostro obiettivo, comunque, è rafforzare il gruppo per averlo pronto in due o tre anni per la Juniores e magari con qualche elemento che possa fare il salto in prima squadra direttamente”. Sicuramente non sarà Moroni a seguire questi ragazzi sul campo nella prossima stagione: “In quest’annata c’è stato bisogno e ho dato la mia disponibilità alla società, ma tornerò alle funzioni dirigenziali nella prossima stagione. Il gruppo sarà affidato a un tecnico di grandissimo spessore che ha lavorato in passato con società romane e che ha esperienza in campionati di categoria superiore, vale a dire regionale o Elite. Appena sarà possibile lo comunicheremo ufficialmente”.

Continua a leggere

Calcio

Ssd Colonna, il neo direttore generale è Carletta: “Colpito positivamente da questa proposta”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – Il Colonna è ripartito di slancio. Il lungo periodo caratterizzato dalla pandemia è stato duro per il club castellano come per tutte le società, ma grazie anche al recente accordo di sponsorizzazione con la “New Energy Gas e Luce” il Colonna ha sicuramente ripreso linfa. Il nuovo consiglio di amministrazione societario, sempre guidato dal presidente Simone Di Girolamo, ha individuato il nuovo direttore generale pescandolo all’interno dello staff già presente nel Colonna. Si tratta di Angelo Carletta, siciliano originario di San Cataldo (provincia di Caltanissetta) ma ormai castellano acquisito. Persona di alto spessore umano e professionale e già allenatore del gruppo 2012. “Che, chiarisco subito, non ho nessuna intenzione di mollare” dice Carletta con un sorriso. Il neo direttore generale parla del suo insediamento in questo delicato ruolo: “Devo dire che sono rimasto positivamente colpito dalla proposta, sinceramente non me l’aspettavo. So che abbiamo tanto lavoro da fare, ma questo non mi mette paura. Ho già interpretato questo ruolo a Rocca Priora con il presidente onorario Marco Amelia e con il suo papà Claudio a fare da massimo dirigente: è stata un’avventura molto impegnativa e formativa, sono pronto a mettere la mia esperienza a disposizione del Colonna anche fuori dal campo”. Il neo direttore generale parla delle persone che lo accompagneranno in questa nuova avventura: “Posso contare sulla presenza e la disponibilità di gente appassionata e competente: da David Pinci, che sarà il direttore sportivo del settore giovanile agonistico, a Sergio Raponi, che sarà ancora il responsabile della Scuola calcio. Senza dimenticare mister Domenico Fiorenza che fungerà da direttore tecnico del settore di base e il “prof” Giacomo Perno che curerà la preparazione atletica e motoria di tutte le squadre del Colonna, dai più grandi ai più piccoli”. La chiusura è un accenno ai programmi tecnici: “Vogliamo migliorare tutti gli organici delle nostre selezioni, siamo fiduciosi di poter essere competitivi in ogni campionato. Per la prima squadra a breve ci saranno due importanti novità: presenteremo, infatti, il nuovo direttore tecnico e il nuovo allenatore del gruppo che giocherà in Prima categoria”.

Continua a leggere

Sport

Asd Casilina, l’entusiasmo di Stefano Rota: “Il nostro centro estivo sul tema dei supereroi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Mentre i gruppi dell’agonistica e del settore di base sono ritornati alle “attività ufficiose” intese come allenamenti di gruppo e amichevoli, in casa Asd Casilina cresce l’attesa per l’apertura del centro estivo che comincerà ufficialmente il prossimo 14 giugno e che è stato affidato alla competenza e alla passione di Stefano Rota. Laureato in Scienze motorie e titolare della scuola di ballo della New Professional Dance di via Casilina 1804 (sempre nel quartiere di Finocchio), Rota conta su uno staff di ragazzi giovani e appassionati i quali sapranno accogliere al meglio tutti gli iscritti che hanno già raggiunto la notevole cifra di 120 unità. “Il nostro centro estivo è dedicato a tutti i bambini di età compresa tra i 3 e i 13 anni e il tema centrale sarà quello dei supereroi – dice il responsabile – Saremo aperti fino al 6 agosto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 16, poi faremo una sorta di “gran finale” nella prima settimana di settembre che precederà la riapertura delle scuole. I bambini saranno divisi ovviamente per fasce d’età e saranno in numero ridotto all’interno di ogni gruppo in ossequio alle norme anti-Covid. I partecipanti cambieranno attività ogni 45-60 minuti, districandosi in vari sport (come calcio, basket, pallavolo), ma anche in giochi di strada, percorsi motori e laboratori artistici, ballo con saggio alla fine di ogni mese, karate, cinema, attività di cucina, tornei, giornate dedicata all’acqua e tanto altro. Inoltre ci saranno anche tre piscine fuori dal terreno di gioco del “De Fonseca” e quindi il divertimento è assicurato”. All’atto dell’iscrizione verranno consegnate una sacchetta, una maglia e una borraccia: tra i costi c’è l’opportunità di un mensile a 50 euro a settimana senza pranzo e merenda, 75 con i pasti. “Sarà la nostra prima volta al “De Fonseca” e ci tuffiamo in questa avventura con tanto entusiasmo – aggiunge Rota – Il contatto col Casilina è nato grazie all’amicizia che da anni lega mio padre Fulvio al patron Enrico Gagliarducci: abbiamo colto l’opportunità al volo e siamo fiduciosi di poter fare vivere una bellissima estate ai nostri ragazzi”.

Continua a leggere

I più letti