Connect with us

Salute

Vaccinazioni anti Covid, partito il countdown per il V-DAY: Tutto quello che c’e’ da sapere tra verità e bufale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Ha 29 anni è romana e lavora presso il reparto malattie infettive dello Spallanzani, ma in questi mesi di emergernza Covid ha anche curato presso il loro domicilio molti anziani. Si chiama Claudia Alivernini la prima infermiera che sarà vaccinata all’Istituto Nazionale di Malattie Infettiva Lazzaro Spallanzani, in occasione del V-Day il 27 dicembre

Dopo il via libera dell’Agenzia italiana per il farmaco (Aifa) all’immissione in commercio del vaccino Pfizer Biontech, in Italia si attendono le 9.750 dosi che arriveranno il 26 dicembre per essere subito disponibili il giorno dopo, 27 dicembre, per il V-day, in cui in tutta Europa partirà la campagna vaccinale.

Chi sono i primi vaccinati

I primi vaccinati saranno alcuni degli italiani simbolo della lotta al Covid.

In cima alla lista delle somministrazioni in Italia ci saranno una giovane infermiera, un operatore socio sanitario impegnato nei reparti Covid, una ricercatrice e due medici, tutti dell’Istituto Spallanzani di Roma e tutti da subito in prima linea a fronteggiare l’emergenza della pandemia. In vista di domenica prossima ci sono procedure che si stanno mettendo a punto per avviare ufficialmente anche nel nostro Paese la controffensiva al virus.

Vaccini “scortati” in Italia

La Difesa gestirà la logistica fin da subito. Nella notte tra il 25 e il 26 i tir della casa farmaceutica Pfizer, contenenti le celle frigorifere con le prime 9.750 fiale a -75 gradi, varcheranno i confini italiani. Da allora saranno scortati dai carabinieri fino all’ospedale Spallanzani di Roma, che per l’occasione sarà adibito ad hub centrale. Qui i vaccini verranno divisi in venti confezioni, una per ogni regione. A questo punto entreranno in campo le Forze armate che, con i propri mezzi, distribuiranno le dosi in tutta Italia in modo da permettere “all’intero Paese – affermano dallo Stato maggiore della Difesa – di partecipare al Vaccine day europeo del 27 dicembre”.

Dalla capitale, se la tratta è entro 300 chilometri, il vaccino verrà trasportato con diversi veicoli delle forze armate, tra mezzi leggeri e autocarri ad uso tattico logistico, gli stessi modelli visti per le strade di Bergamo nei momenti più difficili dell’emergenza Covid in Italia. Per tutte le altre regioni più distanti, invece, i vaccini saranno stoccati nell’hub centrale di Pratica di Mare e da qui le scorte saranno caricate su elicotteri o aerei per raggiungere le varie destinazioni (i primi 21 siti nazionali). I trasferimenti impegneranno gli uomini delle Forze Armate per l’intera giornata e la notte del 26, affinché tutte le dosi giungano nei centri dove verranno somministrate entro le 7 del 27 dicembre.

Le prime vaccinazioni

Il 27 dicembre medici e specializzandi vaccineranno il personale sanitario. Quello di domenica sarà solo un gruppo limitato di operatori sanitari che raggiungerà all’incirca il milione di lavoratori della sanità nel mese di gennaio. Poi si passerà alle persone nelle Rsa, nel Lazio già dalla prossima settimana. Successivamente le popolazioni a rischio, anziani o soggetti con specifiche patologie.

Le bufale sui vaccini antiCovid

Puntuali con l’inizio delle vaccinazioni in Usa sono cominciate a circolare, soprattutto sui social, le prime bufale sui sieri anti Covid. In particolare, racconta il sito della Bbc, è diventato molto popolare un video con un ago che ‘sparisce’ dopo la vaccinazione, e girano notizie, ovviamente false, di un’infermiera morta dopo essersi vaccinata e di un effetto collaterale, la ‘paralisi di Bell’ che si sarebbe verificato in diversi vaccinati.

Il video mostra un uomo a cui viene iniettato il vaccino, ma quando l’infermiera toglie la siringa l’ago non c’è, pretesto per i cospirazionisti per affermare che la vaccinazione è finta.

“Il video è vero – spiega la Bbc – ma mostra un operatore professionale che usa una siringa di sicurezza, in cui effettivamente l’ago si ritrae nel dispositivo dopo l’uso. Questo tipo di siringhe è stato usato in passato per proteggere dalle punture accidentali”.

Un’altra storia fake viene dall’Alabama, dove secondo i cospirazionisti sarebbe morta un’infermiera subito dopo aver fatto il vaccino. La notizia è stata smentita dalle autorità locali, ma è riapparsa poi in forme diverse, ad esempio con un utente che ha affermato che a morire fosse stata ‘la zia di un suo amico’. Altri post affermano falsamente che i vaccini in arrivo causino una malattia, che guarisce in pochi giorni, chiamata ”paralisi di Bell’. Durante i test clinici si sono effettivamente verificati sette casi nelle persone che hanno partecipato, ma le indagini successive non hanno trovato legami con le vaccinazioni. A pochi giorni dall’inizio delle campagne gira anche un video di mezz’ora, intitolato ‘Ask the expert’, che racchiude tutte le fake principali che stanno già circolando, ed è stato già bannato da Facebook e YouTube. Tra le affermazioni c’è anche quella, che è falsa, che gli uomini sono ‘cavie’ per il vaccino, perchè non è stato testato sugli animali.

La volontà di vaccinarsi

Al momento non si parla di obbligo di vaccino. Per l’immunità di gregge è quindi tutto basato sul comportamento individuale. I numeri fanno ben sperare sulla volontà degli italiani di vaccinarsi. I dati di una ricerca coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità rivelano che due persone su tre (il 67%) sono disponibili a vaccinarsi, la percentuale sale tra gli anziani (84%). I più giovani, 18-34enni, sarebbero ben disposti a vaccinarsi (76%) rispetto ai 50-69enni (67%) e ai 35-49enni (59%). 

I falsi miti sui vaccini

Non contengono ingredienti tossici, come il mercurio e il thimerosal p, e in ogni caso non si riscontra alcun aumento del rischio di danni anche quando questi composti sono presenti. Non fanno neppure ammalare della malattia da cui dovrebbero proteggere perché contengono virus inattivi o componenti del virus o dei batteri e non possono quindi causare infezioni nelle persone con un sistema immunitario normalmente funzionante. In vista dell’arrivo imminente del vaccino contro Covid-19 in Europa e quindi anche in Italia ecco alcuni dei falsi miti sui vaccini smentiti dal Penn State Children’s Hospital. Soffermando l’attenzione proprio sul vaccino contro il Covid, tra le ‘accuse’ principali vi è quella di un’approvazione troppo rapida, ma viene ritenuto dagli esperti sicuro ed efficace.

“Il vaccino COVID-19 – spiega il dottor Patrick Gavigan, infettivologo pediatrico- è stato sviluppato e approvato in breve tempo, il che rende le persone comprensibilmente preoccupate per la sua sicurezza. Tuttavia, i dati sono stati attentamente esaminati in decine di migliaia di persone coinvolte negli studi e le percentuali di effetti avversi erano estremamente basse. Questo vaccino sembra essere sicuro ed efficace come potevamo sperare”. È meglio in generale distanziare tra loro i vaccini o persino ritardare il vaccino COVID-19 fino alla fine della pandemia? La risposta è no. “Ogni volta che si ritardano i vaccini, c’è un grosso rischio di fornire tempo aggiuntivo in cui è possibile contrarre la malattia”, spiega l’esperto. Inoltre, fare più vaccini contemporaneamente non diminuisce la risposta del sistema immunitario e non c’è bisogno di preoccuparsi che il corpo non possa resistere a più vaccinazioni in breve tempo. Altro falso mito sui vaccini è che l’immunità naturale sia migliore di quella acquisita dal vaccino: in particolare per il Covid Gavigan sottolinea che non si sa ancora se sua sia così.  

I gazebo a forma di fiore

Saranno 1.500 gazebo a forma di fiore, come il simbolo della campagna, i luoghi dove verranno somministrate le dosi nella seconda fase della campagna per i vaccini anticovid. I gazebo – progettati dall’architetto Stefano Boeri in materiali riciclabili –  saranno collocati in tutta italia, nelle piazze delle città, davanti agli ospedali e anche nei campi sportivi. La campagna informativa per invitare gli italiani a vaccinarsi – oltre agli spot su radio, tv, siti web e social – prevede anche la realizzazione di totem informativi davanti agli ospedali, nei parchi, negli uffici pubblici e nelle scuole.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Salute

Rihabilita e il progetto “Soluzione mal di schiena”: “Vogliamo migliorare la qualità della vita”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Albano (Rm) – Un progetto che nasce oltre quindici anni fa e che ormai ha trovato una sua dimensione importante. Rihabilita è l’azienda nata da tre fisioterapisti amici, vale a dire Massimiliano Magni, Salvatore De Fusco e Francesco Ciallella: dopo aver preso il coordinamento del reparto di fisioterapia di “Albamedica” ad Albano Laziale, i tre soci hanno deciso di aprire le loro sedi ad Aprilia e nel quartiere Flaminio a Roma, ma prossimamente c’è in programma l’apertura di un nuovo centro a Frattocchie (nel comune di Marino) a marzo e a Bracciano entro fine anno. I professionisti di Rihabilita, che hanno allacciato anche collaborazioni di prestigio come quella con la Nazionale italiana di pallacanestro, hanno messo a punto un progetto denominato “Soluzione mal di schiena” di cui spiegano la filosofia: “L’idea è quella di migliorare lo stile di vita delle persone che si rivolgono a noi. Siamo contrari all’abuso di farmaci che, a fronte di un ipotetico beneficio momentaneo, non agisce sulla causa reale della problematica. Al tempo stesso siamo contro l’abuso della chirurgia che nel 40% fallisce l’obiettivo. Siamo convinti che per affrontare una problematica alla schiena debba essere considerato un aspetto multifattoriale da gestire in equipe”. E a proposito di valutazione, il progetto “Soluzione mal di schiena” passa da una premessa fondamentale: “Noi facciamo un primo appuntamento conoscitivo e totalmente gratuito col paziente in cui, nell’arco di un’ora, cerchiamo di capirne le abitudini quotidiane, facendo al tempo stesso una valutazione iniziale su 32 test neuro-muscolo-scheletrici per avere un panorama praticamente completo di ogni singola situazione. L’approfondimento è aperto a tutti: ci occupiamo di osteopatia pediatrica, ma anche di ragazzi, adulti e anziani, sportivi e non. All’interno del team scientifico di “Soluzione mal di schiena” è entrato anche un neurochirurgo che ha sposato in pieno la nostra filosofia. E tra gli obiettivi futuri ci sono anche l’organizzazione di un congresso annuale e la creazione di un’accademia dove confrontarsi con altri professionisti e formarne altri”.

Per tutte le informazioni si può consultare il sito ufficiale www.rihabilita.com oppure www.soluzionemaldischiena.it dove ci sono tutti i contatti e gli indirizzi dei centri.



Continua a leggere

Cronaca

Viterbo, ASL: 34 i casi di Covid-19 registrati oggi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

3 decessi nelle ultime 24 ore e 46 i positivizzati

VITERBO – 34 casi accertati di positività al COVID-19 sono stati comunicati, entro le ore 11, dalla sezione di Genetica molecolare di Belcolle al Team operativo Coronavirus della Asl di Viterbo.

Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 6 a Civita Castellana, 6 a Viterbo, 4 a Nepi, 3 a Corchiano, 3 a Ronciglione, 2 a Tuscania, 2 a Vitorchiano, 1 a Canepina, 1 a Canino, 1 a Caprarola, 1 a Ischia di Castro, 1 a Montefiascone, 1 a Oriolo Romano, 1 a Orte, 1 a Tarquinia.

Dei casi odierni, 25 presentano un link epidemiologico con casi precedentemente accertati e già isolati, 9 sono collegati a persone che hanno dichiarato di essere sintomatiche al drive in. Stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio 24 persone, 1 è attualmente ricoverata presso le strutture COVID aziendali.

Il Team operativo Coronavirus ha attivato le misure di prevenzione e di protezione, al fine di contenere la diffusione del virus, irrobustendo la catena dei contatti stretti, con la preziosa collaborazione delle Amministrazioni comunali.

In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al COVID-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, salgono a 10177.

La Asl, con estremo rammarico, comunica il decesso, avvenuto nelle ultime 24 ore, di 3 pazienti ricoverati presso le strutture COVID di Belcolle: 1 cittadina di 88 di Viterbo, 1 cittadino di 92 anni di Bassano Romano, 1 cittadina di 90 anni di Cellere.

Oggi è stata comunicata ai soggetti istituzionalmente competenti la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione dal COVID-19 di 46 pazienti residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 17 a Viterbo, 5 a Civita Castellana, 4 a San Lorenzo Nuovo, 3 a Montefiascone, 2 a Celleno, 2 a Monte Romano, 2 a Sutri, 2 a Tuscania, 1 a Blera, 1 a Canepina, 1 a Caprarola, 1 a Montalto di Castro, 1 a Orte, 1 a Ronciglione, 1 a Soriano nel Cimino, 1 a Vetralla, 1 a Vitorchiano.

Al momento, delle persone refertate positive al Coronavirus, 29 sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 5 ricoverate presso la Terapia intensiva COVID di Belcolle, 68 ricoverate presso la Medicina COVID di Belcolle, 17 ricoverate presso la Medicina riabilitativa COVID di Montefiascone, 1543 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Sale a 8243 il numero delle persone negativizzate, 272 sono le persone decedute. Dall’inizio dell’emergenza COVID, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 88671 tamponi, 469 nelle ultime 24 ore. Ad oggi i cittadini che hanno concluso il periodo di isolamento domiciliare fiduciario sono 14420.

Continua a leggere

In evidenza

Covid-19, nuova possibile terapia con i nanoanticorpi contro il virus e le sue mutazioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Speranze per una nuova possibile terapia anti-Covid: si tratta di nuovi nanoanticorpi, sviluppati lavorando su lama e alpaca, che impediscono l’ingresso del virus nelle cellule e sembrano funzionare anche se subisce delle mutazioni.

A metterli a punto, i ricercatori svedesi dell’Istituto Karolinska, insieme a quelli dell’università di Bonn e dello Scripps Research Institute della California, come spiegano sulla rivista Science. A breve un’azienda spin-off dell’università di Bonn testerà i nanoanticorpi in una sperimentazione clinica sull’uomo. 

Continua a leggere

I più letti