Connect with us

Roma

VALENTINI AL SALONE DEL GUSTO DI TORINO PER PARLARE DEL PROTOCOLLO DI MILANO

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti A parlarne, ieri pomeriggio nell’ambito della kermesse torinese dedicata a qualità e biodiversità del cibo, Riccardo Valentini, Premio Nobel e capogruppo di Per il Lazio al Consiglio regionale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
di Gennaro Giardino
 
Il protocollo di Milano al Salone Internazionale del Gusto di Torino. The Milan Protocol: Food Politics for 2015. A parlarne, ieri pomeriggio nell’ambito della kermesse torinese dedicata a qualità e biodiversità del cibo, è stato Riccardo Valentini, Premio Nobel e capogruppo di Per il Lazio al Consiglio regionale. Assieme a lui, Carlo Petrini, Presidente Slow Food, Paolo Barilla, Vice Presidente BCFN Foundation, Roberto Moncalvo, Presidente Coldiretti, Jamie Oliver, chef and food activist (UK), Marco De Ponte, Direttore Action Aid Italy, e Roberto Barbieri, Direttore OXFAM Italy.
“Si tratta di un’iniziativa – spiega Riccardo Valentini, redattore del Protocollo di Milano – promossa dalla Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition che si propone di affrontare il problema della sostenibilità alimentare con tre principali obiettivi: promuovere abitudini alimentari sostenibili per combattere l’obesità e contrastare la fame nel mondo, ridurre le tonnellate di cibo sprecato nel mondo, promuovere l’agricoltura sostenibile tramite l’attuazione di riforme agrarie e la lotta alle speculazioni finanziarie sulle commodities”.
Il Protocollo di Milano si propone come il documento programmatico di Expo 2015 e – soprattutto – del dopo Expo. Come nutriremo il pianeta? Una riflessione e un impegno che coinvolgeranno industrie, politica, associazioni, produttori e università.
“Il protocollo di Milano – prosegue Valentini – è un’iniziativa che ha degli obiettivi molto ambiziosi ma anche concreti. Chiediamo infatti ai governi di ridurre lo spreco alimentare del 50% entro il 2020, uno dei temi più importanti dal punto di vista ambientale. Noi coltiviamo cibo, utilizzando risorse importanti come l’acqua, e poi lo buttiamo in pattumiera. E questo non deve accadere più. Puntiamo poi ad un’agricoltura sostenibile. Un’agricoltura che sia completamente al servizio dell’uomo. Vogliamo infine investire sulla formazione – conclude Riccardo Valentini – per lottare contro la malnutrizione sia per chi ha poco cibo sia per chi ne ha troppo, promuovendo stili di vita sani”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Nemi, il sindaco uscente segnala Azzurra Marinelli alla Corte D’Appello

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Revocata dalla carica di Presidente di seggio

La Corte d’Appello di Roma ha revocato la nomina di Azzurra Marinelli da presidente del seggio elettorale della sezione 2 del Comune di Nemi.

La revoca arriva dopo una segnalazione scritta dall’attuale sindaco uscente Alberto Bertucci, datata 17 maggio 2022. Bertucci segnala che Marinelli è la moglie del candidato sindaco “della lista di opposizione” all’attuale primo cittadino uscente.

Da circa 25 anni, Azzurra Marinelli ricopre il ruolo di presidente di seggio in occasioni delle elezioni amministrative di Nemi. Anche nel 2017 con il marito candidato sindaco, Marinelli ha svolto l’attività di presidente di seggio senza che l’allora sindaco Alberto Bertucci segnalasse l'”inopportunità”.

Il Consiglio di Stato a più riprese ha ribadito che la parentela tra componenti dell’ufficio elettorale di seggio e candidati sindaco o amministratori non costituisce presupposto di incompatibilità.

Continua a leggere

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

Roma

Roma, scomparso lo storico comandante dei Vigili Giovanni Catanzaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Milani (Sulpl): “Ci lascia una delle figure più carismatiche ed amate del Corpo”

ROMA – Si rincorre sulle chat e sulle pagine Facebook il tam tam di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Catanzaro, storico comandante della Polizia Locale di Roma, un uomo che nel Corpo aveva percorso tutti i gradini della propria carriera.

Tra i molti a ricordarlo il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), che in una nota del Segretario Romano Marco Milani dichiara: “Esprimiamo dolore e cordoglio per la scomparsa di uno dei Comandanti più carismatici ed amati che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale abbia mai avuto. Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ci piace ricordarlo come un uomo capace di stimolare i suoi uomini al conseguimento dei migliori risultati, esercitarne il controllo in maniera anche rigida ed al contempo difenderli ed assisterli a fronte qualsiasi imprevisto. Qualità tipiche di un Comandante che saputo fare la sua gavetta all’interno del Corpo fino a giungere all’apice. Ci auspichiamo che amministrazione e Comando, sappiano tributargli la giusta memoria”. Così concludono dal sindacato, con quello che appare essere un messaggio indirizzato all’amministrazione Gualtieri.

Continua a leggere

I più letti