Connect with us

Viterbo

VEJANO, 19ENNE ARRESTATO PER MALTRATTAMENTI SU MINORE

Clicca e condividi l'articolo

Al rito direttissimo, il giudice del Tribunale di Viterbo ne ha convalidato l’arresto e disposto gli arresti domiciliari.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Vejano (VT) – I carabinieri della Stazione di Vejano hanno arrestato in flagranza dei reati di maltrattamenti su minore, violenza privata e lesioni personali un pregiudicato del posto di anni 19.
Il giovane, ospite di una famiglia del paese, a seguito di reiterati maltrattamenti nei confronti di un minore di anni 14, mai denunciati dal giovane per paura di ritorsioni, si rendeva responsabile di ennesimo atto di violenza colpendolo in vari punti del corpo e procurandogli lesioni personali giudicate guaribili da sanitari del pronto soccorso dell’ospedale di Bracciano in 8 giorni, salvo complicazioni. Al rito direttissimo, il giudice del Tribunale di Viterbo ne ha convalidato l’arresto e disposto gli arresti domiciliari.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Viterbo

Civita Castellana, quell’emendamento della Lega per impianti di rifiuti nel Viterbese

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il circolo Pd di Civita Castellana interviene sulla questione rifiuti e mette in evidenza un emendamento della Lega che vorrebbe trasformare la provincia di Viterbo nella discarica di Roma Nord: “L’emendamento presentato e firmato dai Consiglieri Regionali della Lega che apre alla realizzazione di termovalorizzatori e inceneritori nella nostra Provincia ci preoccupa e conferma quanto affermato per un anno in Consiglio Comunale: esiste un enorme problema ambientale, causa principale della caduta della giunta Caprioli, e la Provincia di Viterbo rischia seriamente di doversi sobbarcare il peso dello smaltimento dei rifiuti dell’area di Roma nord.

Per quanto riguarda la nostra città, come denunciato più volte dai Consiglieri Comunali del PD, l’Amministrazione di centrodestra ha aperto le porte a questa possibilità, gestendo la questione ambientale in maniera inaccettabile, non partecipando alle conferenze dei servizi che si sono tenute, non opponendosi in alcun modo ai progetti presentati, nemmeno con prescrizioni migliorative, scaricando la fase delicata di valutazione dei progetti a ingegneri esterni con una metodologia alquanto discutibile, rendendo complicatissimo l’accesso agli atti e la convocazione della Commissione ambiente presieduta da FDI.
Quanto scritto è ampiamente documentabile e dimostrabile, con tanto di lettere del Prefetto che intimavano l’Amministrazione Comunale a garantire un regolare accesso agli atti.

La posizione dei Consiglieri Regionali è conseguente al lavoro preparatorio della destra locale: una volta che nel nostro territorio verranno stoccati volumi di rifiuti che superano di almeno 10 volte quelli prodotti dall’intera Provincia, è quasi automatico che qualcuno (in questo caso la stessa LEGA) pensi di rilanciare con la realizzazione di termovalorizzatori e gestire nel nostro territorio l’intero ciclo dei rifiuti.
Peccato che in questa valutazione non si tenga minimamente conto dell’impatto che una proposta del genere avrebbe sulla qualità dell’ambiente in cui TUTTI noi viviamo, delle conseguenze economiche in termini turistici e di immagine del nostro territorio, dei produttori di agricoltura biologica e della salute dei cittadini, in pieno contrasto con un auspicabile quanto necessario modello di sviluppo sostenibile.

Proprio verso questa direzione, il PD di Civita Castellana sta sviluppando un programma politico in cui l’ambiente dovrà essere la stella polare dell’azione amministrativa, escludendo categoricamente la possibilità di realizzare nel nostro territorio termovalorizzatori, adottando tutti gli strumenti normativi per contrastare la trasformazione di cave in discariche, e combattendo la monocoltura e l’uso di fitofarmaci in agricoltura.

Questi sono i temi su cui continueremo a dare battaglia e per i quali chiederemo la fiducia dei cittadini, ponendoci come alternativa a chi vuole trasformare il nostro territorio nella discarica di Roma Nord”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Lazio, il Piano sulla gestione dei Rifiuti arriva in Consiglio Regionale. Il Presidente della Commissione Marco Cacciatore all’attacco: “Sito scelto dalla Raggi contrario al suo programma elettorale”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Arriva al Consiglio Regionale del Lazio il “Piano sulla gestione dei Rifiuti” e Marco Cacciatore, Presidente della Commissione, fa il punto della situazione.

“Non ho potuto condurre i lavori in commissione, chiusura al confronto. La maggioranza lascia discutere per tre giorni e poi cala il maxiemendamento”. Promette battaglia in Aula, lo ha scritto di recente in un post su facebook, anche perché ha presentato un emendamento per creare l’ATO a sè stante di Roma, che consentirebbe alla Capitale, in perenne crisi, di chiudere il ciclo rifiuti e evitare la realizzazione di altri impianti «al di fuori dei confini comunali».

Nella stimolante intervista, rilasciata a L’Osservatore d’Italia, Marco Cacciatore parla a ruota libera. Entra nel merito del TMB di Guidonia, rispetto al quale è stata lanciata una petizione online sulla piattaforma change.org per scongiurarne la riattivazione, e del TMB di Rocca Cencia, consapevole com’è delle preoccupazione degli abitanti di quelle zone. “Rimanere accanto alle esigenze della cittadinanza», afferma chiaramente, «con proposte fattibili. Il TMB dell’Inviolata non può sorgere, mentre Rocca Cencia ha bisogno di misure concrete per alleviare l’impatto che rende quel quadrante invivibile”.

Infine, la rottura con il M5S, che secondo il Presidente della Commissione, “deve uscire dalle logiche politiche di palazzo. Sono stato oggetto di un provvedimento disciplinare da parte del Movimento per aver presentato un esposto contro la discarica di Monte Carnevale“. Il sito scelto dall’Amministrazione di Virginia Raggi, “contrario al suo programma elettorale”, tuona. “Questa e le altre decisioni mi hanno spinto a lasciare. Ricordo che la raccolta indifferenziata è ferma al 40%. Basta con politiche a misura di comunicato stampa”. L’intervista va ascoltata con attenzione per meglio comprendere dove si è inceppato il meccanismo amministrativo.

Continua a leggere

Cronaca

Ronciglione, in manette pusher 27enne di Viterbo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 RONCIGLIONE (VT) – In manette un 27 enne di Viterbo per detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo era da diversi giorni sotto la lente dei carabinieri della stazione di Ronciglione, insieme al personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia.

L’operazione è scattata al termine di una serie di servizi svolti allo scopo di contrastare il recrudescente fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, ieri pomeriggio, durante uno dei servizi posti in essere quando i militari hanno deciso di intervenire arrestando lo spacciatore.

Così i carabinieri hanno fermato l’autovettura sulla quale viaggiava il 27 enne, insieme ad un altro suo amico di origine albanese, e durante il controllo, al quale l’uomo ha tentato di sottrarsi gettando anche lo stupefacente, è stato rinvenuto un involucro, nascosto nelle parti intime, con all’interno circa 10 grammi di sostanza del tipo “cocaina”.

Successivamente è stata estesa la perquisizione anche all’abitazione dell’uomo dove sono state rinvenute due piante di marjuana che erano pronte per l’essiccazione. Per l’uomo sono immediatamente scattate le manette con l’accusa di detenzione al fine di spaccio ed è stato tradotto in regime degli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo che sarà celebrato presso il Tribunale di Viterbo. Il cittadino albanese che lo accompagnava è stato a sua volta segnalato all’UTG di Viterbo per uso personale di una modica quantità di stupefacente.

Continua a leggere

I più letti