Connect with us

Castelli Romani

Velletri, Banca Popolare del Lazio: quella lettera anonima di “soci e dipendenti coraggiosi” – Prima parte

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VELLETRI (RM) – Banche cooperative, tutela dei soci: l’accesso a mutui e finanziamenti è per tutti o per pochi fortunati? Le banche popolari, soprattutto negli ultimi anni, sono cresciute e sono state tra le protagoniste più attive del consolidamento del sistema bancario nazionale. In questo percorso di crescita, la struttura dei portafogli creditizi si è avvicinata a quella delle banche tradizionali, in particolare per gli intermediari più grandi. Nel processo di convergenza non sono comunque venute meno alcune caratteristiche proprie delle banche popolari, in particolare il peso del credito erogato alle imprese. La prevalenza tra i prenditori di società di piccole e medie dimensioni si riflette in livelli di concentrazione nei portafogli creditizi inferiori alla media del sistema bancario italiano.

Iniziamo un viaggio alla scoperta delle banche popolari. Cominciamo con la Banca popolare del Lazio

Lo spunto è stato dato da una lettera anonima che circola per il territorio di Velletri e vicinanze dalla scorsa primavera. È stato un gruppo di soci a scriverla, soci che intendono rimanere anonimi per paura di “ripercussioni”.

Nella lettera parlano sostanzialmente di una presunta azione da parte dei vertici aziendali che, per vedersi garantito il rinnovo delle poltrone, avrebbero concesso crediti e affidamenti che nell’era Mastrostefano (ex presidente della Banca Popolare del Lazio) mai sarebbero stati affidati “perché lui aveva ben chiari gli obiettivi della banca e tra l’altro aveva puntato, nelle ultime nomine, su amministratori laureati e non a “cariche lasciate in eredità a figli di dirigenti e amministratori”.

L’accusa dei “soci e dipendenti coraggiosi”: aumento dei costi di gestione e siluramento di amministratori e dipendenti non asserviti

Il risultato per assicurarsi la poltrona, secondo le accuse dei “soci liberi” sarebbe stato un notevole aumento dei costi di gestione e il siluramento degli amministratori e dipendenti “non asserviti” addirittura a “discapito della produttività” della banca stessa. “Poiché la Banca produce reddito solo dai servizi – scrivono i soci – cioè dalle commissioni a carico dei clienti della banca e quindi soprattutto a nostro carico, sarebbe stato indispensabile che i costi di gestione fossero drasticamente ridotti”.

Consiglieri, presidente e quei presunti conflitti di interesse nelle delibere di affidamento di finanziamenti

Una domanda essenziale che fanno i soci della popolare è se alcuni consiglieri e il presidente abbiano mai dichiarato i propri conflitti d’interesse nelle delibere di affidamento di finanziamenti concessi a propri clienti e o amici (a tal proposito si vocifera che proprio per questo motivo si sarebbe dovuto dimettere il consigliere Giancarlo Natalizia e altri lo starebbero seguendo)?

Il caso del consigliere comunale Salvatore Ladaga

Le domande che i “soci liberi” rivolgono ai vertici sono tante. Iniziamo da un quesito che coinvolge un politico e amministratore di Velletri Salvatore Ladaga. Il presidente Notaio Edmondo Capecelatro, può chiarire ai soci se sia vero che ha stipulato un atto con il quale ha consentito al signor Salvatore Ladaga di liberarsi dei suoi beni immobili perché lo stesso Ladaga era debitore nei confronti della Banca Popolare del Lazio? La banca ha impugnato avanti il Tribunale di Velletri tale atto stipulato dal suo stesso presidente per annullarlo e così è stato.

[VIDEO] – IL CONSIGLIERE COMUNALE A VELLETRI PAOLO TRENTA (M5S) OSPITE DELLA PUNTATA DI OFFICINA STAMPA DEL 6/12/2018 

Il consigliere comunale a Velletri Paolo Trenta (M5s) ospite del programma Officina Stampa per parlare delle Banche Popolari

 

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Ciampino, fotomontaggi hard: indagate tre persone tra cui l’ex candidata Gabriella Sisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CIAMPINO (RM) – Furto, ricettazione, diffamazione e attentati contro i diritti politici del cittadino. Sono i reati, contestati in concorso dai poliziotti del commissariato di Marino e dalla Procura di Velletri alla ex candidata sindaco di Ciampino Gabriella Sisti, al marito Elio Addessi e a un componente dell’entourage politico della donna, Vincenzo Piro. L’attività investigativa è partita dalla denuncia, presentata agli agenti lo scorso 13 maggio da Daniela Ballico, neoeletta sindaco di Ciampino nelle file del centrodestra, e da Fabrizio Matturro, coordinatore responsabile della sua campagna elettorale in merito alla divulgazione di immagini e documenti privati.

Daniela Ballico: “Immagino che tutti si aspettino una dichiarazione da me”

“Voglio solo dire GRAZIE alla Polizia di Stato ed in particolare al Commissariato di Marino al Comandante Alviano e ai suoi uomini, senza di loro probabilmente la mia denuncia contro ignoti sarebbe finita lì e invece la loro instancabile ricerca della verità ha portato oggi a questi avvisi di garanzia. – Queste le prime dichiarazioni della neo sindaca di Ciampino Daniela Ballico in merito alla notizia delle indagini portate avanti dalla Polizia di Stato di Marino coordinata dalla Procura della Repubblica di Velletri – Grazie alla Procura della Repubblica di Velletri – prosegue Ballico -certa che il lavoro dei Magistrati e periti porterà ad una sentenza.
Mi dico anche BRAVA perché in questa dura campagna elettorale ho dovuto sopportare di tutto e l’ho fatto in silenzio, andando avanti e cercando di convincere i cittadini che non ero la “brutta persona” che altri volevano far credere che io fossi.
Infine il mio enorme GRAZIE va ai cittadini di Ciampino perché non hanno creduto alla diffamazione e mi hanno eletto loro Sindaco.
Ora spero che su questa brutta pagina della “politica di Ciampino” cali il silenzio e da lunedì si riprenda a parlare delle tante cose da fare.”

La vicenda nasce dai furti del cellulare di Matturro prima e di un Pc della Ballico, poi

Alcune immagini, documenti e conversazioni private dei due, sono state estrapolate e messe insieme in un plico fatto recapitare attraverso un corriere a diverse persone, tra le quali esponenti politici come Matteo Salvini, Claudio Durigon, Lorenzo Cesa, Antonio Tajani, Pino Cangemi e il segretario Ugl Paolo Capone. Una volta ipotizzato dagli investigatori il presunto collegamento tra i furti e la creazione del plico contenente, tra le altre cose, fotomontaggi hard della allora candidata sindaco Daniela Ballico nei quali compariva senza vestiti, sono quindi scattate indagini approfondite. Identificato in Piro l’autore delle spedizioni, grazie alle immagini della videosorveglianza, lo stesso uomo di fiducia della ‘rivale’ politica della vittima che frequentava anche suo marito Elio Addessi, ex consigliere comunale di Ciampino.

Quest’ultimo, ora inserito in una segreteria politica della Regione Lazio, avrebbe contattato – secondo le risultanze investigative- appartenenti alla Lega Lazio al fine di intercedere con i vertici per far ritirare la candidatura della Ballico alla poltrona di sindaco, minacciando di affiggere sul territorio di Ciampino manifesti contenenti il materiale del plico. Subito dopo le elezioni e il ballottaggio, il 10 giugno scorso, sono quindi state effettuate le perquisizioni domiciliari in casa dei tre iscritti nel registro degli indagati. Sequestrato materiale cartaceo, cellulari e computer (non sono invece stati trovati i due rubati), sono in corso attività tecniche per acquisire ulteriori elementi di prova e delineare i ruoli avuti nella vicenda da ciascun indagato e da altri eventuali complici.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Cotral, scontro a distanza tra autisti e dirigenza

Clicca e condividi l'articolo

La reazione dei conducenti aziendali, sdegnati dello sfarzo riscontrato durante la presentazione del Piano Industriale

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

È scontro a distanza tra gli autisti e la dirigenza della Cotral, dopo che quest’ultimi sono stati sorpresi nel banchettare nella splendida cornice del Castello di Santa Severa, frazione balneare di Santa Marinella, a margine della presentazione del Piano Industriale 2019-2021, svoltasi nella mattinata di oggi, 14 giugno. Alla presenza del Presidente e del Consiglio di Amministrazione, dei Quadri, dei Capoufficio e Coordinatori, almeno stando a quanto trapelato.


Piano Industriale approvato lo scorso 7 giugno dall’Assemblea dei Soci: “Cotral entra nel futuro – recitava il comunicato stampa di quel giorno -, si compie un passo significativo verso standard europei dei livelli di servizio: se la realizzazione dei progetti del precedente Piano industriale ha consentito di risanare la società, con oltre centoquaranta milioni di euro di investimenti, il nuovo darà a Cotral stabilità industriale e una nuova flotta con un’età media dei mezzi all’altezza degli standard continentali.  Inoltre i progetti fondamentali del nuovo Piano – si legge nella nota – mirano all’incremento ulteriore dei ricavi dalla vendita dei titoli di viaggio, anche attraverso l’acquisizione di nuova clientela del servizio di trasporto extraurbano”. E che prevede investimenti per 140 milioni di euro, dei quali circa 40 milioni per gli impianti e l’information technology e oltre 100 per l’acquisto di nuovi 480 autobus.

Ma sono bastati pochi minuti, il tempo di visionare le immagini scattate per scatenare la reazione delle Organizzazioni Sindacali e dei conducenti. “Oggi, al castello di Santa Severa, Cotral ha organizzato un buffet in occasione dell’esposizione ai quadri del Piano Industriale 2019-2021: per quanto ci riguarda, c’è ben poco da festeggiare. Invece di sottolineare la centralità dei suoi dipendenti – scrivono Cgil, Cisl e UIL -, che con i loro sacrifici hanno fatto chiudere i conti dell’azienda con 30 milioni di utile, Cotral ha elaborato un piano ‘lacrime e sangue’ per i lavoratori. A nostro avviso, il Piano prevede numerosi elementi peggiorativi rispetto al passato”.  “Senza vergogna – commenta un autista – ve lo voglio dire dal profondo del cuore, a dispetto di noi poveri lavoratori che ogni giorno giriamo la ciambella senza aria condizionata”.  “Boni a fare i fenomeni – rimbecca un altro – col c…. degli autisti”.

C’è poi chi ha ricordato l’aggressione avvenuta sabato sera, 8 giugno, sulla tratta Colleferro-Velletri, nella quale è rimasto vittima un autista, reo soltanto di aver invitato tre giovani, sprovvisti del titolo di viaggio, a scendere dal mezzo. Che, per tutta risposta, gli hanno riservato una scarica di calci e di pugni, assestati con inaudita violenza.

Un argomento, quest’ultimo, che accende a sua volta un’altra miccia. “L’abbattimento dell’evasione tariffaria – spiega Renzo Coppini Segretario Regionale SLM Fast Confsal – è importante ma le condizioni e la sicurezza dei lavoratori devono essere garantite. Per la complessità del servizio erogato non riteniamo possibile effettuare tali operazioni sulle corse a carattere urbano o con specifiche particolarità stagionali, contraddistinte da alta densità di passeggeri e da condizioni di viabilità difficoltose dove l’operatore deve agevolare la discesa/salita e dei passeggeri. Le norme comportamentali volute da Cotral esasperano le condizioni di lavoro, mettono a repentaglio la sicurezza dei dipendenti, generando disservizi e lamentele che si traducono in continue aggressioni verbali e fisiche”. E sulle immagini riferite a Santa Severa aggiunge: “ai funerali di Angelo S., amico, collega e compagno di tante battaglie, stroncato a 54 da un male incurabile, non c’era nessuno in rappresentanza dell’Azienda, né un Coordinatore, un Quadro, un Dirigente. Nessuno. Un uomo, un dipendente che ha dato tanto alla sua Azienda, la sentiva sua come tutti noi”. me

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Esplosione al centro di Rocca Di Papa, comunità colpita al cuore. Indaga la procura

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROCCA DI PAPA (RM) – Continuano le indagini sull’esplosione a Rocca di Papa avvenuta lo scorso lunedì 10 giugno.

Secondo quanto ricostruito finora, gli operai dopo la rottura accidentale della condotta del gas avrebbero tamponato con una riparazione di fortuna e poi chiamato l’Italgas per chiedere un intervento. Subito dopo si sono allontanati. Come accertato, la riparazione non avrebbe retto, rilasciando il gas nell’aria e in particolare all’interno della palazzina del Comune che, dopo essersi saturata, è esplosa.

Cliccare sull’immagine per guardare il video servizio

Il servizio trasmesso a Officina Stampa del 13/6/2019

A finire sul registro degli indagati, con l’accusa di disastro colposo e lesioni gravi colpose il geologo incaricato dal Comune di Rocca di Papa a svolgere l’esplorazione geognostica, Leonardo Nolasco, il titolare della ditta del frusinate TecnoGeo e suo fratello, Norman ed Emiliano Abballe. Il procuratore capo, Francesco Prete, ipotizza che ci siano state da parte loro delle responsabilità oggettive riconducibili alla progettazione dell’intervento e ai seguenti lavori sul manto stradale. In sostanza o il progetto è stato stilato senza tenere in considerazione quello che c’era nel sottosuolo o la ditta esecutrice ha dato delle indicazioni sbagliate agli operai su dove intervenire.

Restano ricoverati in prognosi riservata presso il Centro Grandi Ustionati dell’ospedale di Roma Sant’Eugenio il sindaco di Rocca di Papa, Emanuele Crestini e il suo delegato Vincenzo Eleuteri, rimasti feriti nell’ esplosione. Crestini presenta una percentuale di ustione del 34% ed è attualmente assistito in ventilazione meccanica così anche Eleuteri con ustioni del 44%. Complessivamente sono quattro i pazienti ricoverati al Sant’Eugenio. Arrivati in codice rosso, hanno ustioni di secondo grado profondo e terzo grado, su una superficie corporea compresa tra il 11% e il 44%.

Resta ricoverata anche la bimba di 5 anni ferita gravemente nell’esplosione mentre si trovava all’asilo comunale vicino il palazzo comunale.
A gestire l’emergenza in cui si sono venute a trovare le 150 persone evacuate dalla zona rossa un esercito di volontari della protezione civile di Rocca di Papa e dei comuni limitrofi, insieme ai vigili del fuoco, la polizia locale, i carabinieri, la polizia di stato, i forestali, la croce rossa, le assistenti sociali comunali e presso la sede del Parco Regionale dei Castelli è stata allestita una cucina da campo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it