Connect with us

Roma

VELLETRI ELEZIONI, SERVADIO: DALLA SICUREZZA AI RIFIUTI PASSANDO PER SANITA' E STRADE COLABRODO

Clicca e condividi l'articolo

Servadio, nel 2008 vinse col 53 per cento di voti dopo un ballottaggio che registrò un’affluenza in calo pari al 64 per cento rispetto l’84 del primo turno.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

C.R.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Il sindaco uscente Fausto Servadio si ricandida col centrosinistra per il secondo mandato. Servadio, nel 2008 vinse col 53 per cento di voti dopo un ballottaggio che registrò un’affluenza in calo pari al 64 per cento rispetto l’84 del primo turno.

 

La storia del “rapinatore e maniaco di Velletri”, i furti nel centro che hanno visto crescere la paura nei cittadini ad uscire di casa, è la prova che c’è una esigenza di maggior sicurezza. Solo adesso Lei parla di “cittadella della sicurezza”. Che intende fare a proposito e cosa ritiene di aver fatto finora?

Gli odiosi fatti di cronaca accaduti a Velletri sono stati utilizzati, squallidamente, come propaganda politica dai miei avversari che hanno in questo modo gettato discredito su tutta la città. L’epilogo, con l’arresto dei colpevoli, dimostra come la collaborazione tra sindaco a forze dell’ordine sia stata efficace; com’era doveroso ho agito con senso di responsabilità, non ho alimentato paure o comportamenti istintivi e ho rispedito al mittente qualunque tentativo di descrivere Velletri come città insicura. La domanda di sicurezza è tuttavia legittima e la mia amministrazione ha risposto con azioni concrete: un sistema di video sorveglianza che nessuna città limitrofa possiede e l’illuminazione di tutto il centro e di tutte le strade sensibili. Proprio quegli elementi che sono stati oggetto della campagna di stampa alla quale ha aderito, e questo mi rammarica, una testata nazionale solo per esigenze di audience. La “cittadella della sicurezza” è un progetto che prevede la costruzione di uno stabile che ospiterà la Polizia e la Guardia di finanza e dunque non ha nulla a che vedere con la sicurezza attiva poiché si tratta di un progetto finalizzato a dare maggiori servizi agli operatori di polizia che tuttavia già sono sul territorio e svolgono un servizio eccellente. Per il futuro avvierò il potenziamento del sistema “Velletri città sicura” con un numero maggiore di video camere di sorveglianza grazie ai fondi del progetti Plus, inoltre sarà ampliata la sala di controllo che già è uno strumento prezioso che utilizzano polizie e carabinieri per contrastare i reati in città. Inoltre, sempre con il progetto Plus, abbiamo finanziato degli aiuti per le attività commerciali che vorranno potenziare l’illuminazione e la sicurezza dei loro locali. In ultimo mi consenta una riflessione sull’uso delle video camere che sono un strumento e non una panacea a tutti i problemi della sicurezza, sono installate in punti sensibili ma non coprono tutto il territorio e i delitti possono avvenire anche al di fuori del campo di osservazione, esattamente com’è avvenuto quando sono stati commessi gli stupri.

 

Le municipalizzate Velletri e Volsca Ambiente S.p.a. sono tacciate di essere poco trasparenti e soprattutto “ente strumentale politico” nelle assunzioni. Come risponde e soprattutto ritiene che funzionino a dovere?

Chi le taccia in questo modo sta ricordando com’erano gestite in passato, noi le abbiamo prese in consegna fallite e le abbiamo rimesse in piedi. Le assunzioni sono bloccate a causa del dissesto dunque non è un argomento di attualità. In merito alla “poca” trasparenza abbiamo introdotto il controllo analogo e la Volsca ha preso due certificazioni Iso. Oltre alla propaganda invece è opportuno registrare un netto miglioramento delle due aziende che stanno erogando servizi in regime di efficacia ed efficienza grazie a un lavoro attento e meticoloso che è stato messo in atto con la mia amministrazione. La Volsca è tornata una società equilibrata, ben organizzata e che riesce a gestire un territorio complesso pur essendo sottodimensionata, ha qualificato il personale e avviato un processo di cambiamento che sta dando i suoi frutti. La Velletri servizi fornisce supporto a molte attività comunali e svolge il suo mandato di accertamento e riscossione con attenzione e nel rispetto dei cittadini. Già dal 2010, la Velletri servizi, viene utilizzata dal comune al posto di Equitalia per i tributi locali, cosa che migliaia di comuni non hanno ancora fatto e per questo oggi si trovano in difficoltà.

 

L’ospedale Colombo è al collasso, da Dea di I livello è stato declassato. Il San Raffaele ha chiuso. Adesso Lei parla di nuovo polo ospedaliero da costruire di sana pianta: quale sarebbe la sua funzione?

Sarebbe più opportuno fare riferimento ai danni cagionati dalla giunta Polverini che ha distrutto la sanità locale con particolare accanimento su Velletri. Ho già rappresentato al presidente Zingaretti le mie preoccupazioni e anche un piano di azione che intendo concordate e condividere per sanare i danni già fatti. Il riferimento al nuovo polo ospedaliero è errato, il mio progetto prevede la realizzazione di un “polo sanitario” che prevede la costruzione di un edifico a fianco dell’ospedale, su terreno comunale, per ospitare il distretto sanitario con lo scopo di riunire il servizio nello stesso luogo e di ridurre i costi di affitto sostenuti per i locali di via San Biagio.

 

I cittadini di Velletri pagano a peso d’oro l’immondizia. Eppure nelle campagne proliferano le discariche abusive. Che pensa di fare?

La tassa si rifiuti è quella che abbiamo trovato e non possiamo modificarla causa dissesto. Per contro siamo riusciti a introdurre la raccolta porta a porta e a non toccare la tariffa quando è noto che i costi aumentano. Per arginare il fenomeno delle discariche abusive, abbiamo realizzato la prima isola ecologica e progettato la seconda che sarà realizzata su un terreno confiscato alla mafia in via Appia Nord. Sul fronte del controllo del territorio vanno intensificate le azioni di vigilanza e repressione del fenomeno, tuttavia ritengo che sia necessaria una maggiore informazione per chiedere ai cittadini stessi di vigilare sul territorio.

Velletri è l’ultima città dei Castelli che ancora combatte con l’emergenza arsenico. Cosa ha impedito finora di tornare tempestivamente entro i limiti di legge?

In tutto il territorio comunale i limiti dell’arsenico sono entro la soglia di legge che è di 10 micro grammi per litro, escluso il pozzo in località Le Corti che serve circa 3000 utenti e sul quale con Acea abbiamo pianificato un intervento risolutivo.

In periferia i cittadini lamentano la carenza dei servizi essenziali ma soprattutto la scarsa attenzione alla viabilità: strade sterrate, buche e mancanza di sicurezza. Cosa ha impedito in questi 5 anni che venisse garantita una viabilità idonea anche in periferia?

Parlare di periferia a Velletri è improprio, il territorio passa rapidamente dal centro urbano alla campagna per un’estensione di 114 kilometri quadrati, più o meno come Napoli o Milano. Oltre 130 km di strade che vanno dalla cresta del Monte Artemisio fin quasi al mare, dedali che necessitano di manutenzione nonostante le poche risorse disponibili; abbiamo fatto il possibile cercando di rispettare un ordine di priorità determinato dalle condizioni del manto stradale. È stato creato un catasto delle strade, tutte sono state catalogate e suddivise in funzione della loro categoria e funzione; ciò aiuterà l’amministrazione a pianificare gli interventi e anche a sensibilizzare i cittadini che abitano in strade private a contribuire attivamente nella gestione e manutenzione.

Litorale

Torvaianica, area pubblica a rischio cadute: Assoconfam diffida il Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

TORVAIANICA (RM) – Area pubblica riservata ai cani piena di buche in via Gran Bretagna a Torvaianica.

Una situazione di degrado che ha portato tanti cittadini a rivolgersi all’associazione Assoconfam per segnalare quella che è di fatto la situazione di pericolo per gli utilizzatori del campo, come l’incidente ad un associato Assoconfam, che a causa di una grossa buca ha riportato seri danni subendo un ricovero ospedaliero per la gravità delle lesioni riportate.

Dall’associazione è partita una lettera indirizzata al sindaco di Pomezia e al Comandante della Polizia locale in cui viene sollecitato un intervento riqualificativo dell’area per garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, diffamazione a 5 stelle: l’ex consigliere Massimo Pierdomenico dal GIP

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM)Massimo Pierdomenico, l’ex consigliere comunale M5s di Anguillara (Giunta Anselmo) è stato convocato a giudizio di fronte al GIP del Tribunale Penale di Civitavecchia per rispondere del reato di diffamazione aggravata nei confronti di questo quotidiano L’Osservatore d’Italia e del suo direttore Responsabile.

L’ex consigliere pentastellato, dopo la pubblicazione del 16 novembre 2018 della notizia relativa delle indagini in corso per alcuni abusi edilizi nella sua proprietà, appellava pubblicamente L’Osservatore d’Italia sul social Fb come “giornale di merda” oltre a scrivere testualmente “pubblica cose false senza sapere la verità” e ancora “Mi godo la palma alla faccia di quei dementi che inviano falsità ad un giornale di merda schierato politicamente”.

L’ex consigliere è stato querelato da questo giornale per diffamazione e il magistrato titolare delle indagini, ritenendo che le frasi fossero di “lieve tenuità” ha chiesto l’archiviazione del procedimento. Il giornale ha poi presentato opposizione all’archiviazione.

Oggi è arrivata la notifica al direttore Responsabile e all’editore del giornale che l’opposizione è stata accolta dal Giudice per le Indagini Preliminari, il quale ha fissato l’udienza in Camera di Consiglio per il prossimo 9 dicembre 2020 dove deciderà se rinviare o meno a giudizio Pierdomenico.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, Borelli-Orciuoli: è confronto… a distanza [VIDEO]

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Confronto a distanza tra Massimiliano Borelli candidato sindaco di centrosinistra e Matteo Mauro Orciuoli candidato sindaco di centrodestra.

L’intervista di Massimiliano Borelli a Officina Stampa del 17/09/2020
Matteo Mauro Orciuoli commenta le dichiarazioni di Massimilano Borelli

Continua a leggere

I più letti