Connect with us

Roma

VELLETRI: LA CITTÀ PROTAGONISTA AL VINITALY CON IL CREA-ENC E VINI SPECIALI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti L’evento è stato realizzato nello spazio istituzionale della Regione nel Padiglione Lazio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Red. Cronaca
Velletri (RM)
– Nel cinquantesimo Vinitaly, la più grande fiera italiana del vino, Velletri è riuscita a ritagliarsi uno spazio importante con il CREA-ENC, l’istituto di ricerca per l’enologia di via della Cantina Sperimentale. La direttrice Francesca Cecchini ha dapprima partecipato ad un dibattito sulla ricerca in enologia nel giorno di apertura, domenica 10 aprile, e ha poi introdotto l’evento di presentazione di alcuni dei vini sperimentali prodotti nell’istituto veliterno lunedì 11 aprile insieme all’Assessore regionale all’Agricoltura Carlo Hausmann e al Commissario del CREA Salvatore Parlato.

L’evento è stato realizzato nello spazio istituzionale della Regione nel Padiglione Lazio ed era incentrato sui risultati delle sperimentazioni legate all’appassimento delle uve, tecniche che vedono l’istituto veliterno all’avanguardia a livello nazionale e il centro di riferimento del sistema dei vari istituti del CREA sparsi in tutta Italia.
A guidare la degustazione i tecnici Paolo Pietromarchi e Domenico Tiberi, coadiuvati da Massimo Morassut, che hanno presentato al pubblico uno Spumante Metodo Classico Pas Dosè millesimato 2002 (ottenuto da uve autoctone di Ottonese, sinonimo di Bombino Bianco, vitigno iscritto registro regionale delle biodiversità a rischio di erosione Legge 15/2000), un Nero Buono 2014 (vino di grande intensità ed eleganza ottenuto da parziale appassimento delle uve realizzato in collaborazione con l’Azienda Marco Carpineti di Cori che ha fornito le uve per la sperimentazione), un Cannellino di Frascati 2014 (vino ottenuto nell’ambito del progetto WE CAN “Innovazione del processo produttivo mediante innovative tecniche di post-raccolta e appassimento” finanziato dalla Regione Lazio GAL Castelli Romani e Monti Prenestini), un Maturano Passito 2014 (vino passito ottenuto da uve di Maturano bianco, vitigno dell’areale del frusinate recentemente recuperato, caratterizzato ed iscritto al Registro Nazionale delle uve da vino) e un Muffato 2009 (vino ottenuto da uve Malvasia del Lazio affette da Muffa Nobile).

Sono poi stati presentati anche i succhi di uva monovarietali di diverse annate di alcune varietà dell’areale laziale (Grechetto, Trebbiano, Maturano Nero e Capolongo, questi ultimi vitigni a rischio di erosione genetica) che hanno introdotto un’ennesima variabile alle capacità del territorio in ambito agricolo.

Una degustazione molto coinvolgente, che ha realizzato lo scopo di promuovere da una parte l’utilizzo di uve autoctone dimenticate e dalle quali invece si possono realizzare prodotti interessanti, e dall’altra far conoscere le capacità tecniche e di ricerca dell’istituto CREA-ENC di Velletri. Una ricchezza, quest’ultima ancora non sfruttata e solo parzialmente capita dal mondo imprenditoriale agroalimentare del Lazio. Il recente incontro organizzato proprio nelle strutture dell’antica Cantina Sperimentale dedicato ai PSR ha forse aperto la porta ad un nuovo approccio, a breve probabilmente si organizzerà un nuovo momento di discussione dedicato proprio alle aziende, nel quale magari gettare le basi per una cooperazione fattiva e capace di produrre risultati interessanti per la ripresa di questo settore unendo ricerca, istituzioni e studi di mercato.
 

Castelli Romani

Castel Gandolfo, Jane Fonda pranza da Pagnanelli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

La bellissima Jane Fonda sceglie ancora una volta di pranzare nel rinomato ristorante Pagnanelli. Elegante, bella nella sua naturalezza, Fonda si è fatta fotografare insieme al proprietario.

L’attrice ha pranzato sulla terrazza vista lago. Classe ’37, nel 2017 le è stato assegnato il Leone d’oro alla carriera alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e nel 2021 il Golden Globe alla carriera.

Pagnanelli, una storia cominciata nel 1882, è il ristorante frequentato da tante celebrità. Robert De Niro per esempio ha speso belle parole e degustato la pasta fatta in casa.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, verde pubblico nel degrado e addio navetta. Tondinelli: “Bye bye turisti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

 Aiuole secche, verde pubblico selvaggio, la manutenzione avviene solo quando l’erba diventa molto alta e allora a quel punto il Comune decide di tagliare ma lascia tutti gli sfalci a terra. Gli sfalci abbandonati non permettono una crescita regolare e ordinata degli arbusti. Sono queste le lamentele dei residenti di Bracciano raccolte dal consigliere comunale di Bracciano Armando Tondinelli che si è accertato personalmente dello stato di degrado in cui versa il verde pubblico: “Mi dispiace aver dovuto constatare – dice l’ex sindaco Tondinelli – questo stato di incuria soprattutto in prossimità della rotatoria dei Carabinieri dove abbiamo piantato degli arbusti con grande cura e attenzione, operando scelte che permettessero una razionale gestione delle risorse idriche, in quanto si tratta di piante in grado di crescere anche con una scarsa irrigazione. È triste vedere questo degrado all’altezza delle rotatorie che trovandosi all’ingresso di Bracciano costituiscono il biglietto da visita della nostra cittadina. Non si può certo affermare che i turisti e i visitatori in arrivo a Bracciano abbiano la percezione di un paese curato ed accogliente, in grado di adempiere a quella che è,o meglio dovrebbe essere, la sua vocazione principale, quella turistica”.

La situazione non è migliore addentrandosi all’interno del paese, dove il turista non trova, a differenza degli anni scorsi, un Pit (punto informazione turistica) pronto ad accoglierlo e a fornirgli le informazioni per apprezzare e visitare le attrattive del territorio: “Purtroppo – prosegue Armando Tondinelli – il punto informazioni turistiche è ora chiuso nonostante la stagione estiva stia per entrare nel vivo. E che dovrà dire poi il turista o anche il cittadino che, seduto su una panchina in piazza IV Novembre a ristorarsi dalla calura estiva o a fare due chiacchiere, guardando di fronte a sé, non trova altro che delle aiuole, una volta fiorite e curate, ormai irrimediabilmente secche?”.

La situazione è ancora peggiore a Bracciano Nuova, dove l’erba ha raggiunto dei livelli di crescita ormai fuori controllo, soprattutto nella zona del parco pubblico: “Non parliamo poi – conclude Tondinelli – dell’ innegabile disagio di chi vuole recarsi al lago dal centro del paese e viceversa; già, perché la scorsa estate era disponibile un servizio navetta che faceva la spola tra il lungolago e il paese, dando a tutti la possibilità di muoversi anche senza automobile: anche questo servizio al cittadino è ormai solo un bel ricordo”. 

E a proposito di bei ricordi, è indiscutibile il disagio dei cittadini e degli abitanti del centro storico che potevano disporre per i loro spostamenti da e per lo stesso centro storico, di un’auto elettrica gratuita; anche questo servizio risulta al momento assente. E che dire poi della tristemente nota “buca” di via C. Marchi, da otto mesi balzata agli onori della cronaca e per la quale si attende una soluzione, nella speranza che essa giunga prima che la stessa buca compia il suo primo anno di età. Quale sarà ora la giustificazione per tutte queste inadempienze? Perché la nostra cittadina è stata ridotta in queste condizioni? Di certo non si potrà più imputare la responsabilità dell’attuale situazione alla mancanza di risorse economiche, dal momento che il consuntivo recentemente approvato in consiglio comunale ha rilevato un risultato di amministrazione pari a oltre  25 milioni di euro, a differenza di quanto risultava nel 2015, che era di circa 10 milioni di euro e nonostante tutti i disagi, sono molti i servizi che si era riusciti a fornire”.

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Bolsena, feste delle ortensie: è Anna Falchi la madrina

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Ancora qualche giorno e Bolsena, caratteristico borgo sulle rive del lago vulcanico più grande
d’Europa, sarà inondata di profumi e colori.
Da venerdì 24 giugno a domenica 26, infatti, torna l’immancabile appuntamento con la mostra
mercato Festa delle Ortensie, uno degli appuntamenti di settore più atteso a livello nazionale, per i numerosi stand presenti e la selezione accurata degli espositori, provenienti da tutt’ Italia con molteplici varietà di specie differenti di piante oltre alle ortensie.
Giunto all’edizione numero 24, l’appuntamento è, come di consueto, organizzato dal Comune di Bolsena, dall’associazione Amici delle Ortensie e dalla Proloco.
Per il taglio del nastro, venerdì 24 alle 16.30, una madrina d’eccezione: l’attrice e conduttrice
televisiva Anna Falchi, attualmente tornata protagonista del piccolo schermo con la conduzione de “I Fatti Vostri”, la “piazza” televisiva in onda su rai Due dal 1990.
La manifestazione sarà ospitata nella strada principale del caratteristico borgo, viale Colesanti, caratterizzato da platani secolari e spettacolari piante di ortensie.
La Festa delle Ortensie nasce con l’obiettivo di valorizzare e divulgare la conoscenza di questi
splendidi fiori conosciuti anche come “hydrangee”.
Il nome è dovuto alla similitudine con una terrificante figura mitologica: Hydra, dai capelli ricci a forma di serpente, simili quindi alle asperità presenti sopra la capsula contenente i semi di questa pianta.
A Bolsena sarà possibile ammirare lo spettacolo unico delle numerose varietà di specie presenti con innumerevoli forme, dimensioni e colori nel periodo di massima fioritura.
Un colpo d’occhio straordinario che, ogni anno, attira un gran numero di visitatori, anche stranieri.
Evento dunque da segnare in agenda: dal 24 al 26 giugno appuntamento con la bellezza a Bolsena.

Continua a leggere

I più letti