Connect with us

Roma

VELLETRI: LE SEQUESTRANO LA CASA. LA STORIA DI BARBARA, COSTRETTA A VAGABONDARE

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

La storia di Barbara Di Bernardo, con una casa da un anno sotto sequestro per le indagini sull’omicidio di sua madre avvenuto nell’appartamento di famiglia, ha dovuto vagabondare di casa in casa. Mentre il Comune di Velletri non ha mai risposto alle sue richieste di aiuto, la San Girolamo Emiliani Velletri Onlus, mette a disposizione una camera, pur non essendo pagata dal Comune

LEGGI ANCHE: 17/05/2015 VELLETRI: IL CASO DISPERATO BARBARA DI BERNARDO LA CUI MADRE E' STATA STRANGOLATA DAL FRATELLO

di Cinzia Marchegiani

Velletri (Rm) – La signora Di Bernardo, pur avendo una casa, era costretta a mendicare un posto dove dormire e poter provvedere all’igiene personale in quanto il tribunale di Velletri dal 24 maggio 2014 aveva sequestrato l’appartamento dove viveva, ritenuto importante per le indagini poiché era stato teatro dell’omicidio di sua madre per mano dei suo stesso fratello.

Insomma per un anno Barbara ha errato, andando di casa in casa usufruendo della gentilezza e della solidarietà di tanti amici e conoscenti che gli concedeva l’opportunità di un letto dove dormire e un bagno dove provvedere ai gesti elementari dell’igiene personale. Nonostante il Comune di Velletri conoscesse la sua storia, non ha mai risposto alla posta certificata inviatagli dal suo legale, neanche dopo che il Sindaco Servadio e gli Assessori preposti sono stati messi a conoscenza del rifiuto da parte del Tribunale di Velletri del dissequestro della casa richiesto dallo stesso legale della Di Bernardo.

C’è voluto un video denuncia e un articolo di giornale, ma soprattutto la costanza del signor Ernesto Melappioni che è andato a parlare anche con i responsabili della Onlus San Girolamo Emiliani di Velletri, struttura predisposta all'accoglienza dei senza fissa dimora della città di Velletri, affinché a Barbara fosse riconosciuta la dignità come persona.

L’Osservatore d’Italia aveva voluto vederci chiaro circa un video denuncia a cura di Ernesto Melappioni che girava già da tempo su internet. 

ONLUS SAN GIROLAMO EMILIANI DI VELLETRI ONLUS CHIEDONO UN INCONTRO
I responsabili della Onlus San Girolamo Emiliani di Velletri – struttura predisposta all'accoglienza dei senza fissa dimora della città di Velletri – hanno contattato l’autore della video denuncia, dopo aver conosciuto la disavventura di Barbara Di Bernardo. Roberto Cavola, il responsabile di questa struttura intervistato spiega nei dettagli l'attuale situazione sociale dell'accoglienza di Velletri. Emerge che la stessa Onlus operante con il Comune di Velletri da dicembre del 2014 non riceve più i fondi stanziati dalla Regione Lazio: “Il Comune di conseguenza ha interrotto la convenzione con la Onlus anche se precedentemente gli aveva richiesto e fatto abbassare la quota giornaliera da 40 Euro al giorno a soli 25 Euro”.
Quindi esiste una struttura nuova, dove Barbara potrebbe, con l’aiuto temporaneo del Comune e dell’associazione San Girolamo Emiliani, essere aiutata per un periodo temporaneo, fino a quando, non sia ufficiale il dissequestro da parte del Tribunale di Velletri.

Insomma sembrerebbe che il comune non riesca a trovare 25 euro al giorno per mettere ai ripari temporanei una donna che ha già subito un dramma ancora più grande dell'essere rimasta senza casa.

BARBARA RIESCE AD INCONTRARE IL SINDACO DI VELLETRI SERVADIO
Barbara finalmente riesce a parlare con il Sindaco di Velletri, il quale però sembra non aver prospettato alcuna soluzione per la signora Di Bernardo, se non quello di promettere un consulto con il Tribunale di Velletri, come se fosse possibile intercedere al dissequestro del suo appartamento. A Barbara hanno prospettato anche di fare una domanda per una casa popolare. Insomma porte chiuse da parte del primo cittadino che invero, da quello che si apprende dalle ultime notizie dovrà sistemare 79 rifugiati provenienti dall’Africa.

SAN GIROLAMO EMILIANI, ACCOGLIERÀ A SUE SPESE DI BERNARDO
Con una lettera inviata a Ernesto Melappioi via posta elettronica, che rendiamo pubblica con il consenso del mittente, Roberto Cavola responsabile della San Girolamo Emiliani Onlus di Velletri informa che non lascerà da sola Barbara. Lasciamo ai nostri lettori la sua lettura:

Buongiorno Ernesto,
questa mattina la sig.ra Di Bernardo ha avuto un incontro con la dirigente dei servizi sociali del comune, incassando un bel 2 di picche. La dott.ssa in questione ha suggerito a Barbara di presentare una richiesta formale per un alloggio temporaneo, il che significa rispettare una certa graduatoria con tempi di attesa di qualche anno, sottolineando che nel nostro centro di accoglienza non c’è posto e che se anche ci fosse sarebbe stato per non più di una settimana!!!! Ora tra le altre cose, noi vorremmo capire se le responsabilità di tali scelte scellerate, sono da attribuire all’apparato tecnico del comune o a quello politico, dopodiché ci muoveremo di conseguenza… Questo è un chiaro segnale da parte dell’amministrazione, i bisogni dei cittadini veliterni vengono dopo aiuole e sampietrini, perché le "grandi menti" imprenditoriali pensano solo ai profitti. Il centro di accoglienza notturna di San Martino, nato proprio per questo tipo di emergenze NON SERVE PIU'??? La sig.ra Barbara stamattina è venuta da noi in lacrime chiedendoci di aiutarla, minacciando in oltre gesti avventati e sconsiderati. La nostra scelta è quella di ospitare Barbara presso la nostra struttura, senza troppi formalismi e a titolo completamente gratuito, perché i ‘poveri cristi’ non solo subiscono l’ingiustizia ma si trovano anche a lottare continuamente contro di essa! ‘Solidarietà’ è una parola che non sempre piace, perché essere solidali significa anche lottare contro le cause strutturali della povertà, la disuguaglianza, la mancanza di lavoro, la terra e la casa, la negazione dei diritti sociali e lavorativi. È far fronte agli effetti distruttori dell’Impero del denaro, che molti subiscono e che tutti siamo chiamati a trasformare. La solidarietà, intesa nel suo senso più profondo, è un modo di fare la storia. Restiamo a disposizione. Buona giornata!”

UN FINALE AMARO MA PIENO DI SOLIDARIETÀ, CHI INDAGA?
Barbara è una donna che nel suo immenso dolore ha dimostrato una dignità incredibile, ma per le istituzioni è solo un fantasma da nascondere. Tanto dolore ha colpito il suo cuore, spade violente hanno ferito e rimangono impunite. Nella sua disgrazia Barbara ha toccato con mano l’inconsistenza e il silenzio delle istituzioni, ma fortunatamente ha ricevuto anche tanta solidarietà dei suoi stessi concittadini. Un giorno un angelo ha posato gli occhi sulla sua vita che ha permesso al mondo intero di conoscere la sua folle storia. L’associazione San Girolamo Emiliani ha accolto la richiesta di auto, nella consapevolezza che solidarietà, diventa verbo solo all’atto della sua realizzazione. 


E ora rimane lecita una domanda: il dramma di Barbara è diventato pubblico e ha messo in evidenza profonde responsabilità, quelle disattese dalle stesse istituzioni. Quando dolore una donna deve mettere in pubblica piazza, quanti angeli deve incontrare affinché non diventi un numero da statistica, ma una persona con una dignità da difendere? Le istituzioni si devono far garante di queste storie, perché Barbara non può essere lasciata sola, il suo grido si legge nei suoi occhi, nel suo sguardo ferito e triste. Lei rappresenta chiunque di noi, che in un momento di difficoltà è stato messo ai margini come un appestato. La politica si interroghi e faccia le sue dovute conclusioni.

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, negato accesso agli atti su prevenzione incendi: Falconi vince al Tar contro il Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Una sentenza che legittima i pieni diritti di un consigliere di opposizione ad ottenere l’accesso agli atti richiesto. Succede che nel 2021 il consigliere di minoranza avv. Francesco Falconi tramite il suo avvocato difensore Mario Lepidi, ricorre al Tar contro il Comune, il sindaco pro tempore e il segretario comunale perché sostanzialmente il Comune non ha risposto e quindi ha prodotto un silenzio rigetto in relazione all’istanza di accesso presentata a mezzo posta elettronica certificata il 02/11/21. Nell’istanza Falconi chiedeva di esibire tutta la documentazione indicata nell’istanza e relativa all’attività di pianificazione comunale afferente la prevenzione degli incendi posta in essere nel periodo dal 4 ottobre 2020 al 15 agosto 2021. Il ricorso per l’annullamento del silenzio rigetto è stato ritenuto fondato dal Tribunale Amministrativo. Il Tar nell’accogliere il ricorso ha ordinato al Comune di Anguillara Sabazia di esibire e rilasciare copia degli atti in esame nel termine di trenta giorni dalla comunicazione o notificazione del presente provvedimento (pubblicato il 24 maggio 2022) e condannato il Comune di Anguillara Sabazia a pagare, in favore di Falconi, le spese del presente giudizio il cui importo liquida in complessivi euro mille/00, per compensi di avvocato e spese generali, oltre IVA, CPA e contributo unificato come per legge.

Nella sentenza del Tar si legge tra l’altro che il “Comune non ha completamente evaso la richiesta di accesso né ha specificato le ragioni della sua condotta omissiva”. Ad oggi, mancano pochi giorni allo scadere dei tempi di adempimento da parte del Comune di Anguillara, Francesco Falconi ancora non ha ricevuto gli atti richiesti che fanno riferimento a un determinato periodo preciso dal 4 ottobre 2020 al 15 agosto 2021. Ci saranno questi atti? Mettere in campo azioni per prevenire gli incendi è quanto mai fondamentale, soprattutto per un’area come quella di Anguillara Sabazia dove ogni anno e quasi sempre nella stessa zona intorno al lago di Martignano si verificano gli incendi.

Con l’istanza in esame il Falconi, nella sua qualità di consigliere comunale, ha chiesto, in quanto utili per l’espletamento del suo mandato, i seguenti documenti:

“Copia semplice dei seguenti atti/provvedimenti in materia di incendi boschivi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021 – atti, provvedimenti e documenti tutti della relativa istruttoria amministrativa, degli atti presupposti relativi alla procedura di adozione, ivi inclusa laddove esistente ogni documentazione anche tecnica utile che abbia indotto l’amministrazione comunale alla loro adozione:

  1. Provvedimenti tutti di attuazione delle attività di misure di previsione e prevenzione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  2. Provvedimenti attuativi delle attività informative in merito alle cause degli inneschi e propagazione + norme comportamentali in caso di pericolo adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  3. Catasto degli incendi e cartografia delle aree incendiate predisposti/aggiornati dal Comune di Anguillara Sabazia adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  4. Provvedimenti e documenti tutti relativi al Piano di realizzazione di interventi colturali finalizzati alla prevenzione degli incendi boschivi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  5. Piano di evacuazione della zona del Lago di Martignano adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  6. Piano di intervento e mobilitazione delle squadre adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  7. Piano di assicurazione di disponibilità degli automezzi e delle macchine operatrici idonee all’impiego di spegnimento degli incendi boschivi ed ogni atto utile ad assicurarsene la dotazione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  8. Convenzione stipulata con le organizzazioni di volontariato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08. 2021.
  9. Provvedimenti che hanno disposto la vigilanza e la sorveglianza delle aree interessate negli anni precedenti da incendi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 0 4.10.2020 al 15.08.2021.
  10. Provvedimenti di pubblicizzazione divieti di accensione fuochi nei boschi e nelle zone ad essi limitrofe adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  11. Provvedimenti di pubblicazione delle condizioni di accensione in deroga ai divieti di cui al punto precedente adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  12. Provvedimenti finalizzati alla realizzazione delle fasce parafuoco adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  13. Mappatura della la presenza di insediamenti messi a rischio da eventuali incendi boschivi adottata e redatta dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  14. Provvedimenti volti ad eliminare o ridurre fattori di innesco e propagazione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  15. Piano di emergenza comunale adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  16. Provvedimenti di definizione delle modalità economiche e finanziarie per garantire l’effettività delle misure di prevenzione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 05.08.2021.
  17. Provvedimenti di attuazione organizzativa e finanziaria del Piano di Emergenza Comunale adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  18. Provvedimenti di informazione e sensibilizzazione per la popolazione in relazione agli incendi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021”.

Continua a leggere

I più letti