Connect with us

Roma

Velletri: successo per la rassegna dedicata ad Achille Campanile

Clicca e condividi l'articolo

Nel 40imo della morte del giornalista, scrittore e conosciuto dai più come "umorista", la città di Velletri onora l'illustre autore del Novecento

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

Redazione


VELLETRI (RM)
– Nel quarantesimo anno dalla morte di Achille Campanile, giornalista, scrittore e conosciuto dai più come "umorista", la città di Velletri onora l'illustre autore del Novecento – che ha vissuto in contrada Arcioni fino alla sua morte – con un nutrito programma. Una felice sinergia la co-produzione tra la Fondazione di Partecipazione Arte e Cultura e l'Associazione Memoria '900, in collaborazione con il Fondo Campanile.  A prendere la parola per primo e dare il benvenuto ai presenti il Direttore Artistico, Maestro Claudio Micheli, che ha sottolineato come l'idea di celebrare Campanile sia stata tra le prime inserite nelle linee programmatiche culturali della Fondazione dopo la sua nomina alla direzione. E' stato poi proiettato un video girato nella casa di Achille Campanile, risalente al 1976, dove lo scrittore parla di sé, di alcune sue opere, nell'amichevole contesto del suo salotto. Micheli ha poi annunciato le numerose iniziative che si svolgeranno, dal Premio Nazionale Teatrale di scrittura di un copione umoristico al convegno di studi, per poi passare la parola a Gaetano Campanile.

 

Il figlio dello scrittore ha riepilogato più dettagliatamente gli eventi in programma: si parte il 21 ottobre con l'inaugurazione della mostra, che verrà curata oltre che dallo stesso Campanile dai biografi e studiosi Angelo Cannatà e Silvio Moretti (presenti in sala). Verranno esposte gigantografie, immagini, manoscritti, documenti, lettere e oggetti di uso quotidiano dell'autore, mentre per i giorni 24 e 26 ottobre sono previsti dei Reading di alcuni passi tratti dall'opera campaniliana con appuntamenti mattutini riservati anche alle Scuole. Sempre il 21 ottobre è previsto il convegno di studi "Umorista sarà lei!", nell'Auditorium della Casa delle Culture, con relatori lo scrittore e Premio Strega Giorgio Montefoschi, il giornalista, critico letterario e conduttore tv Arnaldo Colasanti e il regista Vito Molinari. Infine, il 29 ottobre, la serata di chiusura con la premiazione del vincitore della I edizione del Premio Nazionale Teatrale "Achille Campanile". Il copione sarà consegnato alla UILT – Unione Italiana Libero Teatro – che poi lo sottoporrà al vaglio delle numerose compagnie per la messa in scena, con la prima che sarà rappresentata a Velletri nella stagione teatrale 2017-2018.

 

La coproduzione con l'Associazione Culturale Memoria '900 è nata in maniera quasi naturale, come ha spiegato la vice-presidente, professoressa Emanuela Treggiari: "L'idea di celebrare il quarantesimo della morte dello scrittore era negli intenti dell'Associazione, il cui fine è proprio quello di far rivivere la memoria legandola alla cultura". La Treggiari ha sottolineato la "felice convergenza con la Fondazione" per il progetto della Campaniliana, ricordando poi i tre grandi eventi che l'Associazione ha realizzato e realizzerà nell'arco del 2017: l'omaggio a Tenco (che riempì l'Artemisio lo scorso febbraio), la "Giornata Nazionale Giorgio Bassani" (il 30 settembre prossimo) e appunto la "Campaniliana". Un ruolo portante in questo progetto lo avrà la Mondadori Bookstore di Velletri, partner dell'evento, tramite per il coinvolgimento delle scuole. Per quanto riguarda il Premio Nazionale Teatrale, la prima edizione – come spiegato dalla consigliera della Fondazione e referente Maura Dani – prevede un premio in danaro di € 1500,00 grazie al contributo della Clinica Madonna delle Grazie, e i copioni saranno valutati da una giuria di assoluta qualità. I nomi, infatti, sono di assoluto spessore: il presidente sarà Arnaldo Colasanti, mentre tra i giurati figurano Gaetano Campanile e l'attrice e regista Simona Marchini. Tra gli intenti – ha sottolineato la professoressa Dani – oltre quello di far rivivere lo spirito del teatro umoristico con un copione inedito, c'è anche quello di incoraggiare anche i giovani a mettersi in gioco". Il bando è scaricabile dal sito ufficiale della manifestazione www.campaniliana.it. E' intervenuto a portare i saluti dell'Amministrazione Comunale l'assessore alla Pubblica Istruzione Luca Masi, che ha ringraziato la Fondazione e l'Associazione Memoria '900 e rievocato una sua esperienza personale che da giovane lo vide approcciarsi ai testi di Campanile "intrisi di un messaggio profondo". "Sono particolarmente soddisfatto – ha continuato Masi – perché la città di Velletri inizia a colmare il suo debito nei confronti dello scrittore Campanile, che va degnamente onorato per quello che ha rappresentato nel panorama culturale italiano".

 

Tra i più attivi studiosi di Campanile proprio Silvio Moretti, referente insieme ad Angelo Cannatà del sito www.campanile.it, che è intervenuto per lodare il progetto e raccontare i suoi primi contatti con lo scrittore: "Abbiamo approfondito, io e Angelo, tantissimi aspetti anche grazie all'Archivio, Achille Campanile ci accolse bonariamente in casa sua quando da giovani volevamo mettere in scena una sua opera e volemmo chiedergli il permesso. L'ultima fatica è la raccolta di tabella e lettere disperse, che darà nuovi contributi alla ricerca. Sono certo che questa manifestazione sarà un punto di partenza e ci auguriamo che Campanile, autore per certi aspetti 'terapeutico' contro la tristezza, venga riscoperto dai giovani e da tutti gli italiani". Prima della chiusura, Gaetano Campanile ha chiamato il regista Enzo Toto a leggere alcuni passi tratti dal Diario di Gino Cornabò, per poi raccontare alcuni aneddoti interessanti. L'ultimo intervento è stato quello di Antonio Perelli, presidente della UILT, una realtà nazionale consolidata che vanta 840 compagnie affiliate ed oltre 15.000 iscritti. Perelli ha parlato della necessità di "dare una scossa, anche tramite la stampa, nella diffusione della cultura". "Si dice che con la cultura non si mangia – ha poi affermato – e contemporaneamente ascolto il presidente Mattarella che come arma contro la corruzione propone proprio la cultura. Senza entrare nelle polemiche – ha concluso Perelli – ribadisco che, da amanti della cultura, sposiamo in pieno il progetto della 'Campaniliana' e saremo al vostro fianco nella speranza di raggiungere grandissimi risultati". Il Direttore Claudio Micheli, nel salutare gli intervenuti, ha auspicato una maggiore attenzione da parte degli organi di stampa locali mostrandosi dispiaciuto per la scarsa affluenza di giornalisti e invitando tutti i cittadini a leggere, andare a teatro, seguire i concerti e le attività culturali per la crescita di una città come Velletri che ha grandi potenzialità. Una disamina lucida quella di Micheli, non priva di un pizzico di amarezza, riflessione che si spera verrà recepita diffusamente e in maniera corretta. Intanto la grande risposta di pubblico vista nella Sala degli Affreschi della Casa delle Culture conferma la validità del progetto della "Campaniliana", che ha tutti i mezzi per affermarsi nel panorama nazionale e ricordare uno scrittore brillante e da riscoprire. "La comicità è oggettiva, l'umorismo è soggettivo", diceva Campanile. Ma il progetto a lui dedicato si prospetta come un insieme di attività oggettivamente innovative e qualitativamente alto, nel segno della cultura con la "C" maiuscola.

Commenti

In evidenza

Anguillara Sabazia, Stronati: “La città necessita di un cambiamento. Questo non avviene da solo, tanto meno sui social network”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Enrico Stronati

A luglio dello scorso anno ho deciso di allontanarmi dai social network, stanco di leggere (troppe) inutili polemiche, annoiato dalle bufale, dai qualunquismi e dai post sciocchi scritti ad arte per mietere i like delle menti scialbe.

Ma é indubbio che essi siano strumenti potenti e diffusi, tant’è che ormai a loro é affidato il compito di disseminare informazioni, allarmi, sondaggi.

Obtorto collo, quindi, con essi ci si deve confrontare se si vuole diffondere la propria idea, la propria azienda, le proprie opinioni.

Vengono sovente chiamati “piazze virtuali” (Facebook in particolare).

E proprio nelle piazze, quelle fatte di mattoni, qualche anno fa, era possibile osservare gruppi di persone che confabulavano in vista delle elezioni.

Anche in quelle “virtuali” si assiste a discussioni, proposte, suggerimenti in vista delle prossime (imminenti?) elezioni.

Ma su queste piazze, poi, si raggiunge un accordo?

Si concretizzano le parole?

Si arriva a un compromesso?

Sfogliando le pagine dove si parla di Anguillara é un susseguirsi di proclami, di proposte, di consigli, di strategie. Esiste un vero e proprio “mondo parallelo” con precisi ruoli, cariche, disposizioni, condanne.

Ma c’è speranza che tutto il fervore e la passione con cui vengono discussi i temi caldi del paese, possano convergere in una proposta concreta?

C’è la possibilità di trasformare quel senso di attaccamento al paese “puro e vergine” in una offerta elettorale che possa chiudere con gli schemi stantii del passato che stanno affiorando giorno per giorno?

C’è qualcuno che voglia proporsi per dare un senso alla nostra piazza virtuale?

Perché sedersi davanti ad un monitor e una tastiera per comporre una formula verbale appassionata con cui dire la cosa giusta, é molto bello e macina “Mi piace” a raffica.

Ma a nulla serve. Anzi!

Se nessuno si assume la responsabilità di portare il buono della piazza virtuale nel mondo reale per amministrare applicando quanto professato e applaudito, direi che é persino deleterio. Perché instilla il dubbio che tutto il resto sia sbagliato (la pratica è meno affascinante della teoria perché non ha come alleato la fantasia).

Dunque, chi va oltre i “like”?

Chi va oltre il “sarebbe bello”?

Chi dimostra di non fare semplicemente teoria?

Chi esce dal digitale e si sporca le mani nel mondo reale?

Anguillara necessita di un cambiamento, questo non avviene da solo, tanto meno sui social network.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, Orciuoli: “Sicurezza e benessere per rilanciare la nostra Città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – “Il degrado di una città porta all’aumento dell’illegalità. L’incuria, la mancanza di manutenzione del verde, delle strade, dei nostri parchi pubblici, delle piazze è terreno fertile per la criminalità diffusa”. Con queste parole il candidato sindaco di Albano Matteo Mauro Orciuoli (Lega, Forza Italia, Area Democratica, Le Città) spiega l’ampio progetto che ha come obiettivo quello di rendere la città di Albano Laziale più sicura e farla ritornare il fiore all’occhiello dei Castelli Romani.

“L’assenza di controlli – prosegue – fa dilagare la delinquenza. Il commercio in ginocchio favorisce il malaffare. Tornare a prendersi di nuovo cura della città di Albano porta non solo ad aumentare la percezione di sicurezza ma a favorire una forte corazza che tutela ogni singolo cittadino, ogni giorno. Gli incentivi al commercio sono una soluzione. Rivoluzionare i servizi è un grande aiuto. Le frazioni più popolose della città da Pavona a Cecchina devono diventare il “centro” da cui ripartire. I residenti dell’intera città di Albano non devono più subire la totale mancanza di manutenzione, l’assenza di eventi culturali di spessore con un calendario di eventi tutto l’anno che garantisca visitatori ed eviti un deserto che diventa terreno fertile per far crescere delinquenza e abbandono. L’educazione alla sicurezza urbana è un progetto ad ampio spettro che intendiamo realizzare nell’ambito del rilancio di Albano Laziale. Ci vuole una formazione che coinvolga gli Amministratori Pubblici, i Comandanti e i Dirigenti delle Polizie Locali e tutti gli operatori del settore.

La prevenzione e la riduzione dell’illegalità che quotidianamente riempiono la cronaca dei giornali rappresentano uno degli obiettivi principali che gli amministratori locali si pongono nell’agenda politica ai quali, anche la normativa nazionale, ha riconosciuto finalmente il ruolo strategico all’interno delle politiche di sicurezza integrata.

Diffondere le informazioni, condividere esperienze, facilitare rapporti di cooperazione, sono temi che senza dubbio rappresentano uno degli elementi essenziali per lo sviluppo socio economico di una comunità.
Come migliorare il benessere delle proprie comunità? Aumentando i controlli, la vicinanza tra cittadini e pubblica sicurezza, il dialogo costruttivo attraverso un servizio di videosorveglianza che “vigili” nelle aree più dimenticate. Questo vogliamo per Albano perché Albano è più bella se ce ne prendiamo cura”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Genzano di Roma, elezioni: una grande coalizione per Michele Savini candidato sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GENZANO DI ROMA (RM) – Alle prossime elezioni amministrative di Genzano di Roma sarà candidato Michele Savini, già consigliere comunale nella scorsa legislatura con il Movimento Cittadino AttivaMente.

La candidatura civica di Savini sarà sostenuta da AttivaMente, di cui Savini è fondatore e presidente, e dalle due liste civiche che già lo hanno sostenuto nelle passate elezioni. Convergono nella coalizione anche la lista civica Barbaliscia, guidata da Maria Grazia Barbaliscia, lista con esperienza ventennale sul territorio, la Lega, guidata dal coordinatore comunale Rosario Neglia, che è stata protagonista alle scorse elezioni europee con sorprendenti percentuali nel paese, a seguire Forza Italia guidata da Antonio Rosati, da sempre impegnato in politica a Genzano.

“La coalizione – dichiarano tutti i coordinatori della coalizione in una nota congiunta – nasce con grande spirito di coesione e collaborazione per fornire una nuova classe dirigente e, con essa, amministrare Genzano in modo trasparente ed efficace per rilanciare, attraverso la buona Politica e la Cultura, il comparto economico e sociale valorizzando e promuovendo le risorse della nostra città e perseguire un miglioramento nel benessere personale e collettivo per un unico interesse: Genzano! Il mio invito di aggregazione lo estendo a tutte quelle forze politiche e civiche che credono nel progetto comune e non personalistico. La coalizione formata da civiche e partiti ha da subito appoggiato Michele Savini, riconoscendone l’umiltà, la competenza e il suo interesse volto a governare il paese con il cuore saldo in un passato eccellente e la testa rivolta al futuro che ci aspetta, mettendo al primo posto l’intera comunità genzanese, al di là dei colori politici.

Michele Savini nasce a Genzano di Roma il 29/08/1985, consegue la Laurea Magistrale in Scienze politiche all’Università La Sapienza di Roma nel 2014, dallo stesso anno inizia a lavorare come operatore ecologico a Genzano di Roma. È stato consigliere comunale da giugno 2016 a marzo 2019.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it