1

VETRALLA: IL VANGELO DELLA DOMENICA, PENSIERO DI DON LAMBERTO DI FRANCESCO: "E’CRISTIANO METTERSI A SERVIZIO, NON ESSERE SERVI".

di Gennaro Giardino
 
Vetralla (VT) – Il Parroco della chiesa SS. Filippo e Giacomo di Vetralla Don Lamberto Di Francesco invia un messaggio ai fedeli.
 
Ama per non avere paura. 
 
La paura rende servili. Essere servi e servili dona paura.
 
Gesù si è espresso con parole che diventavano azioni, e azioni che avvaloravano le parole. 
 
Nella Parola di Dio ce n’è abbastanza per chiudere la bocca ai farisei di tutti i tempi. Gesù non vuole intavolare discussioni vane; condanna il modo dì vivere la fede quando è sclerotizzato: vi regnano talmente numerose le virtù, che non c’è più posto per un gratuito atto d’amore. 
 
Amore:
 
per i cristiani,  agape:  amore, sacrificio, amore disinteressato, donazione gioiosa di sé che ama e accetta l’altro trasfigurandolo. 
 
Amare non abolisce l’obbedire ma lo rende filiale; non annulla il timore di Dio, ma gli toglie il carattere servile; non rende meno impegnativa la relazione con Dio, ma non sopporta una formulazione del verbo amare all’imperativo. 
 
per i pagani, eros:  desiderio dell’altro, nobile autoaffermazione determinata dalla bellezza e dal fascino dell’altro, 
 
L’amore non lo si esegue, lo si vive in una festa di libertà: 
 
                                                                          Sogni di Libertà.
 
Gesù, andando oltre l’Antico Testamento («ama il prossimo come te stesso»), afferma: «amatevi l’un l’altro come io vi ho amato».
 
La vita di una comunità che viva queste parole è contagiosa e diffonde il Vangelo.
 
 (In parte, a tratti, liberamente: da Lectio Divina S. Maria di Pulsano)
 
Preghiera
 
O Padre, donaci un cuore libero
 
Avvisi e una domanda:
 
“Ma il cuore chi lo educa?”. (Vescovo Lorenzo)
 
Semplificare il cuore dell’Uomo.
 
Se uno mi ama, osserverà la mia parola: non c’è bisogno che qualcuno lo comandi.
 
“Volere il Bene”, non “Volere bene”.
 
Facciamola finita di andare appresso ad un mondo di chiacchieroni.
 
 “Deus caritas est” (Benedetto XVI) 
 
1 Corinzi 13 (S. Paolo)
 
Salmo 17, «Ti amo, Signore, mia forza».