Connect with us

Primo piano

Violenza negli stadi, Salvini: “Sradicheremo i teppisti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si è tenuta presso la Scuola superiore di polizia a Roma la riunione dell’Osservatorio nazionale delle manifestazioni sportive dedicata alla violenza negli stadi, convocata dal ministro dell’interno Matteo Salvini d’intesa col sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega allo sport Giancarlo Giorgetti.

Oltre al vicepremier e al sottosegretario, partecipano all’incontro il sottosegretario all’Interno Nicola Molteni, il Capo della Polizia, Franco Gabrielli, i presidenti del Coni, Giovanni Malagò, della Figc, Gabriele Gravina, delle Leghe di Serie A, Serie B e Lega Pro, della nonché i presidenti delle Associazioni Italiane Calciatori, Arbitri, Allenatori, i Presidenti della Federazione Italiana Editori Giornali e dell’Ordine dei Giornalisti.

“Ogni settimana – ha detto Salvini al termine della riunione – ci sono 12 milioni di tifosi che seguono gli eventi sportivi e 6mila teppisti, da non confondere con i tifosi che sono il 99%. L’obiettivo è sradicare la violenza con ogni mezzo necessario”. Quanto alla sospensione delle partite in caso di cori offensivi, il ministro giudica il tema ‘scivoloso’: “Rischiamo di mettere in mano a pochi il destino di tanti. Io preferisco prevenire e non lasciare potere di ricatto ad una frangia minoritaria. E poi è difficile trovare criteri oggettivi per la decisione. Nel 2018 – ha ricordato il capo del Viminale – sono stati utilizzati 75mila agenti per garantire la sicurezza delle manifestazioni sportive. E’ giusto che i club contribuiscano alle spese, come prevede la legge sulla sicurezza e che quei 40 milioni di euro non gravino sui cittadini”. Salvini ha anche auspicato “Una nuova legge per consentire alle società di fare i propri stadi, con camere di sicurezza per mettere dentro i delinquenti”.

“Per la sicurezza dentro e fuori gli stadi – ha detto il sottosegretario Giancarlo Giorgetti – sono importanti la certezza delle pene, la rapidità dei giudizi, le aggravanti specifiche e le misure accessorie. Ecco quanto può fare lo Stato su questo fronte”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Politica

Nicola Zingaretti proclamato nuovo segretario: “Occorre un partito realmente democratico”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Nicola Zingaretti é stato proclamato segretario del Pddall’Assemblea nazionale a Roma. “Serve un nuovo partito, il nuovo Pd. Forse dovrà cambiare tutto”, ha detto Nicola Zingaretti nella sua relazione all’Assemblea nazionale del Pd a Roma. “Tornino ad essere i nostri circoli i luoghi dove gli altri fanno associazionismo – ha aggiunto -. No a filiere di potere che restringono il nostro rapporto con la realtà sociale del Paese”.

“Occorre un partito diverso – ha aggiunto -, più aperto, più inclusivo, realmente democratico”. Un partito che “sia capace di fare autocritica e che guardi alla sofferenza” della società. “Dobbiamo rimettere al centro la persona umana”, ha aggiunto, citando l’esempio dei giovani ecologisti. “Spalanchiamo le porte del nostro partito a questa nuova generazione, ai ragazzi come Greta, non abbiamo paura di coinvolgerli”, ha aggiunto Zingaretti.

“Negli ultimi 20 anni non abbiamo percepito che un becero liberismo ha ripreso le redini dello sviluppo: ci vuole più riformismo per affrontare il futuro, per migliorare la vita delle persone. E’ indispensabile rimettere al centro della nostra politica la giustizia sociale”, ha aggiunto, perché “la lotta alla povertà è la condizione per stare meglio tutti”.

Paolo Gentiloni è stato eletto presidente del Pd dall’Assemblea nazionale a Roma. Larghissima la maggioranza dei circa mille delegati a suo favore, nessun voto contrario, 86 gli astenuti.

Significativo l’imbocca al lupo di Matteo Renzi

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Ogni anno 1 milione e mezzo di vite salvate grazie ai motori di ricerca dei sintomi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Ogni aspetto della vita è ormai condizionato dall’uso di internet e non c’è evento che non sia degno di nota in rete. Questo è il motivo principale per il quale anche la salute è diventata oggetto di numerose ricerche e molte persone al presentarsi di un sintomo ricorrono al web prima di rivolgersi al medico. Del resto, la salute è uno degli aspetti basilari della vita e quindi è uno degli elementi che desta maggiori preoccupazioni quando si nota qualche anomalia. Infatti, rispetto ad una analisi effettuata da ISPO nel 2011 dalla quale emergeva che il 61% degli italiani includeva la salute tra le prime 3 cose più importanti nella vita, nel 2014 il dato è cresciuto fino ad arrivare all’80%. Mentre nel BES (Benessere Equo e Sostenibile) relativo al 2018 il fattore salute per la determinazione del benessere per gli italiani ha superato di gran lunga il 90%.

Sovente ci si trova perciò a ricercare sintomi e possibili cause, oltre alle cure, online e per questo risultano essere molto interessanti i diversi siti di sintomatologia medica che però scarseggiano in lingua italiana. Da questa esigenza degli utenti Thomas Lutz e Jama Nateqi hanno fondato il motore di ricerca Symptoma, un controllo dei sintomi. Nello specifico, si tratta di un vero e proprio search engine delle malattie con lo scopo di dare un’idea della diagnosi in maniera precoce.

Il British Medical Journal ha pubblicato, lo scorso 25 gennaio, le statistiche di sopravvivenza a diversi tipi di tumori in base alla precocità della diagnosi ed il risultato è che in molti casi la percentuale di sopravvivenza risulta essere più elevata se individuati al primo stadio. Thomas Lutz e Jama Nateqi ritengono che proprio grazie alla possibilità di autodiagnosticare una malattia in tempi ridottissimi semplicemente collegandosi ad un sito, 1 milione e mezzo di persone ogni anno possono essere salvate da patologie gravi e mortali.

Basta quindi collegarsi al sito di Symptoma, inserire i sintomi nell’apposito spazio e cercare tra i risultati le possibili cause in modo da poter eseguire un’autoanalisi sul proprio stato fisico. Si tratta altresì di un valido aiuto che non può e non vuole sostituire il parere medico, ma è in grado di indirizzare sulla giusta via l’utente. Non si tratta dei comuni blog nei quali ci si può confrontare con altri argonauti che hanno riscontrato sintomi uguali o simili, ma di un vero e proprio contenitore di informazioni mediche su sintomi e patologie dotato anche di chatbox per le consulenze personalizzate. È come avere un medico a portata di click e questo aspetto è sicuramente un punto vincente per la precisione della diagnosi in quanto consente di effettuare un’anamnesi accurata tenendo conto di diversi aspetti individuali.

Nell’era del digitale quindi ancora una volta la parola d’ordine è ‘informarsi’ e la salute non fa eccezione. E anche ad oggi molti italiani preferisce ancora rivolgersi al medico di famiglia come primo filtro nei confronti di una patologia, il trend dell’informazione preventiva online è in forte crescita anche grazie a siti di ricerca accurati e precisi.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Agricoltura, emergenza idrica. Dopo Emilia Romagna e laghi lombardi preoccupazione anche a nordest. Gargano: “Necessario aprire i cantieri previsti dal Piano Nazionale Invasi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Da anni i Consorzi di bonifica sono sensori dei cambiamenti climatici in atto, dovendone affrontare, anche in questi giorni, le conseguenze. Per ciò, aderiamo con convinzione al primo #climatestrike organizzato internazionalmente dai giovani, condividendo il preoccupato monito del Presidente della Repubblica: siamo sull’orlo di una crisi climatica globale. Siamo orgogliosi che il logo ANBI sia stato accettato dagli organizzatori fra i partner dell’iniziativa ed abbiamo invitato tutti i Consorzi di bonifica italiani a condividere, venerdì 15 Marzo (#FridayForFuture), con una significativa foto sui social, le motivazioni della protesta giovanile”. Questo quanto dichiarato da Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto a Palmanova ad un workshop sul futuro della Bonifica, organizzato nell’ambito di un’azione cofinanziata dalla Commissione Europea.

Dopo l’Emilia Romagna è, infatti, il Nordest a guardare con preoccupazione lo stato delle risorse idriche, considerando l’assenza di precipitazioni e lo scarso manto nevoso sulle montagne.

L’Osservatorio permanente sugli utilizzi idrici per il Distretto delle Alpi Orientali (competente sui bacini dell’Adige, del Brenta-Bacchiglione, del Piave e del Tagliamento), riunitosi a Trento con una settimana d’anticipo a causa della situazione in atto, indica come i dati relativi ai serbatoi nivali (neve) ed al livello nei laghi di montagna segnalino una situazione non ancora critica, ma che va seguita con grande attenzione.

Nello specifico, i manti nevosi sulle montagne del bacino del fiume Adige sono al 43% rispetto alla media del periodo; quelli del bacino Brenta Bacchiglione sono al 18% e quelli del Piave sono al 27%.

In Veneto, il lago di Pieve di Cadore è al 70% della sua capacità massima; il lago del Mis è al 62%, quello di Santa Croce è al 65%, mentre il bacino del Corlo è al 50%.

“Alla luce di questi dati – commenta Andrea Crestani, Direttore di Anbi Veneto – l’Autorità definisce l’attuale scenario come livello di severità idrica bassa, poichè la domanda d’acqua è soddisfatta (la stagione delle irrigazioni deve ancora iniziare), ma gli indicatori mostrano un trend sfavorevole con assenza di precipitazioni e temperature troppo elevate .”

“La vitale importanza dell’acqua trattenuta nei bacini – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale ANBI – è confermata anche dai dati del Friuli Venezia Giulia, dove la presenza delle riserve idriche dei laghi artificiali di Ravedis e Barcis garantisce una certa tranquillità. Per questo, ribadiamo la necessità di aprire i cantieri previsti dal Piano Nazionale Invasi, chiedendo al contempo il finanziamento di ulteriori progetti esecutivi, che i Consorzi di bonifica ed irrigazione hanno pronti. Diversa è la situazione nel bacino del fiume Isonzo, le cui caratteristiche idrologiche e la condizione transfrontaliera con la Slovenia sollecitano una sua infrastrutturazione per garantire disponibilità idrica costante alle campagne italiane.”

“La sfida – conclude il Presidente di ANBI – è tenere unito il Paese, anche nella gestione idrica, per non perdere la sfida della competitività nel settore agroalimentare, che vale 45 miliardi di export, l’86% del quale è irriguo, perché senza disponibilità d’acqua non c’è qualità agricola.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it