Connect with us

Viterbo

VITERBO, CONSIGLIO PROVINCIALE STRAORDINARIO SULL'ACQUA: TANTA ATTESA E NESSUNA RISPOSTA DALL'ASSESSORE REGIONALE FABIO REFRIGERI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Equitani: “Le risposte che attendevamo non sono arrivate”.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Viterbo – Usa l’ironia il vicepresidente della Provincia e assessore all’Ambiente Paolo Equitani per commentare l’esito del Consiglio provinciale straordinario e aperto del 17 ottobre, che ha visto la presenza dell’assessore regionale all’Ambiente Fabio Refrigeri. All’ordine del giorno c’era soltanto un punto in discussione, ossia la situazione del servizio idrico.

“L’ultima riunione della conferenza dei sindaci dell’Ato 1 Lazio Nord – ricorda Equitani – era stata sospesa proprio in previsione della venuta a Viterbo dell’assessore Refrigeri, dal quale contavamo di avere risposte precise in ordine ad alcune gravi criticità che i sindaci si trovano a dover affrontare. Un incontro quello di lunedì scorso che non possiamo non definire sterile e purtroppo inutile”.

Equitani poi passa ad elencare i nodi rimasti irrisolti. “Refrigeri – aggiunge – ci ha assicurato che entro il 31 dicembre sarà completata la realizzazione di tutti i dearsenificatori nei Comuni. Ci auguriamo di cuore che ciò avvenga, ma da una ricognizione effettuata sul territorio, abbiamo fondati timori che i tempi difficilmente potranno essere rispettati. Potrebbero non essere pochi i sindaci costretti, a far data dal primo gennaio 2015, ad emettere le ordinanze di non potabilità delle acque destinate al consumo umano.
Sull’aspetto prettamente finanziario, legato al futuro del sistema idrico integrato nella nostra provincia – prosegue ancora Equitani – Refrigeri ha impostato un discorso di carattere generale totalmente privo delle risposte che stavamo attendendo. Quale è l’impegno finanziario della Regione Lazio in favore dell’Ato? Quali investimenti si intendono realizzare? Come sarà gestito il servizio idrico nell’immediato futuro? Con la creazione di un Ato unico regionale come proposto dal presidente Zingaretti in un recente incontro a Viterbo, oppure dando forza alla Talete? Come saranno risolte le principali criticità del servizio idrico sul territorio con particolare riferimento alla drammatica situazione della depurazione del Lago di Bolsena e alla mancanza di impianti di depurazione in diverse decine di Comuni della Tuscia?”.

Il presidente della Provincia Marcello Meroi ha chiesto in particolare all’assessore Refrigeri chiarimenti in merito alle rassicurazioni fornite a lui e all’assessore Equitani nel corso di un incontro in Regione avvenuto il 30 luglio scorso. In quella sede Refrigeri aveva rassicurato presidente e assessore sulla volontà di intervenire in favore dell’Ato con un percorso  finanziario ben definito.

“L’assessore regionale – attacca ancora Equitani – ha risposto in maniera molto generica, confermando l’impegno assicurato ma senza entrare nei dettagli. Al territorio però non servivano rassicurazioni formali ma risposte sostanziali. Non è nemmeno lontanamente ipotizzabile che si possa continuare a far fronte alla debolezza strutturale di questo Ato gravando sulle tasche dei cittadini. Talete ha già deliberato un aumento in bolletta pari al 9% e la conferenza dei sindaci sarà presto chiamata a ratificare questa decisione. Come si può pensare che i sindaci possano votare un nuovo aumento della tariffa di fronte ad un quadro gestionale che continua a restare incerto e senza prospettive?”.

Il vicepresidente Equitani conclude dicendo: “Nonostante la delusione per la totale assenza di risposte da parte dell’assessore Refrigeri, il nostro atteggiamento resta improntato alla massima collaborazione ma – precisa – non possiamo più accettare da parte della Regione risposte evasive o generiche rassicurazioni non suffragate da adeguati interventi finanziari”.
 

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gallery

Civita Castellana, “Buongiorno Ceramica” fa il pieno: grande successo per la kermesse con Anna Fendi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print


CIVITA CASTELLANA (VT)
– Grande partecipazione e grande successo per la due giorni di eventi della kermesse nazionale “Buongiorno Ceramica”. Particolarmente coinvolgente è stato il discorso dell’ospite d’onore Anna Fendi, nota stilista e appassionata di ceramica, che ha catturato l’attenzione dei presenti e suscitato notevoli riflessioni. All’iniziativa, insieme alla direttrice del museo dell’Agro Falisco nel Forte Sangallo Sara De Angelis, hanno partecipato il sindaco Luca Giampieri, il vice sindaco Andrea Sebastiani, l’assessore alle attività produttive Massimiliano Carrisi e la consigliera comunale Giovanna Fortuna.

Durante la conferenza di apertura, Anna Fendi è stata premiata per il suo genio creativo e imprenditoriale con un’opera dai motivi cosmateschi. Un tributo speciale è stato destinato al maestro d’arte Franco Giorgi, (già sindaco e ambasciatore dell’associazione città di antica tradizione ceramica), mentre la storica Ceramica VARM ha ricevuto il riconoscimento annuale 2022 per la visione imprenditoriale del suo fondatore, Gastone Vitali, con toccanti testimonianze da parte dei figli Valentina e Daniele. L’evento, presentato da Maria Vittoria Patera e Tamara Patilli – rispettivamente direttore scientifico e responsabile del Museo della ceramica Casimiro Marcantoni – ha visto anche la partecipazione di Maria Anna De Lucia Brolli, già direttore del Museo nazionale etrusco di Villa Giulia a Roma e del Museo archeologico dell’Agro Falisco nel Forte Sangallo. De Lucia Brolli è intervenuta in merito al lavoro di ricostruzione storica da lei curato e dal titolo “Dai Falisci ai Borgia, un mondo da scoprire tra Arte e Imprenditoria”. A concludere l’evento è stato l’intervento sull’imprenditoria del XXI secolo del direttore generale del Centro Ceramica, Raffaella Cerica.

La manifestazione è poi proseguita per tutto il fine settimana con altre interessanti attività che hanno registrato anch’esse notevole gradimento. In particolare la mostra d’arte contemporanea di Jessica Pintaldi e Leonardo Cuccoli, “Tracciami” (visitabile fino al 29 maggio), allestita al Museo Marcantoni, con la performance dal titolo “La tua impronta nella mia” che ha coinvolto attivamente i visitatori, invitandoli a lasciare ciascuno la propria impronta sull’argilla fresca. Anche l’installazione fotografica dell’artista Leonarco Cuccoli ha rappresentato un’esperienza davvero originale. Infine, il workshop di Ceramica Astratta ha contribuito a promuovere l’arte contemporanea insieme alle visite guidate che hanno accompagnato i visitatori alla scoperta dei luoghi simbolo della ceramica e dei segreti del mestiere, tra museo Marcantoni, casa museo Giorgi nel centro storico, museo archeologico e botteghe artigiane.

Continua a leggere

Cronaca

Civita Castellana, usa la carta Postamat del reddito di cittadinanza per rifornire gli automobilisti al self service

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

58enne di Ronciglione denunciato per truffa

CIVITA CASTELLANA (VT) – Usa la carta Postamat dove riceve il reddito di cittadinanza per rifornire di carburante gli automobilisti al distributore self service. E’ accaduto a Civita Castellana in provincia di Viterbo dove i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, durante un servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso un cinquantottenne, residente a Ronciglione, mentre utilizzava la propria carta postamat, dedicata esclusivamente alla ricezione del reddito di cittadinanza, per effettuare rifornimenti ad altri automobilisti, facendosi poi consegnare il corrispettivo del carburante introdotto in contante.

L’uomo è stato deferito a piede libero per truffa e la carta Postamat è stata posta sotto sequestro.

Continua a leggere

Cronaca

Tarquinia, la Pro Loco e l’Airc in piazza per l’Azalea della ricerca

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Le mattine del 7 maggio, al civico 19 di via Giuseppe Garibaldi, e dell’8 maggio, a piazza Cavour

TARQUINIA (VT) – L’Azalea della Ricerca colora Tarquinia. Le mattine del 7 e dell’8 maggio i volontari della Pro loco Tarquinia e della Fondazione Airc per la ricerca sul cancro saranno in piazza per distribuire le piante con una donazione di 15 euro.

“Il 7 maggio saremmo nella nostra sede al civico 19 di via Giuseppe Garibaldi, mentre l’8 maggio, per la festa della mamma, allestiremo la postazione in piazza Cavour, di fronte a palazzo Vitelleschi – fanno sapere dalla Pro loco Tarquinia -. Abbiamo accolto con piacere l’invito dell’Airc di partecipare alla campagna di solidarietà. Siamo certi che i cittadini tarquiniesi sapranno rispondere con grande generosità”.

In 38 anni di vita l’Azalea della Ricerca è diventata il simbolo della festa della mamma. Un fiore speciale da regalare a tutte le donne e un prezioso alleato per la salute al femminile che ha permesso nel tempo di raccogliere oltre 280 milioni di euro. Questi fondi hanno consentito ai migliori scienziati oncologici di lavorare senza interruzioni, nel tentativo di diagnosticare più precocemente tutte le forme di cancro e di curare con maggiore efficacia tutte le pazienti.

Continua a leggere

I più letti