Connect with us

Viterbo

VITERBO, MEROI AL FIANCO DEI SINDACATI: “NO ALLA CHIUSURA DEL CENTRO COTTURA DI BELCOLLE”

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuto Secondo i sindacati con lo smantellamento del centro cottura si arriverebbe alla perdita di oltre il 50% dei posti di lavoro.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Viterbo – “Chiudere il centro cottura dell’ospedale di Belcolle e far arrivare ai ricoverati i pasti già preparati a Pomezia è una soluzione da evitare, al fine di garantire il mantenimento dei livelli occupazionali e la qualità dei cibi forniti negli ospedali della Tuscia”. Il presidente della Provincia Marcello Meroi conferma il sostegno della Provincia alla battaglia che i sindacati di categoria Filcam Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil stanno portando aventi in questi giorni per evitare la perdita di un servizio importante per l’Ausl di Viterbo e per l’intero territorio a causa dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni previste dalla spending review.  “La salute delle persone deve essere garantita a 360 gradi  e deve essere assicurata un’assistenza adeguata ai ricoverati  – prosegue Meroi –  Un’assistenza che va garantita anche attraverso la fornitura di un servizio mensa qualificato ed efficiente. Per questo invito la Regione Lazio  ad intervenire in tempi rapidi mettendo in atto tutte le azioni necessarie a garantire il proseguimento in loco delle attività da parte dell’azienda fornitrice”. Secondo i sindacati con lo smantellamento del centro cottura si arriverebbe alla perdita di oltre il 50% dei posti di lavoro. “Abbattere i costi e rinegoziare i contratti può anche essere accettabile in un momento di difficoltà economica, ma l’abbattimento dei costi e la necessità di risparmiare risorse, non può e non deve portare ad una variazione in senso negativo della qualità dei servizi. Questo è un principio di civiltà – conclude Meroi – che ci auguriamo non venga mai trascurato da chi è chiamato ad assumersi certe responsabilità”.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Bolsena, l’archivio storico comunale intitolato allo scomparso ricercatore Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

BOLSENA (VT) – L’archivio storico comunale di Bolsena è stato intitolato a Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio, ricercatore e ispettore onorario provinciale del Mibact, per il settore archivi e per l’archeologia, deceduto lo scorso 6 gennaio.

L’Amministrazione Comunale ha voluto intitolare la struttura, che ha sede a palazzo Monaldeschi, nel quartiere Castello, per il grande contributo culturale dato dallo studioso bolsenese alla città e alla Tuscia.

“La passione per la storia e per lo studio dei documenti dell’archivio comunale di Fabiano Tiziano Fagliari Zeni Buchicchio ha permesso di recuperare e valorizzare uno straordinario patrimonio, nonchè di metterlo a disposizione della comunità – dichiara il sindaco Paolo Dottarelli -. Per questo motivo, come Amministrazione Comunale, a seguito della delibera di giunta numero 27 del 12 febbraio 2021 e alla successiva autorizzazione della Prefettura di Viterbo, abbiamo voluto dedicargli l’archivio storico. Un atto non solo dovuto ma profondamente sentito”.

“Continuiamo a portare avanti il suo progetto di valorizzazione dell’archivio – afferma l’assessore alla cultura Raffaella Bruti -, sostenendo regolari azioni di ordinamento e interventi di restauro e, dalla primavera 2021, con l’accreditamento all’Organizzazione Archivistica Regionale, che ha permesso di fissare un’apertura settimanale al pubblico (ogni mercoledì dalle ore 9,30 alle ore 12.30) e di usufruire di finanziamenti mirati alla tutela della struttura. Avremmo voluto rendere nota l’intitolazione con una cerimonia ufficiale. La pandemia ancora in corso ci costringe a rimandarla ma ci auguriamo di realizzarla al più presto. Rivolgo, a nome mio e dell’Amministrazione Comunale, un pensiero alla moglie, la signora Giovanna, con la quale è stato condiviso questo percorso, che si inserisce in un progetto più ampio finalizzato alla conoscenza e alla promozione della storia e della cultura del nostro territorio, attraverso i tre istituti di museo, biblioteca e archivio”.

Continua a leggere

Cronaca

Vetralla, padre accoltella a morte il figlio di 10 anni: aveva il divieto di avvicinamento

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

È stato arrestato il padre di Mattias, il bimbo di 10 anni ucciso nel pomeriggio a Cura di Vetralla, in provincia di Viterbo. L’uomo era stato trovato in una stanza dell’abitazione in stato di incoscienza, aveva il divieto di avvicinamento.

L’uomo, un 44enne polacco, aveva un divieto di avvicinamento alla famiglia e fino a ieri mattina era ricoverato a Roma per Covid.  Mattias è stato ucciso con una coltellata alla gola. Ieri pomeriggio quando la madre è rientrata a casa, convinta di trovare il figlio da solo nell’appartamento, lo ha invece trovato agonizzante. A sferrargli la coltellata si ipotizza possa essere stato il padre, poi trovato in un’altra stanza in stato di incoscienza. Si attendono i risultati degli esami tossicologici per stabilire se l’uomo abbia assunto qualche sostanza, visto lo stato di confusione e incoscienza nel quale è stato trovato. la madre sarebbe ancora sotto shock. Rimane da chiarire la dinamica dell’accaduto. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri.  “Da quando faccio il sindaco non ho mai vissuto una cosa del genere e non avrei mai voluta viverla”. Ha dichiarato il sindaco di Vetralla, Sandrino Aquilani. Oggi a Vetralla sarà lutto cittadino .

Continua a leggere

Castelli Romani

Grottaferrata, tutto pronto per l’appuntamento con la filiera del turismo organizzato laziale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Dal 23 al 25 novembre al Park Hotel Villa Ferrata il secondo congresso di Fiavet Lazio

GROTTAFERRATA (RM) – Fiavet Lazio, l’Associazione Regionale delle Agenzie di Viaggi e Turismo, ha indetto dal 23 al 25 novembre, presso il “Park Hotel Villa Ferrata” di Grottaferrata (Roma), il suo secondo Congresso che vedrà impegnati tutti i rappresentanti della filiera del turismo organizzato laziale.

Oltre a festeggiare i 60 anni di Fiavet Lazio, il Congresso sarà l’occasione per confrontarsi sul futuro e quindi sugli strumenti da mettere in campo per superare la gravissima crisi che ha colpito il settore nel periodo della pandemia Covid 19.

Gli interventi dei consulenti Fiavet Lazio ed i percorsi formativi attuati rappresenteranno una spinta a porsi delle domande, mentre la presenza delle Istituzioni darà il giusto valore agli incontri per dialogare su Incoming, Outgoing, Rapporti con gli Enti locali, Abusivismo, Innovazione, Nuovi Trend, Giovani Agenti di Viaggio e Meeting Industry, 

La sfida sarà quella di costituire un fronte comune dopo i due difficili anni appena trascorsi, con rinnovato impegno e stima reciproca.

Il “Congresso ‘60”, indetto dalla Presidenza dell’Associazione con il sostegno di Fiavet Nazionale, è patrocinato dalla Regione Lazio e dal Comune di Grottaferrata con la collaborazione del Park Hotel Villa Ferrata e del COTAV. Tra i molti sponsor si segnalano, tra gli altri, l’EBTL (Ente Bilaterale Turismo della Regione Lazio), Business & Tourism Insurance Service, Confcommercio, Traiconet, Saltech+, Vignaioli Grottaferrata, Ferratese Parfums, Gruppo Archeologico Latino “Bruno Martellotta” onlus, 38 Incoming, Young Tour, Park Hotel Villa Grazioli, Carrani, Fondo Fogar, Schiaffini, Unaprol – Consorzio Olivicolo Italiano (Coldiretti), Lazio Innova, Convention Bureau Roma e Lazio. Media Partner dell’evento sarà TTG Italia.

“Siamo estremamente felici di poterci ritrovare dal vivo dopo un anno di webinar dietro agli schermi, dichiara il presidente della Fiavet Lazio Stefano Corbari. In questi ultimi ormai quasi due anni di pandemia, di dolore, di emergenza tutti noi abbiamo dovuto affrontare sfide che non avremmo mai pensato di dover nemmeno immaginare, ci siamo aggrappati al nostro lavoro, alla nostra passione nell’attesa di poter ricominciare la nostra attività. Questo appuntamento, oltre che a festeggiare i 60 anni della nostra associazione, sarà l’occasione per confrontarsi ma anche per gettare le basi per un futuro di sfide, di innovazione e di sempre maggiore professionalità”.

Stefano Corbari presidente Fiavet Lazio

L’importanza dei temi, la presenza di autorevoli esponenti delle istituzioni, il desiderio di ricominciare, la determinazione degli operatori rappresenteranno l’essenza di un evento, tra i primi ad effettuarsi in presenza, per tracciare una nuova strada che dovrà aiutare il settore ad uscire dall’impasse di quest’ultimo periodo.

Continua a leggere

I più letti