Connect with us

Calcio

Vivace Furlani Grottaferrata (calcio, I cat.), Tiberi: “Fuga? E’ troppo presto, il campionato è lungo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Grottaferrata (Rm) – Primo successo del 2020 per la Prima categoria della Vivace Furlani Grottaferrata. Dopo due pareggi consecutivi (che si sono aggiunti a quello pre-natalizio contro il Nettuno), la formazione castellana ha vinto domenica scorsa con uno squillante 4-1 contro il Tor de’ Cenci e si è laureata campione d’inverno. Una gara in cui, oltre al “solito” Fanasca (autore di una doppietta con una delle due reti realizzata su calcio di rigore), c’è stato il pesante contributo dell’attaccante classe 1995 Simone Tiberi, anche lui autore di due sigilli personali che gli hanno consentito di raddoppiare in un colpo solo il suo bottino stagionale personale. “Abbiamo iniziato bene il primo tempo andando sul doppio vantaggio, poi ci siamo un po’ rilassati come a volte ci succede contro determinati avversari e gli ospiti hanno accorciato le distanze su una punizione poco prima dell’intervallo. Nella ripresa, però, abbiamo rialzato i ritmi e segnato subito il terzo gol e poco dopo anche il quarto”. Grazie a questi tre punti la Vivace Furlani Grottaferrata mantiene cinque punti di vantaggio sul Città di Pomezia secondo, ma allunga sia sul Nettuno che sulla Virtus Divino Amore che hanno perso contro le due squadre di Velletri: “Se sono tagliate fuori? E’ troppo presto per dirlo, siamo appena alla fine del girone d’andata e ci sono tanti punti a disposizione: questo campionato è lungo e insidioso, noi dobbiamo pensare a noi stessi e provare a tenere i ritmi di questa prima parte di stagione”. Nel prossimo turno la Vivace Furlani Grottaferrata ospiterà proprio la Vjs Velletri: “Hanno appena vinto contro la Virtus Divino Amore e l’hanno agganciata al quarto posto: sono una squadra ben attrezzata – avverte Tiberi – E’ uno scontro al vertice e sappiamo bene che ci sarà da sudare, poi penseremo alla Coppa Lazio”. Mercoledì 29 gennaio, infatti, c’è la sfida di ritorno dei quarti di finale con l’Atletico Pofi: “Abbiamo perso 2-1 all’andata rimediando la prima sconfitta stagionale, ma abbiamo l’opportunità di ribaltare quel risultato sul nostro campo e siamo fiduciosi di poterlo fare”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Football Club Frascati (I cat.), ecco altri quattro annunci. Fioranelli: “Ora forse una ciliegina…”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – E’ quasi ultimato l’organico della prima squadra del Football Club Frascati che debutterà (a metà ottobre?) nel nuovo campionato di Prima categoria. Dopo aver annunciato l’accordo coi centrocampisti Emiliano Bongars e Luca Ferraro e con l’attaccante Alessio Casafina, la società tuscolana (grazie al lavoro del responsabile tecnico Andrea Mari e del direttore sportivo Fabio Stella) ufficializza altri quattro colpi: si tratta degli attaccanti Andrea Ferri e Daniele Crisari (rispettivamente ex Real Velletri e Vivace Grottaferrata), del giovane portiere Riccardo Desai (ex Santa Maria delle Mole) e dell’esterno Alessandro Giampietro (anche lui proveniente dal Real Velletri). Nuovi innesti che fanno il paio coi tanti confermati del vecchio gruppo e che regalano al confermatissimo mister Mauro Fioranelli una rosa di tutto rispetto: “Sono ragazzi molto validi che conosco molto bene e che in passato hanno fatto la Promozione con me – spiega l’allenatore frascatano – Abbiamo puntato su di loro non solo per le qualità tecniche, ma anche per lo spessore umano, la serietà nel lavoro infrasettimanale e per la capacità di saper fare gruppo”. Il Football Club Frascati è pronto a dare battaglia anche nel nuovo campionato: “Sarà la mia prima volta in Prima categoria, ma già immagino che sarà un torneo molto complicato. Basta sentire i nomi dei rinforzi delle squadre del nostro territorio e le ambizioni delle varie Canarini Rocca di Papa, Atletico Monteporzio, Colonna, Marino, San Cesareo, Borghesiana e altre ancora. Ci toccherà indubbiamente un girone di ferro e, essendo una matricola, dovremo scendere in campo ogni domenica con la massima determinazione. L’obiettivo? Al momento è presto per parlarne, ma cercheremo di fare bene”. Tornando a ragionare di mercato, Fioranelli parla di quello che il Football Club Frascati dovrà ancora fare in questo mese che precede l’inizio della preparazione: “L’organico è quasi definito considerando i tanti confermati del vecchio gruppo. Qualcuno ci ha lasciato per l’impegno degli allenamenti settimanali che sono aumentati a tre o per altri motivi, ma possiamo contare su una rosa sicuramente competitiva a cui nei prossimi giorni potremmo aggiungere anche una ciliegina…”.

Continua a leggere

Calcio

Asd Grottaferrata calcio a 5 (serie C2), la dinastia Checchi continua! Ecco Adriano: “L’avevo promesso a papà”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Grottaferrata (Rm) – L’Asd Grottaferrata calcio a 5 ha annunciato nelle scorse ore un colpo di mercato molto particolare. La società del presidente Manuel Masi ha aggiunto alla rosa della prima squadra Adriano Checchi, il figlio del compianto Ivano a cui il club aveva affidato la guida tecnica prima della scomparsa dell’amato allenatore nello scorso mese di giugno. “Per me essere qui è come un segno del destino” dice con evidente commozione l’universale classe 2000 proveniente dal Castel Fontana con cui ha giocato la prima stagione “tra i grandi” in serie C1 dopo aver fatto esperienze giovanili importanti alla Cioli. “Non potevo che accettare la proposta del Grottaferrata, l’avevo promesso a papà poco prima della sua scomparsa” rivela il giovane giocatore che poi parla del suo rapporto con Ivano. “L’ho seguito sempre nelle sue esperienze nel mondo del calcio a 5, fin da quando lui allenava la Loreti ed io ero davvero piccolo. Io giocavo a calcio, ma da quattro anni mi aveva convinto a cominciare a provare nel futsal: ovviamente avevamo un grande legame”. L’arrivo di Checchi junior al Grottaferrata è dovuto anche alla presenza di altre persone: “Il direttore generale Alessio Passerini, mister Simone Piscedda e il suo vice Mirko Ragonesi mi conoscono molto bene e per me giocare in questa società sarà come frequentare una seconda casa. La categoria non è certamente un problema anche perché il Grottaferrata è un club molto ambizioso e ha allestito una rosa piena di ottimi giocatori da cui “rubare qualche segreto” e imparare. D’altronde proprio mio padre aveva manifestato grande entusiasmo nel progetto di questa società e mi aveva convinto a sposarlo in questa stagione. Speriamo di fare un’annata importante per commemorarlo al meglio”.
A spendere due parole sull’arrivo di Adriano al Grottaferrata è il vice di Piscedda, Mirko Ragonesi: “Con Ivano ci conoscevamo da tantissimo tempo tanto che lui era stato un giocatore di mio padre e io successivamente sono diventato un suo giocatore e il suo vice. Una persona squisita e di grandissimo spessore con cui avevo condiviso la mia ultima recente esperienza nel mondo del calcio a 5 prima della nascita di mia figlia. A nome della società, voglio dare il benvenuto ad Adriano: un giovane promettente con indiscutibili valori umani e sportivi, siamo sicuri che questa sua scelta di cuore renderà orgoglioso sia il papà Ivano che la famiglia, oltre che noi tutti”. La chiusura del vice di Piscedda è dedicata al progetto del Grottaferrata: “Questa è una società molto ambiziosa e ci sono tutti i presupposti per fare bene: cercheremo di fare una grande stagione per dare anche una soddisfazione a Ivano che ci guarderà da lassù…”.

Continua a leggere

Calcio

Uln Consalvo (calcio), già pronti i nuovi programmi per agonistica e Scuola calcio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Il Consalvo è già pronto a ripartire. La società capitolina, cara al presidente Umberto Consalvo, ha già le idee chiare in vista della prima stagione post-Covid. A gestire i gruppi giovanili saranno ancora i responsabili Paolo Schiavi (che si occuperà più direttamente di agonistica) e Armando Ciarrocchi (che “curerà” maggiormente il settore di base), i quali saranno come sempre in stretto contatto per ogni tipo di decisione. Per ciò che concerne i gruppi maggiori, il Consalvo ha già praticamente definito lo staff tecnico: l’Under 19 sarà guidata da Giuseppe Centrone che già aveva in carico l’Under 17 nella scorsa stagione e che dunque continuerà a seguire il percorso di crescita di questi ragazzi. Medesimo discorso per la “nuova” Under 17 provinciale che continuerà ad essere allenata da Emilio Carnevale. Ci sarebbe poi il gruppo Under 16 regionale che al momento è in “stand by”: l’anno scorso il Consalvo non aveva contato sui 2005 e quindi il club sta valutando se si potrà allestire una squadra all’altezza della categoria. Infine saranno regolarmente ai nastri di partenza sia l’Under 15 provinciale che l’Under 14 (che potrebbe essere ripescata tra i regionali): nel primo caso l’allenatore sarà ancora Emanuele Aiuto (che aveva i 2006 già l’anno scorso), nel secondo il Consalvo sta pensando a un paio di allenatori che già fanno parte dello staff tecnico capitolino. Per quanto concerne la Scuola calcio, le attività riprenderanno dal primo settembre prossimo come specifica Ciarrocchi: “Stiamo organizzando più giorni di “open days” per dare la possibilità alle famiglie e ai ragazzi di testare il nostro club. In ogni caso siamo convinti di coprire anche quest’anno tutte le categorie del settore di base. Inoltre andrà avanti il rapporto di affiliazione con la Spal: siamo orgogliosi che il nostro centro sportivo sia un punto di riferimento nel Lazio per il club emiliano. A tal proposito, vorremmo portare qualche nostro gruppo al torneo delle affiliate Spal che si terrà a Ferrara a fine settembre”. Inoltre lo staff dell’agonistica sarà completato dalla presenza di un preparatore atletico e di uno dei portieri, mentre quello della Scuola calcio potrà contare sul contributo di alcuni laureati Isef per rendere ancor più professionale il lavoro fatto al Consalvo. Nel frattempo, la società ha “tenuto vivo” il suo centro sportivo tramite l’organizzazione (come sempre apprezzata) dei centri estivi che hanno pienamente superato “l’esame” delle rigide disposizioni governative in tema di sicurezza anti-Covid.

Continua a leggere

I più letti