Connect with us

Sport

Volley A3m: Maury’s Com Cavi Tuscania all’esordio in casa con Sabaudia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Tutto pronto al Palasport di Montefiascone per l’esordio domani pomeriggio della Maury’s Com Cavi Tuscania nella gara inaugurale del girone blu della serie A3 Credem Banca che la vedrà opposta alla
Gestioni&Soluzioni Sabaudia.

Dopo un precampionato sicuramente soddisfacente, ora per capitan De Paola e compagni è arrivato il momento di iniziare da subito a inanellare vittorie per arrivare quanto prima a raggiungere l’obiettivo minimo, ovvero la qualificazione ai play-off promozione.

“Sabaudia è una buona squadra e per noi è l’esordio in casa a Montefiascone -è il commento ci coach Paolo Tofoli. Il loro giocatore di punta è senz’altro l’opposto Jacob Link, mancino, che bisognerà controllare bene. Anche i due martelli, Marco Lucarelli e Francesco Astarita sono buoni. Come tutte le partite dobbiamo mettere la massima attenzione e cercare di iniziare bene da subito. Dobbiamo affrontare una partita alla volta cercando di vincere il più possibile: io ci credo, siamo una bella squadra e quest’anno possiamo toglierci delle belle soddisfazioni”.

Dall’altra parte della rete Gabriele Tognoni, lo scorso anno in maglia bianco azzurra.

Questa la probabile formazione degli ospiti: Schettino al palleggio con Link opposto, bande Lucarelli e Astarita, centrali Frumuselu e Tognoni, libero Fortunato.

A dirigere l’incontro i signori Alessandro Oranelli e Vincenzo Carcione. Fischio di inizio alle ore 18.

Diretta Legavolley.tv e canali social Tuscania Volley.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Pace stende il Castelfidardo: “Ripresi i punti di Sant’Elpidio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – La Cynthialbalonga vince la sua seconda gara interna stagionale (su due disputate) battendo il Castelfidardo per 1-0. Ma la gara è stata davvero tirata con gli ospiti marchigiani (che avevano appena fermato il Campobasso) abili nella fase difensiva e con i castellani non ispiratissimi dal punto di vista delle soluzioni offensive. A risolvere la sfida è stato l’esterno sinistro difensivo classe 1999 Federico Pace, bravo a smarcarsi in area su una perfetta verticalizzazione di capitan Angelilli quando mancavano poco più di quindici minuti al 90esimo. “E’ un gol pesante, ci tenevamo a vincere questa partita. Dopo aver sciupato parecchio nella gara della settimana precedente sul campo dell’Atletico Sant’Elpidio (dove è uscito un pareggio per gli azzurri, ndr), diciamo che ci siamo ripresi quei punti pur senza dominare l’incontro col Castelfidardo”. Decisiva nel finale anche una spettacolare parata di Santilli, ma è stato molto significativo anche l’abbraccio di Pace con Venturi dopo la rete: “Il mister mi conosce da tre anni, c’è un rapporto di forte stima tra di noi, anche se lui mi “sprona” spesso in mezzo al campo – sorride il difensore – Comunque, oltre ad essere un ottimo tecnico, è un grande motivatore e questo spinge la squadra a fare quel qualcosa in più”. La classifica del girone F è ancora molto intricata: non c’è nessuna squadra a punteggio pieno, ma ce ne sono tre in vetta a 10 punti (Campobasso, Notaresco e Recanatese), poi il Castelnuovo a 9, il Tolentino a 8 e l’accoppiata Vastogirardi-Cynthialbalonga a 7. “Non so se vinceremo questo campionato – riprende Pace – Ma di sicuro questa è una squadra allestita per stare ai vertici della classifica: siamo assolutamente convinti dei nostri mezzi e lavoriamo tanto per essere protagonisti”. Nonostante diverse sirene estive, Pace ha deciso di proseguire il suo rapporto con la Cynthialbalonga: “L’unico dubbio che ho avuto, in realtà, ha riguardato la possibilità di fare un salto di categoria. Ma rimanendo in serie D, non c’era alcuna incertezza sulla mia permanenza qui: sto bene, la società è seria ed organizzata e l’ambiente è giusto per poter fare bene”.



Continua a leggere

Calcio

Polisportiva Bellegra (calcio, Promozione), De Santis: “Il campionato è appena iniziato…”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Bellegra (Rm) – La Promozione della Polisportiva Bellegra non è riuscita a centrare un risultato positivo nemmeno al terzo tentativo ufficiale. Dopo le sconfitte di misura con Vis Subiaco (in Coppa Italia) e Setteville (nella prima di campionato) e dopo aver saltato la sfida col Bi.Ti. Marino per via di alcune problematiche legate al Covid dei castellani, la formazione di mister Vinicio Quaresima ha ceduto per 4-1 tra le mura amiche contro il blasonato Atletico Torrenova. Ma il risultato non deve ingannare perché i padroni di casa sono stati in partita almeno un tempo come testimonia il centrocampista classe 1986 Paolo De Santis. “Abbiamo giocato quaranta minuti di altissimo livello contro una delle squadre favorite per la vittoria finale. Siamo andati in vantaggio con un gol di Titocci, ma a cinque minuti dall’intervallo abbiamo avuto un calo di attenzione e gli ospiti sono stati micidiali con un uno-due terrificante. Siamo rientrati in campo dopo il riposo con l’idea di tenere il risultato in bilico il più a lungo possibile, invece a inizio ripresa è arrivato il 3-1 che ha praticamente fiaccato le nostre speranze”. Il mediano, al quinto anno di militanza nella Polisportiva Bellegra, parla delle prospettive stagionali della squadra: “Ci sono tutte le potenzialità per centrare una salvezza diretta o quantomeno di giocare un play out in casa. Ma è chiaro che dobbiamo cominciare a muovere la classifica, anche per darci una spinta dal punto di vista del morale. La squadra, comunque, è serena e soprattutto si è già formato un buono spirito di squadra tra vecchi e nuovi elementi”. Domenica la Polisportiva Bellegra sarà di scena sul campo dell’Almas che ha collezionato cinque punti nelle tre gare di campionato disputate: “E’ una squadra di grande tradizione che merita rispetto e tra l’altro finora è imbattuta. Ma noi cercheremo di giocarci le nostre carte, magari provando ad essere più continui a livello di prestazione nel corso dei novanta minuti”.



Continua a leggere

Sport

Frascati Scherma, ecco il 12esimo scudetto: “Dedicato a Gaetano Frezza e Roberto D’Alessio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Il Frascati Scherma è ancora una volta campione d’Italia. Nelle scorse ore la Federazione Italiana Scherma ha reso note le classifiche dei punteggi acquisiti nelle gare di tutte le categorie (dagli Assoluti alle categorie giovanili, dai Master ai paralimpici) e ha assegnato lo scudetto per club (militari e civili) riferito alla tormentata stagione 2019-20, “mozzata” sul più bello dal blocco per il Coronavirus. Per il club tuscolano è stato il dodicesimo trionfo della storia, il quinto consecutivo di un ultimo periodo di “vita” davvero eccezionale.
«Ci tenevo molto a questa vittoria per dedicarla a Gaetano Frezza – dice il presidente Paolo Molinari – Questa è una nuova stellina da abbinare al percorso fatto con lui. Mi hanno fatto piacere i commenti del sindaco Mastrosanti e dell’assessore allo sport Marziale che hanno sottolineato il lato umano che è un punto di forza del nostro club. Obiettivi per il futuro? Vorrei centrare un record personale e cioè mi piacerebbe battere il mio predecessore Roberto Buccione che ha vinto sette scudetti sotto la sua gestione e quindi ne vorrei vincere almeno otto per diventare il presidente più titolato della storia del Frascati Scherma – dice con un sorriso Molinari – Ora, mentre stiamo studiando una grafica celebrativa per il 12esimo titolo, aspettiamo con ansia il ritorno alle attività ufficiali: la nuova stagione avrà un inizio monco, le gare internazionali partiranno solo dal 2021 e ora sono state messe in discussione anche le gare regionali, vedremo se il Comitato regionale deciderà di farci fare almeno dei mini allenamenti congiunti”.
Felice anche il vice presidente Massimo Tocci: “Non era scontato la vittoria di questo dodicesimo titolo tricolore per club, c’è stata la variabile “impazzita” del Coronovirus che ha mutilato la stagione, comunque abbiamo vinto con merito anche se solo di 170 punti e sarebbe stato un peccato non riuscire ad acciuffare questo scudetto. Speriamo che la striscia continui per lo sforzo che stiamo producendo e ci auguriamo che il presidente faccia un atto di grande generosità così da festeggiare al meglio questo titolo – sorride Tocci che poi ricorda la figura di Frezza – Gaetano l’avrebbe commentato con una smorfia da burlone e da vero frascatano com’era, facendoci sorridere per il suo modo scanzonato di vivere i momenti belli e quelli più complicati”.
Anche il responsabile marketing Marco Capodicasa ha sottolineato un curioso dato statistico: “Per me è la quinta stagione da dirigente, quindi non conosco la non vittoria e lo stesso identico discorso lo può fare anche lo sponsor tecnico Macron – sorride – E’ molto più semplice gestire il marketing quando c’è un così corposo numero di atleti di grande livello, ma anche tanti giovani e giovanissimi che hanno conquistato dei risultati di rilievo, oltre a tecnici di altissimo spessore. La festa più importante l’abbiamo fatta per il titolo della “stella” (il decimo, ndr), poi comunque anche la situazione generale ci consiglia di non fare cose eclatanti in questo momento. Oltre alla partnership con Macron, consolidata con la vendita di abbigliamento “dedicato” e firmato Frascati Scherma, dal punto di vista delle aziende che ci sostengono abbiamo registrato recentemente l’ingresso di Decathlon tra i nostri partner Gold: grazie a questo accordo tutti gli atleti e i soci potranno avere scontistiche particolari e prodotti dedicati presso la nota azienda”.
Tutte queste vittorie potrebbero rendere il Frascati Scherma meno simpatico… “Nei nostri confronti non c’è invidia, ma apprezzamento” risponde Capodicasa. “Siamo sempre ospitali ed estremamente sportivi anche in situazioni negative, non siamo antipatici e non credo che lo diventeremo” aggiunge Tocci. La chiosa di Molinari guarda al futuro: “Probabilmente se continueremo a vincere, diventeremo antipatici ed esserlo un po’ per questi motivi sinceramente non ci dispiacerà…”.



Continua a leggere

I più letti