Connect with us

Roma

VOLLEY CLUB FRASCATI, UNDER 20 FEMMINILE “SOLO” VICE-CAMPIONE REGIONALE. SCAFATI: «MERITO AL DIVINO AMORE»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Frascati (Rm) – Finali stregate per il Volley Club Frascati. Due domeniche fa la serie C maschile di coach Franco D'Alessio, in quel di Frosinone, aveva ceduto al tie-break contro il Ferentino nella gara decisiva per la promozione nel campionato nazionale di serie B2. L'altro ieri, invece, è stata la volta dell'Under 20 femminile di coach Claudio Scafati che si è arresa per 3-1 al Divino Amore nell'atto conclusivo del campionato regionale di categoria disputato presso la palestra della scuola “Cesare Battisti” di Velletri. «Innanzittutto va dato atto al Divino Amore di aver fatto una partita ordinata e convincente, vincendo con pieno merito – sottolinea il tecnico con la consueta sportività -. Noi abbiamo sbagliato completamente il primo set, perso in malo modo con tanti errori commessi. Nel secondo abbiamo avuto una reazione, ma ci è mancato il “guizzo” finale, mentre nel terzo siamo finalmente entrati in partita e abbiamo portato a casa il parziale. Nel quarto, però, abbiamo ripreso a giocare in maniera imprecisa e così il Divino Amore ha chiuso il match». Qualche attenuante, comunque, l'Under 20 femminile frascatana ce l'ha. «Abbiamo perso una giocatrice importante come la Angradi nel periodo decisivo della stagione – rimarca Scafati – e il fatto di avere tre ragazze in prestito non ci ha permesso di allenarci assieme praticamente mai. Rimane comunque la soddisfazione di aver conquistato una finale regionale che, tra l'altro, è la terza nelle ultime tre stagioni (con un bilancio di una vittoria e due sconfitte consecutive, ndr). Qualcosa abbiamo costruito, poi in una gara unica può accadere di tutto».
Con la sconfitta dell'Under 20 si è chiusa la stagione ufficiale del Volley Club Frascati anche se tanti gruppi continueranno ad allenarsi fino a fine mese anche per dare l'opportunità ai vari tecnici di osservare da vicino eventuali nuovi innesti in vista della prossima stagione.

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Grottaferrata, focolaio in un istituto di suore: 4 morti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Un grosso focolaio è stato trovato all’interno della struttura religiosa di Grottaferrata “Povere Figlie della Visitazione di Maria”. Su 39 ospiti totali ci sono 25 positivi e 13 ospedalizzati da qualche giorno, 6 suore positive su un totale 7 e 4 morti di cui 2 ospiti anziani deceduti in ospedale, 1 suora e un’ospite deceduti nella struttura.

“Siamo a conoscenza del nuovo cluster sviluppatosi all’interno della struttura religiosa delle Figlie della Visitazione di Maria” dichiara il sindaco Andreotti. “Assieme a Protezione Civile e Croce Rossa abbiamo già attivato tutti i canali necessari per rifornire la struttura in sicurezza di alimenti e beni di prima necessità. La struttura è isolata e grazie alla collaborazione dei Carabinieri, come già accaduto nella scorsa primavera in situazioni simili, si fa in modo che estranei restino a dovuta distanza”.

“Alle famiglie degli anziani defunti, così come alla congregazione religiosa rinnovo la massima vicinanza e affetto in un momento di particolare difficoltà in cui come rappresentanti dell’Amministrazione comunale stiamo percorrendo tutte le strade necessarie a garantire una vicinanza solidale e viva da parte delle istituzioni del territorio”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Roma

Roma, con l’auto rubata il 13 gennaio scorso ingaggia un inseguimento con i carabinieri: in manette un 42enne romano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno sottoposto a fermo di P.G. un 42enne romano, già conosciuto alle forze dell’ordine, con l’accusa di rapina.

I militari lo hanno incrociato alla guida di una Ford Fiesta, in via Tiburtina all’angolo con via Casale di San Basilio e alla loro vista, ha tentato una brusca manovra evasiva nel tentativo di non incappare nel controllo.

Quell’atteggiamento ha fortemente insospettito i Carabinieri che hanno deciso di seguire l’auto, ingaggiando un breve inseguimento terminato dopo poche centinaia di metri.

Fermato il fuggitivo, i militari hanno avviato gli accertamenti, scoprendo che l’auto su cu stava viaggiando era provento di una rapina, denunciata presso i Carabinieri della Compagnia Roma San Pietro, messa a segno il 13 gennaio scorso nella zona di via Cola di Rienzo. Quel giorno, un uomo aveva avvicinato il proprietario dell’auto mentre la stava riprendendo in un parcheggio e, dopo averlo minacciato con un coltello, si era fatto consegnare le chiavi del veicolo fuggendo a tutta velocità.

La vittima della rapina, contattata dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile ha riconosciuto – senza ombra di dubbio – il guidatore spericolato come l’autore della rapina ai suoi danni.

Per il 42enne, accusato di rapina, sono scattate le manette ai polsi e il trasferimento nel carcere di Rieti. Nel corso dell’udienza di convalida, il fermo è stato convalidato e il Gip del Tribunale di Roma ha confermato la custodia cautelare in carcere per il rapinatore.  

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Roma

Roma, San Giovanni: da fuoco ai cassonetti dei rifiuti: arrestato 60enne senza fissa dimora

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Questa notte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un italiano di 60 anni, senza fissa dimora e con precedenti, con l’accusa di danneggiamento a seguito di incendio.

I Carabinieri, su segnalazione giunta al numero di emergenza 112, sono intervenuti in pochi minuti in via Boiardo, dove hanno sorpreso l’uomo mentre stava incendiando un cassonetto dei rifiuti, subito dopo averne già incendiato un altro, utilizzando un accendino.

Le fiamme, che hanno danneggiato anche le auto parcheggiate nelle immediate vicinanze, sono state domate grazie al tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco.

L’uomo dopo l’arrestato è stato portato in caserma e trattenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti