Connect with us

Sport

Volley F B2, Elena Caporossi di nuovo in campo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Torna a vestire la maglia della Vbc, e questa volta in B2, Elena Caporossi, diciassette anni, centrale, 186 cm. di altezza, uno dei tanti gioiellini prodotti dal prestigioso vivaio di via Gran Sasso.
Dopo aver esordito giovanissima in serie C nel 2016, lo scorso anno Elena è stata costretta ad un prolungato periodo di stop per i postumi di un incidente d’auto per fortuna oggi completamente risolti.

Dopo una stagione praticamente ‘da spettatrice’ finalmente torni a giocare e lo fai addirittura in B2. Raccontaci le tue sensazioni.
“Non è stato facile stare un anno ferma ma ora sono più carica che mai per iniziare questo nuovo percorso. Sono emozionatissima e contenta di far parte di questa squadra. Mi impegnerò tantissimo per dare il meglio di me”.

Sarai, assieme a Chiara Di Valerio, una delle più giovani del gruppo. Qual è il tuo obiettivo principale per questa stagione?
“Il mio obiettivo è riuscire a perfezionare le tecniche acquisite negli anni precedenti per poter giocare al meglio”.

Che scuola frequenti e, soprattutto, come impieghi il tuo tempo libero?
“Frequento il quarto anno del liceo linguistico Mariano Buratti. Avendo poco tempo libero tra lo studio e gli allenamenti quel poco che rimane lo dedico agli amici e alla musica”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Colleferro (calcio, Promozione), Bernabei e la linea verde vincente: “Che emozioni col Giardinetti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – Il Colleferro ha cominciato bene il suo cammino in campionato. In una partita “per cuori forti” (e purtroppo negata ai tifosi rossoneri dalle attuali normative anti-Covid), i ragazzi di mister Antonio Battistelli hanno sconfitto 3-2 il Giardinetti al termine di una gara incredibile, condizionata da un acquazzone pazzesco che ha reso il campo “Caslini” ai limiti della praticabilità: “Nel primo tempo non abbiamo capito che avremmo dovuto cambiare il nostro stile di gioco per questa occasione – spiega l’attaccante classe 2001 Pietro Bernabei – Il Giardinetti ci ha messo in difficoltà con lanci lunghi e recupero delle seconde palle e così siamo andati all’intervallo sotto di due reti. A inizio ripresa, poi, è arrivata pure l’espulsione di Procacci e a quel punto la strada era davvero in salita”. In quel momento il Colleferro ha cambiato assetto tattico (schierandosi col 3-4-2), inserendo i tre giovanissimi che hanno poi ribaltato tutto: D’Albenzo (classe 2000 che ha siglato l’1-1 su assist di Bernabei), lo stesso Bernabei e Mattia, classe 2002 autore del gol decisivo in pieno recupero. “Emozioni fortissime che solo il calcio sa regalare – sospira Bernabei – E’ stato motivo d’orgoglio per noi giovane poter contribuire in maniera così pesante alla vittoria della squadra: volevamo riscattare l’eliminazione dalla Coppa e ci siamo riusciti. Il mister ci ha sempre dato fiducia e anche la società crede fortemente nei prodotti del settore giovanile”. Lui lo può dire forte: “Tranne una stagione a Segni, io ho fatto tutta la trafila nel vivaio del Colleferro e sono colleferrino doc – rimarca Bernabei che l’anno scorso segnò tre gol di fila prima dello stop per l’emergenza Coronavirus – Obiettivi personali stagionali? Cercare di farmi trovare pronto quando verrò chiamato in causa”.
Felice anche il ds Pino Di Cori: “Questa partita l’ha vinta il mister che ha avuto coraggio nei cambi e ha creduto ciecamente nei ragazzi, come fa ormai da tempo questo club. Sono tre punti molto importanti, ma sappiamo che è solo l’inizio”.
Nel prossimo turno il Colleferro avrà subito un altro esame importante: c’è la sfida esterna contro la Roma VIII che ha già vinto le prime due gare ufficiali stagionali.

Continua a leggere

Calcio

Città di Valmontone (calcio, Under 16 reg.), De Angelis: “Bisognerà assorbire il salto di categoria”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Valmontone (Rm) – La nuova Under 16 regionale del Città di Valmontone è pronta a combattere per la permanenza in categoria. Il gruppo è stato affidato a mister Aldo De Angelis (che ha allenato nella medesima categoria l’anno passato) e dovrà dimostrare di poter essere competitivo anche tra i regionali: “I ragazzi hanno fatto molto bene con mister Luciano nella passata stagione, guadagnando il salto di categoria nell’Under 15 – racconta De Angelis – E’ chiaro che il passaggio nei regionali può rappresentare un’insidia, ma i ragazzi sono ben disposti al sacrificio e sanno che ci sarà tanto da lavorare per tagliare il traguardo principale della stagione, vale a dire quello della salvezza”. Le premesse, comunque, sono positive: “L’ossatura della squadra è rimasta la stessa che ha fatto benissimo in Under 15, con l’aggiunta di alcuni elementi che potranno dare il loro contributo. Il gruppo è compatto e questo è un punto di partenza importante, inoltre questi ragazzi sono educati e sanno ascoltare le indicazioni che proviamo a dare loro”. Il campionato inizierà il prossimo 24 ottobre: “Sfrutteremo quest’altro mese di lavoro per continuare a preparare questi ragazzi all’impatto con la categoria regionale” rimarca De Angelis che ha già avuto discrete risposte dalle ultime amichevoli. “Quella con lo Zagarolo ci ha visto opposti ad una squadra che aveva elementi di età maggiore, mentre sabato scorso i ragazzi hanno pareggiato 1-1 a Colonna sfoderando una buona prestazione”. Per De Angelis questo sarà il quarto anno con il Città di Valmontone, segno di un feeling forte tra il tecnico e la società: “Conosco il direttore sportivo Giuseppe Consalvi da tanto tempo e qui ho trovato un presidente come Massimiliano Bellotti molto disponibile e vicino a tutte le squadre del club, oltre a una serie di dirigenti e allenatori molto appassionati. Un gruppo di lavoro molto compatto che spesso si ritrova a cena, segno di una buona sintonia tra tutti noi”.

Continua a leggere

Calcio

Football Club Frascati (Scuola calcio), i tecnici Bottos e Rumbo conseguono il patentino Uefa C

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Il Football Club Frascati è alla costante ricerca di migliorarsi. In quest’ottica i componenti dello staff tecnico del sodalizio tuscolano si formano e conseguono le qualifiche richieste dalla Federazione, ad esempio, per avere il titolo di Scuola calcio d’Elite. Il Football Club Frascati, che ha meritato questa qualifica da ormai un paio d’anni e che è l’unica società del territorio a potersene vantare, vuole essere sempre in linea coi parametri indicati. E’ di sabato scorso la notizia che altri due allenatori della Scuola calcio del team frascatano hanno ottenuto il patentino Uefa C: si tratta di Fabio Bottos (che tra l’altro ricopre pure la carica di vice-presidente del Football Club Frascati) e Federico Rumbo che nella passata stagione hanno allenato i due gruppi Esordienti 2008 (uno nel “polo Frascati” e l’altro nel “polo Morena” della società). “Una bella soddisfazione arrivata al termine di uno sforzo notevole – spiega Bottos – Per me e per Federico l’impegno è stato intenso: il corso è stato uno dei primi ad essere svolto totalmente online nella sua parte teorica ed è partito lo scorso 22 giugno. Per circa quattro ore al giorno, tutti i giorni dal lunedì al sabato e fino allo scorso 31 luglio, abbiamo seguito le lezioni on line. Poi è stata la volta degli esami sul campo, l’ultimo dei quali è stato celebrato sabato scorso presso il “Salaria Sporting Village” di Roma sotto gli occhi dei professori Ruggero Radice e Francesco Galloni”. Tutto il Football Club Frascati ha applaudito i due allenatori, ma la formazione all’interno del club tuscolano continua e nelle ultime ore anche l’altro tecnico Cristiano Tonicello ha iniziato il corso per ottenere il medesimo patentino Uefa C. Per Bottos (che quest’anno ha preso in carico i Primi Calci 2012, lasciando i “suoi” 2008 ad Alessandro Rodo) e Rumbo (che ha mantenuto il suo gruppo 2008) è tempo di guardare avanti. “Per ciò che mi riguarda, l’anno prossimo sono intenzionato a iniziare il corso per l’ottenimento del patentino Uefa D che, assieme al patentino Uefa C, mi varrà la “vecchia abilitazione” Uefa B. Programmi per il mio futuro? Chiaramente quello di fare anche un’esperienza nell’agonistica, ma senza lasciare il mondo del settore di base che attraverso questi bambini regala soddisfazioni incredibili”.

Continua a leggere

I più letti