Connect with us

Cronaca

YARA GAMBIRASIO: LA PUBBLICA GOGNA NON SERVE A NESSUNO

Clicca e condividi l'articolo

Se Bossetti sia colpevole o innocente lasciamolo decidere al tribunale.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Di D.R.

Dalla casa circondariale di Bergamo Massimo Bossetti continua ad urlare la sua innocenza. Ma è un urlo che resta strozzato in gola, che si perde tra le voci di chi ha già deciso sulla colpevolezza o meno del muratore di Mapello.
Massimo Giuseppe Bossetti, arrestato il 16 giugno scorso per l’omicidio di Yara Gambirasio, è ormai recluso da più di 100 giorni. Tre giorni fa in carcere ha ricevuto la visita del figlio maggiore Nicolas, mentre nei mesi precedenti già presenziarono la moglie Marita Coma, la madre Ester Arzuffi , il padre anagrafico Giovanni e la sorella Laura. Al figlio sembra aver detto “Tornerò presto a casa”, riferendosi probabilmente all’appello che i suoli legali hanno fatto presso il Tribunale per la libertà di Brescia, dopo che il gip di Bergamo aveva respinto la richiesta di scarcerazione.

I MOTIVI DEL RESPINGIMENTO
I gravi indizi di colpevolezza che insistono sull’accusato e il pericolo di reiterazione del reato hanno convinto il gip ha trattenere Bossetti in quel di Bergamo. Ma i “gravi indizi” sono davvero così gravi? Analizziamoli insieme.

IL DNA
Bossetti è stato arrestato lo scorso 16 giugno dopo che in seguito ad un banale controllo con l’etilometro si è appurata la corrispondenza tra il dna del Bossetti e quello dell’Ignoto 1. Fino ad allora infatti le forze dell’ordine erano riuscite ad isolare dal cadavere della tredicenne di Brembate una traccia di Dna che, in seguito a complicate analisi e ricerche sul campo, era risultato corrispondere alla traccia genetica di un tale Giuseppe Guarinoni, autista di Gorno. Dalle indagini degli investigatori è poi risultato come il dna dell’autista fosse compatibile con quello di Bossetti e della madre. Da tutto ciò è stato dedotto che la madre di Bossetti, adesso 67enne, ha avuto in passato una relazione con il Guerinoni, dal quale ha poi avuto un figlio: Massimo, appunto. Di pochi giorni fa la notizia che tra l’altro anche i due fratelli di Bossetti sarebbero figli illegittimi del padre Giovanni, dal momento che il dna non corrisponde; questa notizia ha fatto così crollare il castello di bugie costruito dalla madre di Bossetti, la quale ha sempre dichiarato di non aver avuto alcuna relazione con Guerinoni, o con altri uomini in generale.

LA CELLA TELEFONICA DI VIA NATTA DI MAPELLO
Data per certa (o quasi) la corrispondenza tra il dna di Bossetti e quello rinvenuto sui leggins e gli slip di Yara, resta però da chiarire come questo sia finito sul corpo della ragazza, domanda alla quale il muratore di Mapello, che continua a dichiararsi innocente, non sa rispondere. Altro indizio che rischia di compromettere Bossetti è l’aggancio alla cella telefonica di via Natta di Mapello (BG) intorno alle 17.45 del 26 novembre 2011, lo stesso lasso temporale in cui la cella veniva agganciata dal telefonino di Yara prima della scomparsa.

ALTRI INDIZI
Altri indizi che pregiudicano Bossetti sarebbero la presenza di un video in cui si nota un furgone compatibile con quello del muratore che sfreccia nell’ora e nella zona in cui la tredicenne scomparve, e poi la presenza nell’apparato respiratorio della ragazza di tracce di calce, riconducibili al luogo e al lavoro di Bossetti.
Può non essere vero che tre indizi fanno una prova, come invece sosteneva Agatha Christie, ma qui gli indizi sono quattro. Per quanto siano deboli o confutabili, l’evidenza dice che l’indiziato numero uno è giustamente Bossetti. “L'esistenza di un fatto non può essere desunta da indizi a meno che questi siano gravi, precisi e concordanti” recita l’articolo 192 comma 2 del codice di procedura penale. Vero, verissimo. Probabilmente non saremo in presenza di indizi gravi, precisi e concordanti, ma far finta di niente e continuare a professare l’innocenza di Bossetti per partito presto non è sintomo di grande correttezza. Così come non lo è giudicarlo già colpevole. Per questo ci troviamo qui a voler fare da avvocato del diavolo, contro tutto e tutti, con lo spirito contraddittorio che ci guida nel voler confutare l’una o l’altra ipotesi. Perché quello di Yara è un caso intrigato e complicato, in cui la componente emotiva non può però prendere il sopravvento su quella razionale. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti