Connect with us

Roma

ZAGAROLO SEDUTA DI CONSIGLIO SUL BIOGAS: TRA MOZIONI FULMINANTI, "ARSENICO E VECCHI MERLETTI"… L'INCHIESTA CONTINUA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 12 minuti Imprenditori e ora anche amministratori locali realizzano cordate per presentare progetti che in realtà hanno ben poco a vedere con la tutela del patrimonio e della salute pubblica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 12 minuti
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

Zagarolo (RM) – Misteri all’Arsenico e vecchi merletti sul progetto industriale al biogas dove per ora emerge confusione e incapacità soprattutto da parte di coloro che avrebbero divuto  vigilare sul territorio. Dalle risposte dei capigruppo della maggioranza nonché del Presidente del Consiglio della Regione Lazio, Daniele Leodori si solleva un unico eco: “MEA CULPA”
Prosegue l’inchiesta de L’Osservatore d’Italia sulle minacce dei progetti delle Centrali a Biogas nate come ciambelle salva economia dedicate agli agricoltori in crisi, diventate però il nuovo business dei rifiuti.

Imprenditori e ora anche amministratori locali realizzano cordate per presentare progetti che in realtà hanno ben poco a vedere con la tutela del patrimonio e della salute pubblica ma che celano una corsa alla conquista dei finanziamenti e incentivi energetici. Progetti “esclusivamente industriali” che invece di responsabilizzare ogni comune sulla chiusura del ciclo della differenziata e quindi della frazione organica prodotta internamente, vengono impostati come un business per smaltire rifiuti di molte altre città incassando bei guadagni.

Con lo slogan chiudiamo il ciclo dei rifiuti, si mettono così in cantiere progetti industriali impattanti senza tener conto del “Principio di Precauzione”, che obbliga le autorità competenti, nonché amministratori, di adottare provvedimenti appropriati al fine di prevenire taluni rischi potenziali per la sanità pubblica, per la sicurezza e per l’ambiente, facendo prevalere le esigenze connesse alla protezione sugli interessi economici.

La scorsa settimana finalmente, i cittadini di Zagarolo hanno potuto constatare personalmente il grado di affidabilità dell’amministrazione non solo attuale, ma anche della precedente, riguardo il progetto industriale della Centrale a Biogas che proposta dal Comune di Gallicano nel Lazio nel lontano 2008, avrebbe coinvolto direttamente i cittadini di Valle Martella.

Infatti la centrale incriminata sulla carta è posizionata a soli 400 metri dalle abitazioni e alle attività scolastiche, in un territorio già compromesso da altre situazioni di degrado urbanistico e ambientale. Purtroppo, nessuno dei responsabili amministrativi aveva concretizzato la posizione di contrarietà su questo progetto.

Al Consiglio di Zagarolo dello scorso 29 Aprile 2014, era presente la delegazione del Comune di Gallicano con il Sindaco Marcello Accordino, cui non è stata concessa la parola per difendere il proprio progetto, i consiglieri Betti, D’Uffizi e Galli contrari invece alla sua realizzazione oltre una folta platea.

La mozione presentata dal centrodestra NCD e Forza Italia, letta dal Consigliere Michelino Conti, ha permesso di impegnare ufficialmente l’amministrazione di Zagarolo, all’unanimità il dissenso alla centrale a biogas. L’opposizione così, in adiuvandum alle posizioni dei comitati territoriali e delle mozioni e interrogazioni fatte alla Regione Lazio, si può  affermare che hanno trascinato di forza l’intera amministrazione, inchiodandola alle proprie responsabilità.

Una situazione davvero grottesca e alquanto imbarazzante per un’amministrazione che dovendo gestire l’opinione pubblica e dare la propria lettura a questa vicenda ha potuto solo dire “MEA COLPA”. Mea Colpa purtroppo è la condizione che inchioda il sindaco Paniccia e del suo predecessore nonché dei preposti assessori all’Ambiente all’interessamento del proprio territorio, è l’impossibilità di poter dimostrare ai propri cittadini le loro azioni volte al dissenso a questo progetto ma soprattutto alla mancata comunicazione istituzionale, che doveva per legge coinvolgere l’intera cittadinanza. I progetti importanti non vengono lasciati in balia di decisioni singole ma vengono discussi nella Conferenza dei Servizi, dove le pubbliche amministrazioni si riuniscono in un tavolo comune quando è opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici.

La legge in questo caso predispone uno strumento il più agile possibile, prevedendo anche un acquisto automatico dell’assenso delle amministrazioni invitate e non partecipanti o partecipanti tramite soggetti non titolati ove non abbiano tempestivamente espresso il proprio motivato dissenso, ex art. 14 L. 241/90.

L’effettivo valore della conferenza di servizi prevede che l’assenza di partecipazione alla conferenza o la partecipazione con persone prive di competenza, e quindi non idonee a vincolare le Amministrazioni di appartenenza, importa una situazione analoga a quella conseguente alla prestazione di consenso. E allora dov’erano gli amministratori di Zagarolo?

Ora che la situazione è sfuggita di mano, ora che le comunità interessante sono state informate con altri canali e purtroppo non istituzionali, quella centrale a biogas diventa inquinante e non la vuole nessuno! 

Si corre ai ripari, solo dopo che è stata presentata una mozione che impone a tutti i consiglieri la votazione. Signori e signori si è aperto il sipario della commedia all’italiana.
Ma andiamo per ordine con la documentazione delle testimonianze che l’Osservatore d’Italia ha acquisto dai Consigli Comunali sia di Gallicano nel Lazio che di Zagarolo.
Il Sindaco Accordino, al consiglio straordinario aperto alla partecipazione pubblica , del 17 aprile 2014 affermava che il progetto della Centrale a Biogas, un “compostaggio” anaerobico con produzione di energia elettrica ottenuta bruciando il metano prodotto, non è un iter che nasce all’improvviso, ma da un processo avviato ormai dal 2008: “Su invito della Provincia di Roma, tutti i comuni della provincia furono chiamati dal Presidente Zingaretti e in quella sede e nelle successive si era deciso un programma dei rifiuti proposto da Zingaretti che prevedeva, intanto la raccolta porta a porta nei 120 comuni della provincia, assieme a questo con degli incentivi sia come contributo e per le isole ecologiche.

Questa era l’idea, una volta avviata la differenziata doveva essere individuata sul territorio provinciale, e noi ci siamo in quella sede proposti per un impianto di compostaggio (?), che portavano a compimento il ciclo dei rifiuti. Abbiamo fatto cinque incontri pubblici, sono state elette due amministrazioni e non ci siamo sottratti ad alcun tipo di confronto.” Rivolgendosi ai cittadini di Valle Martella, che evidenziando l’assenza del Sindaco Paniccia e l’assessore all’Ambiente in quel consiglio, chiedevano se c’erano stati incontri formali, Accordino rispondeva senza alcun fraintendimento: “a me dispiace dell’assenza del sindaco, non posso rispondere per loro. No ho problemi legati alle critiche degli amministratori dei paesi vicini, quindi l’assenza del Sindaco e dell’assessore non è nelle competenze del consiglio comunale di Gallicano. Riguardo agli incontri ufficiali, sono stati invitati, sono venuti da me, il sindaco Paniccia e l’ex assessore Colabucci (ma l’assessore all’ambiente non è Vernini?) a parlare di questo problema e dovevamo organizzare per andare assieme a Salerno (dove c’è in funzione una centrale a biogas)”.
L’antidoto a queste rocambolesche verità viene fortunatamente stabilito ogni qualvolta che i preposti vengono messi nella condizione di prendere posizione ufficiale.

Così al consiglio comunale gabino, sfilano tutte le osservazioni inquietanti su questa centrale che però lo stesso Accordino, in virtù di un territorio già violentato da altre situazioni, proponeva senza sollevare alcun dubbio sui danni ambientali non riconoscendo tra l’altro le evidenze scientifiche citate al confronto pubblico.
Marco Bonini, capogruppo NCD, riporta nell’alveolo della votazione una serie di osservazioni, quali la tutela di un paesaggio agrario, dove esiste un vincolo TTPR che molto spesso non consente neanche la sanabilità delle abitazioni: “abbiamo sempre spinto l’amministrazione comunale a valorizzare quell’area, abbiamo espresso anche in passato i dubbi in merito sulla variante dei piani di Corsano, che il territorio, un polmone verde a ridosso di Roma, debba essere tutelato. Zagarolo deve dare una posizione chiara e decisa perché questo insediamento sorgerà a 400 metri dalle abitazioni. Noi chiediamo con forza a questo Consiglio Comunale di votare chiaramente alla nostra proposta di contrarietà al progetto.”Così magicamente ecco che il capogruppo del PD, il consigliere Salvi fa sapere che in base alla salvaguardia della salute pubblica (ma davvero?) a nome del suo gruppo, dice no al biogas, tra l’altro si dichiara esser un medico, e si riserva di ascoltare gli esperti di una commissione ad hoc. Segue l’intervento dell’ex assessore all’ambiente, nonché ex vice sindaco di Zagarolo, Enrico Saracini del nuovo gruppo consiliare appena formatosi, Cambio Democratico. Anche qui dopo un effetto scenografico, i cittadini accorsi a questo consiglio hanno potuto ascoltare la posizione chiara e netta del suo “No” non solo sul Biogas, ma ad ogni tipo di trattamento dei rifiuti, anche del semplice compostaggio: “Lo dico con estrema cortesia al sindaco Accordino, fattela a casa tua! Il comune di Gallicano e Ambiente, la società che vanno a realizzare questo impianto, avrebbe potuto scegliere la bella zona che c’è tra Gallicano e Palestrina, o Gallicano e San Vittorino. Non si può fare a ridosso di una zona soggetta al rispetto delle falde idriche, noi sappiamo quanto peniamo a Valle Martella per questi vincoli. Dò atto all’opposizione, al centro destra in generale e all’enorme lavoro delle associazioni sul territorio, che per fortuna non sono state strumentalizzate (?) e accolgo la mozione facendola anche nostra.”
Per fortuna in salvataggio all’evidente empasse dell’amministrazione interviene l’ex assessore, ora di nuovo assessore al bilancio, Maurizio Colabucci (aveva presentato poche settimane fa le sue dimissioni): “rimango meravigliato ad ascoltare come se qualcuno che sta a questo tavolo (riferendosi alla giunta) è favorevole al progetto del Biogas. Noi ci siamo informati alle commissioni che sono avvenute in Regione Lazio, come qua siamo stati chiamati ad esprimerci. Il NO è, ed era secco. Lo diciamo tutti no al Biogas.

E’ inutile che poi giochiamo a prendersi l’applauso, perché siamo degli amministratori responsabili delle proprie azioni, che quando prendono delle decisioni guardano l’interesse dei cittadini e non gli interessi propri. Non so se siete venuti qui a prendere in giro chi vi amministra, ma avete una buona volontà per farlo, alle prossime amministrazione non ci votate!

Se siamo qui è per capire cosa pensano le forze politiche su quello che sta nascendo vicino a Zagarolo, il capogruppo è stato molto chiaro, il piano a Biogas è no. Il resto, per intenderci, non so quali sono le pratiche che sono avviate tra Gallicano e la Regione. Quando verranno fuori, noi diremmo no anche al resto se necessario, perciò quello che intende il collega Saracini, è no anche per noi! Più che seguire le pratiche, le informazioni, avete mai sentito un amministratore di Zagarolo dire si al biogas? Noi abbiamo immediatamente presentato la mozione al Consiglio… caro Bonini, questa non è la tua mozione, ma è la volontà di tutti i cittadini e gli amministratori di Zagarolo.”
Il capogruppo che ha proposto la mozione riporta alla realtà Colabucci, ricordandogli che hanno dovuto presentare la mozione per parlane. Il clima diventa surreale e Saracini ad adiuvandum alle affermazioni di Conti, rivolgendosi al presidente del Consiglio replica: ”se come amministrazione abbiamo commesso la leggerezza di non comunicare e non informare bene, diciamolo… di fatto abbiamo sbagliato, mettiamo una pezza, invito al presidente di convocare un consiglio straordinario a Valle Martella e fare l’appello nominale a chi è favore e chi è contro.”
 

La gestione di un’amministrazione si valuta sui fatti e dalla testimonianza dei documenti, e purtroppo prima di questa votazione, non esisteva alcun dissenso al progetto presentato, anzi esiste la chiara volontà a non esprimersi e quindi a dare il proprio consenso! Il capogruppo Bonini dal canto suo rimanda al mittente assessore Colabucci, l’accusa :”Lei…è il primo fare politica all’interno dell’aula, poiché nell’ultima seduta del consiglio comunale, aveva presentato le lettere delle sue dimissioni, dove vi era scritto che non si riconosceva più nell’amministrazione. Non capisco perché Colabucci può fare politica dentro e fuori il consiglio comunale, invece quando la minoranza, che viene coinvolta dai cittadini per affrontare un argomento di rilevanza comunale, porta una discussione di questo tipo, non se ne debba parlare oppure minimizzare. Lei ogni volta che noi presentiamo un punto, tende a prendersi il merito delle nostre proposte, dicendo ‘noi abbiamo portato la discussione in consiglio comunale’…allora noi ringraziamo la presidenza del consiglio che accolto il nostro punto, però noi siamo stati costretti a portare e presentare questa mozione, perché prima d’ora questo argomento di rilevanza importante per il territorio di Zagarolo e Valle Martella non era stato affrontato in consiglio!”
Concludono con le arringhe a questo punto, il Consigliere Leoodori e il sindaco Paniccia, tranne un piccolo intervento dell’Assessore all’Ambiente Vernini, che ha fatto presente che solo da pochi mesi è venuto a conoscenza dei documenti, che parlano solo di progetto di compostaggio. Leodori, dal canto suo, difende il progetto dell’impianto di un eventuale compostaggio, che non sia a biogas e che deve essere individuata un’area del territorio che possa gestire la Forsu di 100 mila persone dei comuni limitrofi: “Io ritengo che il biogas non debba essere fatto. Ma il comprensorio deve individuare un meccanismo per essere autonomo per chiudere il ciclo dei rifiuti. Forse c’è stato un errore di comunicazione con tutto rispetto al sindaco Accordino (mi dispiace che non gli è stata data la parola), è quello di aver gestito questo progetto e questo intervento in maniera un po’ troppo autonoma. Tanto per essere chiari, nessuno questa materia la conosceva bene, è stato fatto un errore di sottovalutazione e anche quello di delegare troppo.” Il Sindaco invece, ricordando quando era in prima linea alla manifestazione non autorizzata contro la discarica di Corcolle, confonde la cittadinanza che non capisce come mai l’amministrazione non abbia avuto la volontà questa volta di coinvolgere i cittadini sulle tematiche degli interventi industriali nel proprio territorio. Conclude Paniccia che la mozione non ha senso perché la centrale a biogas non si farà più, e che il consiglio non è deliberativo, e si deve discutere solo su situazioni reali e non su illazioni.”

Quante occasioni perse! E' stato messo da parte l’obiettivo primario, quello di dover informare la comunità sui interventi che vanno a coinvolgere l’ambiente e la salute pubblica, anche se si trattano di progetti ancora su carta. In questo caso, tranne la mozione presentata dal centro destra e la volontà dei cittadini di non farsi calare dall’alto scelte irreversibili, come comitati e associazioni del territorio, sembra che nessuno (figuriamoci gli assessori all’ambiente) ha messo in agenda la dovuta comunicazione istituzionale. La fotografia appena scattata mostra come politici, comitati e associazioni interessanti al proprio territorio, hanno acquisito e studiato le relative documentazioni, fatto se non grave, alquanto imbarazzante per chi lo dovrebbe fare nel proprio compito istituzionale. Emblematica la posizione di Leodori (anche Presidente del Consiglio della Regione Lazio) sulle centrali a biogas, poiché ora vengono da lui stesso depennate come progetti non spendibili, di certo ne dovrà rendere conto allo stesso Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che le aveva messe a disposizione nel territorio provinciale.
Per non dimenticare le leggi che tutelano i cittadini ricordiamo che la strategia del business di questi impianti, non possono essere gestiti senza la corretta partecipazione della cittadinanza e con un percorso di confronto, poiché si ipoteca la morfologia del territorio, della salute pubblica e dell’ambiente….soprattutto quando c’è un progetto in cantiere. Non esiste nessuna tecnologia ad emissione zero, se non apportando condizioni negative all’ambiente.

La normativa italiana (art. 17 del decreto legislativo n. 387/2003, decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i., decreto legislativo n. 28/2011) annovera tra le biomasse (fonti rinnovabili) la parte biodegradabile dei rifiuti industriali ed urbani. Una centrale una volta avviata, non può arrestare la sua attività, e ai fini della concessione di agevolazioni tariffarie, come CIP 6 e di certificati verdi per lungo tempo, è consentito di assimilare alla biomassa vegetale vera e propria la frazione non biodegradabile dei rifiuti solidi urbani (art. 17 D.Lgs. 387/2003 e s.m.i.). Sembra che per questa scelta, l’Italia è stata sottoposta a procedura di infrazione da parte dell’Unione Europea, altro che Vienna. Quindi occorre vigilare sia sulla realizzazione delle strutture ibride (con fotovoltaico) che accedono a incentivi economici (D.Lgs. n. 28/2011) che sugli impianti sovradimensionati alle esigenze del territorio, che purtroppo allettano il conferimento dei rifiuti di altri territori.
L’Osservatore d’Italia comincerà a mettere a confronto queste tecnologie anche con le centrali a carbone, e i relativi costi/benefici, che spesso inconsapevolmente si ritrovano inseriti nella componente A3 delle bollette energetiche, che di fatto hanno aiutato le imprese a fuggire all’estero per i costi troppo eccessivi della componente energetica. Questo consiglio, che ricorda tanto il film “Arsenico e vecchi merletti”, riconsegna dignità alla comunità di questo territorio, dimostrando che non sempre si può gestire la comunicazione e l’informazione istituzionale con un “Così è se vi pare”.

LEGGI ANCHE:

Metropoli

Fiano Romano, domenica c’è l’open day per la dose buster

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

L’Amministrazione Comunale in continuità con le azioni finora concretizzate al fine di contenere l’epidemia da SARS-Cov-2 in corso, organizza e promuove, in collaborazione con la ASL RM4, con i medici e gli infermieri del territorio, nonché con i volontari e le associazioni del territorio (Nonni Civici, Associazione Nazionale Carabinieri, Croce Rossa) una giornata dedicata alla vaccinazione della cosiddetta terza dose (booster) per la fascia minorenni 12-17 e per gli over 18.<<Sono molto soddisfatto>> – ha dichiarato Flavio Di Muzio, assessore alle Politiche Sociali e alla Sanità – <<del cammino intrapreso dal Comune per restare accanto alle famiglie e per facilitare in ogni modo, e con interventi specifici e mirati, la ripresa della Comunità in questo momento storico così difficile>>.<<Iniziative di questo tipo sono molto importanti perché mettono in evidenza la grande collaborazione con le Istituzioni e le associazioni locali in un momento di grande stress per tutto il settore sanitario>> ha dichiarato il Direttore Generale della Asl Roma 4, Cristina Matranga.Anche il Sindaco, Davide Santonastaso, ha mostrato piena soddisfazione per l’organizzazione della giornata ringraziando tutti coloro che si sono messi a disposizione per la riuscita dell’iniziativa: <<resto sempre piacevolmente colpito dalla pronta riposta dei professionisti, delle associazioni e dei volontari, nonché delle istituzioni competenti agli inviti e appelli che l’Amministrazione lancia per affrontare al meglio la situazione in corso. Il Comune è riuscito già ad organizzare diverse iniziative, grazie a chi ha messo a disposizione gratuitamente le proprie competenze e il proprio tempo. Il motto dell’open day è “Vaccinati! C’è un mondo che ti aspetta” perché crediamo fortemente nella ripresa e nel mettere, soprattutto, i nostri giovani in condizione di poter vivere la quotidianità studiando, praticando sport, coltivando passioni senza mai abbandonare sogni e progetti a causa di un virus che ha scompaginato il corso della vita di ognuno  di noi>>.

QUANDO L’open day si terrà il 30 gennaio presso il Palazzetto dello Sport, dalle ore 9:30 alle ore 19:00 fino ad esaurimento vaccini previsti. Saranno somministrate terze dosi “booster” con vaccino Spikevax (Moderna) per gli over 18 e vaccino Cominarty (Pfizer/BioNTech) per i ragazzi 12-17 anni che hanno superato almeno i 4 mesi dalla seconda dose.

PERCHÉLa vaccinazione contro il virus SARS-Cov-2, attualmente, rappresenta l’unico strumento in grado di ridurre il tasso di ospedalizzazione e, di conseguenza, l’occupazione di posti letto ordinari e di terapia intensiva. L’attuazione di una vaccinazione completa, attraverso la cosiddetta terza dose (dose booster), in un lasso di tempo ristretto è sicuramente una metodica che potrebbe ridurre fortemente, sul territorio di Fiano Romano e dei comuni limitrofi, il numero di contagi, il numero di malati con sintomi moderati-gravi e le ospedalizzazioni. Dai recenti dati messi a disposizione dagli organi competenti, è noto che la terza dose è in grado di favorire una maggiore protezione nonché una durata maggiore di immunizzazione.

OBIETTIVO Tale giornata vuole essere un sostegno al sistema sanitario, di recente sotto pressione nelle ultime settimane per l’esplosione dei contagi, favorendo una decongestione dei centri vaccinali limitrofi. L’obiettivo principale è quello di raggiungere, nel minor tempo possibile, la più larga platea di vaccinandi che hanno già superato i 4 mesi dalla seconda dose.

DOCUMENTI da presentare e indicazioni utiliL’accesso al palazzetto sarà consentito previa esibizione di green pass valido che servirà anche ad attestare la pregressa vaccinazione. Sarà necessario portare con sé: tessera sanitaria e documento di identità, entrambi in corso di validità. I minori dovranno essere accompagnati da un solo genitore; oltre ai documenti sopracitati sarà necessario presentare delega dell’altro genitore con fotocopia del documento.

Dal sito www.comune.fianoromano.rm.it è possibile scaricabile il consenso informato da consegnare in fase di registrazione e che dovrà essere preventivamente compilato in ogni sua parte prima dell’accesso al Palazzetto. Si consiglia, infine, di indossare abiti comodi (esempio: tuta da ginnastica) per facilitare l’operato del personale addetto alla vaccinazione.

Saranno esclusi dalla vaccinazione coloro che hanno contratto il COVID prima dei tre mesi precedenti e, ovviamente, coloro che hanno già eseguito la terza dose vaccinale.L’Amministrazione Comunale ringrazia la ASL RM4, i medici e il personale infermieristico, le associazioni e i volontari che presteranno servizio all’open day a titolo gratuito e tutti coloro che hanno partecipato all’organizzazione dell’iniziativa.

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, nuovo decoro al sito della Memoria a Villa Desideri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si è tenuta in forma essenziale, a causa delle prescrizioni anti Covid, la cerimonia commemorativa in occasione del Giorno della Memoria che ricorre oggi 27 gennaio.La delegazione comunale ha visto presenti il Sindaco Stefano Cecchi e la Giunta comunale quasi al completo insieme ad alcuni Consiglieri Comunali e rappresentanti della politica locale.Accompagnato dal Comandante F.F. della Polizia Locale Monica Palladinelli, il Sindaco ha scoperto la nuova targa installata presso l’Ulivo della Memoria nell’aiuola prospiciente la Biblioteca Civica “V. Colonna”.Successivamente l’omaggio di una corona di margherite gialle a ricordo della stella gialla di David che i nazisti obbligavano agli ebrei a cucirsi sui vestiti.“Sebbene sia stata una cerimonia semplice, scoprire la targa è stato come confermare a tutta la comunità che il ricordo è vivo, lucido, presente e indelebile anche qui sul nostro territorio.”

Continua a leggere

Roma

Roma, Santori (Lega): “Valorizzare sampietrini. Cantieri infiniti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“I sampietrini romani sono un patrimonio unico che la città non riesce a valorizzare e custodire come dovrebbe. I cantieri sono infiniti, le strade restano chiuse per mesi e quando riaprono sono già piene di toppe, il commercio è ridotto al lumicino. Disabili bloccati, passi carrabili ostruiti da ruspe e camion, negozi chiusi”. Lo dichiara in una nota il consigliere della Lega e segretario in aula Giulio Cesare Fabrizio Santori, a margine della riunione odierna della commissione capitolina Lavori Pubblici di cui è componente. “Vogliamo saperne di più sul destino dei sampietrini rimossi dalle strade romane, faremo un sopralluogo per controllare i depositi nei quali sono custoditi. Chi conta gli storici blocchetti romani, chi li custodisce e chi li cataloga, soprattutto quando restano ammucchiati agli angoli delle strade. Sono una ricchezza”, afferma Santori, che annuncia sull’argomento una mozione in Assemblea capitolina. “Incuria e abbandono la fanno da padroni, basta guardare via Nazionale, dove dopo gli interventi il fondo stradale è di nuovo pieno di rattoppi, e via Baccina, ridotta a una discarica a cielo aperto, mentre degli operai che avrebbero dovuto completare i lavori non c’è più traccia. Via dei Cerchi e viale Aventino sono ormai ostaggio dei cantieri, le ciclabili un miraggio, la viabilità un incubo, e in questa triste danza di incompetenza e faciloneria Roma sprofonda quotidianamente nel caos”, conclude Santori.

Continua a leggere

I più letti