Connect with us

Roma

ZAGAROLO – VALLE MARTELLA, CONFERIMENTO ILLECITO DI AMIANTO: TRE ANNI DI SEGNALAZIONI MA IL COMUNE NON HA MAI BONIFICATO L’AREA. – CERCASI ISTITUZIONI

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

 

Lo stesso conferimento di amianto nella stessa via Giusti, nello stesso angolo prossimo alla cabina del gas era stato già segnalato al Comune di Zagarolo ed all’allora comandante dei Vigili Urbani tre anni fa, esattamente il 5 novembre 2011

 

di Cinzia Marchegiani

Valle Martella-Zagarolo (RM) – E’ partita da pochi giorni la campagna “Eternity. L’amianto è per sempre” che chiede ai cittadini di essere protagonisti della tutela ambientale inviando foto e ubicazione delle discariche abusive nel proprio territorio all’associazione Comitato Difesa del Territorio Colli Prenestini e Castelli Romani, affinché si possano denunciare situazioni patologiche di conferimenti illeciti e pericolosi per la salute pubblica e dell’ambiente. Un’iniziativa che sembra aver sensibilizzato gli stessi cittadini che immediatamente hanno attivato questa forma di dialogo con l’associazione promotrice. E proprio quest’oggi, la suddetta associazione informa che sono stati i cittadini di Valle Martella (frazione di Zagarolo) ad indicare una situazione  nel territorio di Zagarolo. L'associazione, dopo aver ricevuto il reportage fotografico, ha realizzato un confronto con il proprio data base e purtroppo ha constatato che lo stesso conferimento illecito di amianto giace indisturbato da molti anni, dove la vegetazione con il passare del tempo ha coperto e inglobato lo stesso materiale, facendolo diventare parte integrante del terreno e dell’ambiente circostante. Così il Comitato Difesa del Territorio appena gli sono giunte le suddette segnalazioni solleva una denuncia pubbica per una vera inadempienza degli obblighi comunali: “Quell’amianto che il Comitato oggi ha segnalato alle autorità competenti, giace indisturbato in Via Giusti dal lontano 2011. Stiamo parlando di tre anni. Tre anni trascorsi senza che venisse rimosso e l’area bonificata. Tre anni di non risposte. Tre anni di degrado. Tre anni di deterioramento sotto gli agenti atmosferici. Tre anni di polveri nell’aria. Tre anni che chi sa, finge di non sapere. Esattamente il 5 novembre 2011, la presenza di quello stesso amianto, nella stessa via Giusti, nello stesso angolo prossimo alla cabina del gas, era stata già segnalata al Comune di Zagarolo ed all’allora comandante dei Vigili Urbani.”

La suddetta associazione con amarezza e sconcerto ricorda che in tre anni probabilmente molte cose sono cambiate, ma non quell’amianto e di certo non la sua pericolosità, più aggravata ancora dall’evidente stato di frammentazione in cui versa oggi il materiale e invita al senso civico:”I cittadini devono diventare responsabili e cessare con quei comportamenti illeciti che comunque si ripercuotono sulla salute di tutti. Le amministrazioni, invece, devono adempiere ai loro doveri ed essere maggiormente presenti sui territori, poiché tre anni non sono pochi!”
E la domanda sorge spontanea, di chi è la responsabilità, si può fare campagna ambientale, se le stesse istituzioni non sono in grado di attivarsi nel proprio territorio in seguito alle segnalazioni? Assessore all’Ambiente, se ci sei batti un colpo, poiché tre anni quell’amianto è diventato parte integrante del paesaggio folkloristico e ambientale.

…..Ma non solo, occorrerebbe fare una campagna di sensibilizzazione di tutela della salute pubblica, poiché trasportare da soli questi pannelli di amianto senza le necessarie precauzioni, diventa una condanna a morte per l’ignaro cittadino, che pensando di fare il furbo, non sa che non solo mette a repentaglio la salute pubblica e dell’ambiente circostante ma soprattutto la sua, nel maneggiare inappropriatamente un materiale altamente pericoloso.

Castelli Romani

Marino, nuovo decoro al sito della Memoria a Villa Desideri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si è tenuta in forma essenziale, a causa delle prescrizioni anti Covid, la cerimonia commemorativa in occasione del Giorno della Memoria che ricorre oggi 27 gennaio.La delegazione comunale ha visto presenti il Sindaco Stefano Cecchi e la Giunta comunale quasi al completo insieme ad alcuni Consiglieri Comunali e rappresentanti della politica locale.Accompagnato dal Comandante F.F. della Polizia Locale Monica Palladinelli, il Sindaco ha scoperto la nuova targa installata presso l’Ulivo della Memoria nell’aiuola prospiciente la Biblioteca Civica “V. Colonna”.Successivamente l’omaggio di una corona di margherite gialle a ricordo della stella gialla di David che i nazisti obbligavano agli ebrei a cucirsi sui vestiti.“Sebbene sia stata una cerimonia semplice, scoprire la targa è stato come confermare a tutta la comunità che il ricordo è vivo, lucido, presente e indelebile anche qui sul nostro territorio.”

Continua a leggere

Roma

Roma, Santori (Lega): “Valorizzare sampietrini. Cantieri infiniti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“I sampietrini romani sono un patrimonio unico che la città non riesce a valorizzare e custodire come dovrebbe. I cantieri sono infiniti, le strade restano chiuse per mesi e quando riaprono sono già piene di toppe, il commercio è ridotto al lumicino. Disabili bloccati, passi carrabili ostruiti da ruspe e camion, negozi chiusi”. Lo dichiara in una nota il consigliere della Lega e segretario in aula Giulio Cesare Fabrizio Santori, a margine della riunione odierna della commissione capitolina Lavori Pubblici di cui è componente. “Vogliamo saperne di più sul destino dei sampietrini rimossi dalle strade romane, faremo un sopralluogo per controllare i depositi nei quali sono custoditi. Chi conta gli storici blocchetti romani, chi li custodisce e chi li cataloga, soprattutto quando restano ammucchiati agli angoli delle strade. Sono una ricchezza”, afferma Santori, che annuncia sull’argomento una mozione in Assemblea capitolina. “Incuria e abbandono la fanno da padroni, basta guardare via Nazionale, dove dopo gli interventi il fondo stradale è di nuovo pieno di rattoppi, e via Baccina, ridotta a una discarica a cielo aperto, mentre degli operai che avrebbero dovuto completare i lavori non c’è più traccia. Via dei Cerchi e viale Aventino sono ormai ostaggio dei cantieri, le ciclabili un miraggio, la viabilità un incubo, e in questa triste danza di incompetenza e faciloneria Roma sprofonda quotidianamente nel caos”, conclude Santori.

Continua a leggere

Metropoli

Colleferro, 18enne sorpreso con 80 dosi di hashish

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Stazione di Colleferro, al termine di un mirato servizio di controllo del territorio, hanno arrestato un 18enne del luogo, indagato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato dai Carabinieri e sottoposto a perquisizione personale, ad esito della quale è stato trovato in possesso di 65 g di hashish, suddiviso in 80 involucri, già confezionati e pronti per la cessione.Il 18enne, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma, in attesa del processo.  

Continua a leggere

I più letti