Connect with us

Politica

Zingaretti e Raggi accusati di danni all’erario per 90 milioni di euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Danni all’erario per 90 milioni di euro. Questa l’accusa formulata dalla Procura della Corte dei Conti del Lazio nei confronti del segretario PD e Governatore del Lazio Nicola Zingaretti e della sindaca di Roma e della Città Metropolitana Virginia Raggi che sono stati raggiunti dall’invito a dedurre e che ora hanno trenta giorni per depositare le proprie deduzioni ed eventuali documenti.

L’accusa riguarda anche altri 24 politici che ricoprono o hanno ricoperto, nei rispettivi mandati, ruoli all’interno dell’ex Provincia di Roma, oggi Città Metropolitana.

Nel computo dei 90 milioni di euro sono compresi i 20 milioni di euro contestati agli 11 ex componenti del cda di Bnp Paribas. La vicenda relativa il palazzo “inagibile” di Luca Parnasi all’Eur Castellaccio, venduto all’ex Provincia nel 2012 per una cifra di circa 220 milioni di euro, quando presidente dell’Ente era proprio Nicola Zingaretti. In Bnp confluirono 20 immobili in parte rimasti invenduti e in parte svalutatisi.

L’accusa specifica per Virginia Raggi è invece quella di aver rinnovato l’affare “concludendo la procedura per selezionare la nuova Sgr, individuata in Antirion, che a settembre del 2019 è formalmente subentrata alla Bnp nella gestione del Fondo”.

Oltre a Zingaretti e a Raggi, la Guardia di Finanza di Roma ha notificato inviti a dedurre ad altri esponenti in vista delle attuali amministrazioni regionale e capitolina.

In particolare, fra gli indagati spiccano da una parte Mauro Alessandri, attuale assessore regionale ai Trasporti; Massimiliano Smeriglio, ex vicepresidente del Lazio e attuale eurodeputato Pd e Marco Vincenzi, capogruppo regionale del Pd; dall’altra Giuliano Pacetti e Paolo Ferrara, attuale ed ex capogruppo M5s in Campidoglio e Maria Teresa Zotta, consigliera capitolina e vicesindaca della Città Metropolitana. Tra gli indagati anche Maurizio Venafro, storico capo di Gabinetto di Nicola Zingaretti (fino al 2015) condannato a 1 anno di reclusione (pena sospesa) nel processo sul Mondo di Mezzo, che secondo chi indaga avrebbe fatto parte del gruppo di lavoro che nel 2012 ha portato a termine l’operazione, “pur in presenza delle perplessità” di uno studio di Cassa Depositi e Prestiti.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In evidenza

Roma, mobilità. R. Mussolini (FdI): Raggi ossessionata da funivia e visioni empiriche. Serve visione lungimirante

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – “Gli autobus vanno a fuoco, le scale mobili saltano come elastici, le fermate della metro restano chiuse per anni e i mezzi pubblici sono pieni anche in tempo di Covid tanto da far considerare una benedizione l’assenza dei turisti, eppure la Raggi vuole regalare a Roma l’ultima follia: la funivia.

I 5 Stelle immaginano una città deserta, a misura della piattaforma Rousseau. L’ultima scempiaggine è relativa all’avviso, inviato a tutti i dipendenti dell’amministrazione capitolina, obbligati a comunicarne la ricezione, per il reperimento di personale in grado di fare di conto relativamente al “calcolo sommario della spesa” per il progetto di fattibilità tecnico ed economico della funivia Casalotti-Battistini-Torrevecchia.

Inappropriati fino alla fine, i cinque stelle non si rendono conto che, non solo sono fuori tempo massimo e che la ragionevolezza dovrebbe portare chiunque ad amministrare l’ordinario. Completamente fuori contesto, i grillini sfuggono alle necessità di cittadini e città per arroccarsi sulle loro visioni personalistiche e nell’improvvisazione amministrativa.

Roma ha bisogno di un quadro innovativo sulla mobilità che poggi su una visione lungimirante, su un documento che ci indichi correttamente lo sviluppo che questa città dovrà sostenere, anche in virtù di questo periodo e di come potrà essere superato. Occorre una pianificazione strategica della “grande” mobilità: niente più bus vetusti ed inquinanti, niente più vagoni metro antiquati, niente più ciclabili empiriche e pericolose. Occorre rafforzare e rivedere tutto il piano delle infrastrutture per la mobilità per accompagnare Roma e farla tornare a essere una capitale.

Per far questo in modo ponderato ed attento, per dare adeguatamente ascolto alle necessità dei cittadini c’è bisogno, prima di ogni cosa, di cambiare amministrazione, passare definitivamente dall’inconsapevolezza al governo al buon governo: la Raggi e la sinistra hanno fallito miseramente è tempo di cambiare.”

Così Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale.

Continua a leggere

Politica

Al via il semestre bianco: Mattarella non può più sciogliere le Camere e indire nuove elezioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La finestra delle elezioni potrebbe riaprirsi dopo l’elezione del nuovo presidente della Repubblica, a febbraio del 2022

Dal 3 agosto scattano gli ultimi sei mesi del mandato del presidente della Repubblica: come prevede l’articolo 88 della Costituzione Sergio Mattarella non potrà più sciogliere le Camere e indire nuove elezioni.

L’attenzione si sposta sui partiti: il timore è che senza più il rischio delle urne, i veti incrociati possano moltiplicarsi e portare addirittura al tentativo di dare vita a un nuovo governo. Non tutti sono d’accordo però: messa al riparo la riforma della Giustizia, tema profondamente divisivo per l’attuale maggioranza, il largo sostegno di cui gode Mario Draghi e la missione del Recovery plan dovrebbero essere sufficienti a garantire la navigazione, almeno fino al momento in cui le Camere si riuniranno per scegliere il nuovo inquilino al Quirinale.

La finestra delle elezioni potrebbe riaprirsi dopo l’elezione del nuovo presidente della Repubblica, a febbraio del 2022, anche perché non è un mistero che lo stesso Draghi sia un candidato forte per la successione a Mattarella ma c’è chi scommette che le ragioni che lo hanno portato a Palazzo Chigi saranno anche quelle che ne consiglieranno la permanenza alla guida del governo fino alla scadenza della legislatura nel 2023, con l’elezione di un altro inquilino al Quirinale. C’è anche chi già ipotizza che i partiti possano chiedere a Mattarella di dare la disponibilità a farsi rieleggere per un secondo mandato. Ma è tutto ancora prematuro.

La finestra del semestre bianco fu introdotta durante i lavori dell’Assemblea Costituente con l’obiettivo di evitare che il Capo dello Stato usasse il potere di scioglimento del Parlamento per garantirsi la rielezione. E nonostante alcuni tentativi di modificare la Carta introducendo il divieto di “bis”, la norma ha resistito nel tempo. Si tratta però di una limitazione che non chiude tutti i margini di manovra a disposizione del presidente della Repubblica: qualora le tensioni nella maggioranza si esacerbassero, Mattarella avrebbe infatti sempre a disposizione l’arma “finale” delle dimissioni anticipate, osserva il deputato Pd e costituzionalista Stefano Ceccanti in un’intervista a Radio radicale. 

Continua a leggere

Politica

Riforma della Giustizia in affanno: Draghi deve mettere tutti d’accordo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Tempi più lunghi per l’improcedibilità dei reati di mafia, terrorismo, violenza sessuale e droga, oltre a una norma transitoria fino a tutto il 2024 per l’entrata a regime della nuova prescrizione. E’ la mediazione per la riforma della giustizia sulla quale si esprimerà il Cdm, per poi portare il testo in Parlamento per l’approvazione. In ogni caso, dicono fonti parlamentari, sul testo approvato dal Cdm non ci saranno ulteriori spazi di mediazione.

Possibile astensione dei ministri M5s

Non è escluso che i ministri M5s scelgano la linea dell’astensione in Cdm, sul testo frutto della mediazione sulla riforma della giustizia. La trattativa con il Guardasigilli, Marta Cartabia, il premier Mario Draghi e i partiti della maggioranza non soddisfa i pentastellati, per questo motivo l’ipotesi dell’astensione è stata messa tra le possibilità.

L’obiettivo del presidente del Consiglio quello di chiudere la trattativa in Cdm per poi portare il documento veneidì in Aula alla Camera e arrivare quindi a una rapida approvazione, anche con la fiducia. La riunione, al momento, è sospesa per consentire la partecipazione dei ministri al question time del Senato.

Continua a leggere

I più letti