Connect with us

Roma

ANGUILLARA, BULLISMO E VANDALISMO: DISAGIO AMBIENTALE, FAMILIARE ED ESISTENZIALE

Clicca e condividi l'articolo

E’ obbligo dei genitori richiamare dalla strada questi giovani; dovere dell’amministratore provvedere loro l’alternativa.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Emanuel Galea

Anguillara Sabazia (RM) – Giungono ancora notizie di bullismo da giovani in ogni parte dell’isola. Il vandalismo, senza doverlo descrivere, è di fronte gli occhi di tutti: mura imbrattate, aiuole rasata a suolo, vetri delle sale d’aspetto, di alcune stazione ferroviarie, rotte. staccionate divelte, fontanelle distrutte e non solo. Nell’articolo a mia firma intitolato “Basta poco che ce vò” pubblicato su questo giornale lo scorso 26 agosto, l’unica intenzione era mettere sotto i riflettori il fenomeno del bullismo e del vandalismo, credendo di rendere un servizio “in primis” ai genitori, agli amministratori ed ai servizi d’ordine, Un fenomeno non da sottovalutare perché, fra i più giovani, ha sempre favorito l'accrescimento della violenza.

I commenti sul social Fb all’articolo di cui sopra sono stati tanti e molto dibattuti. Mi rincresce però, che quasi tutti i partecipanti al dibattito abbiano sorvolato diplomaticamente sull’argomento incriminato.

Qualcuno ha tentato un cenno, dicendo di aver notato anche lui “ fenomeni di bullismo giovanile, sia maschile sia femminile, alla stazione di Anguillara Sabazia”, e il discorso è finito lì. Qualcun altro ha invocato “un po' di educazione e senso civico” ed è già qualcosa! C’è stato qualcuno che ha riportato la propria esperienza parlando di “un ubriaco che dava in escandescenze nella stessa piazza “Largo Baden Powell di Anguillara Sabazia.

Ahimè, nessuno ha voluto, oppure si è sentito di scavare in fondo al problema. C’è stato un tentativo di centrare positivamente il tema , facendo riferimento al degrado morale ed etico e soprattutto alla mancanza di rispetto per il bene comune. Non ci si spiega il perché è stato fatto cadere l’intervento anziché svilupparlo ulteriormente. Da un altro gruppo del social Facebook è arrivato un commento, pieno di contenuti, in parte condivisibili, in parte non. Quest’ultimo invitava ad approfondire le cause che portano i giovani a essere a rischio e da un’altra parte invitava tutti ad affrontare insieme la questione politica nazionale e locale denunciando tutto il menefreghismo della società rispetto ai giovani. Un fortissimo impegno è quello che si chiede.

Ho molto riflettuto su quanto appena scritto e mentre riflettevo, mi tornavano in mente le parole di Papa Francesco che esortava tutti ad andare verso la periferia, quella urbana e geografica, ma anche quella spirituale ed esistenziale. Sorvolo sulla periferia spirituale onde evitare di entrare in sterili polemiche con chi non crede nello spirituale. Trovo il terreno comune nella periferia esistenziale. E’ proprio qui che si può ricercare la soluzione al problema.

La microcriminalità, e mi limito al bullismo e al vandalismo, è effettuata da minori, portatori di problemi e trovandosi in condizioni di disagio familiare e ambientale, cercano il calore di “una famiglia” riunendosi in bande, in gruppi, per condividere tra di loro il disagio esistenziale. E’ ugualmente effettuata da minori appartenenti a famiglie agiate ma portatori di disagio esistenziale anche loro come i primi. Triste costatare che il menefreghismo di tutta la società rispetto ai giovani, spesso ha origine nella famiglia e perciò è da lì che si deve iniziare il percorso.
Si deve arrivare in periferia esistenziale di questi giovani, scoprendo il loro habitat familiare, i rapporti affettivi, se esiste la presenza costante e vigile dei genitori.

Affrontiamo insieme la questione, certamente! Facciamoci portatori sani della questione giovanile. Certamente! A qualcuno le telecamere non vanno a genio. Benissimo!
 Il gruppo oppure la banda si sposta altrove perché in molti paesi, oltre alle sale giochi, per i giovani non esiste niente. Non a caso in quell’editoriale del 26 agosto, facendo riferimento ad Anguillara Sabazia, si è fatto cenno alla piscina che aprirà sempre “domani” e, alla sala cinematografica che rimane un mistero. Giusto pure, chiedere a questi giovani cosa si offre in alternativa alla strada.

A questo punto è d’obbligo ridimensionare il fenomeno. Il tutto si ascrive a un gruppetto di ragazzi/ragazze che si possono contare sulle dita delle mani. Chi sono? A quali famiglie appartengono? Sono orfani? Sono ragazzi/ragazze del posto o vengono da fuori? Le telecamere non piacciono. Chi è che deve individuare chi sono per avvicinarli e cercare di capire da cosa dipende il loro malessere?
 
Perché non responsabilizzare, aiutare i loro genitori a recuperarli dalla strada anziché lasciarli vagare di notte nel vuoto della città? Sono sicuro che la società locale sia più che pronta a cooperare, una volta che i diretti responsabili si muoveranno in prima persona.
In parallelo l’amministratore locale ha il dovere di prendersi carico anche di questa “periferia” della società e non deve risparmiarsi dal cercare di offrire ai giovani, meno sale giochi in cambio di sani luoghi d’incontro, per imparare a socializzare e usufruire di sani divertimenti e attività socio culturali.

E’ obbligo dei genitori richiamare dalla strada questi giovani; dovere dell’amministratore provvedere loro l’alternativa.

LEGGI ANCHE:

 
 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Rocca di Papa: è morto Vincenzo Eleuteri. Rimangono gravi le condizioni del Sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

È morto Vincenzo Eleuteri, delegato del sindaco uno dei feriti coinvolti nell’esplosione del palazzo comunale di Rocca di Papa, vicino Roma, avvenuta il 10 giugno. Ne dà notizia la Asl Roma 2. L’uomo si trovava ricoverato ai Grandi ustionati del Sant’Eugenio di Roma. 

“Nella serata – scrive la Asl Roma 2 – si è spento il signor Eleuteri Vincenzo, delegato del sindaco del Comune di Rocca di Papa. La permanenza prolungata a contatto con i gas tossici del fumo e le particelle solide dell’incendio avevano determinato un grave danno alle vie respiratorie”. 

Le condizioni del sindaco, Emanuele Crestini, rimangono “gravi ma stabili mentre riguardo alle altre due persone attualmente ricoverate una sarà dimessa domattina mentre l’altra nella settimana” fa sapere la Asl Roma 2. Nell’inchiesta ci sono tre indagati. La procura di Velletri ha iscritto un geologo, il titolare della ditta di Frosinone che stava effettuando i lavori e il fratello, esecutore dell’operazione. Nei loro confronti l’accusa è di disastro colposo e lesioni gravi o gravissime colpose. A cui sarà aggiunta quella di omicidio. 

Al geologo il comune aveva affidato una serie di test su eventuali cavità presenti al di sotto degli uffici che ospitano il municipio in prossimità dei quali è avvenuta la deflagrazione per una fuga di gas. Il geologo poi aveva affidato i lavori di perforazione alla ditta di Frosinone. L’ipotesi è che dopo la rottura di una conduttura il gas si sia incanalato per poi saturare il vano ascensore del Municipio e causare la deflagrazione che è avvenuta dentro l’immobile.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca di Papa, il Vescovo Martinelli officerà il Corpus Domini: “Prego per i feriti e le loro famiglie”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROCCA DI PAPA (RM) – Domenica 23 giugno, Sua Eccellenza Reverendissima Raffaello Martinelli, Vescovo della Diocesi di Frascati, sarà a Rocca di Papa. In occasione del Corpus Domini, officerà la Santa Messa, che si terrà alle ore 18 presso i giardini di piazza della Repubblica. A seguire, si svolgerà una processione con il Gesù Sacramentato che giungerà al Duomo dell’Assunta, attraversando Corso della Costituente e i luoghi colpiti dalla tragica esplosione di lunedì scorso.

“A nome dell’Amministrazione Comunale e di tutta Rocca di Papa, ringrazio sentitamente il vescovo Martinelli – dichiara la Vicesindaco, Veronica Cimino – che è vicino al nostro paese in questi giorni difficili. La sua disponibilità e le sue preghiere ci commuovono e ci aiutano ad affrontare con forza e speranza il futuro.”

“Il Vescovo ci ha riferito che ci tiene molto a far sapere alla nostra comunità che sta pregando per il sindaco Emanuele Crestini, Vincenzo Eleuteri e gli altri feriti tra cui i bambini, così come per le loro famiglie – spiega la Consigliera Lorena Gatta – Quest’anno la celebrazione del Corpus Domini da noi rappresenterà un momento ancora più importante, dati gli eventi che hanno scosso Rocca di Papa. Proprio per questo motivo, domenica prossima sarà un momento di raccoglimento per tutto il paese, un momento di comunione per essere pronti a rialzarsi e ricominciare insieme.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Roma

Roma, trans brasiliano tenta di uccidere a coltellate un 28enne romano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un transessuale, 21enne brasiliano con precedenti, con l’accusa di tentato omicidio.

Intervenuti su richiesta giunta al 112 che segnalava una violenta lite in abitazione, i Carabinieri sono giunti in casa del 21enne, in viale Palmiro Togliatti, che poco prima, per una lite scaturita probabilmente per motivi sentimentali, aveva colpito con un coltello, al collo e al petto, un 28enne romano.

Bloccato l’aggressore, i Carabinieri hanno soccorso la vittima che è stata poi trasportata al Policlinico Casilino e ricoverata in prognosi riservata, per le gravi lesioni riportate.

I Carabinieri hanno perquisito l’abitazione e sequestrato 3 coltelli utilizzati dal 21enne che, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato portato in carcere a “Regina Coeli”.

Le indagini dei Carabinieri proseguono per capire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it