Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, tutti a ballare al Malaspina: un film già visto lo scorso anno…

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sembra di assistere a un film già visto il cui finale è già scritto nei dati di fine estate dello scorso anno

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Tutti a ballare al cocktail Bar Malaspina, che ricorda una vera e propria discoteca anche se di fatto non lo è, di Anguillara Sabazia dalle 23 dello scorso sabato fino alle prime luci dell’alba di domenica mattina. Una situazione simile a quella dello scorso agosto quando alcuni ragazzi di ritorno dalla Sardegna, dove era scoppiato il cluster proveniente da Porto Rotondo, avevano partecipato a una delle serate organizzate dal locale e che aveva visto nei giorni successivi la Asl Rm 4 invitare tutti coloro che avevano partecipato a mettersi in autoisolamento.


Ora a un anno di distanza e con una variante Delta che si sta insinuando anche nel nostro Paese a ritmo esponenziale con un tasso di contagiosità nettamente superiore rispetto quello del virus originario sembra di assistere a un film già visto il cui finale è già scritto nei dati di fine estate dello scorso anno.

E a puntare i riflettori sull’esigenza di garantire sicurezza e rispetto delle norme anti-covid è la minoranza in Consiglio comunale.

Alcuni consiglieri testimoni oculari di gruppi di giovanissimi che alle 5.30 della mattina di sabato si sono riversati alla stazione in attesa del primo treno per Roma delle 6.43. Per più di un’ora, in evidente stato di euforia, tra schiamazzi e assembramenti che hanno disturbato i residenti della zona: “Avevamo avuto le avvisaglie – scrivono i consiglieri comunali – con alcune segnalazioni della scorsa settimana di cittadini che lamentavano musica ad alto volume sino a tarda notte. Ma eravamo confidenti che la presenza in giunta di una delega alla “sicurezza” fornisse garanzie sul rispetto delle regole la cui palese violazione ha portato lo scorso anno la nostra città alla ribalta delle cronache proprio per un focolaio esploso in un locale della zona. Invece oggi ci corre l’obbligo di denunciare una evidente violazione delle più elementari norme anti-covid19. Riteniamo urgente che l’amministrazione si renda attrice di una rapida ed immediata indagine, la salute della nostra comunità, specie dei più giovani ancora non vaccinati, é un dovere in particolare del sindaco”. Le domande che fanno i consiglieri comunali sono tante: che tipo di autorizzazione ha il locale? Chi controlla gli ingressi?

Continua a leggere
3 Comments

3 Comments

  1. Marcello Sforzini

    28 Giugno 2021 at 21:44

    Replica della direzione
    Carissimi consiglieri dell’opposizione, leggiamo con non poca amarezza la diffamante nota che avete inteso inoltrare al giornale osservatore d’italia – e dalla redazione di quest’ultimo velocemente pubblicata – al fine di segnalare che forse sarebbe stato opportuno evitare di fare ingiuste insinuazioni, che in concreto, posto l’epilogo dello scritto, parrebbero trasformarsi in una sorta di schermaglia elettorale indirizzata a screditare la maggioranza, piuttosto che a segnalare qualcosa di realmente accaduto.
    Invero, ciò che preme agli addetti del locale – che viene chiaramente chiamato in causa dall’allegazione della locandina – è evidenziare che risultano assolutamente insostenibili le apodittiche, strumentali ed ingiuste accuse, a cui si intende fermamente reagire, se del caso con iniziative anche giudiziali, posta la natura diffamante dello scritto, che chiaramente tende a gettare un velo di discredito sull’attuale classe politica, prendendo di mira per l’ennesima volta la nostra attività, che ha la sola colpa di continuare a dare lavoro a giovani del posto, che, lo si tiene a precisare, non ha mai posto in essere alcuna violazione alle norme anticovid, solo strumentalmente chiamate in causa, senza una reale necessità.
    A ben vedere, infatti, il nostro locale non ha mai tenuto musica alta e risulta assolutamente frutto di chiara strumentalizzazione il richiamo a fatti accaduti lo scorso anno, che hanno visto quali protagonisti due irresponsabili giovani del luogo, i quali si sono mossi su tutto il litorale del Lago, frequentando innumerevoli locali, salvo poi creare una situazione di allarme per l’accesso al nostro esercizio commerciale, a seguito del quale è stato possibile effettuare un tracciamento a tappeto – visto l’ossequio da noi mantenuto alla normativa in materia – a cui non è seguito il paventato e temuto esteso contagio.
    Evidente, pertanto, l’infondatezza della denuncia, rispetto alla quale si deve sottolineare che ciò che nuoce al nostro paese è unicamente la cieca ricerca di colpevoli, che anche in questa occasione si è tentato di porre in essere e che in passato è costata una pesante soccombenza all’amministrazione comunale, in ragione dell’illegittimità di contegni perpetrati in danno della nostra attività, a cui chiaramente anche in questa circostanza, ci vedremo costretti a reagire, ove un’ulteriore ed ingiusta macchina del fango dovesse esser perpetrata contro la nostra azienda, che ha sempre ossequiato le norme ed effettuato i dovuti controlli in materia di COVID, dacchè nessuna violazione è mai stata commessa dentro e fuori il locale.
    Invitiamo, pertanto, per il futuro, gli artefici dello scritto a voler misurare le parole usate contro la nostra attività e ad evitare, quindi, di asserire cose che non si sono verificate, in quanto la nostra azienda non ha azzardato alcun evento in violazione delle restrizioni ancora vigenti in materia.
    Il nostro locale gestisce un’attività di ristorazione con somministrazione e nella serata che si richiama sono stati effettuati puntuali controlli ed il generico riferimento a foto/immagini non sappiamo neppure a cosa si riferisca, posto che l’unica attività esercitata è stata quella di bar/ristorante, in spazi aperti, ove non sono state consentite, né si sono verificate, situazioni contrarie alle vigenti normative.
    Quel che quindi è importante, a nostro avviso, è che le forze dell’opposizione liberissime di mettere in atto schermaglie politiche, non strumentalizzino a tal fine l’attività del nostro locale che ha sempre lecitamente favorito lo sviluppo occupazionale del nostro territorio, obiettivo che dovrebbe essere perseguito da tutte le componenti politiche dell’amministrazione comunale, accantonando personalismi e interessi di parte, che si auspica non debbano ancora connotare la presente e la futura classe politica.
    Ribadiamo, in conclusione, che la nostra azienda ha a cuore la salute della comunità al pari dell’amministrazione, così come lo slancio economico e occupazionale sempre nel pieno rispetto delle normative vigenti.
    Anguillara Sabazia 28 Giugno 2021

    • Cesare Capitani

      2 Luglio 2021 at 19:24

      L’Asl Roma4 ha reso noto che due giovani che avevano trascorso la serata nel citato locale sono risultati positivi al coronavirus. L’ASL aggiunge che “Al fine di non creare assembramenti preghiamo tutti i soggetti il cui cognome inizia con le lettere dalla A alla L di recarsi domani 3 luglio presso il drive in dalle ore 8.00 alle 13.00. Le persone con cognome che inizia da M a Z, dalle ore 13.30 alle 18.00”, spiega la Asl Roma 4 in una nota.
      Il predetto locale già in passato era stato scenario di un fatto analogo. La storia si ripete.
      Nessun ulteriore commento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Fiano Romano, ecco perché il Sindaco Ferilli si candida a Consigliere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sindaco Ferilli, il suo impegno con Fiano Romano finisce a Ottobre con le prossime elezioni?
Assolutamente no. Sono candidato Consigliere a sostegno della lista civica Fiano 2030 di Davide Santonastaso. Dopo 10 anni alla guida di una comunità che è cresciuta facendo diventare Fiano appetibile come vivibilità ed economia, mi metto nuovamente al servizio della collettività.

Perché la scelta di candidarsi ancora? Perché la mia dedizione per la nostra Fiano non ha certo una scadenza temporale, io voglio continuare a far crescere la nostra città, a creare nuove opportunità per i giovani, proseguendo insieme a Davide un percorso fatto di passi, di scelte, azioni intraprese sempre seguendo il criterio del buon padre di famiglia.

Come giudica questa campagna elettorale? Non facile ma con l’abbraccio di tante persone che condividono i nostri valori e il nostro agire con lealtà, trasparenza, dedizione. È facile giocare con le parole ma più complesso confrontarsi con i fatti, lo capisco. Detto questo io penso alla nostra squadra e al prossimo ambizioso progetto che abbiamo per Fiano.

Qual’é l’obiettivo principale del programma di lista e ciò che intende realizzare?
A costo di essere ripetitivo ribadisco l’importanza di dare nuove opportunità ai giovani anche attraverso la prosecuzione di costruzione di una salda rete sociale e l’incentivazione di moduli formativi che si adattino alle opportunità di lavoro anche e soprattutto nel comparto turistico, informatico e che valorizzi il made in Italy e l’artigianato. Vogliamo come lista proseguire il cammino virtuoso intrapreso che permette a Fiano di distinguersi per servizi, accoglienza e appetibilità. Chi passa a Fiano spesso se ne innamora e ci rimane a vivere.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, il Sindaco Tondinelli: “Riduzioni di quasi il 50% per le attività penalizzate dalla pandemia”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Le attività produttive di Bracciano obbligate a chiudere a seguito dei provvedimenti governativi dei mesi scorsi godranno di uno sgravio.
A beneficio del tessuto economico produttivo maggiormente colpito dalla grave situazione emergenziale derivante dalla pandemiada covid 19, arriva una ulteriore misura:”Abbiamo voluto introdurre una riduzione del 45,8% – ha dichiarato il Sindaco Armando Tondinelli- da applicare alla parte fissa e alla parte variabile delle tariffe delle utenze non domestiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività. Porteremo questa proposta giovedì, nella prossima seduta di Consiglio Comunale per l’approvazione. Ad esempio, ridurre la tassa a quelle attività che di rifiuti, a causa del lockdown, ne ha prodotti pochissimi, è un atto doveroso e importante per dare una risposta concreta alle attività penalizzate dalla pandemia”.
Gli sconti saranno previsti per utenze non domestiche (attività produttive). 

Continua a leggere

Metropoli

Martignano, torna l’incubo incendi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un altro episodio che ha compromesso la vegetazione intorno a uno degli specchi d’acqua più suggestivi del Lazio. In fiamme l’area naturale intorno al lago di Martignano, nel comune di Anguillara Sabazia. Un grosso incendio ha l’ambito la pineta e la vegetazione seminando il panico tra le persone che si trovavano lì per trascorrere una giornata di relax a pochi passi da Roma. Si tratta dell’ennesimo incendio di sterpaglie che ogni anno di questa stagione si ripete. I vigili del fuoco di Bracciano sono intervenuti subito, allertati dalle persone sul posto, e sono rimasti per diverse ore. Le fiamme si erano ormai estese troppo.
Visto le dimensioni dell’incendio il direttore delle operazioni di soccorso ha ritenuto necessario l’intervento del canadair e di un elicottero.
I soccorsi sono da subito intervenuti in massa, uno spiegamento di forze al lavoro: il Dos dei vigili del fuoco con l’autobotte, i carabinieri Forestali, Avab Bracciano, Protezione civile di Anguillara e Bracciano e sorvolo degli elicotteri. Giovedì pomeriggio è iniziato il tam tam di commenti sui social: “È da ormai l’ora di pranzo – scrive Valerio Palmieri del meteo Anguillara Sabazia pubblicando le foto su Facebook- che è attivo un vasto incendio nella zona del Lago di Martignano, nelle ultime ore purtroppo anche la pineta ha iniziato a bruciare, in azione i vigili del fuoco e la protezione civile supportati dall’alto da un Canadair”. Enrico Fiorucci commenta nel popoloso gruppo Save Anguillara: “Martignano sta andando di nuovo a fuoco – scrive – e nessuno ancora prende provvedimenti. Aspettiamo che succeda qualcosa di irreparabile? E con questo è il terzo incendio grave in pochi giorni”.

( Foto Facebook Valerio Palmieri Meteo Anguillara Sabazia)

Continua a leggere

I più letti