Connect with us

Roma

ANGUILLARA, SE NON SEI AUTOCTONO, IO TI ABBATTO.

Clicca e condividi l'articolo

Un pino, che secondo il Comandante Guidi non è autoctono, perché deve essere abbattuto?

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Emanuel Galea

Nell’articolo pubblicato lo scorso 20 marzo (ANGUILLARA, IL VERDE E I RICORDI LASCIANO IL POSTO AL “FINTO” PROGRESSO) parlavamo, tra l’altro, dell’abbattimento di un albero, meglio conosciuto dagli abitanti del luogo come “il pignetto”. In merito alla necessità di abbattere questo pino, che rappresentava l’identità di un intero quartiere della cittadina lacustre, il Comandante della Polizia Municipale di Anguillara Francesco Guidi ha spiegato che oltre al “pignetto” sono stati abbattuti, anche nel recente passato, altri alberi di pino e che l’abbattimento di questa specie non richiede autorizzazioni da parte della Forestale o di altro Ente in quanto non appartenente a specie autoctone. A. C. residente del luogo, ha contattato telefonicamente la nostra redazione e vuole sapere se può tranquillamente tagliare gli alberi di pino che aveva piantato trent’anni fa. Ovviamente il quotidiano non è un Ente che può rispondere a questi quesiti e tantomeno concedere autorizzazioni. Abbiamo quindi consigliato al lettore, prima di procedere al taglio,  di sentire il Corpo Forestale. E in attesa del parere del Corpo Forestale e a  prescindere dal quesito sollevato da A. C., che sarebbe già stato chiarito dal Comandante Guidi, il discorso da fare è tutt’altro. Il concetto “non sei autoctono ed ergo ti posso abbattere” potrebbe portare ad ambigue interpretazioni. Innanzitutto stabilire se una pianta è autoctona o meno dovrebbe richiedere maggior ponderatezza. Esulando completamente da tutti questi tecnicismi qualcuno sul social network già ha accennato al vero vulnus del problema. Il punto di domandaè quindi: non essere autoctono vuol dire essere soggetto ad essere abbattuto? Chi e cosa ha o non ha diritto di essere? Lo status di autoctono interessa piante, persone, animali ed eventi. Un pino, che secondo il Comandante non è autoctono, perché deve essere abbattuto? Non estremizziamo il concetto a persone o animali per non entrare in sterili discussioni. Ogni colata di cemento, ogni albero sradicato, ogni fila di alberi tagliati, è  una parte di Anguillara che sparisce, che si seppellisce.

Foto n. 1 –  Via Ponte Valle Trave (Anguillara). Un tratto di strada alberata. Pini sul bordo della strada che si presume non possano mai dare  fastidio a nessuno.

Foto n. 2 – Via Ponte Valle Trave (Anguillara) – Un tratto della stessa strada alberata con alberi tagliati, per fare legna?  Il taglio mostra un tronco sano, in piena vegetazione, per niente malato. A qualcuno davano fastidio oppure ci sarà qualche mega costruzione in progettazione?.
La foto n. 2 è il proseguo della fila di pini che ormai non c’è più. Ha dato fastidio a qualcuno oppure a qualcuno serviva la legna? I pini stavano sul bordo della strada. Saranno autoctoni o non autoctoni? Chi ha tagliato quegli alberi ha sfregiato la faccia di Anguillara.
 
Sempre ad Anguillara a fianco della chiesa Regina Pacis, all’inizio di Via Maria Felice, si possono notare 5 tronchi mozzati di quelli che una volta erano alti pini con una folta fronda. Sono stati abbattuti anche loro di ricente. Magari qualcuno domani darà valide spiegazioni del loro abbattimento.

Non è così che si modernizza il paese. Di certo non tagliando gli alberi. Operazione alquanto discutibile. I giovani guardano ed imparano. In via del Molo, nella località  meglio conosciuta come “I Soldati”, già mancano 2 alberelli.

Ad aggravare la situazione, ad Anguillara non esiste alcuna associazione che tutela l’ambiente, così qualcuno ha gioco facile.

Perché non si prova a migliorare i servizi, l’urbanizzazione, il decoro urbano, la sicurezza stradale, l’illuminazione, l’erogazione regolare di acqua ed elettricità?

Queste sono le caratteristiche di un paese moderno. Il taglio degli alberi non motivato o motivato secondo i propri comodi fa retrocedere il paese verso le terre aride come la cultura che si trasmette ai più giovani.

tabella PRECEDENTI:



Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Castelli Romani

Nemi, ancora un’udienza per “Elvis”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – È stata rinviata al prossimo 2 novembre 2020 l’udienza che vede imputato Giacomo Cavalieri, detto Elvis, per un altro processo relativo il reato di danneggiamento. Cavalieri in un precedente processo ha ammesso di essere stato il mandante degli incendi di tre auto in uso a Franco Nicoletti detto Cricchetto, riconosciuto quest’ultimo parte offesa.

Si è arrivati dunque a un secondo capitolo di atti ai danni di Nicoletti

Tra i testimoni S. F. in quanto una delle auto incendiate è stata data in prestito dallo stesso a Nicoletti e L. B., conoscente e amica di Nicoletti, la quale in più occasioni ha chiesto all’anziano di essere accompagnata a casa o comunque non lasciata da sola in presenza di Elvis che spesso l’avrebbe importunata.

Tra i testimoni è stata chiamata anche S. I. che però non era presente in Aula. I testimoni dovranno presentarsi all’udienza del prossimo 2 novembre.

Il detenuto Giacomo Cavalieri, che si trova in carcere a Velletri, non era presente in Aula questa mattina. Pertanto l’udienza è stata rinviata a novembre.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Roma, blitz a San Basilio: 21 arresti. Anche boss della ‘ndrina

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, nelle province di Roma, Napoli, Reggio Calabria, Viterbo e Frosinone, stanno dando esecuzione a un’ordinanza che dispone la misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 21 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, nonché tentato omicidio. Ulteriori perquisizioni sono in corso nei confronti di altri 13 indagati, le cui condotte sono risultate collegate al traffico illecito di sostanze stupefacenti, attribuito agli arrestati.

Le indagini hanno consentito di disarticolare un sodalizio criminale dedito al traffico, alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo hashish, cocaina e marijuana, operante in una delle più importanti piazze di spaccio del quartiere romano di San Basilio. Tra gli arrestati ci sono diversi personaggi vicini alla ‘ndrina Marando di Platì, progressivamente insediatisi sul territorio popolare di San Basilio, gestendo, con l’ausilio di un considerevole numero di vedette e di pusher in vario modo coordinati, una costante, pervasiva e remunerativa attività di spaccio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, evade dai domiciliari per comprare le sigarette in un bar: arrestato 21enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VELLETRI (RM) – I Carabinieri della Stazione di Velletri hanno arrestato un 21enne del posto per evasione.

L’uomo è stato intercettato dai militari sulla pubblica via, subito dopo essersi allontanato dall’abitazione ove si trovava agli arresti domiciliari senza nessuna autorizzazione.

Il giovane, dopo essere stato bloccato, ha riferito di essere uscito di casa per comprare le sigarette in un bar poco distante.

L’arrestato è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it