Connect with us

Calcio

Campionati italiani Polo 2022, lo scudetto resta a Roma: il golden gol di Guinazu incorona l’Acquedotto Romano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Grande successo per Polo for Smiles, raccolti fondi per sostenere le cure chirurgiche dei bambini

 
 
Il golden gol dell’argentino Nicolas Ruis Guinazu ha regalato lo scudetto all’UnoAerre Acquedotto Romano Polo Club. Il titolo resta quindi nella Capitale, grazie alla vittoria per 5-4 sulla squadra milanese Mimosa Sobrim, che anche lo scorso anno era stata sconfitta in finale.
 
Si chiude un’altra edizione esaltante del campionato italiano, in un Roma Polo Club strapieno per ammirare i campioni a cavallo. È stata una finale tiratissima, così come lo sono state tutte le partite giocate in questi dieci giorni nello storico circolo non lontano dallo stadio Olimpico. Una giornata di grande sport ma soprattutto di grandi sorrisi: alle spalle del campo di gara, infatti, oltre un migliaio di appassionati si sono radunati e hanno dato il loro contributo a Polo for Smiles, l’evento charity in favore della Fondazione Operation Smile Italia, per sostenere le cure chirurgiche dei bambini nati con malformazioni del volto in Perù. Con i fondi raccolti durante la giornata verranno forniti servizi chirurgici a due ospedali della zona della capitale Lima. Particolarmente sentita dalle signore, la ‘Ladies Hat’, la ‘gara’ promossa in occasione di questo charity day per il cappello più glamour sfoggiato durante le finali scudetto.
 
 
Se a vincere il titolo sono stati gli italiani Henry Elser, Giorgio Cosentino e Goffredo Cutinelli Rendina e l’argentino Guinazu, con La Mimosa si era messa in luce Alice Coria, l’unica donna in campo in queste finali, a cui è andato il Premio Fair Play. Alice, 21enne milanese, lo scorso anno con la maglia della Nazionale si è laureata campionessa d’Europa ed è anche abituata a giocare con gli uomini, che hanno però imparato a conoscerla, a rispettarla, anche a temerla in campo: «Mi è capitato che venissi sottovalutata – racconta Alice, a segno anche in finale -, ma riesco sempre a sopperire con il gioco, con la grinta, con il talento. Devo andare a contrasto con tutta la forza che ho». Prima italiana a partecipare alle Olimpiadi Giovanili di polo a Buenos Aires, lo scorso anno ha conquistato il titolo di campionessa d’Europa: «Un’emozione indescrivibile, inspiegabile. L’inno di Mameli mi ha messo i brividi e, quando sono scesa da cavallo, avevo le lacrime agli occhi. Il prossimo anno, ovviamente, puntiamo a vincere ancora».
 
 
A un mese dal Mondiale negli Stati Uniti, per i giocatori azzurri impegnati a Palm Beach sono state le prove generali, le ultime di un 2022 caratterizzato da numerosi grandi eventi di polo, a Roma (come quello di Piazza di Siena, al Galoppatoio di Villa Borghese) e nel resto d’Italia. «L’emozionante epilogo all’extra-time della combattutissima finale scudetto è lo specchio di quanto sia spettacolare e avvincente il polo, uno sport in grande crescita che ci rende particolarmente orgogliosi – le parole di Simone Perillo, Segretario Generale della Federazione Italiana Sport Equestri –. E voglio fare un’eccezione, citando Goffredo Cutinelli Rendina, protagonista oggi di splendide giocate con la maglia dell’UnoAerre Acquedotto Romano. Con le nazionali siamo i campioni d’Europa in carica sia a livello femminile che maschile e i nostri ragazzi a breve partiranno per il Mondiale consapevoli di poter fare una buona figura. E non dimentichiamo il settore giovanile, per il quale è partito il progetto dedicato ai giovanissimi tra i 6 e i 18 anni con l’introduzione del polo nel mondo pony attraverso la Coppa Italia Polo Pony che ha già coinvolto 150 giovani giocatori».
 
 
A premiare i protagonisti, tra gli altri, il segretario generale della FISE Simone Perillo, con il consigliere federale Fise Maria Grazia Cecchini, l’Assessore allo Sport, ai Grandi Eventi, alla Cultura, al Turismo e alla Moda di Roma Capitale Alessandro Onorato e il delegato allo sport della Regione Lazio Roberto Tavani.
 
Alessandro Onorato ha salutato i vincitori: «È stato un grande onore premiare con la medaglia del Natale di Roma la squadra Acquedotto Romano Polo Club. Ringrazio la FISE e il Roma Polo Club per l’ottima organizzazione e l’accoglienza di cavalli e di atleti, che si sono contesi lo scudetto con lealtà e sano spirito agonistico. Un campionato ospitato nel più antico e blasonato circolo italiano, fondato negli anni 30 e frequentato tra gli altri dall’allora principessa Elisabetta d’Inghilterra, che è un vanto della nostra città. Sono stati due giorni all’insegna dello sport e della solidarietà, con il sostegno alla Fondazione Operation Smile Italia».
 
Protagonista della cerimonia di premiazione-scudetto anche il delegato allo sport della presidenza della Regione Lazio, Roberto Tavani: «Una splendida giornata di sole, convivialità e sport al Roma Polo Club dell’Acqua Acetosa, culminata con lo spettacolare finale scudetto e il successo dell’UnoAerre Acquedotto Romano Polo Club. Uno scudetto sofferto ma decisamente meritato, che dà ancora più senso alla partnership tra Regione Lazio e gli Sport Equestri e che si è già specchiata nel successo del Fei 2022 ai Pratoni del Vivaro. Guardiamo con vivo interesse a tutto ciò che possa impreziosire questo rapporto e continueremo a sostenere gli sport equestri con grande energia, consapevoli del messaggio di sostenibilità e rispetto per la natura che viene trasmesso alla comunità, oltre all’importanza della filiera economica che rappresentano, nell’ottica di crescita e sviluppo del territorio».
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

ULN Consalvo, tre gruppi della Scuola calcio all’ultimo atto della prima “Radio Radio Cup”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – La Scuola calcio dell’ULN Consalvo è già brillante. Tre gruppi del club capitolino si sono qualificati per l’ultimo atto della prima edizione della “Radio Radio Cup” che si è disputata in otto centri sportivi di Roma, prendendo avvio nei primi giorni di ottobre. I Pulcini 2012 di mister Fabio Garzina, i Pulcini 2013 di mister Armando Ciarrocchi e Dario Citrigno e i Primi Calci 2014 di mister Carmine Cerniera e Gabriele Difrancescantonio saranno presenti alla giornata conclusiva della manifestazione che si terrà il prossimo giovedì 8 dicembre nel centro sportivo dell’Asd Tor Sapienza, ma anche gli altri due gruppi che hanno partecipato (ovvero gli Esordienti 2010 di mister Emiliano Sangiovanni e gli Esordienti 2011 di Matteo Sebastiani) hanno fatto una buona figura. “Siamo molto contenti delle prestazioni delle nostre squadre sia a livello tecnico, sia a livello comportamentale – dice il responsabile del settore di base Armando Ciarrocchi che allena anche il gruppo 2013 – E’ la dimostrazione che i nostri gruppi lavorano bene e sono sulla strada giusta. Ringrazio tutti i tecnici, i ragazzi e le loro famiglie per l’impegno e la dedizione che mettono sul campo”. I 2014 hanno vinto il loro girone, 2012 e 2013 invece sono stati ripescati da secondi. Ora il programma per questi gruppi prevede la semifinale e poi l’eventuale finale: i 2012 se la vedranno con la Pro Fiano e in caso di successo sfideranno la vincente di Sansa Tirreno-Nomentum, mentre i 2013 giocheranno col Mentana e poi eventualmente contro la vincente di Romulea-Torrenova. Infine i 2014 sfideranno il Guidonia e incroceranno nell’ipotetica finale la squadra che la spunterà tra Tor Sapienza e Df Academy. Non resta che attendere il gran finale della “Radio Radio Cup” per capire se qualche compagine dell’ULN Consalvo riuscirà ad arrivare fino in fondo. Intanto la società di via del Quadraro si sta organizzando in vista del periodo di fine anno: tra Natale e i primi di gennaio, infatti, il centro sportivo del club caro al professor Umberto Consalvo organizzerà piccoli tornei per tutte le categorie della Scuola calcio.

Continua a leggere

Calcio

Cavese Academy 1919 (calcio, Prima cat.), esordio ok per Lunardini: “Punti pesanti a Labico”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Cave (Rm) – Buona la prima per mister Paolo Lunardini. L’esperto tecnico, arrivato sulla panchina della Prima categoria della Cavese Academy 1919 da giovedì scorso (anche se domenica ancora non è potuto andare a bordo campo), ha festeggiato con un successo il suo esordio. Il 2-0 a Labico è sicuramente un buon viatico per la sua avventura a Cave: “Si giocava su un campo difficile e contro un’altra squadra che aveva appena cambiato allenatore, richiamando l’amico Alfio Nuzzi. Inoltre siamo rimasti in dieci dopo mezzora per l’espulsione di Giacomo Vitrano, ma la squadra ha avuto il merito di non scomporsi e nel secondo tempo ha portato a casa la vittoria grazie a una doppietta di Mattogno nel giro di dieci minuti. Questi sono punti che valgono doppio per la nostra classifica”. Lunardini parla del suo avvento alla Cavese Academy 1919: “Dopo aver chiuso l’esperienza con lo Sporting San Cesareo, sono stato sottoposto a un’operazione e avevo deciso di attendere un po’ anche se già quest’estate con la società c’erano stati dei contatti. Quando mi ha ricontattato il direttore sportivo Piero Monecchi, con cui ci conosciamo da anni, ho colto al volo questa opportunità. A Cave sono stato spesso da avversario sia da giocatore che da allenatore e qui c’è una piazza appassionata e un bell’ambiente: vorrei dare soddisfazioni a questi tifosi, ci metterò massimo impegno. La società mi ha chiesto di far bene, ma non mi ha messo grandi pressioni. Il mercato di dicembre? Non ho chiesto nulla alla società anche perché sono arrivato da pochi giorni, valuteremo insieme il da farsi. Le prime impressioni sulla squadra sono positive, anche se c’è tanto da lavorare. I ragazzi si sono messi subito a disposizione, alcuni li ho già allenati tra Poli, Praeneste, San Cesareo e Rocca Priora, ma anche altri li ho incrociati da avversari. Dovrò conoscere meglio i giovani, ma credo che ci siano dei buoni elementi”. La Cavese Academy 1919 è quinta a due soli punti dalla vetta… “Ma io mi guardo sempre prima indietro, dobbiamo conquistare i punti per salvarci e poi penseremo ad altro. Nel girone vedo lo Sporting San Cesareo favorito, anche se non sembra esserci una squadra ammazza-campionato”. Il debutto di Lunardini all’Ariola sarà di lusso: “Ospiteremo il Valle Martella che è una gran bella squadra, molto quadrata e con giocatori forti come Porcarelli. Noi non avremo Giacomo Vitrano e proveremo a recuperare Christian Vitrano in extremis, ma soprattutto dovremo scendere in campo con la giusta testa se vogliamo fare una bella figura”.

Continua a leggere

Calcio

Rocca Priora RDP (calcio), Galeazzi è contento: “Buon punto a Bellegra in inferiorità numerica”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Rocca Priora (Rm) – Un pareggio prezioso per la Promozione del Rocca Priora RDP. I ragazzi di mister Stefano Gioacchini hanno impattato 1-1 sul difficile campo del Bellegra. A parlare della sfida è il centrocampista classe 2002 Claudio Galeazzi: “Siamo andati in vantaggio nelle fasi iniziali grazie ad un rigore di Saliani, poi i padroni di casa hanno segnato il gol del pareggio e poco prima dell’intervallo c’è stato un episodio che poteva incidere negativamente sulla sfida: Barbusca si è visto negare un rigore evidente, ha protestato e l’arbitro lo ha prima ammonito e poi espulso. Nel secondo tempo non era scontato riuscire a mantenere il risultato e tra l’altro abbiamo costruito anche qualche opportunità per vincere. Alla fine, comunque, è un buon pareggio”. Il giovane centrocampista ex Colleferro parla dell’inizio di stagione della formazione castellana: “Forse abbiamo lasciato qualche punto all’inizio, in particolare nelle sfide con Grottaferrata e Paliano, ma ultimamente siamo riusciti a realizzare una buona striscia di risultati. La nostra è una squadra molto giovane e questo non va dimenticato: siamo convinti di poter crescere ed esprimerci ancora meglio”. Per questi motivi Galeazzi non vuole fissare obiettivi a lungo termine: “Dobbiamo solo pensare ad affrontare una partita per volta. In questo girone ci sono squadre molto forti ma, come dimostrato anche dal bel pareggio ottenuto contro la capolista Valmontone (unico mezzo passo falso compiuto finora dai primi della classe, ndr), ce la possiamo giocare con tutti. La classifica al momento è cortissima e quindi tutto è possibile”. Il giovane centrocampista è felice della sua prima parte di avventura col Rocca Priora RDP: “Sono molto contento di stare in questa società che crede ai giovani, ho trovato un ambiente degno di un club professionistico”. La chiusura è sul prossimo impegno di campionato: “Ospiteremo il De Rossi che ci ha eliminato dalla Coppa Italia a inizio annata – ricorda Galeazzi – Sono una buona squadra e sarà una partita tosta, come tutte quelle di questo girone”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti