Connect with us

Castelli Romani

Colonna, in manette coniugi spacciatori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

COLONNA (RM) – I carabinieri della Stazione di Colonna hanno arrestato una coppia di coniugi romani, di 35 e 20 anni, incensurati, con l’accusa di detenzione e produzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. Dopo un prolungato servizio di osservazione svolto tra il territorio di Colonna e San Cesareo, i Carabinieri sono intervenuti in un’abitazione di via degli Olmi e, a seguito della perquisizione personale e domiciliare, hanno appurato, nel sottotetto dell’abitazione, l’esistenza di un vero e proprio laboratorio artigianale di produzione di “Marijuana”, sequestrando due piccole serre con all’interno quaranta piante di “marijuana”, alte circa 150cm cad., lampade alogene, pannelli foto-riflettenti, sistema di ventilazione e di irrigazione. Durante l’operazione è stato rinvenuto, all’interno di un mobile del soggiorno, un ulteriore involucro di 36 grammi di marijuana.

I coniugi sono stati altresì denunciati a piede libero con l’accusa di furto di energia elettrica

I militari dell’Arma infatti, grazie alla collaborazione con il personale dell’ufficio verifiche di “ENEL distribuzione S.P.A.”, hanno scoperto, nell’abitazione, un allaccio abusivo effettuato sul contatore di proprietà della società, grazie al quale veniva evitata la reale contabilizzazione dei consumi di energia elettrica. L’uomo e la donna sono stati messi agli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Nemi, dopo un anno l’albero mozzato non è stato ancora estirpato: via dei Corsi nel degrado

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Ormai è passato quasi un anno da quando l’albero pericolante in via dei Corsi a Nemi è stato tagliato, ma le transenne che dovevano essere momentanee sono rimaste lì a circondare delle radici che vanno assolutamente estirpate per rendere fruibile la strada percorsa da tutti i residenti di Parco dei Lecci e per coloro che da via dei Corsi raggiungono la via De Sanctis che porta al centro di Nemi.

Quell’albero mozzato al centro della strada, già di per sé stretta, è pericoloso e impedisce ai mezzi più grandi il passaggio con tutti i disagi che ne derivano. Che aspetta il Comune di Nemi a rimuoverlo?

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca di Papa, un operatore della mensa positivo: attivate procedure sanitarie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un caso di positività ha riguardato un operatore del centro cottura della mensa scolastica dell’istituto comprensivo di Rocca di Papa, sono state attivate tutte le procedure sanitarie per la sanificazione dei locali e la quarantena e monitoraggio degli operatori secondo la vigente normativa.
Sarà garantito regolarmente il servizio di mensa scolastica, attraverso l’attivazione di un centro cottura alternativo, così come il regolare svolgimento dell’attività didattica in tutti i plessi scolastici dell’infanzia e della primaria ad eccezione delle classi già poste in quarantena.

Continua a leggere

Castelli Romani

Genzano: pusher di 23 anni colto sul fatto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GENZANO DI ROMA (RM) – I Carabinieri della Stazione di Genzano di Roma hanno
arrestato un ragazzo di 23 anni del posto, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di
sostanze stupefacenti. Il giovane è stato individuato dai Carabinieri in via Sforza Cesarini, proprio mentre stava cedendo una dose di marijuana ad un suo “cliente”.
Dopo aver fermato il pusher, i Carabinieri hanno fatto scattare le verifiche anche nel suo
domicilio: nel corso della perquisizione, i militari hanno rinvenuto e sequestrato altri 9
grammi di “erba”, pronti per essere venduti, e 3.000 euro in contanti, ritenuti provento della
sua attività illecita. Il 23enne è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

Continua a leggere

I più letti