Connect with us

Cronaca

Cronisti uccisi: morto il figlio del giornalista che aveva scoperto la morte della moglie in diretta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Due giornalisti sono stati uccisi in un attacco israeliano a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza. Lo riferisce l’agenzia di stampa palestinese Wafa. Un drone israeliano avrebbe sparato un missile contro un veicolo che trasportava reporter nell’area di al-Mawasi, a ovest di Khan Younis, uccidendo il giornalista Mustafa Thraya e il reporter 29enne Hamza Al-Dahdouh, figlio del direttore dell’ufficio di Al Jazeera a Gaza Wael al-Dahdouh.

A ottobre, la moglie, il figlio, la figlia e il nipote di al-Dahdouh erano stati uccisi in un attacco aereo israeliano nella Striscia. E proprio Al Jazeera condanna l’uccisione dei giornalisti palestinesi “presi di mira” a Gaza. Save the Children: “Più di 10 bambini al giorno, in media, hanno perso una o entrambe le gambe a Gaza dall’inizio del conflitto tre mesi fa”. L’esercito dello Stato ebraico annuncia di aver “completato lo smantellamento” delle capacità militari di Hamas nel nord di Gaza e rende noto che “finora sono stati uccisi 8mila terroristi”.

La libertà di stampa è un pilastro fondamentale della democrazia, consentendo ai giornalisti di informare il pubblico senza timori o pressioni indebite. Purtroppo, in molte parti del mondo, questo diritto è minacciato da regimi autoritari, organizzazioni criminali e altri poteri che cercano di soffocare la verità e la libertà d’espressione.

Uno degli aspetti più tragici di questa situazione è l’uccisione di giornalisti coraggiosi che cercano di portare alla luce verità scomode. Questi omicidi non solo rappresentano un attacco ai singoli professionisti, ma minano anche la libertà di informazione e il diritto del pubblico di essere informato.

In diversi paesi, giornalisti impegnati nella denuncia della corruzione, nell’indagine su crimini o nell’esposizione di violazioni dei diritti umani sono diventati bersagli. Il loro coraggio nel mettere in luce la verità ha spesso comportato minacce, intimidazioni e, in alcuni casi, persino la perdita della vita.

L’omicidio di un giornalista rappresenta non solo una tragedia per la sua famiglia e i colleghi, ma indebolisce anche il tessuto stesso della democrazia. Quando i giornalisti vengono uccisi o minacciati per il loro lavoro, si diffonde il terrore e si crea un clima in cui la censura e l’autocensura diventano moneta corrente.

Organizzazioni internazionali e gruppi per i diritti umani hanno denunciato ripetutamente questi attacchi e hanno chiesto giustizia per i giornalisti assassinati. Tuttavia, in molti casi, i responsabili rimangono impuniti, il che crea un circolo vizioso in cui l’impunità alimenta ulteriori attacchi contro la stampa libera.

Inoltre, la negazione della libertà di stampa non si limita solo agli omicidi. Viene spesso perpetrata attraverso leggi restrittive, arresti ingiustificati, censura online e altre forme di persecuzione che mirano a limitare la voce dei media indipendenti.

È fondamentale che la comunità internazionale agisca con determinazione per proteggere i giornalisti e difendere la libertà di stampa. Questo implica l’adozione di misure per garantire che i responsabili di attacchi contro i giornalisti siano portati davanti alla giustizia, nonché lo sviluppo di meccanismi di protezione per consentire ai giornalisti di svolgere il loro lavoro senza paura di rappresaglie.

Solo promuovendo e difendendo la libertà di stampa si può contribuire a costruire società più aperte, trasparenti e democratiche. La protezione dei giornalisti e della loro capacità di svolgere il loro ruolo nel garantire l’accesso all’informazione è essenziale per il progresso e il benessere delle società globali.

Sono molti i giornalisti assassinati in diverse parti del mondo divenuti esempi di gravi violazioni della libertà di stampa.

Ad esempio, Jamal Khashoggi, giornalista saudita e contributore del Washington Post, è stato brutalmente assassinato nel 2018 nel consolato saudita a Istanbul. Il suo omicidio ha suscitato indignazione globale e sollevato preoccupazioni sulle violazioni dei diritti umani e sulla libertà di stampa in Arabia Saudita.

Anche la giornalista maltese Daphne Caruana Galizia è stata uccisa nel 2017 in un attentato con una bomba nella sua auto. Caruana Galizia era nota per le sue indagini sulla corruzione politica e economica a Malta. Il suo omicidio ha portato l’attenzione su questioni di governance e libertà dei media nell’Unione Europea.

In Russia, Anna Politkovskaja, giornalista investigativa nota per il suo lavoro critico sul governo russo e sui conflitti in Cecenia, è stata uccisa nel 2006 nel suo appartamento a Mosca. La sua morte ha sollevato preoccupazioni sulla libertà di stampa in Russia e sulla sicurezza dei giornalisti che espongono la corruzione e l’abuso di potere.

Questi sono solo alcuni dei numerosi casi in cui giornalisti coraggiosi sono stati uccisi nel corso degli anni mentre svolgevano il loro lavoro. Le loro morti rappresentano attacchi intollerabili alla libertà di stampa e rimangono simboli della lotta per difendere il diritto fondamentale di informare e essere informati senza paura di rappresaglie.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Cortei pro Palestina, a Firenze e Pisa manifestanti caricati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Cariche della polizia alla manifestazione pro Palestina ieri a Firenze e a Pisa. A Firenze è accaduto quando i manifestanti hanno provato a raggiungere il consolato americano. Il corteo, formato da sindacati di base, studenti e comunità palestinese, è partito da piazza Santissima Annunziata per raggiungere, sfilando per il centro, piazza Ognissanti e ha poi proseguito il percorso sul lungarno verso il consolato. A poche decine di metri era presente lo sbarramento delle forze dell’ordine e quando i manifestanti hanno provato ad avanzare sono partite alcune cariche di alleggerimento. Il corteo ha poi fatto ritorno in piazza Ognissanti per gli interventi finali.

“Siamo profondamente turbati da quanto avvenuto oggi a Pisa e Firenze ed esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza alle studentesse e agli studenti. Come cittadini, genitori, rettori di università, riteniamo che l’uso della violenza sia inammissibile di fronte alla pacifica manifestazione delle idee”. Così in una nota Luigi Ambrosio, direttore della Scuola Normale Superiore e Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna in merito a quanto accaduto stamani nelle due città toscane in occasione di cortei pro Palestina, con i manifestanti caricati dalle forze dell’ordine.

L’impegno del Dipartimento della Pubblica Sicurezza “è da sempre proteso a garantire il massimo esercizio della libertà di manifestazione e nel contempo ad assicurare la necessaria tutela degli obiettivi sensibili presenti sul territorio nazionale”. Lo afferma il Dipartimento sottolineando che gli scontri a Firenze e Pisa con i manifestanti “fanno emergere le difficoltà operative di gestione, durante i servizi di ordine pubblico, di possibili momenti di tensione determinati dal mancato rispetto delle prescrizioni adottate dall’Autorità ovvero dal mancato preavviso o condivisione dell’iniziativa da parte degli organizzatori”.

Gli episodi di scontro verificatosi nelle manifestazioni a Firenze e Pisa “costituirà, come sempre, momento di riflessione e di verifica sugli aspetti organizzativi ed operativi connessi alle numerose e diversificate tipologie di iniziative, che determinano l’impiego quotidiano di migliaia di operatori delle forze dell’ordine”. Lo fa sapere il Dipartimento della pubblica sicurezza.

Continua a leggere

Cronaca

Viterbo, 80 anni fa moriva il celebre musicista Cesare Dobici: il 25 aprile la cerimonia di commemorazione al cimitero comunale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print

Il 25 Aprile prossimo, alle ore 11,30, l’ Associazione e Centro Studi Cesare Dobici, nella ricorrenza dell’ottantesimo anniversario della morte di questo celebre musicista viterbese, si ritroverà, unitamente alle Autorità operanti nella Tuscia ed agli appassionati, presso il Cimitero Comunale per deporre un omaggio floreale sulla sua tomba.
Il Dobici, oltre ad essere stato un eminente polifonista e raffinato compositore, fu un eccellente didatta tanto che il suo nome ancora risuona nei Conservatori e le sue pubblicazioni sono tuttora oggetto di studio ed analisi . Vissuto a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, docente presso il Conservatorio S. Cecilia ed il Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma, Accademico di S. Cecilia, Dobici fu una pietra miliare del Movimento Ceciliano, caldeggiato dal Pontefice per risollevare la musica in chiesa. Le Messe del Dobici appaiono non solo ricche di abilità compositiva e straordinaria inventiva ma lasciano trasparire la profonda umanità del compositore.
Maestro di Cappella presso la Cattedrale di Viterbo, questo grande artista fu sempre vicino alla sua città nativa: testimonianza gli stupendi Inni a S. Rosa e alla Madonna dei Cimini.
Nel 2012 la Corale S. Giovanni fu promotrice, insieme a Ferdinando Bastianini, di una serie di iniziative volte ad illuminare ed illustrare la figura di questo sommo compositore: da una serie di Congressi e Concerti dove sono convenuti musicisti e musicologi, al restauro del busto del compositore a Prato Giardino, ad un Annullo Filatelico dedicato al ricordo di questo evento.
È stata, inoltre, dedicata un’aula, per conto del Maestro Monsignor Valentino Miserachs, ispirato ed animato da questi eventi, presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra e l’illustre Maestro Giovanni Acciai, un luminare della Musica Corale, ha tenuto successivamente una Lectio Magistralis, terminata con un concerto della Fanfara della Polizia di Stato, e una serie di Masterclass destinate a Direttori e Compositori di Musica Corale.
L’Associazione e Centro Studi Cesare Dobici, inoltre, da quei giorni, ha continuamente divulgato la musica del grande artista viterbese, basti far menzione del Convegno tenuto ad una folla incredibile di appassionati, dalla ricercatrice Wanda Folliero nel Giugno del 2022 presso la Sala Mendel degli Agostiniani, luogo tanto caro al Dobici, con il contributo musicale della Corale S.Giovanni. Questo gruppo vocale, diretto da Maria Loredana Serafini, ha messo in programma in ogni suo concerto brani di Dobici e lo stesso Presidente dell’ Associazione, Ferdinando Bastianini, nei suoi concerti organistici, inserisce sempre qualche musica, sempre enormemente apprezzata, del musicista viterbese.
Appuntamento, dunque, il 25 aprile, presso la tomba del Dobici: nelle settimane successive saranno organizzati nuovi eventi tra i quali un nuovo convegno volto a ripercorrere l’attività e la vita a Viterbo di questo musicista e si porrà un riferimento esplicativo della figura dell’artista presso la via a lui dedicata.



Continua a leggere

Cronaca

Anzio, tentato omicidio: arrestato un 41enne con precedenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuto

image_pdfimage_print

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anzio hanno dato esecuzione a un’ordinanza, emessa dal Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica, che dispone la custodia cautelare in carcere per
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anzio hanno arrestato un 41enne italiano, già noto alle forze dell’ordine, gravemente indiziato del reato di tentato omicidio. Nei giorni scorsi, l’uomo si era incontrato con un 58enne presso un bar lungo la via Nettunense per chiarire alcuni dissidi professionali nati tra i due, in quanto entrambi si occupano di autospurgo.
Evidentemente non hanno raggiunto alcun accordo e, dopo essere usciti nel parcheggio dell’attività, cominciavano ad aggredirsi vicendevolmente. All’improvviso, il più giovane è gravemente indiziato di aver estratto un coltello col quale feriva alla schiena l’altro uomo, immediatamente soccorso e trasportato presso il pronto soccorso dell’ospedale riuniti Anzio – Nettuno.
Inizialmente ricoverato in prognosi riservata, a seguito di un’operazione ai polmoni è stato scongiurato il pericolo di vita.
L’intervento dei Carabinieri sul posto, gli elementi raccolti dai testimoni e le informazioni in possesso dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Anzio hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato, risultato irreperibile dopo ore di ricerche nei territori di Anzio e Aprilia. Per questo motivo, stante la gravità delle vicende e i gravi indizi di colpevolezza raccolti dai Carabinieri, la Procura della Repubblica ha richiesto ed ottenuto la citata misura cautelare nei confronti dell’indagato che è stato arrestato e accompagnato presso il carcere di Velletri.



Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti