1

FARMACO VORICONAZOLO: DA SAN FRANCISCO L'INQUIETANTE SCOPERTA

di Cinzia Marchegiani

San Francisco – Dall'università di San Francisco, nello stato della California, una delle principali università dedicata alla promozione della salute in tutto il mondo attraverso la ricerca biomedica avanzata, formazione post-laurea in scienze della vita e le professioni sanitarie e di eccellenza nella cura del paziente arriva un importante studio effettuato su un farmaco che viene prescritto ad una classe di pazienti.

Cancro e morte, ecco la scoperta importante sul voriconazolo. Il farmaco incriminato è il Voriconazolo, comunemente usato nelle terapie per trattare le infezioni fungine in pazienti sottoposti a trapianto polmonare, ma ora secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori universitari di San Francisco e pubblicato quest’oggi sulla rivista scientifica American Journal of Transplantation apre purtroppo scenari inquietanti. Lo studio inedito ha di fatto dimostrato che l'utilizzo del voriconazolo  aumenta significativamente il rischio di cancro della pelle e può portare persino la morte. Per questo motivo il gruppo di ricercatori raccomanda ai medici di considerare i fattori specifici di ogni singolo paziente che possono modificare il rischio ed i benefici del farmaco, quando si prescrive la cura.

Le dichiarazioni. L'autore senior Sarah Arron, MD, PhD, professore associato di dermatologia e direttore della Clinica “La pelle ad alto rischio cancro”, che offre l'assistenza medica e chirurgica più avanzata per i pazienti ad alto rischio di cancro alla pelle non-melanoma – e cioè per pazienti organo e trapiano midollo osseo, quelli con sindromi genetiche che li ha messi ad aumentato rischio di cancro della pelle come la sindrome del nevo basocellulare, la sindrome di Bazex, la sindrome di Rombo e xeroderma pigmentoso; Leucemia e linfoma pazienti, inclusi quelli da Leucemia linfatica cronica e linfoma non Hodgkin; quelli con a lungo termine HIV – ha spiegato in modo deciso: "E’ importante per i medici essere consapevoli dell'impatto del Voriconazolo. Raccomandiamo che tutti i pazienti sottoposti al trapianto del polmone siano informati sul rischio di cancro della pelle e l’importanza della fotoprotezione, oltre alla programmazione screening per il cancro della pelle di routine con un dermatologo qualificato dopo i programmi di trapianto. Ma soprattutto per i trapianti polmonari dovrebbero anche prendere in considerazione i fattori di rischio del paziente-specifici al momento di decidere il tipo, dosaggio e durata dei regimi di profilassi antifungine ".

Focus Cancro della Pelle dopo trapianti di organi solidi. Il cancro della pelle è il tumore maligno più comune che sopraggiunge in seguito ai trapianti di organi solidi, soprattutto a causa dell’immunosoppressione, ciò produce una casistica impietosa, i pazienti trattati sviluppano il rischio 65 volte maggiore di sviluppare un carcinoma cutaneo a cellule squamose (SCC) rispetto alla popolazione generale. Questi carcinomi sono aggressivi e possono portare a numerose lesioni, con conseguente più interventi chirurgici debilitanti e aumento del rischio di morte.

I pazienti con polmone trapiantato sono particolarmente suscettibili di SCC causa dell'età anni al trapianto e più intensa immunosoppressione. Essi hanno anche alti tassi di infezioni fungine dopo il trapianto, che può portare a significativa morbidità e mortalità.

Ma il primo farmaco approvato nel 2002, il Voriconazolo è usato per prevenire e trattare le infezioni fungine invasive, come quelle causate dalle Aspergillus funghi, specialmente nei pazienti con sistema immunitario compromesso, come a seguito di un polmone o altro trapianto d'organo. Aspergillus funghi possono causare aspergillosi, una varietà di malattie spesso si verificano in persone con sistema immunitario sano, ma avere una malattia di base, come la tubercolosi o broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).
Effetto collaterale del Voriconazolo. Purtroppo il carcinoma cutaneo a cellule squamose (SCC) è un grave effetto collaterale di Voriconazolo, che non ha linee guida chiare per i regimi di profilassi nonostante il suo uso diffuso.
Dati dello Sudio, l’esposizione al Voriconazolo aumenta del 73% rischio di tumore alla pelle. Nel loro studio, Arron ei suoi colleghi hanno valutato tutti i UCSF singolo-polmone, doppio polmone o cuore-polmone pazienti trapiantati sottoposti a trapianto tra ottobre 1991 e dicembre 2012. Questi 455 individui sono stati analizzati per l'esposizione al Voriconazolo e il suo impatto sulla SCC, Aspergillus colonizzazione, aspergillosi invasiva e per tutte le cause di mortalità. I ricercatori hanno scoperto che l'esposizione Voriconazolo ha determinato un 73 per cento maggiore rischio per Carcinoma Cutaneo a Cellule Squamose o SCC, con ogni ulteriore esposizione di 30 giorni aumentando il rischio del 3 per cento.

Il Voriconazolo è inoltre inefficace contro aspergillosi. Il farmaco sotto indagine ha dimostrato che ha ridotto significativamente il rischio di Aspergillus colonizzazione, soprattutto nel primo anno dopo il trapianto, ma non aspergillosi. Ha inoltre ridotto per tutte le cause di mortalità tra i pazienti trapiantati che hanno sviluppato Aspergillus colonizzazione ma non ha avuto un impatto significativo su quelli senza la colonizzazione.
Nel dettaglio l'autore Matteo Mansh, MD, che ha fatto il lavoro come uno studente di dottorato presso la Stanford University che ha incluso un anno di ricerca presso il Dipartimento di Dermatologia UCSF, ha ulterirmente chiarito le seguenti indicazioni importanti, indirizzate ai medici: "Nel caso di pazienti con trapianto al polmone con fattori di rischio per carcinoma cutaneo a cellule squamose (SCC), compresi quelli con l'età avanzata, il sesso maschile e di razza bianca o quelli in cui la somministrazione Voriconazolo prolungata non può avere chiari benefici, i medici di trapianto dovrebbero considerare limitare l'esposizione ad alte dosi della terapia con Voriconazolo o utilizzando farmacologica alternativa, opzioni che non presentano un aumentato rischio di SCC "