Connect with us

Costume e Società

Generale Alessandro Butticè, intervista al nuovo delegato ANCRI presso gli organismi internazionali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il presidente dell’Associazione Nazionale Insigniti al Merito della Repubblica(ANCRI) Tommaso Bove delega a rappresentare gli insigniti presso gli organismi internazionali il Generale (r) della G.d.F. Alessandro Butticè, già delegato dell’ANCRI per il Belgio, l’Unione Europea ed il Consiglio Atlantico. Butticè ha recentemente ricevuto anche la delega per il coordinamento delle delegazioni all’estero dell’Associazione Nazionale Insigniti OMRI.
Il Generale (r) della Guardia di Finanza Alessandro Butticé, Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana è stato delegato dal presidente Nazionale ANCRI Tommaso Bove a rappresentare l’Associazione degli Insigniti presso gli organismi internazionali.
La Delega si aggiunge a quella di Delegato per il Regno del Belgio, il Consiglio Atlantico e l’Unione Europea. Per effetto di tale delega al Generale Butticè è stato attribuito anche il coordinamento delle 16 Delegazioni ANCRI all’estero.
Il generale, nell’accettare il nuovo impegno associativo ha risposto: “Onorato da tale delega, come Patriota italiano ed europeo, mi impegno a contribuire, assieme agli amici delegati all’estero, a difendere i valori associativi, costituzionali e repubblicani, che includono la costruzione europea, in Italia, in Europa e nel mondo.”
Ma vediamo chi è il Generale Alessandro Butticé. Primo ufficiale non solo della Guardia di Finanza, ma anche di un Corpo di polizia e delle Forze armate italiane ad essere distaccato, dal 1990, presso i servizi antifrode della Commissione Europea.
Nel 1999 ha contribuito alla creazione, dell’Ufficio Europeo per la Lotta alla Frode (OLAF), dotato di assoluta indipendenza nella sua funzione di indagine su tutto il territorio dell’UE e all’interno delle proprie istituzioni.
Sino al 2009, è stato portavoce del primo Direttore Generale dell’OLAF (l’Ufficio Europeo per la Lotta alla Frode), il compianto procuratore bavarese Franz-Hermann Bruener, e capo della comunicazione dell’Ufficio.
È stato poi anche capo della Comunicazione Istituzionale della Direzione Generale del Mercato Interno, Industria e Imprese della Commissione Europea, chiamato dall’Allora Vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani, e successivamente capo delle Risorse Umane e della Sicurezza della direzione Generale competente anche per l’industria della difesa e la politica spaziale.
Lo abbiamo voluto intervistare.

Generale Butticè lei nel 2014 si è congedato dalla Guardia di Finanza e nel 2018 dalla Commissione Europea. Come vive questo terzo tempo della sua vita?
Sono iscritto da trent’anni all’ordine dei giornalisti. Dopo il tempo dell’impegno a livello nazionale, nella Guardia di Finanza italiana, e quello internazionale, presso l’Unione Europea, per scelta personale vivo ora nell’impegno associativo, sociale e giornalistico, attività che di fatto svolgo ininterrottamente dall’età di 16 anni, quando ero collaboratore de « Il Gazzettino ». La mia filosofia di vita attuale è tutta racchiusa in quel bellissimo testo di Mario De Andrade, dal titolo “ho contato i miei anni”, che consiglio di leggere a tutti coloro che sono entrati nella cosiddetta maturità. “Non ho tempo per sopportare persone assurde che, oltre che per l’età anagrafica, non sono cresciute per nessun altro aspetto. Non ho tempo, da perdere per sciocchezze. Non voglio partecipare a riunioni in cui sfilano solo “Ego” gonfiati. Ora non sopporto i manipolatori, gli arrivisti, né gli approfittatori. Mi disturbano gli invidiosi, che cercano di discreditare i più capaci, per appropriarsi del loro talento e dei loro risultati…”

Ci faccia capire meglio questa sua filosofia di vita
Lo ha scritto De Andrade, celebre poeta, musicologo, critico letterario e narratore brasiliano,ma lo penso profondamente io. E prego tutti gli amici che vogliono continuare ad esserlo di prendermi sul serio.
Perché è con questo spirito che, dopo aver rifiutato qualche proposta professionale, anche di carattere politico (rifiutata perché non è il mio mestiere e mi piace restare un pensatore libero e un istituzionale senza etichette), oltre alle mie regolari collaborazioni con AISE (l’Agenzia Internazionale Stampa Estera), e quelle occasionali con Il Gazzettino (il mio primo giornale), Il Riformista, Il Finanziere, Fiamme Gialle ed altri giornali, dedico il mio tempo restante ad attività di volontariato, sociali ed associative.

Perché ha deciso di aderire all’Associazione Nazionale Insigniti al Merito della repubblica Italiana? Ho deciso di dare la mia entusiasta adesione innanzitutto perché l’ANCRI soddisfa pienamente la filosofia di questo mio terzo tempo della vita e questo mio spirito; e poi per il fatto che ne facesse parte, quale responsabile delle relazioni istituzionali il prefetto Francesco Tagliente, un vecchio e valoroso amico ritrovato dopo oltre trent’anni, e un presidente nazionale, Tommaso Bove, un Patriota visionario e di nobili ideali.

Cosa ha trovato un Generale della Guardia di Finanza tra i soci ANCRI?Ho ritrovato quell’entusiasmo e quegli ideali che hanno guidato oltre quarant’anni di servizio alle mie due Patrie dai destini indissolubili: l’Italia e l’Europa unita. Ho ritrovato quella generosità di intenti unita alla giovinezza di spirito, che fa della nostra associazione un’associazione fresca e innovativa, che sa usare anche il mondo dei social-network e delle moderne tecnologie digitali. Un’associazione che si sostiene e si alimenta nell’entusiasmo e nell’integrità del proprio spirito. Che non dà spazio ai diversi tromboni autocelebrativi, tanto affetti da prezzemolite (cioè dal desiderio compulsivo di essere ovunque) quanto poco affidabili negli impegni presi, da cui spesso siamo circondati e con cui ho pure avuto a che fare. Prendendo però le distanze quando la loro frequentazione è divenuta intollerabile. Un’associazione dove il “noi” prevale sull’”io”. Il noi di «noi Patrioti italiani ed europei».

Ci spiega perché ha accettato le deleghe ANCRI con grande entusiasmo al punto da dichiarare “Onorato da tale delega, come Patriota italiano ed europeo, mi impegno a contribuire, assieme agli amici delegati all’estero, a difendere i valori associativi, costituzionali e repubblicani, che includono la costruzione europea, in Italia, in Europa e nel mondo.”

Il fatto che rispondono ai valori che sono stati quelli di una vita passata al servizio delle Istituzioni, nazionali ed Europee.

Come pensa ora di esercitare le deleghe ANCRI ? Penso che mi impegnerò, assieme ai delegati all’estero ed alla Presidenza Nazionale, per promuovere nel mondo i valori costituzionali italiani tutelandone i simboli, assieme a quelli dell’Unione Europea che, come sancito dalla nostra Carta, sono intimamente insiti gli uni negli altri. Ed è in questo spirito che, il 10 dicembre del 2019, sto organizzando a Bruxelles, con l’alto patrocinio del Parlamento Europeo e della Rappresentanza in Belgio della Commissione Europea, presso l’Istituto Italiano di Cultura, un grande evento ANCRI sui Valori e i simboli della Repubblica Italiana e dell’Unione Europea. Il primo, spero, di una lunga serie, per ricordare che oggi non possiamo più essere Patrioti Italiani, senza essere anche Patrioti Europei.

Ci risulta che fino al 2009, lei è stato portavoce del primo Direttore Generale dell’OLAF e che nel 2001 ha presentato le dimissioni al Direttore Generale dell’Ufficio Europeo per la Lotta alla Frode, Franz-Hermann Bruener. Ci spiega perché prese quella decisione?

Deve sapere che conservo ancora copia della lettera di dimissioni che, il 4 ottobre 2001, avevo presentato al mio Direttore Generale, a seguito di alcune maliziose illazioni, provenienti anche da italiani, sulla possibilità che la mia contestuale appartenenza alla Guardia di Finanza (che non ho mai ripudiato, respingendo fermamente i «suggerimenti» di chi avrebbe preferito che, come avevano fatto alcuni colleghi, mi congedassi dalla stessa), potesse rendermi “soggetto a delle pressioni da parte nazionale”.

Come andò a finire?
Le mie dimissioni furono immediatamente e fermamente respinte da Franz-Herman Brüner, con la conferma della sua incondizionata personale fiducia. Quale vecchio PM nel processo al leader della DDR Herich Honecker, era capace di comprendere da dove veniva il vero pericolo per la sua indipendenza.

Quale era il giudizio del Direttore Generale dell’Ufficio Europeo per la Lotta alla Frode delle Forze di polizia italiane?
Franz-Herman Brüner, dopo una prima iniziale riserva, dovuta a tanti stereotipi sul nostro paese, conoscendole sul campo divenne un grandissimo estimatore delle Forze di polizia italiane, dalle quali sentiva di avere il più leale sostegno. Mi ripeteva spesso che avrebbe gradito ritrovare la stessa organizzazione, indipendenza dall’esecutivo nella funzione di polizia giudiziaria, ed i mezzi e poteri investigativi delle Forze di polizia italiane, anche in quelle di altri paesi, compresi la Germania, che conosceva bene.

Perché, secondo lei, il Direttore Generale dell’OLAF avvertiva un più leale sostegno da parte di un rappresentante delle Forze di Polizia italiane?
Perché con con me, ben comprendendo anche da giurista la mia lettera di dimissioni, si sentiva garantito della mia assoluta indipendenza o meglio, della mia assoluta dipendenza ai suoi ordini legittimi grazie al mio giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana, di osservanza della Costituzione. In più occasioni ci soffermavamo a commentare quei principi fondamentali del nostro ordinamento in cui fa riferimento alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute (art. 10) e il principio di giustizia universale in ossequio al quale il nostro ordinamento sceglie di condizionare le proprie azioni ad obblighi assunti a livello internazionale (art. 11)

Un Funzionario dello stato italiano a Bruxelles con una doppio cappello quindi ? Si questi principi sono stati la bussola del mio servizio, col doppio cappello – assolutamente compatibile – di ufficiale italiano e di dirigente dell’Unione Europea, per quasi tre decenni al servizio della Commissione Europea. Consapevole che se avessi violato le regole di indipendenza previste dall’ordinamento dell’UE e dallo statuto dell’OLAF, avrei violato anche il mio giuramento di osservanza della Costituzione e delle leggi, e quindi la legge italiana.


Ha un significato particolare il ritratto del generale Alessandro Butticè che so essere stato dipinto da un ritrattista belga al momento del suo congedo?
Fedele al mio giuramento e alle norme costituzionali sono fiero di non aver mai mancato di servire con disciplina ed onore, in tutta la mia carriera professionale, il mio Paese in Europa e l’Europa nel mio Paese.
E per questo, rispondendo all’offerta dell’amico Barone Emmanuel Beyens, celebre ritrattista belga, di farmi un ritratto prima del congedo dalla Guardia di Finanza, gli ho chiesto che vi mettesse, oltre al tricolore, anche la bandiera dell’UE.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Costume e Società

Crispiano: successo per Terra e Sangue, l’opera teatrale ispirata al brigante Pizzichicchio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Con l’avvio della 2° edizione dell’opera teatrale “Terra e Sangue” prosegue l’impegno culturale per la promozione del patrimonio del territorio di Crispiano.

Ha riscosso un grande successo, con applausi a scena aperta, l’opera teatrale “Terra e Sangue” ispirata al brigante Cosimo Mazzeo, detto Pizzichicchio.

Oltre 55 attori, musicisti e comparse hanno rievocato storia e saccheggi delle Masserie del briganti, fenomeno diffusissimo nel territorio crispianese, nella provincia di Taranto,

Lo spettacolo è andato in scena per quattro sere consecutive dal 6 al 9 agosto nella suggestiva e affascinante location della Masseria Fogliano.

Grandi applausi per gli attori protagonisti, tutti rigorosamente crispianesi, che si sono immedesimati nei personaggi dell’epoca, facendo rivivere al pubblico presente il periodo del brigantaggio tra il 1860 e il 1864.

Varie le figure interpretate, tra tutte spiccano quelle del Sergente Romano, di Crocco, di Don Ciro Annichiarico e di Cosimo Mazzeo in arte Pizzichicchio interpretato dal bravissimo giovane Leonardo Bello.

Lo spettacolo è terminato con la scena della cattura degli ultimi briganti alla storica Masseria Belmonte della famiglia della madre del prefetto crispianese Francesco Tagliente presente alla prima serata dello spettacolo.

Allo spettacolo hanno assistito tra gli altri il Sindaco di Crispiano, Luca Lopomo, l’Assessore Aurora Bagnalasta delegata ai Servizi Sociali, alla Cultura e allo Spettacolo e alle Pari Opportunità, Luca Lazzaro presidente Confagricoltura Puglia e proprietario della Masseria Fogliano, l’imprenditrice Lucia Cavallo presidente del Gal Magna Grecia, Concetta Vitale autrice della ricerca storica e la redazione dei testi.

Pino Spadavecchia, ha curato l’audio e le luci mentre gli splendidi costumi sono stati realizzati dalla sartoria della Pro Loco di Crispiano.

Al termine della rappresentazione ha preso la parola Luciano Paciulli presidente Pro Loco Crispiano organizzatrice dello spettacolo che dopo aver ringraziato gli enti istituzionali e associativi per aver creduto in questa nuova edizione, ha rivolto un plauso a tutti i componenti del nuovo cast.

Il Sindaco Luca Lopomo si è detto orgoglioso e contento del risultato ottenuto dalla compagnia crispianese ed ha confermato di riproporre lo spettacolo anche nei prossimi anni nelle varie e bellissime masserie di Crispiano: “Vogliamo che questo spettacolo diventi una sorta di appuntamento fisso dell’estate crispianese e pugliese, riproponendolo ogni anno in una delle diverse masserie di Crispiano”, ha dichiarato il Sindaco Lopomo.

“Il Comune di Crispiano negli ultimi tempi sta diventando un centro di cultura che si impegna per tenere vivi quei valori fondanti di un ordinamento, che grazie a voi viene mantenuto alto”, ha concluso poi il Prefetto Tagliente, omaggiando i protagonisti. Giampiero Laera

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, al Divan Japonais nasce il drink “La Mandragata”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FRASCATI (RM) – Grazie a un barman creativo e cinefilo diventa un drink il film’Febbre da Cavallo‘, il cult movie firmato Steno e interpretato da Gigi Proietti, Enrico Montesano, Catherine Spaak e tanti altri attori e caratteristi che hanno reso grande il cinema italiano.

A inventare il cocktail ‘La Mandrakata‘, ispirato dalla famosa espressione di Proietti, Max La Rosa, proprietario e barman del Divan Japonais di Frascati

Max La Rosa proprietario e barman del Divan Japonais di Frascati

Gli ingredienti

Il drink si prepara con 3,5 cl di Jim Beam Rye Whiskey, 3,0 cl di Cherry Stock, 12 foglie di menta marocchina, 4 cl succo di limone, 3 cl sciroppo homemade allo Zafferano di Navelli, 3 splash bitter homemade agli agrumi e quanto basta di Gosling’s Ginger beer. Per prepararlo, pestare delicatamente la menta in un bicchiere highball doppio da 450 ml, quindi versare tutti gli ingredienti, tranne la Gosling’s Ginger beer e aggiungere ghiaccio. Versare quindi la Gosling’s Ginger beer e mescolare ancora per completare, decorando con una fetta di limone e della menta cosparsa di zucchero a velo vanigliato.

Il whisky ‘maschio senza rischio‘ o meglio ‘teschio maschio senza fischio‘ evocato dal film è ingrediente principale del drink, in questo caso Jim Beam Rye, whiskey di segale del Kentucky, distribuito in Italia da Stock Spirits, caratterizzato da note di vaniglia e un finale pungente, con aromi di noce moscata, chiodi di garofano e pepe nero. Il tutto levigato nel drink dalla menta e dai sapori di agrumi e amarena. E attinente è l’ispirazione del cocktail a un grande classico, il Mint Julep, datato 1938 e servito durante la più famosa corsa di cavalli statunitense, il Kentucky Derby, dove veniva apprezzato da più di 120mila persone l’anno. Insomma, un drink da assaporare mentre si ascoltano le inconfondibili note del trio Bixio-Frizzi-Tempera, scommettendo su Soldatino o D’Artagnan e tifando per Mandrake e Pomata.

Continua a leggere

Costume e Società

“Ci vediamo a via Veneto”: una chiacchierata a 360 gradi con Michela Califano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Michela Califano Consigliere Regionale del Lazio per il partito Democratico ospite di Chiara Rai per la puntata di sabato 8 agosto di “Ci vediamo a via Veneto”. Un’intervista all’esterno dell’Harry’s Bar, lo storico locale della “Dolce Vita”.

“La ‘me’ nascosta, quella di cui difficilmente riesco a parlare. – Ha detto Michela Califano riguardo l’intervista – I miei primi passi in politica, i miei ‘mentori’, i momenti bui e difficili che mi hanno reso la Michela che tutti conoscete. Ma anche le gioie e le soddisfazioni. Un bellissimo momento trascorso insieme alla bravissima Chiara Rai che ringrazio davvero di cuore per la piacevolissima chiacchierata. Un bel ritratto della Michela che non sempre faccio emergere”.

Continua a leggere

I più letti