Connect with us

Gallery

Guidonia Montecelio, fine dello scempio. Sgomberati i campi nomadi. Ammaturo: “Ora chi paga?”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Per quasi due anni una enorme fetta del territorio di Guidonia Montecelio è stato occupato da migliaia di nomadi e camminanti siciliani. Finalmente le ordinanze di via. Chi paga ora lo scempio? Così la Consigliera comunale di Fratelli d’Italia Giovanna Ammaturo interroga il Sindaco. “Grazie, al buon senso delle Istituzioni romane – ha detto Ammaturo – che a distanza di due anni quasi a Guidonia Montecelio hanno emesso le ordinanze di sgombero a centinaia di rom e camminanti che avevano occupate strade, quartieri e interi consorzi industriali.

Sono occorse 50 auto delle Forze dell’Ordine per ripristinare la libertà

Finalmente i Cittadini si sono riappropriati della sovranità di transitare a piedi o in auto in tutte le arteria della terza Città del Lazio senza avere il timore reverenziale di disturbare od essere disturbati da chi aveva deciso di occupare il possibile senza rispetto dei regolamenti e della civiltà – lo conferma Giovanna Ammaturo consigliere di Fratelli d’Italia che da quasi due anni ha avuto la costanza di denunciare, interrogare, postare video nel merito- Oggi non esulto – dice l’Ammaturo- come qualche sciacallo è abituato a fare per prendersi meriti e titoli fuorvianti ed ipocriti. Mi sento libera, come tutti i cittadini, dopo essere stata additata finanche come razzista, ed inopportuna per aver invitato il Sindaco a lasciare fissa una macchina della Polizia Municipale nella frazione dell’Albuccione dove tra rom abusivi e cittadini non erano rimasti che attriti dovuti anche ai continui furti. Il territorio appartiene a tutti, un concetto che né il Sindaco Barbet né il vice con delega alla legalità Russo avevano saputo cogliere fin dalla prima interrogazione: l’emergenza. Oggi al Sindaco Barbet abbiamo chiesto: adesso chi paga? Quanto costerà alla casse del Comune la pulizia di masserizie e tutto quello che si potrebbe immaginare compresi divani, materassi e mobilio oltre frigoriferi e sedie. Ci vorranno centinaia di camion e pale meccaniche per asportare quello che è rimasto. Sembra di entrare in zona di guerra o di far parte di quei reportage dalle favelas brasiliane. Parte oltremodo è seminascosto dalla vegetazione spontanea o gettate nelle scarpate ed anche abbandonate sui marciapiedi costruiti con i soldi dei contribuenti.

Il Sindaco Barbet ancora tre giorni fa predicava pazienza dopo aver girato la testa mai rispondendo a nessuna interrogazione. Russo evangelizzava l’integrazione e la costituzione di coop di lavoro dopo essere andato anche in Sicilia ed aver saputo che molti di questi camminanti siciliani erano proprietari di immobili come ebbe a dirmi. Oggi resta un mesto e silenzioso paesaggio tra i più disgustosi e nauseabondi che si possano immaginare. Fatte prima le ordinanza, non si sarebbe arrivati a tale scempio ambientale. Ma si sa che i penta stellati, tutto regolamento e pazienza, fino all’anno zero, gridano alla vittoria in aula di consiglio alla votazione unanime di essere “ plastic free”, poi come tutti i radical chic se ne strabuggerano delle centinaia di migliaia di bottiglie plastica ed oggetti simili lasciati per ogni dove.

Chi paga adesso signor Sindaco per una condotta bradipa e senza coraggio? I cittadini hanno già onorato i loro tributi, miri a chi non vuole prendersi la responsabilità sebbene si vogliano per forza definire amministratori. Io, e migliaia di cittadini vogliamo conoscere i costi di una pulizia dovuta per igiene e civiltà di tanto territorio dissacrato e martoriato di una Città che appartiene a tutti e non ha zone ghetto o limitazioni: quelle le lasciamo ai politici inconcludenti ed ai lori mesti pensieri. Intanto oggi sulle strade del Pip abbiamo rivisto 5 roulotte.”

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gallery

Roma, I Municipio. Alfonsi-Talamaca: “Apertura scuole in sicurezza”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Riapriamo le scuole in sicurezza. Oltre alle nuove strisce pedonali, abbiamo voluto dare spazio all’ingresso per garantire il distanziamento.

Dopo una prima sperimentazione, si procederà ove opportuno all’ampliamento definitivo dei marciapiedi o alla chiusura al traffico dei tratti interessati. Dal  Tasso, al Regina Elena, Belli Mordini, Pistelli, Belli Col di Lana, Cairoli, Regina Margherita, Di Donato, Bonghi, e Baccarini, quest’ultima con il definitivo assetto di parapedonali, abbiamo approntato interventi necessari per garantire sicurezza e decoro a tutti i nostri studenti che finalmente varcano i portoni delle loro scuole dopo sei lunghi mesi di lockdown e incertezza. 

Abbiamo voluto realizzare prima dell’apertura gli interventi necessari per il diserbo e la pulizia dei marciapiedi e, soprattutto, il rifacimento degli attraversamenti pedonali nelle immediate vicinanze degli 80 plessi scolastici presenti nel nostro territorio. A questi si aggiunge la posa dei sanpietrini in ceramica, in via Giulia, strada su cui insiste la scuola Virgilio, a rifacimento delle strisce pedonali, con un materiale green, una pietra ceramica realizzata con una percentuale di materiale proveniente dai rifiuti, che garantisce alte prestazioni in termini di resistenza e durata”. Così in una nota la Presidente del Municipio Roma I Centro, Sabrina Alfonsi, e l’assessore alla scuola Giovanni Figà-Talamanca.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, Salvini: “Prima mandiamo a casa i sinistri dei Castelli Romani e poi la Raggi e Zingaretti l’anno prossimo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Oltre cinquemila persone presenti ieri ad Albano Laziale per ascoltare il leader della Lega Matteo Salvini che ha parlato a sostegno della candidatura a Sindaco di Albano di Matteo Mauro Orciuoli e degli altri aspiranti Sindaci della Lega nei Castelli Romani.

Un numero di presenze importante che lascia presagire un largo consenso a favore del candidato di centrodestra Orciuoli: “Stiamo scrivendo una nuova alba per Albano – ha detto Orciuoli – vogliamo una città degna del nome che porta dove si crei lavoro grazie un sistema turistico mai decollato in dieci anni di fallimenti della giunta Marini /Borelli. Adesso basta, c’è una squadra coesa e pronta a mettere in campo tutti i progetti che daranno Albano, Pavona e Cecchina i servizi che merita. Piano regolatore, piano particolareggiato del centro storico, un piano per la sicurezza, opere pubbliche e infrastrutture sono le nostre priorità insieme ad una manutenzione del verde e al ripristino del decoro urbano con un’azione mirata e costante per restituire dignità ad Albano”.

Le parole di Orciuoli hanno incassato un plebiscito di consensi e il discorso di Matteo Salvini ha acceso speranza e condivisione: “Prima mandiamo a casa i sinistri dei Castelli Romani – ha detto il senatore della Lega – e poi la Raggi e Zingaretti l’anno prossimo. Preparate le valige che il Lazio merita di più e merita di meglio. Cinque milioni di lavoratori italiani sono stati costretti a pagare le tasse ad agosto: è una vergogna! Il Governo ha chiuso tutto e pretende che si paghino le tasse subito. A casa! Con la salute e i sacrifici di donne e uomini non si scherza. Scegliete i candidati della Lega per incominciare a fare pulizia in questo Paese e riacquistare la dignità perduta: lavoro, salute, istruzione. Dobbiamo tornare a essere il Paese che siamo: l’Italia è un Paese meraviglioso”.

Tutta la coalizione di centrodestra presente al fianco di Orciuoli con entusiasmo, preparazione e condivisione ha garantito ordine e nessun disagio alla manifestazione che si è svolta civilmente e con una partecipazione oltre le aspettative.

Continua a leggere

Gallery

Roma, sostenibilità ambientale e sociale: Poste Italiane rafforza la flotta green

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

105 autovetture, 180 motomezzi e 197 nuovi motocicli elettrici a tre ruote

ROMA – Salgono a oltre 480 i mezzi ecologici in forza nei 19 Centri di Recapito dai quali ogni giorno partono i portalettere per la consegna di corrispondenza e pacchi ai circa 3 milioni di abitanti della Capitale.

La flotta green romana è composta da 105 autovetture, 180 motomezzi e 197 nuovi motocicli elettrici a tre ruote. In particolare nei contesti urbani, Poste Italiane sta puntando molto nella fornitura dei nuovi tricicli poiché garantiscono emissioni zero, maggiore capacità di carico, stabilità e sicurezza.

Alimentati elettricamente al 100%, infatti, hanno una potenza di 4 kW che garantisce una velocità massima di 45km/h, in linea con i limiti imposti dal codice della strada nei centri abitati e sono dotati di un’autonomia energetica di circa 60 km, tale da permettere ai portalettere di consegnare la corrispondenza e i pacchi giornalieri con una sola ricarica.

La particolare conformazione del veicolo a tre ruote, inoltre, ne aumenta la stabilità e la sicurezza per il conducente e permette l’installazione di uno speciale baule che aumenta la quantità di pacchi e lettere trasportabili: fino a 270 litri, contro i 76 dei motocicli tradizionali, caratteristica ancora più importante visto il costante aumento dei pacchi da consegnare grazie allo sviluppo importante dell’e-commerce.

Ogni giorno abbiamo circa 33.500 mezzi che girano per il paese – ha dichiarato Matteo Del Fante – per cui abbiamo molto a cuore il tema della sostenibilità. Ci siamo dati l’obiettivo di ridurre di circa il 40% le emissioni entro il 2022 passando da circa l’11% di mezzi green ad oltre il 50%. Anche i nostri nuovi Centri di Recapito – ha concluso Del Fante – sono pensati e realizzati in base a standard energetici di altissimo livello”.

Il piano “green” di Poste Italiane è in linea con l’ESG – il piano d’azione in materia di sostenibilità ambientale e sociale approvato dal Consiglio di Amministrazione ad agosto 2018, che ha l’obiettivo di garantire la definizione degli indirizzi del Gruppo con ricadute positive per tutto il territorio.

Continua a leggere

I più letti