Connect with us

Sport

Inizia a Trento il Tour 2020 EASYBASKETinCLASSE nelle scuole italiane

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Dopo la grande partecipazione degli istituti scolastici nelle prime due edizioni, la Federazione ItalianaPallacanestro, anche per l’anno scolastico 2019-2020, torna con EASYBASKETinCLASSE, il progetto per le
Scuole Primarie che ha coinvolto dal 2017 più di 11mila classi, con oltre 200mila alunni di tutta Italia.
EASYBASKETinCLASSE, promosso dalla FIP e gestito dalla società veronese Neways specializzata in progettidi comunicazione, segue le linee guida dell’accordo CONI-MIUR per la promozione dello sport nella scuola
come palestra di vita e prevenzione alla sedentarietà.
La terza edizione di EASYBASKETinCLASSE si sviluppa fino a giugno 2020 in 3.928 classi delle ScuolePrimarie di tutta Italia, con il coinvolgimento di circa 4mila insegnanti e 80mila alunni. In provincia diTrento sono coinvolte 25 classi, 500 alunni, degli Istituti Comprensivi Trento 7 e Tione di Trento.
L’EasyBasket nasce per sostenere e rinforzare la valenza educativa del Minibasket, semplificandone alcuniaspetti e facilitando l’utilizzo delle modalità di gioco. EasyBasket significa essenzialmente facilitare il gioco,
fare in modo che i bambini siano in grado di giocarlo subito e che i docenti lo possano gestire.
Anche quest’anno EASYBASKETinCLASSE ha come testimonial i volti di due campioni assoluti dellapallacanestro: Giacomo Galanda, capitano della Nazionale Medaglia d’Argento 2004 e Oro ad Eurobasket 1999, e Cecilia Zandalasini, giocatrice della Nazionale italiana e del Fenerbahçe Istanbul. I personaggi di GEK e CECI non solo accompagnano gli insegnanti e gli alunni in questo fantastico percorso sportivo nellescuole e palestre italiane, costituendo due esempi concreti di chi lo sport lo vive e lo ha vissuto ai massimilivelli, ma diventano anche ispirazione per tanti giovanissimi che si vogliono avvicinare al mondo dello sporte ai suoi valori.
Durante l’anno scolastico le scuole aderenti utilizzano le schede didattiche, realizzate dallo staff tecnicoMinibasket e Scuola FIP e le video lezioni pubblicate sul sito www.easybasketinclasse.it , insieme ai saluti di
molti Campioni e Campionesse della Nazionale.
EASYBASKETinCLASSE quest’anno è anche un Contest Social. Gli alunni, con il supporto degli insegnanti,potranno realizzare il video “Come giochiamo a EASYBASKETinCLASSE”, che rappresenti situazioni di gioco o momenti divertenti di attività motoria a scuola. Le famiglie e tutti gli appassionati di basket, fino al 30 marzo, potranno cliccare MI PIACE sui video pubblicati su Facebook con l’hashtag #contesteasysbasketinclasse e il tag @easybasketinclasse. La classe vincitrice si aggiudicherà 10 LEZIONI
GRATUITE EASYBASKET a scuola con un tecnico federale FIP.
Il progetto prevede anche la partecipazione attiva dei Comitati Regionali FIP e la realizzazione di ben 11 INCONTRI NAZIONALI. Grazie al pieno coinvolgimento delle realtà istituzionali, scolastiche e sportive del
territorio, gli incontri si trasformano in eccezionali Giornate di Festa dello Sport.
Nelle precedenti edizioni, centinaia di bambini hanno giocato con grande entusiasmo a EasyBasket con il campione Giacomo Gek Galanda e con Maurizio Cremonini a Verona, Prato, Matera, Domodossola (VB), Cannara (PG), Riccò del Golfo (SP), Ancona, Selargius (CA) e Sala Consilina (SA).

L’INCONTRO DI TRENTO

Nel 2020 il tour EASYBASKETinCLASSE parte proprio da Trento presso il Palasport Gardolo, mercoledì 15 gennaio, alle ore 10.00, con la partecipazione degli insegnanti e di più di 200 alunni della Scuola Primaria
Pigarelli, del Dirigente Scolastico dell’I.C. Trento 7 Paolo Andrea Buzzelli, dell’insegnante referente Gianna Antonelli, dell’Assessore allo Sport del Comune di Trento Tiziano Uez, del Presidente Provinciale Coni Paola
Mora, del Presidente FIP Trento Mauro Pederzolli.
Le lezioni di EasyBasket sul campo saranno a cura di Maurizio Cremonini, responsabile tecnico Settore Minibasket e Scuola FIP, esperto di fama internazionale, supportato dallo staff Fip Trento, dal Coordinatore
tecnico regionale Arben Baftiri e dalla società Basket Club Gardolo 2000 ASD.
Testimonial d’eccezione per il primo incontro è la campionessa nazionale KATHRIN RESS.
Kathrin Ress (Salorno, 26 giugno 1985) è la sorella del cestista Tomas Ress.
Con la maglia della Nazionale ha giocato i Campionati Europei nel 2007 (Chieti), 2009 (Lettonia), 2013 (Francia), 2015 (Romania) e 2017 (Repubblica Ceca).
Con l’Under 20 ha giocato gli Europei 2003, 2004 e 2005, con l’Under 18 l'Europeo 2002 in Slovenia e con l’Under 16 quello del 2001 in Bulgaria.
Ha iniziato a giocare a Parma nel 1996, dal 1999 è passata a Schio. Ha giocato negli Stati Uniti nella High School di Mount de Chantal nel 2002-03 e dal 2003 si è trasferita a Boston College (al primo anno vittoria della Big East Conference e accesso alla Sweet Sixteen).
Al Draft WNBA 2007 è stata scelta col numero 24 dalle Minnesota Lynx, con cui ha giocato 28 partite (3 punti e 2.5 rimbalzi di media).
Per tre anni è tornata a Schio, con cui ha vinto scudetto (2008), Coppa Italia (2010) ed EuroCup (2008).
Dopo un anno a Gran Canaria, ha giocato a Faenza e Lucca. Dal 2013 è tornata nuovamente a Schio ed ha vinto 5 scudetti e 5 edizioni della Coppa Italia. Nel 2018 è a Napoli, poi è passata a Bolzano in A2. La scorsa
estate si è ritirata.
Da settembre 2019 è entrata a far parte dello staff della Nazionale Femminile come assistente di Andrea Capobianco.

Calcio

Ssd Colonna, il settore pattinaggio riparte di slancio: tra i neo tesserati anche una bimba di 3 anni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Colonna (Rm) – Ha celebrato il suo open day di presentazione sabato scorso. Ma ormai il settore pattinaggio ha preso uno spazio importante all’interno della Ssd Colonna, crescendo in modo costante anno dopo anno sia a livello numerico che per soddisfazioni ottenute. “Siamo molto contenti di come stiano andando le cose ormai da tempo – dice la dirigente responsabile Roberta Castaldi – Sabato è stata fatta un’esibizione dimostrativa con tutte le allieve dello scorso anno, davanti agli occhi delle nuove arrivate. Lo staff tecnico è stato confermato praticamente in toto con Federico Tassini (che tra l’altro sosterrà da atleta i mondiali a novembre con la Roma Roller Team, ndr), Naomi Romagnoli, Alessia Giovannetti e la new entry Michela Stazi. Ma siamo molto contenti perché, dal primo settembre, abbiamo registrato oltre quindici nuove tesserate tra cui la piccola Maria Vittoria Furcolo, tre anni: una ragazzina fantastica che vive per i pattini, un vero e proprio “spot” per il nostro settore. Infine, volevo rivolgere il nostro più grande in bocca al lupo a Giorgia Galuppi che, durante una sessione di allenamento, si è procurata la rottura della tibia e del perone: le auguriamo una pronta ripresa e la aspettiamo al più presto in palestra”. La Castaldi ricorda come è strutturato il settore pattinaggio della Ssd Colonna: “Le ragazze vengono divise in cinque gruppi, a seconda delle competenze tecniche di ognuna di loro: c’è il corso denominato “Primi passi”, quello chiamato “Avviamento base” e poi ancora “Avviamento avanzato”, “Intermedio” e “Avanzato”. Gli allenamenti si tengono lunedì, mercoledì, venerdì e sabato con orari che variano a seconda dei gruppi di riferimento. Per chiunque volesse ulteriori informazioni può contattarci al numero 366.4957577 oppure semplicemente venire nel nostro pallone polivalente e fare una prova gratuita per capire come lavoriamo”. Ancora da definire con precisione il calendario degli appuntamenti: “Ci potrebbe essere qualche impegno ufficiale anche tra novembre e dicembre, poi sotto Natale il gruppo si esibirà nel consueto saggio, poi tra dicembre e gennaio organizzeremo il secondo trofeo “New Energy” nel nostro pallone polivalente e da febbraio scatteranno tutte le gare ufficiali federali e promozionali”.

Continua a leggere

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), capitan Buono: “Alla lunga i nostri valori verranno fuori”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Genzano (Rm) – La Cynthialbalonga ha perso la sua terza gara interna su quattro disputate. Nell’anticipo di sabato con l’Avezzano, i ragazzi di mister David D’Antoni hanno ceduto per 2-0 al termine di una gara che il capitano Davide Buono analizza così: “Quando si perde, dire che non si è meritato è sempre sbagliato. Abbiamo fatto la miglior partita stagionale a livello di possesso palla – sottolinea il centrocampista classe 1991 ex Sambenedettese e Monterosi – Ma ci è mancato il guizzo per cambiare l’inerzia della partita, magari se fossimo andati in vantaggio sarebbe stata una sfida diversa. Invece, poco dopo la metà del primo tempo, alla prima azione abbiamo subito gol e da quel momento abbiamo provato a reagire, ma in modo troppo confusionario”. Buono non sembra dare troppo peso alle sconfitte interne di questa prima parte di stagione (la prima delle quali in Coppa Italia con la Tivoli): “E’ un fatto piuttosto casuale, non ci sono motivi ambientali né si tratta di un problema del fondo del terreno di gioco che invece è perfetto. Anzi altrove ne troveremo certamente di peggiori”. Da capitano, il centrocampista spende parole importanti per questo gruppo: “Qui ci sono ragazzi positivi con cui si lavora benissimo: proveremo a vincere questo campionato anche se l’inizio di stagione non è stato esaltante, ma è proprio in questi momenti che bisogna rimanere tranquilli ed equilibrati perché in questo girone non c’è una squadra strafavorita e quindi i risultati altalenanti caratterizzeranno un po’ tutti. Sono sicuro che alla lunga i valori di questa squadra verranno fuori, sia dal punto di vista tecnico ma soprattutto da quello umano”. La testa dei castellani è già proiettata al match di domenica prossima a Chieti contro una compagine che domani giocherà il suo turno di campionato: “Potrebbero essere stanchi per l’impegno ravvicinato, ma questo discorso potrebbe anche non pesare. Noi dobbiamo pensare ad andare in Abruzzo con la voglia di fare una buona partita e riprenderci quanto perso sabato. Come noi, anche il Chieti ha cambiato tanto e rappresenta una piazza importante: sarà una sfida tosta come tutte quelle di questo girone”. La chiusura di Buono è sulla sua prima parte di esperienza alla Cynthialbalonga: “Qui ho trovato società che ha voglia pazzesca di fare bene e arrivare in alto, una cosa che mi piace molto perché anche io sono ambizioso e quindi stimolato dai progetti di questo club”.

Continua a leggere

Sport

Colleferro (calcio, Eccellenza), un derby…Parfait: “Siamo rimasti sempre concentrati”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Colleferro (Rm) – Il Colleferro fa altri tre passi verso l’alta classifica del girone B di Eccellenza. La formazione del presidente Giorgio Coviello ha battuto per 3-1 l’Audace in un derby molto sentito e importante che è costato il primo k.o. alla squadra di Genazzano. Tra i protagonisti del match per i rossoneri c’è stato sicuramente Louise Parfait, centrocampista camerunense classe 1990 che è stato uno dei colpi estivi del Colleferro: “Non è mai facile cominciare un match e andare sotto, ma noi siamo stati molto bravi a non abbatterci e a rimanere concentrati. Siamo stati agevolati dall’immediato uno-due con cui abbiamo subito rimontato gli avversari, poi è arrivato il 3-1 e nel secondo tempo abbiamo controllato bene la partita. Nel gruppo c’è una forte consapevolezza di essere una squadra di ottimo livello e questo lo riportiamo sul campo”. Per Parfait (ritratto nella foto di Leonardo Pera) i tre punti con l’Audace contano, ma è bene concentrarsi sui prossimi impegni: “Tutte le gare sono importanti e vanno giocate al massimo. Noi non siamo riusciti a portare via i tre punti nelle due trasferte che abbiamo affrontato e ora ci proveremo sul campo del Villalba, domenica 9 ottobre (dopo la sosta dovuta all’impegno della Rappresentativa nella Uefa Regions’Cup, ndr)”. Il centrocampista africano, che ha un importante passato professionistico in Italia con le maglie di Piacenza, Crotone, Ascoli e Cesena con cui ha collezionato quasi cento presenze in serie B, parla con entusiasmo della sua esperienza colleferrino: “Mi sento come se fossi qui da tanto tempo. Ho sposato in pieno il progetto del presidente Coviello che ha una gran voglia di fare bene e ha messo in piedi una società che non fa mancare nulla ai suoi giocatori. Sarebbe bello tornare tra i professionisti con questo club”. Uno step per volta, anche perché il campionato di Eccellenza laziale non è affatto semplice: “Se non stai bene di testa e fisicamente rischi di fare figuracce a tutti i livelli” avvisa Parfait che conclude parlando del rapporto con mister Enrico Baiocco: “Un tecnico che pratica un calcio offensivo e basato sul possesso di palla, mi piace molto giocare in questa squadra”.

Continua a leggere

I più letti