Connect with us

Eccellenze sotto scatto

Napoli, metro: full immersion d’arte nelle stazioni museo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NAPOLI – Fra le tappe nel capoluogo campano che sono luoghi dell’arte da visitare sono le stazioni della linea metropolitana 1 distribuite in tutta l’area urbana Partenopea e sono chiamate “Stazioni-Museo”, sono luoghi di transito, ma che offrono ai passeggeri un “viaggio” nel viaggio nel mondo dell’arte antica e contemporanea durante gli spostamenti.

“Le stazioni dell’arte”

Negli anni sono diventate un attrattore turistico della citta di Napoli, è sono una confluenza di maestranze a livello mondiale senza precedenti, che ha dato vita ad una sinergia dal risultato di grande impatto visivo per i viaggiatori, l’intero progetto di tutta la linea è stato coordinato dal critico d’arte Achille Benito Oliva, l’intera linea metropolitana offre ai viaggiatori la possibilità di fruire circa duecento opere di artisti contemporanei.

Ogni stazione è una galleria d’arte che coinvolge tutta l’area, dal sottosuolo all’area sovrastante con un dialogo artistico inscindibile, ogni “Stazione-Museo” ha un suo linguaggio artistico e un suo messaggio, offre ai viaggiatori un’experience unica e meditativa nel suo genere, grazie alle opere antiche, contemporanee e futuribili.

Un’esperienza interattiva e sensoriale

I passeggeri vivranno durante gli spostamenti su strada ferrata all’interno della citta di Napoli  un’esperienza interattiva e sensoriale come gli osservatori che si troveranno a visitare la “Stazione  dell’arte” dal nome “Università”, progettata dall’artista Karim Rashid, fra le opere in esposizione all’interno della stazione come “Synapsis” oppure l’opera “Ikon Lenticular” posto sulle pareti sul luminoso fondo bianco con decorazioni multiple e variopinte di figure virtuali tridimensionali, un moving ad ogni spostamento dell’osservatore grazie all’impiego della stampa lenticolare, il viaggiatore con queste opere e questo nuovo modello di “museo” avranno modo di vivere un momento contemplativo in un luogo che generalmente è sinonimo di fretta o di momenti stasi alienanti.

Un momento di meditazione e di crescita culturale

Ogni stazione è destinataria di un messaggio e ognuna di loro ha un tema ben preciso e il viaggiatore è catapultato  nel mondo dell’arte mutandone il proprio percorso interiore, difatti i passeggeri non vivranno  un momento alienato dall’attesa, ma vivranno  un momento di meditazione e di crescita culturale obbligata, come ha ben sottolineato il curatore del progetto il critico d’arte Benito Oliva, egli ha infatti affermato che ogni stazione è “Un museo obbligatorio”, in linea con i musei tradizionali che anche loro hanno cambiato la loro destinazione d’uso, non più contenitori di opere, ma soggetto attivo della città.

 I viaggiatori durante il percorso non vivranno più un semplice spostamento, ma vivranno un viaggio emozionale, partecipativo e sensoriale, i viaggiatori inconsapevolmente visiteranno un nuovo modello di museo, le stazioni sono luoghi concepiti solitamente non come spazi espositivi per opere d’arte contemporanea e tale cambiamento di destinazione d’uso ha reso attualmente le stazioni dell’arte nei “musei”  più suggestivi e fotografati della città di Napoli.

La Stazione più bella d’Europa: via Toledo

Le stazioni dell’arte sono tutte meritevolmente da visitare e fra queste c’è anche la Stazione più bella d’Europa, così definita la Stazione di via Toledo progettata dal Oscar Tusquets Blanca definita dal quotidiano inglese “The Daily Telegraph”,  la stazione più bella del vecchio continente è ubicata nel quartiere di San Giuseppe, è questo primato è stato confermato anche dalla CNN.

Il “viaggio nella Stazione -Museo” incomincia fin dall’area sovrastante con la statua dal titolo “Il Cavaliere di Toledo” dall’artista sudafricano William Kentridge e con le strutture-lucernario che dalla strada convogliano  la luce solare negli ambienti sottostanti nella monumentale sala sotterranea nella bocca ovale dal nome “Crater de Luz”, guardando all’interno si ammira il gioco tra la luce solare con le luci al LED governate dal software programmato da Robert Wilson (Relative Light).

La ‘Stazione di Via Toledo’ è la catarsi stessa dell’arte e dell’ingegno umano, grazie all’utilizzo delle tecniche artistiche antiche e i nuovi linguaggi dell’arte con le ultime innovazioni tecnologiche, ad accogliere il visitatore oramai non più semplice passeggero è l’opera in mosaico dal titolo “Naples Procession” progettato da W. Kentridge, il mosaico è stato realizzato dalle maestranze odierne di tutta Italia con la stessa tecnica della famiglia dei Cosmati risalente al medioevo tra il XII e il XIII secolo, famosi per i loro mosaici.

Il mosaico di W. Kentridge  “Naples Procession” ha raffigurato un progetto ed è stato preso dalla “Ferrovia Centrale per la città di Napoli, 1906” dove vi è raffigurata la mappa ferroviaria della metro ed è l’attuale linea 2, la prima metropolitana d’Italia, la scena raffigura in processione San Gennaro, il Toro Farnese e lo stesso Kentridge in un duplice autoritratto e venditore ambulante di tammorre, ad unire tutta l’opera è un filo rosso che rappresenta la musica e il suo legame con la città di Napoli, il soffitto è di colore nero ed è l’allusione all’asfalto della citta.

Il secondo mosaico collocato sopra le scale mobili, s’intitola “Bonifica dei quartieri bassi di Napoli in relazione alla ferrovia metropolitana, 1884 (Naples Procession)”, sullo sfondo del disegno dell’opera vi è la mappa per una metropolitana progettata nel 1872 a Napoli, ideata dall’architetto e poliedrico Lamont Young (1851-1929), il progetto all’epoca risultò troppo futuribile e giudicato visionario dai media di allora e che Young non vide mai realizzato.

Scendendo le scale mobili il viaggiatore è accompagnata dall’uso sapiente dei colori rassicuranti caratteristici  della dimora della sirena di Partenope, come gli azzurri del mare, al tufo napoletano ai colori caldi della terra, i visitatori man mano che scendono hanno la stessa percezione di libertà che si prova a guardare il cielo.

Fra le opere che i viaggiatori avranno la possibilità di fruire durante il percorso nella stazione di Via Toledo sono le “Olas” onde in rilievo progettata da Oscar Tusquets Blanca sulle pareti della hall “sommersa”. Procedendo all’interno  vi sono dei pannelli del mare di Robert Wilson dal titolo: “By the sea…you and me” realizzati con la tecnica lenticolare, in prossimità delle scale fisse c’è anche l’intervento del fotografo Achille Cevoli dal titolo “Men at Work” posto sulle pareti, un omaggio ai lavoratori della stazione.

L’intera stazione è arricchita da artisti di famosi come Oliviero Toscani con l’opera dal titolo “Razza Umana” posta nella seconda uscita in largo Montecalvario ed è una parte di uno studio fotografico sulla morfologia degli esseri umani, presenti nell’opera personaggi famosi. Fra gli artisti di fama internazionale c’è anche Lawrence Weiner esponente della corrente concettuale, che ha fatto il valore grafico della parola il suo mezzo di espressione privilegiato, egli infatti propone “Molten copper poured on the rim of bay of Naples( Rame fuso colato sulle rive del golfo di Napoli)”.

“Il teatro è vita. La vita è teatro – Don’t ask where the love is gone” è l’installazione di Shirin Neshat di origine iraniana di un’intensa drammaticità posta a pochi passi all’uscita di Montecalvario, ha nove grandi ritratti di grandi personalità appartenenti al mondo del teatro. Ad accogliere i viaggiatori all’uscita di Montecalvario è l’opera “The Flying – Le tre finestre” di Ilya ed Emilia Kabakov in ceramica di Faenza, ed è una chiara visione panoramica che vede gli esseri umani librarsi nel cielo insieme a stormi di uccelli e ad aeroplani. Per il piano atrio vi è posta l’opera di Francesco Clemente protagonista della Transavanguardia fin dagli anni ’80 con l’opera “Engiadina”, una spettacolare opera in mosaico e ceramica lunga sedici metri e raffigura un paesaggio alpino, sullo sfondo oltre quaranta donne in corteo.

 I mezzi di transito con le Stazioni-Museo diventano medium per identificare e far conoscere le radici del popolo e la loro cultura.

Il nesso storico

Il connubio tra arte e i mezzi di transito, seppur in maniera minore, risale fin dalle prime carrozze con le riproduzioni di dipinti sopra i poggiatesta, ad esempio le carrozze UICx di seconda classe dalla metà degli anni ’60 fino ai primi anni ’90, in seguito sono nate le carrozze speciali, come le carrozze del Treno Reale ricche di decorazioni che si trova attualmente nel Museo di Pietrarsa. Le stazioni hanno spesso ospitato opere d’arte in passato come oggi affreschi, tele, bassorilievi e sculture, la stazione di Roma Termini ha ospitato esposizioni temporanee, ad esempio la Mostra di Caravaggio (2006-2007) presso il GATE Termini che faceva parte  della Royal Collection della Regina il cosiddetto “Caravaggio della Regina”.

Giuseppina Ercole

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente

Umbria, la vita “green” di Daniela: un tocca sana la raccolta delle olive

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il sole sul viso, il profumo della campagna e le olive tra le mani. Daniela è impegnata nella raccolta, un rito magico che le porta benessere. Si passa del tempo all’aria aperta, si fa attività fisica e si assorbe vitamina D in maniera naturale, indispensabile per l’assorbimento del calcio, del fosforo, per la protezione dei denti e soprattutto per stimolare il sistema immunitario per la prevenzione delle malattie intensive.

Il Covid è distante da suo modo di vivere, dalle abitudini e dalle giornate che trascorre in Umbria insieme alla sua famiglia.

La natura le regala ogni giorno spettacoli sempre nuovi: scenari che non si trovano da nessuna parte. I colori dell’autunno in questa stagione riscaldano anche gli animi più preoccupati per un futuro incerto. Dal giallo al rosso con sfumature meravigliose. E poi ci sono le castagne, i melograni, la frutta di stagione.

Daniela ha trovato la sua dimensione, curata, in forma e con il sorriso che non manca mai, anche quando qualche nuvola copre il sole. Sono di passaggio e guai se non ci fossero. Guai se non piovesse perché le piante e la terra non potrebbero compiere il loro ciclo naturale.

Daniela è in perfetta armonia con la natura. Si regala e dona a chi ama una vita “green”, tra profumi e valori d’altri tempi che regalano emozioni sincere, quelle che poi sono veramente importanti. E se si provasse un po’ tutti a fare come lei ci si sentirebbe meglio: basta un camino acceso che regali tepore e bellezza e la voglia di condividere tanta bellezza insieme a chi si ama.

Continua a leggere

Eccellenze sotto scatto

Ruska, esplosione dei colori autunnali in Lapponia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

I colori delle foglie durante l’autunno (“ruska” in finlandese) rappresentano uno spettacolo naturale unico che colma il paesaggio di mille sfumature. Ricca di foreste e terre ancora incontaminate, la Finlandia è una meta ideale per ammirare paesaggi autunnali indimenticabili.

In altre parti del mondo, questo periodo può esser chiamato ‘foliage’, oppure ‘Indian summer’, oppure ‘estate di San Martino’ ma la definizione non significa identità del modo in cui la natura appare ai nostri occhi. L’alternarsi delle stagioni in Finlandia è ancora percepibile e ricco di contrasti.

Il colore delle foglie d’autunno trasmette segnali forti e chiari: è un malinconico addio alle lunghe giornate estive e un monito per ricordare che il lungo e gelido inverno ed il ‘kaamos’, la lunga notte artica, si stanno avvicinando a grandi passi. Il periodo ottimale dura circa due settimane e varia di anno in anno. Per non sbagliare, meglio scegliere settembre per un eventuale viaggio. La stagione della “ruska” è il sogno di ogni fotografo: la varietà di latifoglie e conifere che si distendono su un tappeto di muschio, bacche e frutti di bosco produce una tavolozza che comprende ogni sfumatura di verde, arancio, blu, rosso e giallo, con un effetto talmente straordinario che non immortalarlo sarebbe un peccato… non veniale: un fenomeno naturale che dipinge i paesaggi del nord con toni profondi e morbidi.

Le prime gelate sulle colline che circondano Saana, Lapponia, la seconda montagna più alta della Finlandia con i suoi 1.029 metri, potrebbero arrivare già alla fine di agosto o all’inizio di settembre. I cambiamenti nei colori dell’arbusto e del fogliame degli alberi accelerano man mano che le notti diventano più fredde, specialmente nelle colline più elevate intorno a Kilpisjärvi nel nord-ovest, dove si trova Saana.

In finlandese, il fenomeno è denominato ‘ruska’ e descrive il momento nel quale colline e foreste si esibiscono in un vivido spettacolo di rossi, arancioni e gialli, come per protestare contro l’imminente inverno. Questa breve e bella, se non sempre prevedibile, stagione dura poco , come detto, in tutta la regione, e gli escursionisti affollano i rifugi e gli chalet della Lapponia, partendo per lunghe passeggiate giornaliere o trekking più aspri.

Le giornate sono fresche e spesso limpide e calme, clima perfetto per il trekking, con  il vantaggio di trovare succulenti funghi porcini e mirtilli e loro varietà. La tradizione finlandese dei diritti di ogni persona significa che la persona può scegliere e raccogliere tutti i tesori commestibili che trova nei grandi spazi aperti. E come se la ‘ruska’ non fosse sufficiente come sfondo, ci sono molte possibilità di concludere la giornata con un tramonto sbalorditivo seguito dall’apparizione del ‘revontuli’, ovvero l’aurora boreale, le incredibili luci del Nord che stanno diventando sempre più attrattiva per turisti intelligenti e attratti dai fenomeni naturali visibili solo in queste aree artiche.

Continua a leggere

Eccellenze sotto scatto

Castel Gandolfo, relax e sole allo stabilimento La Pentima

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazionale – Tanto sole e relax per lo stabilimento La Pentima sul lungolago di Castel Gandolfo. In una posizione centrale con il prato, ombrelloni e lettini accoglienti, lo stabilimento La Pentima è il luogo ideale dove rilassarsi e abbronzarsi data l’ottima esposizione al sole. Un bar con salottino all’aperto è pronto per aperitivi e stuzzichini.

La sabbia argillosa sulla riva è ottima per favorire l’abbronzatura. Ideale prendere un pattino e fare il bagno nelle acque poco distanti dalla riva per godere di una vista mozzafiato.

Continua a leggere

I più letti