Connect with us

Eccellenze sotto scatto

Napoli, metro: full immersion d’arte nelle stazioni museo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NAPOLI – Fra le tappe nel capoluogo campano che sono luoghi dell’arte da visitare sono le stazioni della linea metropolitana 1 distribuite in tutta l’area urbana Partenopea e sono chiamate “Stazioni-Museo”, sono luoghi di transito, ma che offrono ai passeggeri un “viaggio” nel viaggio nel mondo dell’arte antica e contemporanea durante gli spostamenti.

“Le stazioni dell’arte”

Negli anni sono diventate un attrattore turistico della citta di Napoli, è sono una confluenza di maestranze a livello mondiale senza precedenti, che ha dato vita ad una sinergia dal risultato di grande impatto visivo per i viaggiatori, l’intero progetto di tutta la linea è stato coordinato dal critico d’arte Achille Benito Oliva, l’intera linea metropolitana offre ai viaggiatori la possibilità di fruire circa duecento opere di artisti contemporanei.

Ogni stazione è una galleria d’arte che coinvolge tutta l’area, dal sottosuolo all’area sovrastante con un dialogo artistico inscindibile, ogni “Stazione-Museo” ha un suo linguaggio artistico e un suo messaggio, offre ai viaggiatori un’experience unica e meditativa nel suo genere, grazie alle opere antiche, contemporanee e futuribili.

Un’esperienza interattiva e sensoriale

I passeggeri vivranno durante gli spostamenti su strada ferrata all’interno della citta di Napoli  un’esperienza interattiva e sensoriale come gli osservatori che si troveranno a visitare la “Stazione  dell’arte” dal nome “Università”, progettata dall’artista Karim Rashid, fra le opere in esposizione all’interno della stazione come “Synapsis” oppure l’opera “Ikon Lenticular” posto sulle pareti sul luminoso fondo bianco con decorazioni multiple e variopinte di figure virtuali tridimensionali, un moving ad ogni spostamento dell’osservatore grazie all’impiego della stampa lenticolare, il viaggiatore con queste opere e questo nuovo modello di “museo” avranno modo di vivere un momento contemplativo in un luogo che generalmente è sinonimo di fretta o di momenti stasi alienanti.

Un momento di meditazione e di crescita culturale

Ogni stazione è destinataria di un messaggio e ognuna di loro ha un tema ben preciso e il viaggiatore è catapultato  nel mondo dell’arte mutandone il proprio percorso interiore, difatti i passeggeri non vivranno  un momento alienato dall’attesa, ma vivranno  un momento di meditazione e di crescita culturale obbligata, come ha ben sottolineato il curatore del progetto il critico d’arte Benito Oliva, egli ha infatti affermato che ogni stazione è “Un museo obbligatorio”, in linea con i musei tradizionali che anche loro hanno cambiato la loro destinazione d’uso, non più contenitori di opere, ma soggetto attivo della città.

 I viaggiatori durante il percorso non vivranno più un semplice spostamento, ma vivranno un viaggio emozionale, partecipativo e sensoriale, i viaggiatori inconsapevolmente visiteranno un nuovo modello di museo, le stazioni sono luoghi concepiti solitamente non come spazi espositivi per opere d’arte contemporanea e tale cambiamento di destinazione d’uso ha reso attualmente le stazioni dell’arte nei “musei”  più suggestivi e fotografati della città di Napoli.

La Stazione più bella d’Europa: via Toledo

Le stazioni dell’arte sono tutte meritevolmente da visitare e fra queste c’è anche la Stazione più bella d’Europa, così definita la Stazione di via Toledo progettata dal Oscar Tusquets Blanca definita dal quotidiano inglese “The Daily Telegraph”,  la stazione più bella del vecchio continente è ubicata nel quartiere di San Giuseppe, è questo primato è stato confermato anche dalla CNN.

Il “viaggio nella Stazione -Museo” incomincia fin dall’area sovrastante con la statua dal titolo “Il Cavaliere di Toledo” dall’artista sudafricano William Kentridge e con le strutture-lucernario che dalla strada convogliano  la luce solare negli ambienti sottostanti nella monumentale sala sotterranea nella bocca ovale dal nome “Crater de Luz”, guardando all’interno si ammira il gioco tra la luce solare con le luci al LED governate dal software programmato da Robert Wilson (Relative Light).

La ‘Stazione di Via Toledo’ è la catarsi stessa dell’arte e dell’ingegno umano, grazie all’utilizzo delle tecniche artistiche antiche e i nuovi linguaggi dell’arte con le ultime innovazioni tecnologiche, ad accogliere il visitatore oramai non più semplice passeggero è l’opera in mosaico dal titolo “Naples Procession” progettato da W. Kentridge, il mosaico è stato realizzato dalle maestranze odierne di tutta Italia con la stessa tecnica della famiglia dei Cosmati risalente al medioevo tra il XII e il XIII secolo, famosi per i loro mosaici.

Il mosaico di W. Kentridge  “Naples Procession” ha raffigurato un progetto ed è stato preso dalla “Ferrovia Centrale per la città di Napoli, 1906” dove vi è raffigurata la mappa ferroviaria della metro ed è l’attuale linea 2, la prima metropolitana d’Italia, la scena raffigura in processione San Gennaro, il Toro Farnese e lo stesso Kentridge in un duplice autoritratto e venditore ambulante di tammorre, ad unire tutta l’opera è un filo rosso che rappresenta la musica e il suo legame con la città di Napoli, il soffitto è di colore nero ed è l’allusione all’asfalto della citta.

Il secondo mosaico collocato sopra le scale mobili, s’intitola “Bonifica dei quartieri bassi di Napoli in relazione alla ferrovia metropolitana, 1884 (Naples Procession)”, sullo sfondo del disegno dell’opera vi è la mappa per una metropolitana progettata nel 1872 a Napoli, ideata dall’architetto e poliedrico Lamont Young (1851-1929), il progetto all’epoca risultò troppo futuribile e giudicato visionario dai media di allora e che Young non vide mai realizzato.

Scendendo le scale mobili il viaggiatore è accompagnata dall’uso sapiente dei colori rassicuranti caratteristici  della dimora della sirena di Partenope, come gli azzurri del mare, al tufo napoletano ai colori caldi della terra, i visitatori man mano che scendono hanno la stessa percezione di libertà che si prova a guardare il cielo.

Fra le opere che i viaggiatori avranno la possibilità di fruire durante il percorso nella stazione di Via Toledo sono le “Olas” onde in rilievo progettata da Oscar Tusquets Blanca sulle pareti della hall “sommersa”. Procedendo all’interno  vi sono dei pannelli del mare di Robert Wilson dal titolo: “By the sea…you and me” realizzati con la tecnica lenticolare, in prossimità delle scale fisse c’è anche l’intervento del fotografo Achille Cevoli dal titolo “Men at Work” posto sulle pareti, un omaggio ai lavoratori della stazione.

L’intera stazione è arricchita da artisti di famosi come Oliviero Toscani con l’opera dal titolo “Razza Umana” posta nella seconda uscita in largo Montecalvario ed è una parte di uno studio fotografico sulla morfologia degli esseri umani, presenti nell’opera personaggi famosi. Fra gli artisti di fama internazionale c’è anche Lawrence Weiner esponente della corrente concettuale, che ha fatto il valore grafico della parola il suo mezzo di espressione privilegiato, egli infatti propone “Molten copper poured on the rim of bay of Naples( Rame fuso colato sulle rive del golfo di Napoli)”.

“Il teatro è vita. La vita è teatro – Don’t ask where the love is gone” è l’installazione di Shirin Neshat di origine iraniana di un’intensa drammaticità posta a pochi passi all’uscita di Montecalvario, ha nove grandi ritratti di grandi personalità appartenenti al mondo del teatro. Ad accogliere i viaggiatori all’uscita di Montecalvario è l’opera “The Flying – Le tre finestre” di Ilya ed Emilia Kabakov in ceramica di Faenza, ed è una chiara visione panoramica che vede gli esseri umani librarsi nel cielo insieme a stormi di uccelli e ad aeroplani. Per il piano atrio vi è posta l’opera di Francesco Clemente protagonista della Transavanguardia fin dagli anni ’80 con l’opera “Engiadina”, una spettacolare opera in mosaico e ceramica lunga sedici metri e raffigura un paesaggio alpino, sullo sfondo oltre quaranta donne in corteo.

 I mezzi di transito con le Stazioni-Museo diventano medium per identificare e far conoscere le radici del popolo e la loro cultura.

Il nesso storico

Il connubio tra arte e i mezzi di transito, seppur in maniera minore, risale fin dalle prime carrozze con le riproduzioni di dipinti sopra i poggiatesta, ad esempio le carrozze UICx di seconda classe dalla metà degli anni ’60 fino ai primi anni ’90, in seguito sono nate le carrozze speciali, come le carrozze del Treno Reale ricche di decorazioni che si trova attualmente nel Museo di Pietrarsa. Le stazioni hanno spesso ospitato opere d’arte in passato come oggi affreschi, tele, bassorilievi e sculture, la stazione di Roma Termini ha ospitato esposizioni temporanee, ad esempio la Mostra di Caravaggio (2006-2007) presso il GATE Termini che faceva parte  della Royal Collection della Regina il cosiddetto “Caravaggio della Regina”.

Giuseppina Ercole

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Eccellenze sotto scatto

Mangiare patate fa dimagrire e aiuta la salute: ecco tutti i benefici e i tipi di patate italiane

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ThinkItalia – Le patate contengono nutrienti e carboidrati complessi. In altre parole una patata bollita o al forno, per esempio, apporta solo 26 calorie, quindi è un’ottima scelta da includere nella propria dieta. Le patate, inoltre, possiedono un alto indice glicemico che permette allo stomaco di sentirsi sazio per più tempo, aiutando così a trattenere la voglia di mangiare. Le patate, inoltre, sono ricche di vitamina B6, una sostanza necessaria per il rinnovamento cellulare. In questo modo si mantiene in salute il sistema nervoso. Basta pensare che solo un etto di patate al forno contengono il 21% del fabbisogno giornaliero di questa vitamina.

Le patate possono essere consumate anche dai diabetici perché le fibre facilitano l’assorbimento degli zuccheri semplici dall’intestino. Le patate, infatti, contengono un tipo speciale di amido chiamato amido resistente che non viene completamente assorbito dall’organismo. Alcuni studi hanno dimostrato che questo amido quando arriva nell’intestino crasso diventa una fonte nutritiva per i batteri benefici dell’intestino. Tra i benefici di quest’amido, infatti, c’è anche quello migliorare la resistenza all’insulina. Questo fattore porta ad un miglior controllo della glicemia. Il consiglio dei nutrizionisti ai diabetici, quindi, è di consumare un paio di volte a settimana patte bollite fredde in sostituzione ad altri carboidrati consumati normalmente.

La Patata Novella di Galatina Igp, è un particolare tipo di tubero della varieta “Sieglinde” coltivata nei territori in provincia di Lecce ed è così chiamata perché, grazie alle particolarissime condizioni microclimatiche del “tacco d’Italia”, riesce a giungere a maturazione con notevole anticipo rispetto alle comuni patate coltivate in altre aree dello stesso Salento.

Nell’altopiano di Colfiorito, nell’area montana dell’Appennino umbro-marchigiano, la Patata Rossa di Colfiorito Igp cresce in terreni silicei con presenza di scheletro, leggermente acidi, leggeri, sciolti, permeabili, profondi. Sono proprio le condizioni del suolo che contribuiscono in modo determinante a definirne l’accrescimento, la conformazione, nonché le caratteristiche chimiche ed organolettiche, ed infine la qualità, che fanno di questo tubero un prodotto agricolo riconoscibile.

La caratteristica principale della “Patata della Sila” è quella di possedere una percentuale di amido superiore alla media. Ciò rende il tubero calabrese più nutriente e soprattutto più saporito delle altre patate italiane. A conferirle questa caratteristiche è l’areale di produzione situato sopra i 1000 metri di altezza dal livello del mare. È una patata di alta qualità con forti connotazioni organolettiche, caratteristiche date dall’essere l’unico prodotto di alta montagna coltivato nel centro del Mediterraneo.

Sono diversi secoli che la Patata Turchesa colora le tavole dei paesi del Parco del Gran Sasso. L’antica varietà appenninica dal caratteristico colore viola è stata, infatti, per molto tempo un’importante risorsa di questi splendidi territori ed, anche se ha rischiato seriamente l’estinzione, è ancora oggi un prodotto particolarmente apprezzato della tradizione gastronomica locale.

L’areale di produzione della Patata dell’Alto Viterbese IGP, ricade nel territorio più a nord del Lazio, in provincia di Viterbo, compreso tra il Lago di Bolsena, l’Umbria e la Toscana. Il comprensorio, ricadente nella zona del complesso vulcanico-vulsino, è caratterizzato da terreni di origine vulcanica ricchi di potassio e da un microclima che risente degli influssi del lago.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Eccellenze sotto scatto

Viterbo, rinasce il roseto botanico nell’Università della Tuscia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TinkItalia -Rinasce il Roseto dell’Orto Botanico dell’Università di Viterbo, una tra le più suggestive collezioni botaniche per la varietà di colori e profumi, meraviglia di tutti i visitatori. A quasi trent’anni dalla sua realizzazione, si vuole dare una nuova veste a questa importante collezione che contava più di 200 esemplari appartenenti a differenti sezioni, ognuna delle quali rappresentata da una o più specie botaniche e dai relativi ibridi. Oggi, a causa delle condizioni pedologiche dell’area, necessita di un intervento di recupero. Per questo motivo è stato pensato un progetto per la realizzazione di un percorso dedicato all’evoluzione del genere Rosa che racchiude un valore storico e culturale fondamentale oltre che estetico. Il visitatore potrà passeggiare tra bellissimi esemplari, immerso in
colori e profumi, attraverso un viaggio che ripercorre la storia della rosa. Nasce così il Progetto Rosa, Regina dei fiori frutto di un’intensa collaborazione tra L’Orto Botanico dell’Università della Tuscia, il
Dipartimento DAFNE, il Roseto Comunale di Roma, il Vivaio Michelini e l’azienda Self Garden. In questo progetto sono stati coinvolti numerosi partners quali aziende agricole, attività commerciali, associazioni ed esperti nel settore che negli anni hanno collaborato con l’Orto Botanico. Lo scopo è
quello di organizzare un anno di iniziative rivolte a tutti, dando la possibilità di contribuire per il raggiungimento del nostro obiettivo: ridare all’Orto un nuovo Roseto. Invitiamo ad aderire al progetto tutti coloro che, come noi, hanno a cuore questo patrimonio vegetale che con dedizione e passione vogliamo conservare per la comunità e tramandare alle generazioni future. Il calendario degli eventi, tutti all’Orto Botanico “Angelo Rambelli”,si aprirà venerdì 13 dicembre ore 15 con un primo incontro
tenuto dal Prof. Luca Santi dal titolo La rosa: introduzione botanica ed ibridazione, alla ricerca della rosa perfetta.
Sabato 14 dicembre alle ore 9 si terranno due interventi dal titolo Le Rose di Plinio a cura dell’esperto Carlo Carulli e Le rose nei giardini: quale varietà scegliere a cura di Antonello Santelli, tecnico del Roseto Comunale di Roma. Il programma proseguirà il 24-25 gennaio con un corso teorico-pratico sulle tecniche di coltivazione e riproduzione della rosa a cura di Carlo Carulli, Giorgio Chioccia e Francesco Caddeu; nel mese di febbraio gli incontri del 21 e 22 saranno dedicati alla Rosa, in un percorso fatto di storia ed arte, dalle origini ai nostri giorni a cura di Tiziana Michelini; a seguire Monica Fonck, Sabrina Tempesta, Giorgio Chioccia, Tiziana Vona illustreranno il progetto del nuovo roseto; inoltre Slow food condotta
di Viterbo tratterà il tema della rosa come regina di pietanze antiche e moderne. Il mese di maggio, nei giorni 8 e 9, ci porterà a scoprire la bellezza ed i profumi delle rose attraverso un viaggio nella fitoterapia e nella cosmesi guidati da Roberta Bernini, Marco Esti e Katia Liburdi, per concludere, una visita nella splendida cornice del Roseto Comunale di Roma accompagnati da Salvatore Ianni.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Eccellenze sotto scatto

Gelato World Heritage: grande successo per la seconda edizione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si è conclusa con successo la seconda edizione di “Gelato World Heritage”. E’ stata una bella competizione fra i grandi Maestri del gelato artigianale italiano nel Mondo, che ha avuto luogo all’interno di “Sapori Segreti”, il più importante evento del 2019 dedicato all’enogastronomia, turismo ed innovazione del made in Italy.

La competizione ha impegnato le delegazioni diplomatiche di 9 Ambasciate: Afghanistan, Albania, Arabia Saudita, Bulgaria, Egitto, Giappone, Grecia, Thailandia e Uzbekistan. In prima fila l’ambasciatore d’Egitto Hisham Badr, l’Ambasciatore dell’Uzbekistan Otabek Akbarov, la principessa d’Afganistan Hamdam Malek e Sua Altezza Reale dell’Arabia Saudita la principessa Jawaher Bint Mhoammed N Abdulazi Al Saud.

I nostri Maestri Gelatieri hanno proposto un gusto di gelato dopo aver scelto, con le Ambasciate estere partecipanti all’evento, le materie prime e i prodotti tipici di ciascuna di esse.

La selezione e la premiazione dei vincitori si è svolta al Palazzo dei Congressi alla presenza di personalità e rappresentanti delle Ambasciate, del mondo dell’enogastronomia, del turismo e di esperti del settore.

Nel corso dei vari interventi è stato sottolineato che il Gelato, alimento italiano antico per tradizione, dolce e gratificante, con la sua promozione e diffusione può contribuire anche a rafforzare la solidarietà fra i popoli e le comunità.

Tra i componenti della giuria presieduta da Sandro Pappalardo dell’ENIT Italia State Tourist Board, anche il Prefetto Francesco Tagliente che nella veste di degustatore di gelati ha messo in campo tutta la sua capacità di analisi sensoriale per distinguere un buon prodotto artigianale piacevole al palato e di buona fattura.

La giuria composta da 7 membri ha assaggiato e valutato tutti tipi di gelati che sono stati proposti alla valutazione contribuendo alla scelta del vincitore che è risultato l’Egitto, seguito dalla Thailandia e dall’Arabia Saudita.

Vivi complimenti sono stato espressi oltre che ai capitani e Maestri Gelatieri componenti delle singole squadre, al vulcanico Claudio Pica, presidente della Fiepet-Confesercenti e per l’evento anche presidente del comitato concorso-evento “Gelato World Heritage”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Dicembre: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it