Connect with us

Sport

SERPENTARA CALCIO (SERIE D), DEL DUCA: «CON LA TURRIS UN PARI CHE EVIDENZIA LA NOSTRA MATURITÀ»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Bellegra e Olevano (Rm) – Un punto per accorciare le distanze dalla salvezza diretta. Lo 0-0 interno con la Turris non era proprio il risultato sognato dai tifosi del Serpentara BellegraOlevano, ma la squadra ha comunque mosso la classifica arrivando a tre punti dal Manfredonia che in questo momento sarebbe la prima delle squadre salve. «In molti danno per scontato che in casa bisogna vincere per forza – spiega il difensore centrale classe 1991 Pietromaria Del Duca -, ma nel calcio vanno sempre considerati gli avversari. Fisicamente domenica scorsa siamo stati meno brillanti del solito, ma mentalmente la squadra ha dato prova di maturità: quando in campo si capisce che la partita non si può vincere, si deve cercare di portare a casa almeno il pareggio e questo abbiamo fatto con la Turris. I due gol annullati a loro? Entrambe le decisioni sono state giuste e per quello che si è visto credo che il pareggio sia stato il risultato più corretto». Nella volata finale per la salvezza (attraverso i play out o diretta) il Serpentara può contare su un ulteriore vantaggio, secondo Del Duca. «Qui c’è una società sana, che mantiene i suoi impegni e questo è fondamentale per affrontare serenamente allenamenti e partite. Ma è inutile fare calcoli o tabelle perché ci condizionano troppo: pensiamo semplicemente a goderci la sosta pasquale e poi al prossimo avversario». Che sarà il Nardò capoclasse assieme alla Virtus Francavilla. «Quella pugliese è sicuramente una compagine molto forte. Hanno iniziato il campionato con un super organico, poi alcuni pezzi importanti li hanno persi a stagione in corso, ma il gruppo probabilmente si è cementato ancor di più e alle spalle hanno un ambiente entusiasta che li sta spingendo. Noi, comunque, non abbiamo paura e andremo a giocarcela come fatto già, per esempio, proprio con la Virtus Francavilla quando abbiamo pareggiato fuori casa 0-0. Tra l’altro per un giocatore queste sono le partite più belle da poter disputare, non vediamo l’ora di scendere in campo».

Sport

Vis Casilina (calcio, Under 16), Ricci: “Vogliamo vincere le ultime cinque gare, poi si vedrà”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – L’Under 16 provinciale della Vis Casilina ci crede eccome. La squadra di mister Manuel Ricci ha battuto 2-0 la capolista Sporting San Cesareo che ha incassato la seconda sconfitta stagionale. “Aspettavamo da un po’ questa partita – dice l’allenatore del club capitolino – All’andata la preparazione fu condizionata da un grave lutto che mi era capitato, ma stavolta i ragazzi l’hanno preparata in modo eccellente. Poli a metà primo tempo ha sbloccato il risultato sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Bisegna, ma già in precedenza avevamo creato altre occasioni per passare in vantaggio. Nella ripresa ci sono stati equilibrio e tensione, poi a due minuti dalla fine il gol di Sassu ha chiuso definitivamente la sfida. E’ stata una vittoria meritata perché i ragazzi si sono allenati benissimo, ma questo è un gruppo serio che ha voglia di arrivare e che ha dimostrato costanza e determinazione dall’inizio della stagione fino ad oggi”. I ragazzi di mister Ricci sono a due punti dalla capolista con cinque giornate ancora da giocare: “Noi ci crediamo e proveremo a stare lì fino alla fine. L’obiettivo è fare cinque vittorie e secondo me è alla portata di questo gruppo. I ragazzi sono cresciuti tanto a livello mentale e di consapevolezza, è una squadra affiatata e tutti si sentono importanti. Poi è chiaro che non dipenderà solo da noi, ma lo Sporting San Cesareo dovrà sbagliare un’altra partita”. La prima delle cinque sfide che mancano all’Under 16 provinciale della Vis Casilina per terminare il campionato sarà quella del prossimo week-end sul campo degli Aquilotti: “E’ una squadra di medio-bassa classifica, ma al tempo stesso sono stati gli unici, assieme a noi, a battere lo Sporting San Cesareo. All’andata avevamo voglia di riscattare la sconfitta con la capolista e contro di loro chiudemmo la pratica già nel primo tempo, ma stavolta si gioca sul loro campo e sarà una sfida diversa. I ragazzi potrebbero essere appagati dopo il successo dell’ultimo turno, ma non ci possiamo permettere passi falsi e quindi l’attenzione dovrà essere massima”.


Continua a leggere

Sport

ULN Consalvo (calcio, Under 15), Mirinori tira le somme: “E’ stata una stagione di alti e bassi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – Mancano ancora cinque partite alla fine del campionato dell’Under 15 provinciale dell’ULN Consalvo, ma si possono già cominciare a tirare le somme in casa capitolina. A farlo è il centrocampista classe 2009 Simone Mirinori: “Abbiamo fatto una stagione con alti e bassi, in cui abbiamo lasciato qualche punto per strada. La cosa abbastanza paradossale è che ce la siamo giocata contro le avversarie più forti del girone, mentre abbiamo fatto meno bene con compagini alla portata. Comunque sono convinto che il gruppo abbia valori importanti e mi piacerebbe rimanere con questi compagni nella prossima stagione per dimostrarlo”. Nell’ultimo turno, l’Under 15 provinciale dell’ULN Consalvo ha ceduto per 2-1 sul campo dei Vigili del Fuoco, ricalcando quegli “alti e bassi” di cui parla Mirinori: “Il primo tempo lo abbiamo letteralmente dominato, andando in vantaggio con Grezzi e sfiorando altre segnature. Nel secondo, forse, abbiamo sofferto il caldo e la stanchezza, così gli avversari hanno reagito e sono riusciti a ribaltare il risultato, segnando in extremis il gol del 2-1. Per quello che si è visto, però, non meritavamo di perdere”. Mirinori è uno dei volti nuovi del gruppo guidato da Fabio e Alessio Garzina. “E’ vero che è il mio primo anno qui, ma all’ULN Consalvo in passato ci ha giocato mio fratello maggiore Mattia per tanto tempo e quindi conoscevo bene l’ambiente. A livello personale è stato un bellissimo anno, ho stretto un ottimo rapporto sia con lo staff tecnico che con i compagni di squadra e quindi mi piacerebbe continuare l’avventura calcistica con loro”. Intanto Mirinori e compagni stanno preparando la quint’ultima fatica stagionale, ovvero il match interno contro il Testaccio di sabato prossimo: “All’andata abbiamo subito dei gol evitabili, ma spero che sul nostro campo la musica possa cambiare. Vedo la squadra concentrata sulla partita, speriamo di poter fare una buona prestazione”.


Continua a leggere

Sport

Atletico Lariano (calcio, Promozione), il ritorno di Ronchetti: “E’ stata una bella emozione”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Lariano (Rm) – Una domenica di festa per la Promozione dell’Atletico Lariano. Nell’ultimo turno di campionato (in cui la squadra castellana ha battuto 2-1 il Colonna nel match giocato sul campo amico) c’è stato il graditissimo rientro di Mattia Ronchetti, difensore centrale classe 1993. Il capitano si era rotto il legamento crociato del ginocchio sinistro prima della semifinale di ritorno di Coppa Italia della scorsa stagione. “Mi sono operato a luglio e da lì è cominciata la riabilitazione – spiega Ronchetti – Per me è stata la seconda operazione di questo tipo, visto che ne avevo subita un’altra al crociato dell’altro ginocchio. Sarebbe stato facile dire basta col calcio, invece la passione è ancora troppo grande. Sapevo a cosa andavo incontro rispetto alla prima operazione e ho curato tutto nei minimi dettagli, lavorando tantissimo per recuperare al meglio. E domenica, quando il mister mi ha fatto entrare nel corso del secondo tempo, è stata davvero una bella emozione. Fisicamente mi sento a posto, sono tranquillo e ormai direi che l’infortunio è alle spalle. Il prossimo anno? Io sono a disposizione» sorride Ronchetti che poi fa un passaggio in più sulla gara contro il Colonna. “Loro erano già condannati alla retrocessione, ma hanno onorato l’impegno. Nel primo tempo non siamo riusciti a sbloccare il risultato, poi nel secondo ha segnato il nostro classe 2006 Ambrosini, all’esordio in campionato, e poco dopo è arrivato il raddoppio di Pansera. Nel finale il Colonna ha accorciato le distanze, ma siamo comunque riusciti a conquistare altri tre punti”. Il capitano è stato sempre vicino al gruppo, nonostante l’infortunio: “Devo fare i complimenti alla società, allo staff tecnico e a tutti i miei compagni: non era facile ripetere la strepitosa annata della scorsa stagione e grosso modo siamo rimasti su quei livelli. Ora, dopo il turno di riposo di domenica prossima, dobbiamo giocare le ultime due partite e vogliamo fare più punti possibili anche se incroceremo il Città di Paliano che è in corsa per la vittoria del campionato e il Sant’Angelo che sta giocando per la salvezza. Ma non vogliamo regalare nulla giocando al meglio delle nostre possibilità”.


Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti