Connect with us

Sport

Ssd Colonna, il neo ds delle giovanili Ruggeri: “Qui c’è un ambiente che ha voglia di crescere”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – Da qualche settimana nello staff dirigenziale del Colonna c’è un’altra importante novità. A Simone Ruggeri, infatti, è stato affidato il ruolo di responsabile del settore giovanile agonistico: “Mi sto occupando delle categorie che vanno dall’Under 14 all’Under 18 regionale – dice il neo ds – Per me è la prima esperienza di questo tipo, anche se arrivo da dodici anni al Nomentum in cui ho ricoperto il ruolo di presidente e già mi interessavo a questo genere di situazioni, guardando in particolare al settore giovanile. L’occasione di iniziare la collaborazione col Colonna nasce dopo l’approdo sulla panchina della prima squadra di Pierpaolo Lauretti con cui mi lega da tempo una bella amicizia. La società mi ha prospettato questa possibilità e sono stato molto felice di coglierla: non vogliamo fare un discorso legato solamente a questi sei mesi, ma vogliamo provare a costruire nel tempo qualcosa di buono”. L’impatto con l’ambiente del Colonna è stato sicuramente positivo: “Ho trovato un ambiente e una società che hanno un grosso potenziale per crescere, un campo nuovo e bellissimo e una struttura all’avanguardia. A livello tecnico ho conosciuto delle persone che vogliono migliorare, tutti gli allenatori si sono messi subito a disposizione e c’è grande collaborazione. Le squadre? Ovviamente ci sono gruppi che sono pronti per provare a fare qualcosa di importante sin da subito e altri che stanno cercando di crescere e migliorare la propria posizione di classifica. Con l’Under 14 proveremo a salvare la categoria regionale, mentre l’Under 15 naviga nella parte alta della classifica del campionato provinciale e può salire ancora”. La chiusura di Ruggeri riguarda la collaborazione con i responsabili del settore di base (Angelo Carletta) e di Promozione e Under 19 (Gianluca Cippitelli): “Sono due persone che sanno di calcio, c’è stato subito un feeling ottimo con entrambi. Ci sentiamo spesso per confrontarci su come far crescere questa società”.


Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

Manutenzione fiumi in ambito urbano, sindaci di Firenze e Pisa sostengono la proposta di Anbi: affidare la manutenzione a Consorzi di Bonifica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Massimo Gargano (DG ANBI): “Non vogliamo togliere competenze ad alcuno, ma solo affiancarlo con la stipula di apposite convenzioni per la sicurezza dei territori”
 
Arrivano dalla Toscana due qualificati “endorsement” a sostegno della proposta avanzata da  ANBI di affidare ai Consorzi di bonifica la manutenzione dei fiumi in ambito urbano, stante l’insufficienza delle risorse pubbliche e l’indispensabilità di queste attività  per la sicurezza idrogeologica delle comunità: a portare la loro, positiva testimonianza sono i Sindaci di Firenze e Pisa.
 
“In questi anni è stato fatto un grande lavoro per la sicurezza dell’Arno e del reticolo minore; se oggi il fiume non fa più paura, lo si deve alle tante opere di mitigazione realizzate – dichiara il Primo Cittadino di Firenze, Dario Nardella – Il Consorzio di bonifica è da sempre in prima fila per la tutela dei nostri corsi d’acqua e per la sicurezza dell’Arno; ci auguriamo che il buon esempio possa estendersi ad altre zone d’Italia.”
 
«L’importanza del lavoro dei Consorzi di bonifica diventa evidente nei momenti di crisi ed emergenza – aggiunge Michele Conti, Sindaco di Pisa – Qui, per esempio, in occasione del passaggio delle piene del fiume Arno, fa la differenza farsi trovare pronti con la pulizia delle sponde, grazie ad una manutenzione costante e ad un sistema, che funziona. Una politica lungimirante sulla regimazione delle acque, unita ad una pianificazione territoriale, che riduca il consumo di suolo, sono alla base di ogni azione di sviluppo per la nostra comunità.”
 
“La Legge di Bilancio, approvata dal Parlamento ed il contestuale obbligo di assicurazione a carico delle imprese contro gli eventi naturali certificano una verità già nota: le risorse pubbliche sono insufficienti e da anni i ristori statali non superano il 10% dei danni subiti dai territori colpiti da eventi naturali. Non vogliamo togliere competenze ad alcuno, ma solo affiancarlo con la stipula di apposite convenzioni per la sicurezza dei territori” sottolinea Massimo Gargano, Direttore dell’Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione e Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI).
 
“È il valore dell’autogoverno e le positive esperienze di manutenzione di fiumi in ambito urbano a convincerci di candidarsi ad ulteriori responsabilità nell’interesse della comunità, consci dell’impegno, che ci assumiamo – chiosa il Presidente di ANBI, Francesco Vincenzi.
 
“Siamo orgogliosi di essere presi ad esempio per la manutenzione del reticolo idrografico di acque pubbliche anche negli ambiti urbani – commenta Marco Bottino, Presidente di ANBI Toscana – In tutte le città, capoluogo di provincia nella nostra regione, i Consorzi di bonifica concorrono alla manutenzione di fiumi e torrenti dentro e fuori dai centri abitati, rendendo disponibili risorse economiche ingenti e sicure, derivanti dai contributi di bonifica e pari a poco meno di 100 milioni di euro all’anno.”
 
“Essere indicati come modello per la manutenzione urbana dei fiumi rappresenta un riconoscimento al grande lavoro svolto per tenere in sicurezza sia l’Arno, che scorre nel cuore della città di Pisa, ma anche tutto il reticolo idraulico – conclude Maurizio Ventavoli, Presidente del Consorzio di bonifica 4 Basso Valdarno – Cura e vigilanza costante sono le parole chiave, che guidano il nostro lavoro sia nella manutenzione del grande fiume toscano che di tutti i corsi d’acqua, su cui abbiamo competenza.”
 
Privo di virus.www.avast.com

Continua a leggere

Sport

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Cappai di rigore: “Punto importante col Flaminia, ora la Romana”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – La Cynthialbalonga è tornata a giocare dopo due settimane di stop a causa degli impegni della Rappresentativa della serie D al torneo di Viareggio. La formazione di mister Marco Mariotti ha pareggiato all’ultimo respiro sul campo della Flaminia grazie alla freddezza di Roberto Cappai, attaccante classe 1989 che ha realizzato un delicato calcio di rigore in pieno recupero. “E’ stata una partita complicata anche perché, dopo aver iniziato bene colpendo un palo con Di Cairano, siamo rimasti in inferiorità numerica dopo meno di mezzora per il cartellino rosso a Santoni – spiega Cappai – Da quel momento la squadra ha giocato una partita di sacrificio, tra l’altro su un campo di grandi dimensioni che complicava la gestione degli spazi. Inoltre, non giocando da tre settimane, avremmo potuto avere problemi di ritmo-gara e invece la squadra ha risposto bene da quel punto di vista. La Flaminia è passata in vantaggio a metà ripresa e a quel punto siamo stati bravi a non mollare e a crederci fino all’ultimo minuto. Il rigore? E’ stato sicuramente un momento emozionante, fa piacere poter dare un contributo alla squadra. Sto accettando serenamente tutte le scelte di mister Mariotti, cercando di farmi trovare pronto quando c’è bisogno di me. Il gruppo è ampio e molto valido, tutti dobbiamo fare la nostra parte”. La Cynthialbalonga è scivolata all’ottavo posto dopo un ottimo avvio di campionato, ma non ha nessuna intenzione di lasciarsi andare: “Abbiamo passato un mese di gennaio abbastanza deludente per quelle che sono le nostre capacità – ammette Cappai – Ma c’è tutto il tempo per cercare di recuperare e non disperdere quanto di buono abbiamo fatto all’inizio della stagione. I giochi per i play off sono aperti, vogliamo terminare in modo positivo l’annata”. La Cynthialbalonga tornerà in campo già mercoledì per il recupero della gara casalinga contro la Romana (quarta a pari merito con l’Ischia) e poi domenica c’è l’altra sfida interna con il Latte Dolce: “Dobbiamo ragionare su un match per volta. La Romana è una squadra di valore che con mister D’Antoni, tecnico che è stato da noi nella scorsa stagione, ha un ruolino importante e subisce pochi gol. Ma noi siamo fiduciosi sulle nostre capacità e vogliamo far valere il fattore campo: fino adesso è mancato qualche punto in casa, bisogna cambiare tendenza” conclude Cappai.


Continua a leggere

Sport

Ssd Colonna (pallavolo), Ciurlante applaude Under 13 e minivolley: “Le ragazze crescono bene”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – Con grande pazienza e perseveranza, il Colonna sta riformando un settore pallavolo partendo dalla base. La società castellana, infatti, ha formato due gruppi femminili in questa stagione: l’Under 13 e il minivolley. Per quanto riguarda il gruppo maggiore, da tre partite è iniziato il campionato Uisp e coach Guglielmo Ciurlante (che è responsabile tecnico del settore) traccia un primissimo bilancio: “Abbiamo deciso di dare la possibilità a queste ragazze di confrontarsi con avversarie della loro età o anche più grandi. Sapevamo che ci sarebbero state difficoltà in termini di risultati, ma in questo momento è importante fare esperienza. Nell’ultimo match, disputato ieri mattina contro il Settesoli Marino, abbiamo incrociato un avversario più preparato ed è arrivata una sconfitta, ma tutto fa parte di una normale fase di crescita che le nostre ragazze devono affrontare. Il gruppo, tra l’altro, viene integrato da alcune bambine del minivolley che magari sono più pronte a livello fisico e l’obiettivo è di arrivare all’inizio della prossima stagione con un gruppo già formato che tra l’altro potrà rifare questa categoria, visto che saranno tutte nell’età Under 13 pure nella stagione 2024-25. Abbiamo preferito fare il campionato sei per sei, invece che il tre per tre, perché somiglia di più alla vera pallavolo e permette alle ragazze di capire prima come si starà in campo nei prossimi anni”. Altro aspetto importante è il sostegno delle famiglie: “C’è entusiasmo e soddisfazione da parte dei genitori che ci seguono e ci sostengono, anche perché vedono le loro ragazze che si impegnano e sono felici di giocare”. Discorso simile anche per il settore minivolley: “Abbiamo un gruppo molto numeroso di ragazzine di età compresa tra gli 8 e i 10 anni. Tranne un elemento, tutte le altre sono novizie della pallavolo. In questa seconda parte di stagione vedremo di partecipare a qualche raduno con altre società o a raggruppamenti organizzati dalla Uisp perché il confronto fa bene anche in questa fascia d’età”. Il settore volley del Colonna è pronto ad accogliere anche altre ragazze che in questo finale di stagione si volessero aggregare ad uno dei gruppi: per tutte le informazioni ci si può rivolgere alla responsabile dirigenziale del settore Roberta Castaldi che risponde al numero 3518743511.


Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti