Connect with us

Sport

Villa Mercede Padel Club, Mattioli: “Non solo tecnica, faremo una preparazione atletica adatta al padel”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – E’ entrato da qualche mese nello staff del Villa Mercede Padel Club e gli appassionati che si recano nella struttura frascatana lo trovano spesso sul campo. Michele Mattioli, 39 anni, è un istruttore di padel di primo livello e al tempo stesso personal trainer da ormai una decina di anni. Ex agonista di judo (sport in cui arrivò ad essere selezionato nella rappresentativa regionale ed è attualmente cintura nera terzo dan), laureato in legge, è stato direttore tecnico in altri centri sportivi e dallo scorso mese di settembre lavora per il Villa Mercede Padel Club: “La mia avventura nel padel nasce un po’ per gioco: da piccolo ho fatto due anni di tennis, uno sport che ho sempre seguito tanto. Nel 2019, mentre ero direttore tecnico di un circolo, i clienti prenotavano spesso il campo e mi coinvolgevano nelle partite, da lì la mia passione è cresciuta in modo prepotente. Nel 2021 ho finito il corso di istruttore di primo livello e entro settembre dovrei completare anche quello di secondo livello. Il padel è uno sport trasversale che piace a tante persone di sesso ed età diverse, poi è bello vivere il clima del circolo e organizzare gli eventi – rimarca Mattioli – Il contatto con Villa Mercede nasce a settembre e c’è stata subito molta sintonia ed empatia: ho accettato con entusiasmo di far parte di questo progetto anche perché poter lavorare con personaggi del calibro di Saverio Palmieri e Chiara Pappacena è stato un grande incentivo. Sono quotidianamente al circolo e mi sono messo a disposizione di tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questa disciplina”. Grazie alle competenze di Mattioli, il Villa Mercede Padel Club porterà avanti un progetto di allenamento personalizzato che unisce il padel alla preparazione fisica: “Quasi sempre le lezioni si svolgono solo sul campo, ma noi daremo la possibilità opzionale di aggiungere una mezz’ora di preparazione atletica e sportiva funzionale al padel prima che cominci la parte tecnica. Questo sport è inizialmente “semplice”, ma il rischio infortuni è dietro l’angolo soprattutto per gli amatori. Chi passa dal tennis al padel, in particolare persone di età avanzata, spesso aumenta la competitività e lo sforzo fisico: in questo sport vengono richiesti movimenti veloci, cambi di direzione improvvisi, posizione “bassa” in campo, smash, scatto da fondo campo alla rete e viceversa, quindi il riscaldamento con il classico “scambio da fondo campo” spesso non basta. Diamo questa opportunità, ovviamente modulandola a seconda di età e capacità fisiche, con l’obiettivo di sensibilizzare ed educare gli appassionati sotto questo punto di vista, provando a farlo diventare routine” conclude Mattioli.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

Frascati Scherma, è tempo di campionati europei: il club tuscolano presente con ben nove atleti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Il Frascati Scherma è pronto a tuffarsi in una nuova avventura internazionale. Da domani (e fino a domenica prossima) sulle pedane svizzere di Basilea andranno in scena i campionati europei e ovviamente il club tuscolano (che vedrà ben dieci atleti tra italiani e stranieri impegnati alle prossime Olimpiadi di Parigi) sarà rappresentato in maniera corposa. Nel fioretto femminile Alice Volpi e Arianna Errigo saranno protagoniste sia della prova individuale che di quella a squadra, in cui si aggiungerà anche Francesca Palumbo. Nel fioretto maschile sarà Guillaume Bianchi a tenere in alto i colori del Frascati Scherma, mentre nella sciabola femminile ci saranno Chiara Mormile e Irene Vecchi. Anche in questa manifestazione continentale, però, non mancherà la “rappresentanza straniera” con gli spagnoli Carlos Llavador e Maria Marino e col portoghese Luis Macedo, tutti impegnati nel fioretto. Il programma si apre domani con la prova individuale di fioretto maschile, poi mercoledì scenderanno in pedana le ragazze nella stessa arma. Giovedì toccherà alle sciabolatrici e poi da venerdì via alle prove a squadre col fioretto maschile. Il giorno dopo prova “collettiva” per le sciabolatrici e infine domenica la chiusura con le fiorettiste.
Intanto, dopo le grandi soddisfazioni nei campionati nazionali italiani, il Frascati Scherma ha applaudito i suoi atleti impegnati nelle medesime competizioni in Spagna e in Brasile. In terra iberica grande prestazione di Carlos Llavador che ancora una volta ha dimostrato la sua superiorità e si è preso il titolo nazionale, mentre Maria Marino ha concluso al secondo posto. In Brasile doppio successo per Ana Beatriz Bulcao e per Guilherme Toldo. E a proposito di impegni internazionali, i due brasiliani (assieme all’argentino Augusto Servello e al messicano Maximo Azuela che si allenano sempre a Frascati) parteciperanno ai Giochi Panamerican, altra importante manifestazione che coinvolge l’intero continente americano.
Nei giorni scorsi, infine, alcuni tecnici del Frascati Scherma hanno affrontato e superato brillantemente l’esame da istruttore nazionale (Damiano Rosatelli, Tommaso Fabrizi, Valentina De Costanzo, Michela Pallotta e Valerio Grasselli) e da maestro (Alessandro Fioramanti). La formazione e la crescita all’interno del club tuscolano non si ferma mai…


Continua a leggere

Sport

Polisportiva Borghesiana (volley), il bilancio di Loreti: “Il club cresce e i ragazzi si fidelizzano”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – Tempo di bilanci per il settore volley della Polisportiva Borghesiana e in particolare per quello femminile. A parlarne è il direttore tecnico Stefano Loreti che ha guidato anche la prima squadra allo “storico” ritorno in serie D: “Chiudiamo un’annata dai numeri davvero importanti, visto che abbiamo contato circa 150 ragazze dall’Under 13 alla serie D, dunque escludendo i tesserati del settore maschile, del minivolley e dell’Amatoriale. Il bilancio è molto positivo: oltre alla promozione della prima squadra, abbiamo registrato la crescita dei vari gruppi che hanno centrato quasi tutti i loro obiettivi. Una Under 18, una Under 16 e una Under 14 sono riuscite a entrare nel tabellone finale dei loro campionati e altri gruppi hanno sfiorato il passaggio in quella fase. Diverse ragazze cresciute nel settore giovanile sono entrate nel giro della Prima e Seconda divisione e questo tipo di filosofia non cambierà nemmeno in serie D. Avere la vetrina di un campionato regionale è sicuramente importante, ma lo scatto tra il territoriale e il regionale è più marcato e bisogna farsi trovare pronti. Tra gli aspetti positivi di questa stagione c’è anche quello che tante ragazzine si sono appassionate al percorso della prima squadra e quelle giocatrici sono diventate per loro un vero esempio. L’integrazione tra i gruppi qualche anno fa era decisamente inferiore e invece siamo riusciti a coinvolgere tante ragazze in varie attività societarie. Recentemente abbiamo partecipato ad un torneo a Tortoreto con ben novanta fra atleti e accompagnatori portando due gruppi maschili (un’Under 18 e un’Under 19) e sette femminili (due Under 18, due Under 16, una Under 14 e due Under 13). Gli organizzatori ci hanno riconosciuto una partecipazione corretta oltre che valida tecnicamente. Se questi passi avanti sono stati compiuti, comunque, va dato atto alla società che continua a darci costantemente strumenti per poter migliorare e al lavoro di tutti i collaboratori dello staff tecnico e dirigenziale che si prodigano ogni giorno per far sì che tutta la macchina organizzativa funzioni al meglio”.
Intanto è partito il centro estivo della Polisportiva Borghesiana: “Quest’anno ha una nuova formula ed è curato da Giuliana Montaldi – spiega il presidente Stefano Criscuolo – E’ partito un po’ a rilento, ma già sta ricevendo complimenti per le nuove iniziative che si stanno mettendo in campo e la prossima settimana arriverà anche la piscina. Come è ovvio, sarà un centro estivo all’insegna dello sport dove i ragazzi e le ragazze si cimenteranno in varie attività e giochi, poi ogni settimana ci sarà una sorta di finale, insomma non mancheranno sport e divertimento”.


Continua a leggere

Sport

Ssd Colonna (calcio), Rossi e la futura Under 17 provinciale: “Ragazzi di buona qualità, ho fiducia”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – Il Colonna ufficializza il primo tassello tecnico per la nuova stagione del settore giovanile agonistico. Si tratta di mister Massimiliano Rossi che nell’annata appena conclusa ha guidato l’Under 18 regionale e nel prossimo campionato sarà sulla panchina dell’Under 17 provinciale, ovvero il gruppo 2008. “Conosco abbastanza bene i ragazzi: sono abituato ad andare a vedere le partite delle altre categorie della società in cui alleno e quindi ho seguito anche loro. Sono cresciuti nel tempo arrivando a metà classifica nel campionato Under 16 provinciale, ma secondo me hanno ancora margini di crescita. Un gruppo che ha mostrato buone qualità e probabilmente ha ottenuto meno di quanto meritava, perdendo alcuni punti per strada a causa di qualche particolare che spesso fa la differenza. Quell’organico, comunque, rappresenta una buona base di partenza e siamo già al lavoro per rinforzarlo e migliorarlo con i giusti innesti. A tal proposito stiamo facendo alcuni allenamenti congiunti settimanali con i 2007 e i 2009, chi fosse interessato può venire a conoscerci direttamente al campo ovviamente col nullaosta della società di provenienza qualora ci sia in corso un tesseramento con altri club”. Rossi fa un passo indietro per tracciare il bilancio dell’annata con l’Under 18 regionale: “Questo tipo di campionato, che ha un buon livello tecnico, viene affrontato per preparare i ragazzi alla categoria Under 19. Le cose, a livello di risultati, non sono andate benissimo perché il gruppo è stato condizionato da alcuni infortuni, anche gravi, che hanno fatto venir meno qualche elemento importante e che non hanno permesso alla squadra di allenarsi con la giusta costanza. Comunque diversi ragazzi sono stati convocati con l’Under 19 regionale e questo è stato sicuramente un obiettivo importante centrato”. Rossi si è ormai calato totalmente nell’ambiente del Colonna visto che il prossimo sarà il quarto anno per lui in questo club: “Ho trovato delle persone fantastiche in queste stagioni e un clima sereno in cui poter portare avanti la mia idea di calcio. Caratterialmente sono abbastanza spigoloso, ma in questa società mi trovo davvero benissimo e riesco a esprimermi nel migliore dei modi”.


Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti