Connect with us

Sport

Vis Casilina (calcio), Rovere e il settore agonistico: “Sarà un finale di stagione interessante”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – La Vis Casilina è entrata nel rush finale della stagione 2023-24. Il responsabile del settore agonistico Tonino Rovere prova a fare il punto della situazione: “Sarà un finale di stagione interessante con le nostre squadre impegnate nel centrare i rispettivi obiettivi a cominciare dalla Prima categoria che dovrebbe guadagnare la permanenza in questo campionato. La distanza rispetto alle “zone calde” è abbastanza tranquillizzante e d’altronde questo era il tipo di torneo che ci aspettavamo da questa squadra. Considerando che la rosa è stata falcidiata da tanti infortuni, l’ultimo dei quali capitato a Dantimi domenica scorsa, direi che i ragazzi stanno facendo un buon percorso. Inoltre, proprio a causa dei tanti infortuni, stiamo utilizzando diversi elementi della nostra Under 19 come è nella filosofia della nostra società, anche se avremmo voluto farlo in maniera più graduale”. Rovere parla dell’andamento delle squadre giovanili agonistiche: “Quella che sta faticando un po’ di più è l’Under 17 regionale di Massimo Attili che si trova impelagata nella lotta per non retrocedere. È dura, ma lo sapevamo fin dall’inizio che ci sarebbe stato da soffrire. Il gruppo, comunque, se la giocherà fino alla fine per rimanere in categoria. Per quanto riguarda le altre quattro squadre che militano nei campionati provinciali, siamo soddisfatti di come si stanno comportando: l’Under 19 di Antonio Bernardi è al terzo posto pur senza utilizzare fuoriquota come fanno molte squadre avversarie. L’Under 16 di Manuel Ricci è seconda e anche questo gruppo, come fatto dall’Under 19 con la Prima categoria, ha aiutato quello maggiore dell’Under 17 regionale. Credo che se si arriva a ridosso della prima posizione, ci sono buone speranze per chiedere il ripescaggio tra i regionali. Infine l’Under 15 di Massimiliano Graziani e l’Under 14 di Mirko Rovere stanno facendo un buon campionato e devono solo pensare a crescere in questo finale di stagione”.


Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

ULN Consalvo (calcio, Under 15), Rao: “Con la Pro Roma vogliamo riscattare la sconfitta dell’andata”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – Ha iniziato il girone di ritorno con un doppio successo l’Under 15 provinciale dell’ULN Consalvo. I ragazzi di mister Fabio Garzina hanno superato con un netto 3-0 esterno l’Almas: tra i marcatori dell’incontro (insieme ai compagni Volieri e Grezzi) c’è stato anche l’attaccante esterno classe 2009 e capitano del gruppo Mattia Rao: “Nel primo tempo abbiamo costruito e sciupato qualche occasione, ma nella ripresa la qualità della nostra prestazione è cresciuta: dopo un paio di parate del loro portiere siamo riusciti a sbloccarla e da lì in avanti la partita è andata in discesa”. In questo momento il gruppo Under 15 dell’ULN Consalvo si trova all’ottavo posto, ma il gruppo capitolino vuole scalare posizioni: “L’inizio della stagione era stato abbastanza positivo, poi abbiamo perso qualche punto di troppo con avversari alla nostra portata e siamo scivolati un po’ indietro. Ora abbiamo vinto le prime due gare del ritorno esattamente come accaduto all’andata, siamo in fiducia e vogliamo continuare a crescere. Nel frattempo si è formato un bel gruppo: la squadra è cambiata tanto rispetto alla scorsa stagione (Rao è uno dei pochi “superstiti” della vecchia Under 14, ndr), ma i nuovi si sono integrati bene nel nostro ambiente”. Nel prossimo turno l’ULN Consalvo ospiterà la Pro Roma, terza forza del campionato: “Vogliamo riscattare la sconfitta della partita d’andata in cui entrammo in campo con un atteggiamento sbagliato e perdemmo 5-1. Non c’è questo divario tra noi e loro, proveremo a dimostrarlo sabato”. Rao conclude parlando del rapporto con mister Garzina: “Lo avevo conosciuto già l’anno scorso quando mi aveva convocato nella vecchia Under 15 in qualche occasione. E’ un allenatore preparato che ti stimola sempre a fare meglio. Il mister ci ha fissato l’obiettivo per il girone di ritorno che è quello di conquistare almeno 16 punti, ma noi vogliamo fare molto di più”.


Continua a leggere

Sport

Vis Casilina (calcio, Under 16), Bisegna incide: “Vittoria importante con il Falaschelavinio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – L’Under 16 provinciale della Vis Casilina è salita al secondo posto. Grazie al successo di misura interno col Falaschelavinio (1-0), i ragazzi di mister Manuel Ricci hanno agganciato l’avversario di turno e ora sono a quattro lunghezze di distanza dallo Sporting San Cesareo (che però ha una gara in meno). “Mancano ancora tante partite e ci sono tanti punti a disposizione – dice il trequartista classe 2008 Tommaso Bisegna – Noi ci crediamo e vogliamo provare a vincere questo girone”. Il match winner parla della gara col Falaschelavinio: “E’ stata una partita tosta, ma noi abbiamo comunque creato più occasioni rispetto agli avversari. Il gol decisivo è arrivato a metà secondo tempo: ho fatto un tunnel ad un avversario, ho calciato di sinistro dal limite (pur essendo destro di piede) e il pallone è finito sotto la traversa. Sicuramente un bel gol, ma soprattutto è stato importante per conquistare questo successo che ci serviva”. Bisegna, con questo sigillo, è salito a quota 10 reti personali in stagione: “Sono contento del bottino e di come sto aiutando la squadra. Sento di essere migliorato parecchio e molto del merito ce l’ha il mister, è il mio secondo anno di lavoro con lui”. Proprio Ricci lo ha fortemente voluto (ri)portare alla Vis Casilina: “Avevo giocato su questo campo alcuni anni fa, poi avevo provato un’esperienza alla Lodigiani. Lì le cose non erano andate bene e quando mister Ricci mi ha chiesto di entrare a far parte del gruppo ho accettato volentieri. Siamo un bel gruppo e ci aiutiamo in campo: stiamo facendo una bella stagione, ma sappiamo che c’è ancora tanto da lavorare”. Nel prossimo turno la Vis Casilina sarà ospite del Mundial, quart’ultima forza del girone: “All’andata abbiamo vinto in modo largo, ma non c’è da fidarsi perché ogni partita fa storia a sé”. La Vis Casilina è una società che punta sui suoi ragazzi per portarli in prima squadra in futuro: “Sarebbe bello riuscire ad esordire un giorno con i grandi, ma ora sono concentrato su questo campionato” conclude Bisegna.


Continua a leggere

Sport

Boxe, Evelin Camporeale prepara il match di Udine del 6 aprile: “Vado lì per cercare di vincere”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Roma – E’ un inizio di 2024 intenso per Evelin Camporeale. La 33enne pugile nata a Santiago del Cile, ma ormai in Italia da circa vent’anni, ha già fatto due combattimenti importanti: uno lo scorso gennaio in Danimarca contro la 19enne padrona di casa Sofie Vinther Rosshaug (che due anni fa è stata medaglia d’argento ai mondiali Youth) e un altro il 16 febbraio scorso nella più vicina Zagarolo contro la poliziotta Mery Di Bari. Due combattimenti che non hanno avuto l’esito sperato dalla Camporeale, ma la tosta ragazza romana (che riesce a conciliare l’impegno con la boxe con quello di mamma della 14enne Sally) non è certo una che si arrende: “Adesso avrò un nuovo combattimento il prossimo 6 aprile ad Udine e per prepararlo al meglio mi sto allenando tutti i giorni dal lunedì al sabato presso il centro sportivo del Torrenova con il maestro ucraino Denis Ursu. Ho voglia di fare un bel combattimento e provare a vincere”. Il peso mosca romano è seguita dal manager Davide Giordano: “Lui si dà molto da fare cercandomi match in tutto il mondo e lo ringrazio: riesco a fare una decina di incontri all’anno e per me è molto importante”. La passione pugilistica della Camporeale è nata nel lontano 2014: “Ho cominciato ben presto a fare combattimenti, mi dissero che il talento ce l’avevo e mi sono tuffata. Certo, in Italia non è semplice fare la professionista, a maggior ragione per una donna. Quando mia figlia Sally avrà 18 anni valuterò se spostarmi all’estero”.


Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti