Connect with us

Sport

ViterboImmagine2023, sette autori in esposizione fino al 15 gennaio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

DigitalArt, Fotografia, Installazioni, dipinti ed altro
 
 
Con buona affluenza di pubblico ha preso il via lo scorso 4 gennaio il Festival ViterboImmagine2023 Route, con l’esposizione di sei opere più la settima, che all’ultimo momento si  è aggiunta con sorpresa, presso la “Galleria d’Arte Chigi” di Viterbo.
 
Affluenza che è proseguita con molto interesse, anche nei giorni successivi.
 
La Mostra rimarrà in esposizione fino al 15 gennaio 2023 come è stato comunicato dal gallerista Silvio Merlani, ospite della serata.
 
ViterboImmagine quale festival della “Immagine” che vuole esplorare la comunicazione con la rappresentazione Spazio-Tempo che non è il congelamento di un istante ma un susseguirsi di evidenti continuità di istanti infiniti.
 
L’Evento si propone di diffondere e sviluppare un nuovo linguaggio visivo, rappresentato da qualsiasi tipo di disciplina artistica, per estenderne il campo di visione che coinvolge la Spazio-Tempo.                  
 
Molto bene è stato illustrato ai presenti questo concetto, dal suo ideatore Enzo Trifolelli, Presidente dell’Associazione Culturale il “Castello” di Soriano nel Cimino, che ne ha evidenziato la diffusione.
 
Il linguaggio vive un costante processo di modifica per adattarsi al mondo nel quale viene usato. Si tratta del normale sviluppo di un linguaggio visivo in evoluzione, che ne contiene tre al suo interno: il primo che rappresenta il solo Spazio, il secondo il solo Tempo e il terzo, focale, è quello che contiene contemporaneamente sia lo spazio multi prospettico, sia la continuità del tempo: lo “ SpazioTempismo”.
 
Da sempre all’interno di una società, il linguaggio dell’immagine è un elemento culturale potentissimo. Infatti il linguaggio dell’immagine non è soltanto un insieme di figure o elementi grafici che servono a descrivere il mondo, ma è uno “strumento” che crea il mondo stesso perché è possibile pensare, rappresentare e parlare, solo di ciò che si conosce attraverso il linguaggio. Con nuovi modi espressivi si comunica e si crea ancor di più.
 
Un linguaggio che non si modifica è un linguaggio morto, e un linguaggio che non abbraccia l’“arte”, è un linguaggio che altro non fa che descrivere il mondo chiuso nel passato.
 
Molto puntuale e istruttivo è stato l’intervento di Giampiero Ascoli,  Direttore del Centro Studi e Ricerca della Tuscia, che con dovizia di particolari, coadiuvato da un cartellone esplicativo, ha spiegato la collocazione dello “Spazio-Tempo” tra le diverse discipline artistiche, ripercorrendo i periodi storici passati.
 
Al Vernissage è intervenuta Elena Agnani, Assessore alle Economie e Risorse Finanziarie del Comune di Viterbo, che non ha nascosto il proprio entusiasmo per la manifestazione programmata e che ha promesso agli organizzatori, la diffusione della stessa sul territorio.
 
 
Le opere esposte hanno riguardato diverse discipline artistiche quali: digitalArt, Fotografia, Installazioni, dipinti ed altro. Tanto è stato l’interesse riscosso per le opere esposte che ne sono state chieste le singole quotazioni.
 
Gli autori, di cui alcuni presenti all’evento, Paola Ermini di Roma, Giampietro Sergio di Vetralla, Stefano Cianti di Ronciglione, Alessandro Scannella di Roma, Alessia Clementi di Soriano nel Cimino e Sergio Barbi di Roma, sono gli Artisti che avvicinano il mondo attraverso la loro sensibilità creativa con il concetto SpazioTempistico che esplora e avvolge gli elementi.
 
Questo è una novità nella soluzione dell’immagine, è un “nuovo” nel quale  emergono nuove tensioni, linee che conducono, dematerializzazioni, distruzioni e re-materializzazioni, nuovi ritmi, stati d’animo e nuova visione onirica. Questo interagire genera un nuovo “gesto” e quindi un nuovo “segno”, che moltiplica i soggetti dando loro una vita “altra”.
 
 
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

Atletico Lariano (calcio, Promozione), Centra non cambia idea: “Continuiamo a guardare avanti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Lariano (Rm) – Non è un periodo semplice per la Promozione dell’Atletico Lariano. La formazione di mister Fabrizio Centra ha vinto una sola partita delle ultime sei di campionato e a questa serie si è aggiunto lo 0-3 dell’andata dei quarti di finale di Coppa Italia col Città di Paliano. “Siamo stati penalizzati da alcuni episodi sia di campo che extra campo, come alcuni infortuni – dice l’allenatore – Inoltre abbiamo avuto un calendario complicato, incrociando tante delle squadre di testa in questa fase di stagione. Abbiamo perso qualche posizione in classifica, ma siamo comunque in linea con gli obiettivi stagionali”. L’Atletico Lariano è sesto ed è praticamente equidistante dalla terza posizione, ma anche dalla “corposa” zona play out di questo campionato, eppure Centra non ha dubbi: “Noi guardiamo sempre avanti, senza paura. Non possiamo inficiare ciò che hanno detto il girone d’andata e anche lo scorso campionato”. La formazione castellana non lascerà nulla di intentato nemmeno in Coppa Italia: “Il Città di Paliano, che tra l’altro è capolista del nostro girone, è una squadra forte e ha preso un bel vantaggio vincendo 3-0 sul nostro campo. È stata una sfida particolare, con un primo gol arrivato su un rigore molto dubbio. Poi noi abbiamo colpito due legni e invece loro sono stati micidiali nello sfruttare le opportunità create. La partita di mercoledì prossimo è ovviamente difficile, ma noi non abbiamo nessuna voglia di fare la parte delle vittime sacrificali né in quell’occasione, né in nessun’altra gara di questo finale di stagione”. Nell’ultimo turno, comunque, il gruppo di Centra ha strappato un bel pari interno (1-1) contro il Casal Barriera che attualmente è terzo. “Un avversario importante che merita la classifica che ha. Nel primo tempo non eravamo molto “presenti”, mentre nel secondo si è rivista la combattività dei momenti migliori e poi potevamo anche vincerla nel finale, anche se il pareggio è il risultato più giusto”. Da una big a un’altra: l’Atletico Lariano domenica fa visita alla Spes Montesacro che è quarta con quattro lunghezze di vantaggio sui castellani. “Un’altra partita molto complicata, ma cercheremo di giocarci le nostre carte” conclude Centra.


Continua a leggere

Sport

Marino Pallavolo (Under 15), Trotta: “Vogliamo arrivare in fondo alla fase territoriale e regionale”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Marino (Rm) – Sta entrando nel vivo la stagione dell’Under 15 maschile del Marino Pallavolo. I ragazzi di coach Stefano Vazzana affronteranno nel week-end il Santa Monica per la semifinale d’andata del tabellone territoriale. “Li abbiamo già affrontati l’anno scorso nel campionato Under 14 e quest’anno in un torneo di preparazione a Tagliacozzo nel mese di ottobre – dice il martello classe 2009 Edoardo Trotta – Sono una squadra valida e ci dovremo impegnare per superare il turno, ma siamo fiduciosi di potercela fare”. D’altronde nessuno in casa Marino Pallavolo ha mai nascosto le alte ambizioni di questo gruppo: “Vogliamo provare a vincere la fase territoriale e poi quella regionale che ci darebbe accesso alla fase nazionale, altro obiettivo del nostro gruppo. Ma dobbiamo ragionare uno step per volta”. D’altronde l’Under 15 del Marino Pallavolo ha già vinto sotto Natale la prestigiosa “Winter Cup”, un torneo nazionale dove erano presenti tante delle squadre che potrebbero far parte delle finali nazionali. “Ora siamo concentrati sui prossimi impegni e lavoriamo duramente assieme a coach Vazzana. Con lui c’è un bel rapporto: in campo è molto “severo” e meticoloso, ma fuori è molto simpatico e alla mano”. Trotta fa parte del club castellano da ormai cinque anni: “Ho iniziato qui a giocare a pallavolo, pur essendo di Roma. Logisticamente non è una soluzione comodissima e la mia famiglia fa sacrifici per portarmi tutte le settimane, ma qui c’è un grande staff tecnico e una delle società più importanti a livello giovanile del Lazio e non solo. Sin dai primi momenti mi sono sentito come a casa e poi qui ci sono grandi prospettive di crescita, anche grazie alla collaborazione con un club prestigioso come Cisterna”. Come altri suoi giovani colleghi, pure Trotta sicuramente sogna di arrivare in categorie importanti: “L’anno scorso ho fatto diversi ingressi in serie C, attualmente gioco in D oltre che con l’Under 15. Ora penso a far bene nei campionati in cui sono impegnato, è chiaro che in futuro mi piacerebbe arrivare ad alti livelli”.


Continua a leggere

Sport

ULN Consalvo (calcio, Under 16), Ciotti: “Vogliamo provare ad arrivare tra le prime tre del girone”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – L’Under 16 provinciale dell’ULN Consalvo guarda avanti. La formazione di mister Giuseppe Centrone è al quinto posto del girone, ma vuole salire ancora anche se c’è un gap da colmare. “Sono speranzoso che la nostra squadra possa crescere ancora e arrivare sul podio – dice il centrocampista o attaccante classe 2008 Gabriele Ciotti – E’ chiaro che non possiamo più sbagliare, ma le possibilità ci sono”. Nell’ultimo turno la formazione capitolina ha piegato per 4-2 i Vigili del Fuoco, fanalino di coda del girone: “Siamo scesi in campo con un atteggiamento sbagliato, eravamo troppo sicuri di vincere e siamo pure passati in svantaggio – racconta Ciotti – Forse quello “schiaffo” ci ha svegliati e infatti siamo riusciti a ribaltare il risultato con una mia doppietta, anche se prima dell’intervallo la squadra ospite ha nuovamente pareggiato i conti. Mister Centrone ha fatto alcuni cambi e le cose sono migliorate: nel secondo tempo mi sono procurato un rigore poi segnato da Tarantini e nel finale ho fatto un assist per Abbate che ha preso un altro penalty: stavolta dal dischetto è andato Rescina che ha fissato il risultato sul 4-2 conclusivo”. Centrone ha “messo in guardia” i suoi ragazzi nel non sottovalutare nessuno: “Ci ha detto di imparare la lezione dell’ultimo match perché poi si rischia di perdere punti pesanti. Domenica giocheremo nuovamente in casa col Colonna che è terz’ultima in classifica. Sono certo che stavolta scenderemo in campo con un atteggiamento diverso sin dalle prime battute”. Ciotti è al suo secondo anno nell’ULN Consalvo e racconta com’è iniziata la sua avventura in questa società: “Prima non giocavo in nessun club: ho scelto di venire qui perché ci giocavano alcuni miei amici e me ne parlavano bene. Sono contento della scelta fatta, col gruppo e con la società mi trovo bene. Qui c’è un ambiente tranquillo dove si può crescere”.


Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti