Connect with us

Cronaca

Alessandria, raptus omicida di un 23enne al supermercato: tenta di uccidere un uomo a coltellate e poi aggredisce guardia giurata e poliziotti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALESSANDRIA – Arrestato un 23 enne con l’accusa di tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di coltello. Il fatto è successo lunedì scorso ad Alessandria dove in prossimità del supermercato Penny Market è scoppiata una lite tra due cittadini albanesi finita con l’accoltellamento di uno dei due.

La discussione tra i due è iniziata dapprima solo verbalmente per poi proseguire con spintoni e con una colluttazione fino a quando H.S. estraeva un coltello della lunghezza complessiva di circa 25 centimetri, custodito all’interno di una fondina in pelle occultata nella tasca interna dei pantaloni, colpendo il proprio antagonista all’altezza del torace.

Attirati dalle urla e dagli schiamazzi dei presenti, sul posto intervenivano un’addetta alla vigilanza del supermercato e una guardia giurata che stava percorrendo via Milite Ignoto in auto. I due operatori cercavano quindi di dividere i due uomini e disarmare l’aggressore allontanando l’arma, al fine di evitare che lo stesso potesse riutilizzarla.

A quel punto H.S. si scagliava contro la guardia giurata cercando di sottrargli la pistola d’ordinanza e urlando “dammi la pistola che lo ammazzo”, senza riuscire, fortunatamente, nel suo intento.

Sul posto arrivavano poi le pattuglie della Squadra Volante avvertite dalla Sala Operativa. I poliziotti individuavano immediatamente la guardia giurata che con difficoltà cercava di contenere la resistenza di H.S. e visto l’evidente stato di agitazione del soggetto decidevano di immobilizzarlo attraverso l’utilizzo delle manette di sicurezza ma durante le fasi dell’ammanettamento, lo stesso tentava  a più riprese lo scontro fisico, cercando di spintonare gli agenti di Polizia e sgomitando tentava di aprirsi un varco utile alla fuga che obbligava  i poliziotti all’utilizzo del dispositivo “Oleoresin Capsicum” (Spray al peperoncino) in dotazione.

Solo dopo, H.S. veniva immobilizzato mediante le manette di sicurezza, con l’impiego della sola forza necessaria a garantire l’incolumità degli agenti  e del soggetto stesso.

Il ferito veniva trasportato all’ospedale di Alessandria dal 118 avvertito dagli operatori di polizia.

H.S. veniva portato presso gli uffici della Questura per gli accertamenti del caso e lo stesso non mostrava alcun pentimento per quanto accaduto riferendo più volte che se non fosse intervenuta la guardia giurata avrebbe ultimato quanto aveva cominciato.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Trapani, aggressioni a immigrati: arrestate 3 persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Polizia di Stato di Trapani ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale su richiesta della locale Procura della Repubblica, a carico di 3 soggetti responsabili a vario titolo dei reati di violenza privata, minaccia, lesioni personali, aggravati dall’avere commesso il fatto in condizioni temporali e locali tali da ostacolare la difesa delle parti offese, con l’uso di corpi contundenti, dall’avere agito con efferatezza e spietatezza e per finalità di discriminazione o di odio etnico razziale.

Le indagini, condotte dagli agenti del Commissariato di P.S. di Marsala,  coadiuvati dai poliziotti della DIGOS di Trapani e del Reparto Prevenzione Crimine “Sicilia Occidentale” di Palermo, hanno riguardato alcune aggressioni avvenute nel centro cittadino, fenomeno che ha caratterizzato la stagione estiva, specie nel corso dei week end, consentendo di accertare l’esistenza di un gruppo criminale che portava a compimento veri e propri raid punitivi nei confronti di inermi cittadini extracomunitari che subivano, senza alcuna apparente ragione, violenze fisiche e verbali.

I soggetti alla vista degli immigrati gli si scagliavano contro con veemenza e ferocia, inveendo contro di loro, colpendoli con calci e pugni ed avvalendosi di corpi contundenti, minacciandoli e intimandogli di allontanarsi da Marsala “siete africani di merda…non dovete più parlare perché siete di colore….noi vi ammazziamo, qui non avete il diritto di stare…e qui siamo a Marsala” in quanto “africani e nivuri”.

Le indagini hanno acclarato, altresì, che nel corso dei raid il “gruppo criminale” si muoveva come una vera e propria sorta di “commando” che, avvalendosi anche della forza intimidatrice determinata dal cospicuo numero di aderenti, molti dei quali ormai ampiamente noti come persone violente, agiva come una vera e propria squadra punitiva contro chiunque si fosse opposto ai loro commenti, frasi denigratorie o alla loro volontà, il tutto aggravato dalle ripugnanti e odiose frasi dall’evidente sfondo razziale proferite nei confronti degli immigrati presi di mira.

In un episodio infatti il gruppo criminale si scagliava con violenza anche nei confronti del titolare di un esercizio commerciale che tentava di sottrarre il malcapitato dalla cieca violenza degli aggressori.

Le serrate indagini condotte dalla Polizia di Stato sono state particolarmente articolate e complesse anche per l’assoluta mancanza di collaborazione delle parti offese le quali, evidentemente intimorite dalla ferocia del gruppo criminale, hanno manifestato notevole riottosità a denunciare le violenze patite ed addirittura, nonostante le visibili ed anche gravi lesioni subite, a rinunciare alle cure dei sanitari. In alcuni episodi si è registrata anche la biasimevole condotta degli astanti che, anziché prestare ausilio al malcapitato oggetto della violenta aggressione, assistevano impassibili all’azione criminosa o, addirittura, incitavano gli aguzzini.

Inoltre, nessun soggetto nei giorni successivi agli eventi criminosi si è presentato presso il Commissariato di P.S. di Marsala per rendere dichiarazioni che potessero risultare utili alla ricostruzione dei fatti ed all’individuazione dei responsabili dell’accaduto, verosimilmente temendo possibili ritorsioni dai predetti soggetti facenti parte del “branco”, alcuni dei quali, tra cui appunto i tre odierni arrestati, appartenenti anche al gruppo dei tifosi “Ultras” del Marsala Calcio (Street Boys/Nucleo Ribelle), già ripetutamente evidenziatisi in quanto responsabili di reati c.d. da stadio e, per tali ragioni, sottoposti a DASPO.

Nel corso della perquisizione effettuata presso l’abitazione di uno degli arrestati è stata rinvenuta una pistola semiautomatica priva di tappo rosso con relativo caricatore, marca Bruni, modello “New Police” cal.8 mm K, nr. 9 cartucce a salve cal.8 mm e nr. 1 cartuccia cal.7.75.

Durante le indagini, decisive si sono rivelate le immagini dei sistemi di video sorveglianza cittadina la cui acquisizione e visione ha consentito di estrapolare riprese e fotogrammi rivelatisi fondamentali per individuare gli odierni arrestati e gli altri soggetti indagati, nonché per testimoniare la violenza e la ferocia con cui il gruppo di aguzzini si scagliava contro i soggetti extracomunitari.

Dopo le formalità di rito gli arrestati sono stati condotti presso la casa circondariale di Trapani a disposizione dell’A.G.

Continua a leggere

Cronaca

Pavia, sequestro di beni per 2 milioni e mezzo di euro ad un pregiudicato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

PAVIA – Sequestrati beni immobili non giustificati dal reddito dichiarato, per un valore complessivo di oltre due milioni e mezzo di euro ad un pregiudicato di etnia “sinti” piemontese, residente ad Asti, già sottoposto alla sorveglianza speciale di P.S.

A eseguire il decreto, emesso dal Tribunale di Torino su proposta del Direttore della DIA, gli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Milano e i Carabinieri del Comando Provinciale di Pavia.


L’uomo, già condannato in via definitiva per plurimi reati contro il patrimonio commessi nell’arco temporale compreso dall’anno 1982 all’anno 2015, era a capo di un banda che nel 2015/2016, in diverse Province del Nord Ovest fra cui quella di Pavia, aveva compiuto decine di furti e rapine in villa
accedendovi facendo credere ai proprietari di essere dei Carabinieri.

Continua a leggere

Cronaca

Peschereccio tunisino sperona motovedetta della Guardia di Finanza: aperto il fuoco e arrestato il comandante

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una unità della Guardia di finanza ha aperto il fuoco contro un peschereccio tunisino che non s’è fermato all’Alt e che, tentando di scappare, ha speronato una motovedetta. Il peschereccio “Mohanel Anmed”, dopo l’inseguimento in acque internazionali, è stato bloccato dai militari delle Fiamme gialle che lo hanno condotto a Lampedusa (Ag). 

Il motopeschereccio aveva calato, stando a quanto emerge, le reti a 9 miglia circa (in acque territoriali italiane) dalla costa di Lampedusa (Ag). E’ scattato il controllo da parte di Guardia costiera e Guardia di finanza, ma il natante non solo non s’è fermato ma ha anche speronato una motovedetta italiana. E’ scattato l’inseguimento in acque internazionali, durante il quale, prima di abbordare il peschereccio, sono stati esplosi tanti colpi. 

La Guardia di finanza di Lampedusa (Ag) ha arrestato il comandante del peschereccio tunisino, impegnato in pesca illegale in acque territoriali italiane, che ha ignorato l’Alt delle motovedette, con l’accusa di resistenza e violenza contro nave da guerra e rifiuto di obbedire a nave da guerra. Ad intercettare il motopesca con le reti calate in mare, a circa 9 miglia dall’isolotto di Lampione, è stata la Capitaneria di Lampedusa. Il natante tunisino anziché fermarsi, ha invertito la rotta nel tentativo di darsi alla fuga guadagnando l’alto mare. La Guardia di finanza ha inviato, a supporto, il Pv 7 Paolini del comando operativo aeronavale e una vedetta del reparto operativo aeronavale della Guardia d finanza di Vibo Valentia, entrambe a Lampedusa. Durante l’inseguimento, durato alcune ore e filmato da velivoli del comando operativo aeronavale e dell’agenzia europea Frontex, nonostante l’esplosione di alcuni colpi a scopo intimidatorio da parte dell’unità maggiore, il peschereccio non solo non consentiva l’abbordaggio, ma metteva in atto una serie di manovre che hanno messo in pericolo l’incolumità degli stessi militari che cercavano di salire. Al termine dell’inseguimento, i militari hanno abbordato il peschereccio e lo hanno portato al porto di Lampedusa dove, con il coordinamento del procuratore capo Luigi Patronaggio e dell’aggiunto Salvatore Vella, è stato arrestato il comandante del motopesca e sequestrate le reti illecitamente utilizzate.

Continua a leggere

I più letti