Connect with us

In evidenza

Bracciano, delibera dell’Ordine dei Giornalisti: L’Osservatore d’Italia non ha denigrato alcun consigliere di minoranza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Nessuna denigrazione è stata operata da parte del quotidiano L’Osservatore d’Italia diretto dalla giornalista professionista Chiara Rai nei confronti di alcuni consiglieri comunali di opposizione del Comune di Bracciano tramite la pubblicazione dell’articolo “Bracciano consiglieri di minoranza nel pallone. Gentili a Donato: “Se nella relazione c’è qualche refuso facciamo la figura del cazzo”.

Questo quanto stabilito con esito favorevole dall’Ordine dei Giornalisti (Consiglio Territoriale di Disciplina -Secondo Collegio) notificato dalla Corte d’Appello di Roma,.

Il pubblicista Silvio Rossi, in data 27 luglio 2019, ha ritenuto di segnalare il direttore responsabile de L’Osservatore d’Italia Chiara Rai al Consiglio Disciplinare dell’Ordine facendosi portavoce di alcuni consiglieri di minoranza del Comune di Bracciano (singolare che un giornalista si faccia portatore delle istanze di tre politici consiglieri) e agisca contro una sua collega che tra l’altro, in qualità di direttore responsabile, lo ha accompagnato nel percorso di formazione per ottenere l’iscrizione nell’elenco dei pubblicisti).

Ebbene, si è tenuta un’audizione dove Chiara Rai ha fornito le prove di quanto scritto nell’articolo incriminato ed è stata assolta con formula piena perché tutto ciò che è stato scritto corrisponde al vero.

“Non ho mai denigrato nessuno – dice Chiara Rai – ma nel pieno del rispetto della verità sostanziale dei fatti e del pubblico interesse, ho sempre esercitato il legittimo diritto di critica e di cronaca tutelato dall’articolo 2 (Diritti e doveri) della legge professionale 69/1963 nonché dall’articolo 21 della Costituzione della Repubblica Italiana. Ciononostante c’è chi ancora, nella minoranza del Comune di Bracciano, continua ad asserire falsamente di venire denigrato insieme ad associazioni del territorio (ci piacerebbe sapere quali) e ancor più grave che il giornale sarebbe finanziato con i soldi dei cittadini di Bracciano. Non c’è un solo atto esistente che regola alcun tipo di rapporto tra L’Osservatore d’Italia quotidiano e qualsiasi amministrazione pubblica d’Italia. L’Osservatore d’Italia non ha mai preso soldi pubblici ma c’è chi persevera in una presunta “battaglia per legalità” quando non esiste alcun mostro da combattere o tanto meno sistema da abbattere. Il giornale ha soltanto i lettori come unici padroni perciò chiunque amplifichi detta falsa notizia si presta soltanto a giochi politici che hanno come unico obiettivo quello di mettere il bavaglio all’informazione. Ma noi siamo abituati perché siamo una testata che non fa e non farà mai copia incolla delle dichiarazioni integrali di consiglieri senza prima verificarne la fondatezza. di quanto da loro asserito. L’esito del Consiglio disciplinare dell’Ordine è una pagella d’indipendenza per L’Osservatore d’Italia e per il suo direttore. Ovviamente è oltre un anno che mi sento vittima di attacchi politici atti a mettere il bavaglio al mio spirito di critica, pertanto mi batterò affinché questo mio diritto venga tutelato e chi adesso persegue nella sua attività diffamatoria dovrà darne conto sia in sede penale che civile insieme a chi amplifica tale condotta. Se è questa la grande battaglia portata avanti da qualcuno beh, è un gran buco nell’acqua perché l’onestà quella vera, ha trionfato. Sarebbe meglio che chi cerca visibilità accostandosi in maniera ridicola a personaggi di ben altra stesura che combattono veramente per la legalità e contro le mafie, cominci a fare l’attività che gli compete senza cercare consensi con facili e confuse accuse che ad oggi sono prive di qualsiasi fondamento “.

Cronaca

Lago di Garda, la traversata di uno psichiatra di 76 anni: torniamo a vivere dopo il Covid

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

L’intervista rilasciata a TG com 24

Camillo Carlucci, psichiatra trentino e bresciano d’adozione, si è tuffato da Malcesine, sulla sponda veronese, per coprire la prima delle 14 tappe. “Ho visto la morte in faccia, ora rinasco”, dice a Tgcom24

A 76 anni ha deciso di fare il giro del Lago di Garda a nuoto per lasciarsi alle spalle il Covid e “rinascere”. Camillo Carlucci, psichiatra trentino e bresciano d’adozione, si è tuffato da Malcesine, sulla sponda veronese, per coprire la prima delle 14 tappe giornaliere del periplo che farà, per un totale di 140 chilometri, nuotando a dorso e stile libero. “Non è una competizione, una gara – spiega a Tgcom24. – Ad ogni bracciata guardo al futuro da persona viva e vitale, così come progettavo di fare durante la malattia”.

Come si sente dopo la prima nuotata?
“Dico la verità, avrei voluto proseguire, ma poi mia figlia Charlotte, che è il mio preparatore atletico, e l’amico Mario, che mi segue in barca per darmi la rotta, mi hanno consigliato di fermarmi, perché ho bisogno di energie anche per domani e per le prossime due settimane. Certo, 40 anni fa ci avrei messo di meno, ma mi accontento delle quasi 5 ore di oggi necessarie per coprire i primi 10 chilometri”.

Cosa è già riuscito a lasciarsi alle spalle dopo le prime bracciate?
“L’idea di questa impresa è nata in un momento molto brutto, perché ammalandomi di Covid ho visto la morte in faccia. Era il 20 marzo 2020 quando ero il numero 34 sotto il tendone degli Spedali civili di Brescia. Ho provato angoscia anche nel post ricovero: io psichiatra ero vittima del disturbo post-traumatico da stress. Non dovevo farlo diventare cronico e ho pensato che desiderare di compiere un’impresa alla mia età mi avrebbe fatto sentire vivo. Così, durante la quarantena, ho progettato questo periplo, allenandomi a casa, perché non volevo solo superare un trauma ma tornare diverso, un altro Camillo. E con le prime bracciate devo dire che ho potuto staccare dal mondo e dal lavoro”.

Come si è preparato atleticamente?
“A casa e in palestra da mia figlia una volta guarito. Ma durante la malattia e in attesa di negativizzarmi facevo tanta ginnastica respiratoria. Sa, al liceo ero un campioncino di nuoto, avrei dovuto partecipare alle Olimpiadi del ’64, ma ho dovuto ubbidire a mio padre e quindi rinunciare all’evento per conseguire la Maturità”.

Che messaggio vuole lanciare con questa impresa?
“Non voglio solo far promozione al Lago di Garda, ma voglio far capire che è importante tornare a vivere e fare sport, dopo il Covid. E soprattutto mi rivolgo ai miei coetanei. Li aspetto, con tanti altri giovani e adulti, l’anno prossimo, per il periplo di gruppo che organizzerò. Non bisogna lasciarsi andare, come succede spesso nella terza età, quando molti stanno davanti alla tv e l’unico movimento che fanno è quello del pollice per cambiare canale”.

Continua a leggere

Esteri

Siberia, monta la tenda da campeggio e viene sbranato da un orso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un turista è stato attaccato e sbranato da un orso mentre stava montando la tenda per campeggiare assieme ad alcuni amici nel Parco Naturale Yergaki, nella regione siberiana di Krasnoyarsk, in Russia. Yevgeny Starkov, 42 anni, non ha avuto scampo contro l’animale: “Avevamo cominciato a preparare i nostri zaini per montare le tende”, ha raccontato uno dei suoi amici presenti, Anton Shelkunov. “Quando l’animale è apparso, si è avventato subito contro di lui e lo ha ucciso divorandolo sotto i nostri occhi“. Gli altri del gruppo sono quindi fuggiti e hanno camminato senza scarpe per sette ore, in modo da poter dare l’allarme. A causa del maltempo però, le autorità non possono raggiungere il punto in cui Starkov è stato ucciso quindi il suo cadavere si trova ancora nel Parco.

Continua a leggere

In evidenza

Lazio, violenza contro le donne: c’è un bando per l’avviamento al lavoro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La pandemia ha fatto crescere i casi di violenza sulle donne. Un tema delicatissimo che da anni è in cima alle nostre priorità. 

Per questo oltre ai fondi destinati ad ampliare e potenziare la rete delle case rifugio e dei centri antiviolenza e quelli per il cosiddetto ‘contributo di libertà’ nei giorni scorsi abbiamo pubblicato un bando che vuole stimolare l’accesso al mondo del lavoro e della formazione. 

L’Avviso è rivolto a donne, giovani e adulte, vittime di violenza, residenti o domiciliate sul territorio della Regione Lazio, ospitate nei centri antiviolenza e nelle case rifugio gestiti dalle Associazioni sul nostro territorio. 

Si tratta di un altro tassello importantissimo. Mentre con le case rifugio o i centri antiviolenza forniamo un aiuto concreto e immediato alle donne dando loro un tetto che le aiuti a fuggire dai propri aguzzini e sostegno psicologico. E con il ‘contributo di libertà’ cerchiamo di agevolare l’indipendenza abitativa garantendo il pagamento dell’affitto, delle utenze e delle necessità più impellenti per se stesse e per i figli. 

Con questo bando cerchiamo di spezzare definitivamente le catene della ‘dipendenza economica’ attraverso la formazione e l’accesso al mondo del lavoro. 

Un ringraziamento va a tutta la giunta regionale, in particolare all’assessore Di Berardino e all’assessora Onorati per aver ancora una volta risposto in maniera fattiva agli imput della maggioranza regionale. Un grazie va anche alla Cabina di regia regionale contro la violenza di genere, presieduta da Cecilia D’Elia e a tutte le associazioni che sono impegnate nei Centri Antiviolenza e nelle case rifugio regionali.  Lo dichiara la consigliera regionale del Pd Lazio, Michela Califano 

Continua a leggere

I più letti