Connect with us

Cronaca

Canale Monterano, nuova vita per la palestra comunale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

L’impianto sportivo dopo i lavori di riqualificazione è stato affidato alla ASD “Le Ali di Monterano Volley”

CANALE MONTERANO (RM) – Il Comune di Canale Monterano, al termine delle procedure di gara, ha affidato in concessione all’Asd “Le Ali di Monterano Volley” la gestione della Palestra Comunale per i prossimi 4 anni.

L’impianto sportivo nei mesi scorsi è stato oggetto di lavori di riqualificazione che hanno portato alla sistemazione dell’illuminazione interna e all’acquisto della nuova rete da volley da parte del Comune, ma alcuni interventi sono stati effettuati direttamente dal neo gestore, come le verniciature di alcune pareti deteriorate e un intervento di pulizia generale del grande immobile composto da due sale, spogliatoi e stanze di servizio.

“L’affidamento della palestra a ‘Le Ali’ – dichiara il consigliere delegato allo Sport, Alesmo Fabianelli – permette di mantenerne l’uso scolastico e utilizzarla per possibili attività dei Centri Anziani comunali durante la mattina. Nel pomeriggio, invece, sotto la guida del Presidente Sabrina Vittorini speriamo diventi un polo d’aggregazione sportiva, non solo per il volley ma per tanti sport e tanti ragazzi di Canale e non solo. Il nostro obiettivo è di proseguire il nostro programma di riqualificazione degli impianti sportivi, senza indebitare i cittadini, affidandoli con bandi per regolarizzarne la gestione”.


“La nostra aspirazione – commenta il Presidente de ‘Le Ali di Monterano Volley’ Sabrina Vittorini – è innanzitutto tesa ad essere all’altezza della fiducia che l’Amministrazione ci ha accordato. Affronteremo questo periodo con la consapevolezza dell’impegno che ci aspetta. Impegno teso al proseguimento delle attività sportive fondamentali per le giovani generazioni, ma anche per gli adulti. Non solo volley, quindi, ma anche avviamento all’atletica e ad altre discipline che potranno coinvolgere tante persone portando la palestra comunale ad essere un luogo vivo e al centro della comunità. A fine settembre faremo una giornata inaugurale e apriremo le iscrizioni ai nostri corsi di pallavolo, atletica, ginnastica. Diverse asd locali ci hanno richiesto spazi per le loro attività, le abbiamo accolte con gioia nello spirito con il quale è nata la nostra associazione, dare opportunità ai giovani e meno giovani di praticare sport nel nostro paese.”


“L’affidamento dell’impianto – conclude il Sindaco Alessandro Bettarelli – è per noi un traguardo importante che, speriamo, chiuda per sempre il periodo degli impianti chiusi o limitati dall’emergenza Covid. Siamo felici che la struttura vada a ‘Le Ali di Monterano Volley’ perché hanno dimostrato in passato di tenere all’impianto come fosse casa loro, investendoci energie, sudore e risorse. Tenendo duro durante i due anni Covid hanno mantenuto alto il livello della pratica dell’attività sportiva in età giovanile, fornendo un’importantissima valvola di sfogo ai nostri ragazzi, assicurando la massima integrazione potenziale tra i soggetti che operano nel sistema sportivo locale”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Civitavecchia, sospesa la licenza al “locale delle risse”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuto

image_pdfimage_print
CIVITAVECCHIA (RM) – E’ stato chiuso con Provvedimento del Questore di Roma, ex art. 100 T.U..L.P.S., un locale del lungomare dove, nel mese di agosto, si era consumata una violenta rissa tra alcuni avventori ed un dipendente della struttura.
I fatti risalgono alla notte tra il 5 ed il 6 agosto, quando, all’ingresso del locale, ubicato sull’arenile del lungomare Thaon de Revel, un gruppo di ragazzi si fronteggiava, animatamente, con un addetto alla sicurezza del locale, fino a farne scaturire una rissa, ripresa con i cellulari e poi pubblicata su alcuni social network.
 
Gli agenti del Commissariato di Civitavecchia, venuti a conoscenza del video, hanno subito avviato le indagini risalendo agli autori della rissa ed al locale teatro dell’episodio. Le indagini si concludevano con la denuncia per il reato di rissa di 3 giovanissimi civitavecchiesi ed un 33enne, con mansioni di addetto alla sicurezza del locale ma non formalmente assunto e privo dei requisiti per esercitare tale mansione. L’uomo ed uno dei ragazzi venivano inoltre denunciati per il reato di percosse a seguito delle reciproche querele presentate.
 
Il provvedimento di sospensione della licenza e la conseguente chiusura del locale per 10 giorni, emesso dal Questore di Roma, dopo una attenta istruttoria da parte della Divisione Polizia Amministrativa, si è resa necessaria in considerazione del grave episodio accaduto e soprattutto poiché, né l’addetto alla sicurezza né tantomeno l’esercente la proprietà dell’esercizio commerciale, ritenevano di richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine, ma soprattutto perché il locale in questione già nell’estate del 2021 era stato teatro di analoghi gravi episodi che, anche in quel caso, avevano generato un analogo provvedimento di chiusura.



Continua a leggere

Cronaca

Vicovaro, trovati 50 chili di droga in un deposito agricolo per un valore di circa un milione di euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuto

image_pdfimage_print
VICOVARO (RM) – I Carabinieri della Stazione di Vicovaro hanno sequestrato quasi 50 kg di sostanze stupefacenti a carico di ignoti. I militari, impegnati in un normale servizio di controllo del territorio e nell’ambito dell’azione di contrasto dei reati predatori ai danni delle aziende agricole del territorio, hanno rinvenuto, nei giorni scorsi, tre borsoni occultati all’interno di un deposito di attrezzi agricoli e maneggio.
 
L’immediato controllo delle borse ha permesso di accertare che all’interno era contenuto un ingente quantitativo di sostanza stupefacente ed in particolare:
 
–         28 kg di cocaina;
–         15 kg di hashish;
–         1 kg di marjuana;
–         nonché della sostanza verosimilmente del tipo di metanfetamina.
 
La droga, il cui valore di mercato sfiora il milione di euro, è stata sottoposta a sequestro a carico di ignoti ed è stata posta disposizione dell’Autorità Giudiziaria per le successive analisi di laboratorio.
 
 
 



Continua a leggere

Cronaca

Nettuno, perseguita da mesi l’ex moglie: allontanato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

NETTUNO (RM) – I Carabinieri della Stazione di Nettuno hanno notificato ad un uomo italiano di 53 anni, un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e contestuale divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa e dai familiari.Il provvedimento nasce dalla denuncia presentata dalla ex moglie, lo scorso mese di maggio, presso la Stazione Carabinieri di Nettuno. Nell’atto la donna denuncia che l’uomo, a decorrere dal mese di febbraio 2022, si era reso responsabile di numerosi atti persecutori nei suoi confronti. L’Autorità Giudiziaria dopo la denuncia aveva già emesso questa misura che però perdeva efficacia a seguito di istanza presentata dal difensore della ex moglie, la quale voleva evitare di infierire nei confronti dell’ex marito, nella speranza che cessasse le sue condotte illecite. Purtroppo la donna è stata costretta presentare nuove denunce in cui segnalava che i comportamenti dell’ex marito sono perdurati e così l’Autorità Giudiziaria ha disposto nuovamente la stessa misura cautelare personale.Inoltre, è stato applicato anche il dispositivo elettronico, al fine di controllarne gli spostamenti e verificare che l’uomo si tenga ad una distanza di almeno 300 metri dai luoghi frequentati dalla persona offesa.

Continua a leggere

I più letti