Connect with us

Esteri

Cesare Battisti finisce in isolamento al carcere di Oristano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Doveva finire i suoi giorni a Rebibbia invece lo hanno portato ad Oristano. Testa alta, pizzetto, giubbotto marrone, senza manette ai polsi: è sceso così dall’aereo che lo ha riportato in Italia Cesare Battisti. A circondarlo un gruppo di poliziotti. Il Falcon 900 del Governo italiano era decollato da Santa Cruz in Bolivia, Paese dove è stato arrestato l’uomo dopo una fuga dall’Italia durata 38 anni. Battisti è smontato dal Falcon 900 atterrato dalla Bolivia circa 10 minuti dopo l’atterraggio, alle 11.50. 

Poco dopo l’apertura del portellone dell’aereo un gruppo di sette agenti di polizia è salito sul velivolo, mentre un’altra decina di agenti, in parte armati di mitraglietta attendeva ai piedi della scaletta, e nel giro di qualche minuto lo ha fatto scendere dall’aereo.

Ad attendere l’arrivo dell’ex terrorista, all’interno dello scalo di Ciampino, il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Battisti è apparso tranquillo e non ha mai abbassato lo sguardo mentre procedeva scortato dagli agenti.

Cesare Battisti è poi arrivato intorno alle 17.25 nel carcere di Massama, nelle campagne di Oristano. L’ex terrorista ha varcato le porte dell’istituto a bordo di un furgone con i vetri oscurati e una quindicina di auto al seguito con sirene spiegate. All’esterno della casa circondariale, presidiata dalle forze dell’ordine, solo un gruppo di giornalisti.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Esteri

Sparatoria a Utrecht: feriti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Spratoria a Utrecht in Olanda. Ci sarebbero diversi feriti.
Un uomo ha sparato sui passeggeri di un tram che attraversava una zona residenziale e periferica della città in piazza 24 ottobre.

La polizia ha isolato la piazza, sul posto sono arrivati i soccorsi insieme alla squadra speciale antiterrorismo. La sparatoria è avvenuta intorno alle 10:45 locali. Tre elicotteri stanno sorvolando l’area.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Nuova Zelanda, attacco in diretta Facebook: 49 morti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Strage in due moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda: il bilancio è di 49 morti. L’autore dell’attacco si chiama Brenton Tarrant ed è un australiano bianco di 28 anni. L’uomo, originario dello Stato di New South Wales, sulla costa orientale del Paese, lo ha rivendicato con motivazioni anti-immigrati. In tutto arrestate 4 persone. La premier neozelandese, Jacinda Ardern, ha affermato che la strage è stata frutto di un “attacco terroristico“, ed ha aggiunto: “E’ uno dei giorni più bui” per il Paese.

L’autore degli attacchi odierni ha ripreso la strage in diretta streaming. Il video, pubblicato su Facebook, è durato 17 minuti ed è poi stato rimosso dal social network, ha spiegato la responsabile dei contenuti di Facebook Australia-New Zealand, Mia Garlick.

Il killer ha detto di ispirarsi al terrorista islamofobo di estrema destra norvegese che nel luglio del 2011 uccise 77 persone a Oslo e sull’isola di Utoya: “Ho letto gli scritti di Dylan Roof e molti altri, ma ho preso la mia vera ispirazione solo da Breivik“. Secondo quanto emerge dal manifesto anti-migrati di 74 pagine dello stesso Tarrant pubblicato su Internet,  aveva preannunciato il suo gesto su un forum online e pianificava gli attacchi da due anni.  

Le due mitragliatrici usate dal killer erano coperte con scritte in inchiostro bianco che facevano riferimento ad antiche battaglie e più recenti attacchi contro le comunità musulmane: tra queste, una riportava anche il nome Luca Traini‘, l’estremista di destra autore dell’attacco contro migranti compiuto l’anno scorso a Macerata. Parla il suo legale: “Sconcerto e condanna”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Economia e Finanza

Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo: 50 milioni dalla Finlandia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La Finlandia ha deciso di concedere un prestito di lungo periodo al Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), in connessione con la visita in Finlandia del Presidente dell’IFAD il 13-14 marzo.

Il 7 marzo scorso, il ministro finlandese del commercio estero e dello sviluppo, signora Anne-Mari Virolainen ha deciso di concedere il prestito il cui importo è di 50 milioni di euro e il periodo di rimborso di 40 anni. Il prestito è concesso dallo stanziamento per investimenti nella politica di sviluppo nell’ambito della cooperazione allo sviluppo.

“Il prestito concesso all’IFAD completa in modo significativo il lavoro che la Finlandia sta facendo per migliorare la sicurezza alimentare nei paesi in via di sviluppo. Nel suo lavoro l’organizzazione sottolinea anche problemi di uguaglianza e clima, materie perfettamente in linea con gli obiettivi della Finlandia. I progetti aiutano i piccoli agricoltori ad adattarsi ai cambiamenti climatici e quasi la metà dei beneficiari sono donne “, afferma Anne-Mari Virolainen.

Una delle priorità chiave nel lavoro dell’IFAD è l’obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite per sradicare la povertà estrema e la fame. Ci sono ancora più di 800 milioni di persone che vivono in fame nel mondo, e circa 2 miliardi soffrono di cattiva qualità del cibo. A causa del cambiamento climatico e dei conflitti questi numeri stanno crescendo di nuovo. L’IFAD sostiene i piccoli agricoltori: producono oltre l’80% del cibo consumato nei paesi in via di sviluppo, ma spesso soffrono la fame da soli.
L’IFAD opera allo stesso modo delle istituzioni finanziarie internazionali per lo sviluppo, concedendo finanziamenti sotto forma di donazioni e crediti a lungo termine ai paesi in via di sviluppo. Oltre a questo prestito, la Finlandia partecipa all’undicesimo round di ricostituzione finanziaria dell’IFAD con una donazione tradizionale di 10,6 milioni di euro.

La sottoscrizione dell’accordo di prestito tra la Finlandia e l’IFAD è prevista durante la visita del presidente Gilbert Houngbo in Finlandia. All’ordine del giorno, inoltre, nelle discussioni tra il ministro Virolainen e il presidente Houngbo, come le competenze e il know-how della Finlandia possano essere ancora meglio utilizzati nel lavoro dell’IFAD.

“Siamo appena diventati membri del comitato esecutivo dell’IFAD e questo offre un’eccellente opportunità per influenzare la sua attività”, afferma il ministro Virolainen.

Giovedì 14 marzo è in programma un seminario per le parti interessate sul tema dell’adattamento ai cambiamenti climatici dei piccoli agricoltori nei paesi in via di sviluppo e il presidente Houngbo terrà il discorso di apertura.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it