Connect with us

Cronaca

Delitto Garlasco: l'uomo del DNA sotto le unghie di Chiara è stato iscritto nel registro degli infagati

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 6 minuti ’assassino di Chiara sarebbe quindi un amico del fratello della giovane

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

di Angelo Barraco
 
Milano – Svolta clamorosa nel delitto di Chiara Poggi. L’esposto presentato dalla mamma di Stasi è stato accolto dalla Procura di Pavia e l’apertura di una nuova inchiesta sulla misteriosa morte della giovane ha portato all’iscrizione nel registro degli indagati dell’ amico del fratello della vittima il cui dna, secondo la perizia, sarebbe compatibile con quello rinvenuto sotto le unghie di Chiara. Secondo la perizia eseguita dalla difesa, sarebbero state rinvenute le sue tracce di DNA proprio sotto le unghie di Chiara. Le analisi che hanno portato a questa incredibile svolta nel caso sono state eseguite da un genetista incaricato dal legale di Stasi che si è affidato a una società di investigazione. L’assassino di Chiara sarebbe quindi un amico del fratello della giovane, frequentatore abituale della casa di Via Pascoli 8. Ma gli elementi a carico di questo soggetto, la cui identità rimane al momento ignota, sarebbero diversi. Si apprende intanto che il giovane era già stato interrogato ben due volte dagli inquirenti, la prima volta il giorno successivo all’efferato delitto e una seconda volta invece l’anno dopo. Come riporta il Corriere della Sera “l’alibi allora fornito (pur considerato «solido») presenterebbe anomalie e incongruenze. Il giovane avrebbe mentito sui propri movimenti convinto di non venire smascherato, come peraltro inizialmente era avvenuto”. Si parla quindi di verifiche che si sarebbero potute fare nel momento stesso ma che invece non sono state fatte. Una notizia che dopo nove lunghi anni e dolorosi anni, svariate udienze arriva come un fulmine a ciel sereno, riportando alla mente il dolore dei familiari di Chiara che hanno vissuto questo calvario senza tregua e rimettendo in discussione la condanna di Alberto Stasi a sedici anni per omicidio volontario, che oggi sta scontando la sua pena nel carcere di Bollate. Una vicenda che sembrava definitivamente chiusa ma che oggi, alla luce dei nuovi elementi emersi, viene rimessa in discussione con un’inchiesta bis partita da un elemento che sarebbe stato individuato dai difensori di Stasi e farebbe emergere una verità ben diversa da quella attualmente conosciuta e si indirizzerebbe su un giovane della zona. La legge consente che a seguito di una condanna in via definitiva è possibile ottenere la revisione del processo in presenza di elementi nuovi, tali elementi riguardano l’identità del presunto colpevole che gli investigatori avrebbero individuato dal Dna maschile rinvenuto sotto le unghie di Chiara. Il 12 dicembre del 2015 la Corte di Cassazione conferma la condanna a 16 anni per Alberto Stasi, per l’omicidio di Chiara Poggi. Alberto Stasi è stato assolto in primo e in secondo grado, e poi condannato con rito abbreviato a 16 anni di carcere nell'appello 'bis' per l'omicidio della sua fidanzata, uccisa il 13 agosto 2007 nel piccolo centro della Lomellina. A quasi un anno di distanza del verdetto con cui, dopo l'annullamento con rinvio da parte della Suprema Corte dell' assoluzione di secondo grado, si è stabilito che Stasi avrebbe "brutalmente ucciso la fidanzata", la Cassazione ora dovrebbe mettere la parola fine ad un giallo che va avanti da oltre otto anni. "La sentenza di rinvio dà atto che il movente non è stato individuato ma poi si industria a costruirne uno legato alla vicenda delle immagini pornografiche", con il timore che Chiara potesse distruggere "l'immagine di ragazzo perbene e studente modello di Alberto" ma "la logica ci viene in soccorso e impone di escludere l'insostenibile ipotesi secondo la quale per evitare che la sua fidanzata rendesse nota la passione per la pornografia decidesse di ucciderla costituendosi come alibi proprio quel pc pieno di immagini pornografiche consegnato la mattina dopo ai carabinieri". Lo ha detto il sostituto procuratore generale della Cassazione, Oscar Cedrangolo, nella sua disamina nella sentenza di appello bis che ha condannato Alberto Stasi a 16 anni di carcere per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi a Garlasco nel 2007. Il pg ha sottolineato come emerge dagli atti una "debolezza dell'impianto accusatorio perché se gli indizi sono forti è inutile cercare a tutti i costi un movente che non si riesce a trovare". La sentenza d'appello condanna Stasi senza riconoscergli l'aggravante della crudeltà e ad avviso del pg, "alla fine di una sentenza del genere non si spiega l'indulgenza della Corte nell'escludere l'aggravante se si dice che Chiara è stata "brutalmente uccisa: è il solito inaccettabile sistema di un colpo al cerchio e uno alla botte. Ma così non si fa giustizia, ma si aggiunge dolore a dolore".
 
L’omicidio Il 13 agosto del 2007 Alberto Stasi, studente di Economia e Commercio alla Bocconi, prova a contattare telefonicamente la fidanzata Chiara Poggi, con la quale aveva trascorso la sera precedente mangiando due pizze prima di tornare a casa, perché in quel periodo Alberto stava preparando la tesi di laurea. Verso le 13.30 si reca a casa della fidanzata, non ricevendo risposta al citofono decide di scavalcare il cancello. Arrivato sulla porta di casa, decide di entrare e trova molto sangue a terra, seguendo le tracce verso la tavernetta trova il corpo di Chiara. Chiama subito i soccorsi e si reca nella vicina caserma dei Carabinieri che distano pochi metri dalla villetta dei Poggi. Chiara è morta per una decina di colpi violenti inferti con un’arma appuntita che non sarà mai ritrovata, tra le 9 e le 12 di mattina (l’orario preciso non sarà mai stabilito). Nella villetta le uniche tracce presenti sono quelle di Chiara, dei suoi familiari, di Alberto e di un falegname che aveva fatto dei lavori pochi giorni prima della morte (oltre alle tracce dei soccorritori chiamati da Stasi). Le indagini si concentrarono sull’ex fidanzato. Ha destato sospetto l’atteggiamento dopo il ritrovamento del cadavere (sembra che il tono di voce di Stasi quando chiama il 118 fosse troppo “rilassato”), le tracce del DNA di Chiara sulla bici di Alberto, la mancanza di sangue sotto le sue scarpe, nonostante il pavimento della casa ne fosse pieno. Alberto Stasi venne arrestato il 24 settembre, ma la scarsità d’indizi certi convinse il GIP a scarcerarlo dopo quattro giorni. Nelle indagini successive (dicembre 2007) viene trovato nel computer di Stasi materiale pedopornografico, elemento che ha contribuito a minare l’immagine del fidanzato. Il 3 novembre 2008 Alberto Stati viene rinviato a giudizio per l’omicidio di Chiara Poggi.
 
Il parere di Mary Petrillo, criminologa, psicologa, Docente di criminologia Coordinatrice Crime Analysts Team (CAT) Vice Presidente Ass. Con Te Donna Lazio: “Allo stato attuale  non possiamo ritenere che tali risultati ora emersi siano non credibili i risultati di questa consulenza indubbiamente faranno discutere e probabilmente potrebbero dare una nuova svolta nel caso di Garlasco, Dna sotto le unghie non è di Alberto Stasi e ció basterebbe per tornare in aula il materiale sottoungueale é sicuramente di qualcuno che ha a che fare in qualche modo col delitto  e riesaminando la dinamica omicidiaria non é detto che ciò che ora emerge da queste analisi, se confermato, non esclude anche la presenza di colui che attualmente è in carcere. Sarà molto interessante sapere a chi appartiene questo materiale biologico, anche se pare appartenere ad un conoscente della coppia che ora verrà probabilmente indagato;  il profilo genetico riscontrato potrebbe farci  riconsiderare la dinamica del delitto di Chiara Poggi perché in effetti le criticità in questo caso non sono poche anche la motivazione alla luce di questo ritrovamento potrebbe essere più chiara. Una revisione del processo potrebbe essere fattibile. Al momento Stasi é condannato in via definitiva, ma se revisione ci sarà potremmo assistere anche ad un eventuale ribaltamento della sentenza o potrebbe essere che emerga la presenza di un eventuale complice.”
 
Il parere di Rossana Putignano Psicologa Clinica – Psicoterapeuta Psicoanalitica -Responsabile della Divisione Sud e della Divisione di Diagnosi Psicodiagnostica e Neuropsicologia Forense del CRIME ANALYSTS TEAM: “A distanza di 10 anni spuntano due cromosomi Y sotto le unghie di Chiara Poggi. La difesa di Stasi, condannato in Cassazione a 16 anni, ritiene di aver scoperto a chi appartiene uno dei due DNA maschili. Ebbene si, a distanza di qualche anno, non si parla più di “evitamento inconscio” delle macchie di sangue sul pavimento da parte di Stasi ma di prove ben più concrete che potrebbero scagionarlo. Come mai, finora, questo DNA non è stato mai individuato? In sede di autopsia, le unghie di Chiara furono “ripulite” con un cotton fioc speciale, tranne quella del mignolo della mano destra. Nel 2014, su richiesta dell’accusa furono ripetute le analisi, anche alla luce delle nuove scoperte in campo scientifico. Il Prof. Francesco De Stefano dell’Università di Genova “sciolse” le unghie in una soluzione, individuando solo DNA maschili e trovando solo alcuni punti di contatto con il DNA di Stasi, tuttavia, questi punti di contatto non apparirono sufficienti per poter dire che si trattasse del DNA del ragazzo. Al giudice la questione non interessava, dunque l’accusa si concentrò sull’assenza di sangue sotto le scarpe di Stasi (che poi sarebbe stato l’elemento che ha condotto alla condanna del ragazzo). La difesa non ha mai dimenticato quel dato, cosicchè, tramite un’ agenzia investigativa, lo studio Giarda ha incaricato un genetista forense il quale ha dimostrato che uno dei DNA maschili sotto le unghie di Chiara appartiene a un ragazzo già sospettato ma mai entrato nell’inchiesta, un amico del fratello che Chiara conosceva bene. Al di là delle prove, che dovranno ancora essere verificate insieme all’alibi del ragazzo, è giusto che ci sia una speranza anche per la famiglia di Alberto Stasi, la quale ha come obiettivo non solo scagionare Alberto ma trovare una verità limpida su Chiara Poggi, che poi è quello che vorremmo tutti.”

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Rocca Priora, elezioni: intervista a 360°a Milco Rufini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

Milco Rufini, classe 1974, sposato, papà di Sofia. Architetto, attualmente nella direzione regionale ambiente della Regione Lazio e candidato sindaco di Rocca Priora con la lista Verdi, Bianchi, Rossi.
Ci incontriamo in Largo Pallotti a Rocca Priora e poi seguo il suo consiglio: saliamo su nella parte alta del paese fino a giungere a due passi dalla “sergiata” (spero si scriva così, non me ne vogliano i roccaprioresi) al bar di sua mamma; un angoletto davvero delizioso dove lo accolgono i sorrisi e gli abbracci di molti cittadine e cittadini di Rocca Priora.
Milco mi sorprendono davvero questi attestati di affetto nei tuoi confronti.
Si imbarazza un po’ (diventa rosso, non lo nascondo) ed allora vado giù dritto: ma chi te l’ha fatto fare a buttarti di nuovo in politica?
La militanza affonda agli anni della mia gioventù. Ho iniziato come attivista nei Verdi fino a giungere oggi ad Alleanza Verdi e Sinistra dove sono nell’esecutivo regionale di cui è portavoce Filiberto Zaratti, mio concittadino. Ho lavorato sin da subito nella politica nello staff di Filiberto quando divenne, sotto la presidenza Marrazzo, assessore regionale all’Ambiente.
Quindi ti sei fatto davvero le ossa sul campo?
Si! Anche perché sono un architetto e mi occupo di pianificazione ambientale e paesaggistica nello specifico della Pianificazione delle Aree protette ed in una regione con il 25% del territorio ricoperto da aree naturali il mio impegno, il mio lavoro diventa determinante nelle azioni di governo. Quando nella regione Lazio, sotto la presidenza di Nicola Zingaretti, si è notevolmente aumentato il numero dei piani delle aree protette il mio compito è stato quello di fare sintesi tra le necessità di salvaguardia ambientale e di salvaguardia delle richieste dei cittadini in ambito urbanistico. In questo modo siamo passati da 2 piani delle aree protette ad oltre 10.
Beh con questa tua risposta mi hai anticipato una delle domande che mi ero preparato prima di venire qui da te: come si può coniugare la salvaguardia ambientale con lo sviluppo economico ed abitativo della realtà di Rocca Priora?
Io ritengo che Rocca Priora debba diventare la città dell’ambiente e degli Sport: necessita di una sua identità. Mi spiego meglio: declinando le sue caratteristiche principali che sono appunto l’ambiente, la qualità della vita, la cultura e gli sport questo può diventare il volano per una rinascita dell’economia. Quello che critico maggiormente alla classe politica che ha guidato Rocca Priora negli ultimi anni è che non hanno mai cercato di dare una identità precisa al paese. Vedo scelte nei paesi vicini che hanno trovato un qualcosa di peculiare e riconducibile al loro territorio: magari puntando all’enogastronomia con prodotti tipici, vedi Ariccia e la porchetta, Frascati che ha la sua identità, oltre che con le ville ed il vino, con un dolce tipico la cosiddetta “pupa frascatana” con tre seni. Rocca Priora che potrebbe averne a decine di specifiche, ad oggi, non ha nulla che la caratterizzi e la identifichi.
Valorizzando l’ecoturismo ambientale ed il turismo sportivo si può crescere economicamente e socialmente. Ti faccio un esempio diretto: a Rocca Priora ci sono moltissimi sentieri ma non esiste una mappa che li divulghi e li faccia conoscere e, soprattutto, non vi è nessuna struttura recettiva tale da far rimanere in paese i fruitori di queste meraviglie che la natura ci offre.

Torniamo alla politica roccapriorese. Il 6 aprile scrivevi: “Ora è il tempo del coraggio e le cittadine e i cittadini hanno una grande opportunità: cambiare il volto di Rocca Priora e liberarsi di quella politica che non pensa al bene comune.” era il post per l’apertura dei Comitati Elettorali per Anna Gentili Sindaca. Cosa è successo dopo quel giorno?
Ti faccio una premessa; ho cercato di ricostruire una coalizione partendo da quella esperienza politica che ci aveva visto governare insieme. Come gruppo siamo rimasti sempre al fianco di Anna Gentili. Ma ad dato punto c’è stata una divergenza nei contenuti politici e delle persone che li dovessero incarnare, interpretare. Questi veti che poi hanno portato alla rottura probabilmente erano veti sui contenuti e, di conseguenza, non vi era più la coesione della base programmatica che poi dovrebbe portare al governo della città. Noi abbiamo una visione che resta la tutela del capitale naturale del nostro paese che è l’unico volano per la sua rinascita non ti nascondo (si sente comunque dal tono dimesso delle sue parole) che da parte mia e del mio gruppo c’è stata una profonda amarezza nel dover poi compiere questa scelta di rottura perché era ampia la possibilità di vincere e governare insieme.
Sempre sulla tua pagina facebook ho letto un pensiero: “Noi abbiamo rispetto per tutte e tutti coloro che non la pensano come noi ma non partecipiamo a liste che esprimono persone di destra”. Sei una persona estremamente liberale ed attenta alle diversità. Non pensi, concretamente, che questo possa allontanare da te possibili elettori che ti stimano anche se sono di pensiero politico diverso?
Ovviamente si! Ma vedi la lista che esprime come candidato sindaco Claudio Fatelli non ha una identità politica è un progetto che nasce esclusivamente per governare e la stessa lista di Anna Gentili sembra modellata sullo stesso progetto, un “surrogato”. Avere costruito una lista ecologista e progressista mantiene un’anima politica ben chiara e riconosciuta e di conseguenza, con il mio gruppo, non ce la siamo sentita di fare un, passami il termine, “patto con il diavolo”.
È un rischio che corro ma lo faccio sulla base di quella che è la mia coerenza politica che, da sempre, manifesto e tutelo. Resta sempre un fatto, comunque, ho una educazione che mi porta ad ascoltare comunque sempre tutte le persone che incontro e conosco e mi prendo l’impegno di risolvere le loro problematiche.
Ti faccio un esempio concreto: la valle Latina oggi è un luogo che manca di spazi di aggregazione e un luogo che va ricollegato al centro del paese; per il nostro gruppo inammissibile una coesione con chi, di quella località, non ha avuto mai un interesse di riportargli un livello di qualità della vita degno di tale nome.
Poi, tornando alla tua domanda, io declino tutto con quello che è il mio pensiero ecologista e progressista.

Ora nell’ascoltare la tua risposta, consentimelo, ho pensato che non ti riferissi espressamente alle “persone di destra” ma a quella ideologia che potrebbero incarnare. Mi sbaglio?
Hai centrato la questione; è questo il tema. Costruire una casa, una piazza, un parco non è né di destra né di sinistra è un qualcosa che va fatto fermo restando quella che è la mia vocazione ecologista e progressista. Te la faccio diretta: se la vuoi costruire la cuccia del cane, animale che io adoro, laddove non si può costruire … mi spiace ma non te la faccio costruire (sorride serio)
Ti faccio un’altra osservazione che in apparenza può sembrare slegata al discorso ma capirai al termine dove voglio arrivare; rincorrere sempre i finanziamenti per costruire un qualcosa da poter dire “l’abbiamo fatto” a nostro avviso rischia di diventare inutile e dannoso. Se io costruisco una scuola, ad esempio, e poi non ci sono servizi che la collegano, strutture che la raccordino, etc, non faccio un bene alla collettività. Manca la prospettiva politica e la politica stessa. È solo un correre dietro ai finanziamenti senza nessuna programmazione. Io ho un programma di governo che nasce proprio da una visione di città coniugata dentro il mio ambito politico ecologista e progressista. E qui ti anticipo io: se avessi la bacchetta magica …
E no … quella domanda spetta a me (stavolta sono io a sorridere)
Ho studiato pure io, mica solo tu! (aggiunge sorridendo assieme a me) Quindi se avessi la bacchetta magica vorrei attuare il mio programma nella mia interezza perché è una scommessa e perché Rocca Priora rinascerà da questo.
Però mi riprendo la bacchetta magica. Siamo qui al bar Baldina, tua nonna, poco fa ho conosciuto tua mamma ma dietro le mie spalle c’è la strada dove tanti anni fa nacque mio papà Franco, quindi ci troviamo entrambi, consentimelo, a casa. Ed alla tua famiglia, alla tua casa che cosa vorresti regalare?
Guarda dal punto di vista della famiglia sono molto riservato, sui miei social parlo davvero raramente dei miei cari. Se proprio debbo vorrei che mia figlia crescesse in un mondo con una qualità della vita veramente migliore di come l’abbiamo trovata noi.

“Cercate di lasciare questo mondo un po’ migliore di come l’avete lasciato”, chiudo questa intervista pensando a questo pensiero di Robert Baden- Powell che altro non è che la chiusura della chiacchierata con Milco Rufini.
Una mattinata serena passata con lui con alle spalle un parte importante della mia vita, la casa dove nacque mio padre: emozione pura.
Un grazie davvero immenso a Milco ed a sua mamma per l’eccellente caffè.

Continua a leggere

Castelli Romani

Monte Porzio Catone, elezioni: Massimo Pulcini presenta la sua squadra

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 7 minuti
image_pdfimage_print

Non lo nascondo: per fare questo “mestiere” anche la fortuna ha la sua importanza.
Ed è fondamentale quando, un giorno, arrivi a Monte Porzio Catone, fai le tue commissioni e … poi incontri per strada Massimo Pulcini con una nutrita parte della sua squadra intenti a fare campagna elettorale.
Beh! Vi sareste fatti sfuggire l’occasione di un’ intervista corale? Io no.
Dopo qualche tentennamento e, visto il caldo e la stanchezza, ci mettiamo seduti in un bar e da li iniziamo la chiacchierata.
Oltre Massimo Pulcini sono con me al tavolo il “colonnello” Massimo Cosmelli, Roberto Primavera, Giordano Riccardi, Federico Rossetti e, dulcis in fundo, Francesca Valdambrini.
Sindaco, allora con chi inizio? Chi se la sente di rispondere alla prima domanda?
Io – dice con estrema serenità Massimo Cosmelli, il decano del gruppo, l’anima del Cuore di Monte Porzio Catone e proprio da qui nasce la prima domanda.
Su questo progetto ti sei speso in prima persona. Il grande lavoro che hai messo in campo, oltre quello di mettere a disposizione per la città un quantitativo considerevole di defibrillatori, è stata la capacità di organizzare una formazione continua di donne ed uomini: un progetto davvero esemplare. Che bilancio tracci da questa esperienza?
Proprio in questi giorni ci è arrivata la comunicazione che Monte Porzio Catone è uno dei comuni più cardioprotetti d’Italia. Non è di sicuro un punto di arrivo ma è la soddisfazione di poter avere contributo ad una maggiore sicurezza per i monteporziani e da medico non posso che esserne felice.
E ti dirò di più
(e lo dice con la voce strozzata dall’emozione): sapere che, negli ultimi tempi, ben due persone grazie proprio alla presenza dei defibrillatori ed alla prontezza di persone formate al loro utilizzo hanno potuto raccontare serenamente questa, passami il termine, “brutta avventura” riempie il cuore di estrema gioia.
Parlando con amici e conoscenti ho saputo che nei giorni bui del Covid la tua voce, la tua presenza è stata davvero fondamentale per uscire fuori da uno dei momenti più tristi del nostro paese. Che cosa ti resta di quei giorni?
(emozione traspare ancora di più dal suo viso) Mi sono sentito utile. Può sembrare banale come risposta ma ancora oggi il grazie delle persone riesce a darmi forza.
Per molti sei il vero motore di questa squadra: dove trovi l’energia per andare avanti?
(sorride) Sono arrivato 30 anni fa a Monte Porzio Catone, mi sono innamorato di questo luogo ed ho scelto di viverci.
Ed è proprio questo amore la benzina che alimenta ogni mia azione. Non lo nascondo
, aggiunge con un briciolo di commozione, è Monte Porzio Catone stessa che mi da la forza di andare avanti.
Francesca (Francesca Valdambrini nds) sei stata oggetto di una forte campagna denigratoria. Personalmente trovo le offese “ad personam” poco edificanti in un confronto politico. C’è qualcosa che vuoi dire a riguardo?
Ho evitato in ogni modo di alimentare le polemiche. Questi attacchi, questa cattiveria, permettimi di chiamarla così, non ha fatto altro che darmi una ulteriore spinta ad andare avanti. Pensavano di farmi del male ma gli attestati di stima che ho ricevuto in quei giorni sono stati la risposta più vera alle accuse che mi venivano rivolte.
Cinque anni al timone dell’assessorato alla Cultura ed allo Spettacolo. 5 anni, fatta eccezione per la parentesi Covid, in cui Monte Porzio Catone è balzato agli onori della cronaca: festa delle Orchidee, il Carnevale, la nascita del Museo del Vino. Dove vuoi arrivare?
A fare ancora di più, dice con estrema forza. Come diceva prima Massimo (Massimo Cosmelli n.d.s.) questi cinque anni non sono il punto di arrivo ma lo sprone a fare ancora di più e ancora meglio per la nostra città, per i nostri cittadini.
Federico (Federico Rossetti n.d.s.) sei uno dei “nuovi acquisti” di questa squadra. Un professionista affermato nel tuo settore. Ma nessuno ti ha detto: chi te l’ha fatto fare?
Beh in molti, non lo nascondo ma la risposta è semplice: la “colpa” (sorride) è di Massimo Pulcini.
Mi spiego meglio: la sua forza, la sua energia mi hanno convinto a rompere gli indugi e a mettermi a disposizione di una squadra consolidata che, seppure tra mille e mille difficoltà, è riuscita in cinque anni ad uscire da un dissesto economico e a mettere in atto un’opera di riqualificazione dell’intero territorio.
Che valore aggiunto pensi di portare con la tua esperienza professionale?
Guarda io semplicemente mi metto a disposizione della mia città. Sono un monteporziano doc e quindi sento nell’animo di poter dare il mio personale contributo nella città in cui sono nato e vivo da sempre.
Giordano (Giordano Riccardi, consigliere comunale uscente nds) mi è capitato qualche giorno fa di vedere il video nel quale presentavi la tua candidatura. Mi ha profondamente colpito l’uso della parola futuro. Cosa intendi con tale affermazione?
Sappiamo bene come ci sia una forte disaffezione alla politica e questo troppe volte è determinato da situazioni in cui gli esempi che la politica stessa offre di certo non sono positivi.
Io, come tutta la squadra, vogliamo essere figure che possano essere viste come uno sprone ad andare avanti. Ci siamo messi ogni giorno, in questi cinque anni, all’ascolto delle esigenze di tutti, senza preclusione alcuna. Poter esssere lo stimolo, nei confronti degli altri carica certo di responsabilità ma nel contempo responsabilizza tutti alla partecipazione al benessere del proprio Paese.

Quindi vuoi dirmi che futuro per te è ricreare una fiducia verso le Istituzioni?
Certo che si. Dare l’esempio, metterci la faccia, sporcarsi le mani ma, ti ripeto, avere il coraggio di ascoltare ma soprattutto avere il coraggio di affrontare le questioni con determinazione e sorriso, elementi questa, che fanno di certo la differenza.
Roberto (Roberto Primavera n.d.s.) sei l’assessore ai Lavori Pubblici. Mi spieghi come sei riuscito, in una situazione di dissesto finanziario, a mettere in cantiere così tante opere per la tua città?
Hai detto bene: abbiamo affrontato un dissesto finanziario e ne siamo usciti. Ed in più, con una sinergia con uffici, Regione, Città Metropolitana, siamo riusciti a calamitare un grande quantitativo di risorse tali da poter realizzare una serie. Non è stato facile ma ci siamo messi con la determinazione e la voglia di fare. Ma soprattutto, ci tengo a dire, che fino ad ora quello che abbiamo messo in opera proviene davvero in minima parte dal PNRR.
Se io ti dico Museo del Vino, che mi rispondi?
(c’è emozione sul suo viso) Bella domanda! Sai sono stato per anni nella Banda di Monte Porzio Catone e quello spazio lo usavamo come deposito per il materiale della Festa della Banda. Poi leggo di un bando per la valorizzazione dei Luoghi della Cultura. Tu che avresti fatto? Io mi sono messo subito al lavoro con gli uffici ed ho cercato di far nascere dentro una struttura di proprietà del Comune di Monte Porzio Catone quel Museo del Vino che oggi, lo dico senza fronzoli, è un Valore Aggiunto per la nostra città.
Vuoi sapere una cosa che non ho detto mai a nessuno fino ad oggi? Qualcuno diceva che c’erano ancora i binari della linea del treno. Ho scavato con le mie mani alla ricerca.

Un novello Indiana Jones monteporziano?
(arrossisce ma poi sorride) E si! Qualcuno mi aveva detto che c’erano ma non li abbiamo trovati però posso dirti che ci saranno altre sorprese. Vogliamo valorizzare ogni elemento di questo nostro piccolo ma importante luogo di Cultura.

il sindaco Massimo Pulcini nei giorni di Orchidee dal Mondo 2024

Sindaco, tocca a te, non mi scappare (e nel frattempo sorride e mi guarda attento)
Ti faccio una domanda diretta e so che mi risponderai, prima di tutto, con il Cuore.
Che sensazione hai provato una volta indossata la fascia tricolore dovendoti per questi cinque anni confrontarti con un Dissesto Finanziario?

(il sorriso diventa serio ma poi, senza esitazione mi risponde) Ho scoperto e vissuto sentimenti contrastanti: la paura ed il coraggio, la sofferenza e la determinazione.
Ma uno ha alimentato l’altro e mi hanno consentito di mantenere una lucidità perché il mio ruolo, il mio impegno non poteva e non doveva farsi “afferrare” da sgomento, paure, dubbi.

Hai avuto paura?
(risponde immediatamente, senza indugi) Sarei uno sciocco a dirti di no. Ma ho evitato di trasmetterla perché dovevo essere io il Primo a crederci, il Primo a lottare, il Primo a poter gioire quando questo brutto momento sarebbe passato e sapevo che sarebbe passato in fretta.
Ho qui un “pezzo” della mia squadra ed oggi, glielo dico negli occhi: sono stati loro a darmi questa forza, questa energia, questa voglia di non mollare nemmeno un millimetro.
(i suoi occhi si fanno lucidi e questo è il senso vero della sua risposta)
L’emozione, non lo nascondo, contagia pure me perchè immagino la difficoltà di sedere su di un ruolo di responsabilità e dover, ogni istante, essere l’animo che da coraggio, l’animo che, seppure spaventato, non può darlo a vedere.
Cosa insegna, Sindaco, tutto ciò?
Una domanda con la quale dovrò convivere fino al 10 giugno, giorno in cui ci sarà il risultato delle elezioni.
Ti anticipo io, lo sai che durante le interviste ho i “bottoni” del comando.
Siamo all’11 giugno e sei stato confermato. Cosa ti senti di dire ai tuoi concittadini?

Di sicuro grazie e che hanno compreso il valore e la forza delle nostre scelte.
Hanno avuto una presa di coscienza ed il risultato è il riconoscimento del nostro lavoro.

Francesca, colonnello, Roberto, Giordano, Federico, faccio a voi una domanda corale: mi risponde chi se la sente. Quale è il miglior pregio ed il peggior difetto di Massimo Pulcini?
C’è un attimo di esitazione, Massimo Pulcini sorride divertito (non se lo sarebbe mai aspettato).
Io – anche stavolta risponde per primo e con forza il colonnello Cosmelli – all’inizio perdeva con facilità le staffe. Ma considerato che ho qualche “capello bianco” in più di esperienza, da padre, ho cercato di fargli capire la necessità di vivere questa situazione in serenità. Massimo (Massimo Pulcini nds) è uomo sanguigno, vive ogni situazione nel profondo dell’animo e quindi era normale che il suo carattere potesse scontarsi con una quotidianità alta di responsabilità e di questioni da affrontare ma debbo dire che è stato davvero superlativo nell’accettare i miei consigli. Oggi comprende la necessità di “respirare” profondamente e lasciare correre affrontando i problemi con la testa … e non lo nascondo un’eccellente testa.
Il pregio è facile: ha tenuto unita la squadra. Non credo ci sia altro da aggiungere.

Stavolta lascio a casa la bacchetta magica perché “la magia” l’ho letta negli occhi di queste persone di fronte a me che sono riuscite a fare squadra. L’hanno fatta nelle difficoltà ed, a mio avviso, è stato il collante vero di questa gruppo; il desiderio l’hanno fatto avverare in questo quinquennio.
Un grazie davvero immenso a Massimo Pulcini ed a tutta la sua squadra per la disponibilità

Continua a leggere

Cronaca

Giornalisti come i narcotrafficanti: Massimo Giannini svegliato alle 4 di notte per notificargli una querela

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Montano le polemiche politiche, dal vicepresidente di Azione, Enrico Costa, al leader di Avs, Nicola Fratoianni, che arriva a chiedere l’intervento del ministro dell’Interno Piantedosi, dopo che l’ex direttore della Stampa ed editorialista di Repubblica Massimo Giannini ha raccontato durante la puntata di ‘Otto e mezzo’ in onda ieri sera su La7 un episodio che lo riguardava, mentre in studio si discuteva delle polemiche sui tre giornalisti fermati a Roma dalla polizia mentre documentavano un blitz di ‘Ultima Generazione’. “Due mesi fa a Milano, reduce da una puntata di Fazio, nella quale avevo dato giudizi critici rispetto a questa maggioranza, sono andato a dormire in hotel – ha raccontato Giannini – e alle 4 di notte mi hanno svegliato 4 agenti di polizia per notificarmi una querela per diffamazione”.

“Alle 4 di notte”, ribadisce il giornalista che poi spiega di aver chiesto ai poliziotti il motivo dell’urgenza di questa notifica. “Si fa, è la prassi”, la risposta degli agenti. “Ma è la prassi quando dovete prendere un narcotrafficante, non quando dovete notificare una querela a un giornalista”, la replica di Giannini che poi si è detto convinto che non ci sia “alcun dubbio” che dietro c’è una regia politica: “Qualcuno ha dato ordine agli agenti di notificare una querela alle 4 di notte in albergo, così come avevano dato ordine alla Digos – ha aggiunto – di identificare il loggionista della Scala che aveva urlato ‘Viva l’Italia antifascista’, cosi’ come hanno dato ordine di prendere e chiudere in cella per un’ora tre giornalisti”. “Con tutto ciò che rappresenta il dissenso rispetto a questa maggioranza, a questa coalizione e al partito che guida il governo – ha concluso – si adotta il manganello, l’intimidazione”.

Cronisti fermati, Piantedosi: “Un equivoco”

E sulla vicenda dei tre giornalisti fermati a Roma durante una manifestazione di Ultima Generazione, interviene il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi.

“Come spiegato nei comunicati ufficiali della Questura di Roma e del Dipartimento della Pubblica sicurezza si è trattato probabilmente di un equivoco fondato sul fatto che legittimamente le persone che sono state fermate non hanno dichiarato subito le proprie generalità e pertanto la propria condizione di giornalista e altrettanto legittimamente sono state poi assoggettate a procedure di identificazione che hanno fatto un po’ rumore”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, intervenuto al festival dell’Economia di Trento al tavolo “Criminalità, confisca, gestione e destinazione dei beni”, in merito ai tre cronisti fermati ieri a Roma dalla polizia prima di un’azione di Ultima Generazione a via Veneto.

“Talvolta può succedere pure che ci siano delle sbavature, non è stato in questo caso ma può succedere – ha spiegato il ministro Piantedosi – non faccio professione di perfezione dell’azione delle forze di polizia, mi dispiace quando viene ricondotta ad un clima generale presunto o dalle direttive perché questo va contro quella che è la professionalità intrinseca delle nostre forze di polizia che prescinde da qualsiasi direttiva politica”. “In Italia non si può dire che ci sia un limitazione del dissenso – ha concluso – e men che meno della libera manifestazione di quella che è una nobile professione come quella del giornalista”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti