Connect with us

Cronaca

Emanuele Crestini è morto: il ricordo di Marco Mattei

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

CIAO EMANUELE, le emozioni, i sentimenti, la tristezza non dovrebbero essere affidati a un commento.

L’intimità del dolore sembra esserne violata. Purtroppo, forse anche a causa del passare degli anni, i motivi per fermarsi a riflettere e partecipare agli altri il proprio dolore, aumentano. Tanti amici e amiche negli anni ci hanno lasciato causando un moto di rabbia e di dolore sempre più intenso perché si intensifica la sensazione di ingiustizia insita nella morte.

Fino ad oggi ho represso ogni tentazione di esplicitare questi miei pensieri perché ho sempre reputato sbagliato condividere, su un breve scritto come questo, emozioni così forti e complesse.

Stamattina Emanuele ci ha salutato per l’ultima volta. Un uomo caparbio, talvolta difficile ma con un grande cuore, un cuore indomito che spesso gli ha comportato, nel mondo nel quale aveva deciso di vivere, amarezze più che gioie. Guardandomi indietro vedo il suo agire esattamente come nel giorno in cui ha deciso di sacrificare la propria vita per gli altri.

A posteriori molti dicono che tutti diventano un po’ eroi ma lui no, lui lo è sempre stato.

Le testimonianze degli amici d’infanzia raccontano di una sua immediatezza nel prestare soccorso, di un moto irrefrenabile che, già negli anni acerbi della gioventù, lo spingeva a soccorrere, ad aiutare. Oggi ci lascia per aver voluto, per l’ultima volta, essere guida e soccorritore dei suoi concittadini, dei suoi dipendenti, dei suoi amministratori, di tutti, uscendo per ultimo dall’altro infuocato e vorace che già domenica ci aveva portato via il suo delegato Vincenzo Eleuteri, altro esempio di profondo altruismo sempre più raro ai nostri giorni.

Ciao Emanuele, ciao da tutti noi che non abbiamo saputo apprezzarti abbastanza durante gli anni nei quali ci siamo frequentati. Spero che la tua piccola creatura e la tua compagna, nell’immenso dolore, possano trovare l’orgoglio del tuo esempio affrontando e vincendo la rabbia per non averti saputo al sicuro quel giorno nel quale hai sacrificato la tua vita per gli altri.

Nulla potrà mai restituirci l’amico, il padre, il marito, l’uomo ma in minima parte potrà consolarci il dolce ricordo del tuo sorriso impavido. Ciao Emanuele addio con onore Grande Sindaco

Cronaca

Rieti, smaltiscono illecitamente 750 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi: denunciate due persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

I rifiuti sono costituiti da terre e rocce da scavo prodotte nel corso dei lavori di ampliamento di un tratto della rete di distribuzione del gas metano

gestione illecita di 750 rifiuti: 750 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi. due persone denunciate.

A conclusione di attività d’indagine iniziata nel mese di luglio nel Comune di Greccio (RI), i Carabinieri Forestali di Contigliano hanno accertato lo smaltimento illecito di circa

750 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi, costituiti da terre e rocce da scavo prodotte nel corso dei lavori di ampliamento di un tratto della rete di distribuzione del gas metano da parte di una Ditta della provincia di Teramo sono stati smaltiti illecitamente.

Questo quanto accertato a conclusione di una attività di indagine, iniziata nel mese di luglio nel Comune di Greccio, portata avanti dai Carabinieri Forestali di Contigliano.

I rifiuti erano stati trasportati presso una cava sita in frazione San Giovanni Reatino del comune di Rieti, gestita da un’Impresa del reatino sprovvista di impianto autorizzato alla gestione di rifiuti.

Denunciati alla competente Autorità Giudiziaria due soggetti, rispettivamente titolare e presidente delle due aziende. Entrambi risponderanno, in concorso, del reato di gestione illecita di rifiuti, rischiando, in caso di condanna, l’arresto fino a un anno e un’ammenda molto severa, consistente nel pagamento di una sanzione pecuniaria che potrà raggiungere 26.000 euro.

Le operazioni di gestione dei rifiuti sono da sempre considerate uno degli anelli deboli della catena del recupero ambientale. È per questa ragione che non scende la soglia di attenzione della specialità dell’Arma deputata al contrasto dei reati ambientali, attraverso la sua capillare e vigile attività di monitoraggio e controllo del territorio.

Continua a leggere

Cronaca

Palermo, Open Arms: inizia il processo che vede imputato Matteo Salvini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si apre questa mattina nell’aula bunker del carcere palermitano di Pagliarelli l’udienza del processo che vede imputato il leader della Lega Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona per aver impedito alla nave della Ong Open Arms di attraccare con 147 migranti soccorsi in mare. L’udienza, dedicata all’ammissione delle liste testi di accusa e difesa e alle produzioni documentali, si svolge davanti ai giudici della seconda sezione del tribunale.

La Procura ha citato a deporre, tra gli altri, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, l’ex premier Giuseppe Conte e tre componenti dell’allora suo governo, l’ex vice premier Luigi Di Maio, e gli ex ministri ai Trasporti, Danilo Toninelli, e alla Difesa, Elisabetta Trenta.

Alcune parti civili hanno indicato tra i testimoni anche l’attore Richard Gere, che nel 2019 salì a bordo della Open Arms mentre la nave attendeva l’autorizzazione all’attracco. Salvini, che sarà presente all’udienza, nel corso di una conferenza stampa svoltasi ieri a Palermo ha commentato: “Spero che il processo non si trasformi in un festival del cinema. Penso di essere l’unico ministro in Europa che va a processo per aver fatto il proprio dovere” . 

Continua a leggere

Cronaca

Falsi farmaci contro il Covid: oscurati 42 siti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Sono stati 42 i siti, collocati su server esteri, oscurati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute perché venivano pubblicizzati o offerti in vendita vari farmaci anche contro il covid 19. Su 35 dei 42 siti veniva venduta anche l’ivermectina, antiparassitario utilizzato in campo veterinario e per il quale l’Ema, nel marzo 2021, ha raccomandato di non utilizzare il principio attivo per la prevenzione o il trattamento del covid al di fuori degli studi clinici.

Con questa operazione salgono a 283 i siti oscurati dai Nas nel 2021, di cui 244 legati all’emergenza Covid. 

Continua a leggere

I più letti