Connect with us

Castelli Romani

Frascati, l’appello del Consorzio Tutela Vini Frascati al Governo: “Ecco le proposte per risollevarci”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il lockdown ha provocato un crollo delle vendite del vino nei canali horeca in Italia e lo stop totale delle esportazioni, generando un incremento delle giacenze, il crollo dei fatturati, i mancati incassi dei mesi precedenti la pandemia. La previsione è che nel breve termine il settore della ristorazione, quello alberghiero e quello dei bar e dei pub subirà ancora forti perdite, in quanto sarà l’ultimo a ripartire, a causa dalle norme di distanziamento sociale in vigore per contenere covid-19 e, soprattutto, non potrà contare sul turismo estero; mentre quello interno si prevede essere contenuto negli spostamenti e di breve durata.

«Con queste premesse il comparto vitivinicolo ha bisogno al più presto di strumenti economici concreti per poter contenere le ingenti perdite subite finora e poter impostare la ripresa – spiega Felice Gasperini, presidente del Consorzio Vini Frascati -. Le proposte, tutte di buonsenso e fattibili, vanno nella direzione della vendemmia verde parziale e della distillazione volontaria; due strumenti per salvare l’annata 2020, che ci verrà richiesta dai mercati internazionali e soprattutto potrà aiutare le piccole aziende vitivinicole, quelle che salvaguardano i paesaggi storici e impediscono lo spopolamento dei territori e l’urbanizzazione. Attendiamo le risposte del Governo nazionale e regionale ma dobbiamo fare presto».

«Le proposte che avanza il Consorzio del Frascati sono ragionevoli e fattibili tanto a livello nazionale che a quello regionale – aggiunge il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti -. Mi piace l’approccio di sistema che non guarda solo ai benefici di un’area vitata ma all’intera filiera nazionale, con alcune proposte che gioco forza devono essere declinate sui singoli territori, perché non tutti identici, per storia, tradizione e forza commerciale. Il vino Frascati ad esempio per alzare il prezzo medio delle bottiglie ci ha impiegato anni di lavoro e milioni in investimenti. Oggi la crisi da covid-19 rischia di far tornare il settore agli inizi degli anni 80 e di innescare guerre dei prezzi anche tra i produttori perché è in gioco la loro sopravvivenza. Mi auguro che queste proposte possano essere accolte quanto prima».

Come detto le idee del Consorzio Tutela Denominazione Vini Frascati, uno dei primi a nascere in Italia, guardano all’intero comparto vitivinicolo nazionale, declinando alcune di queste in chiave regionale e ritagliandole sulle reali necessità dei produttori locali, e tengono conto delle iniziative avviate in campo nazionale dalle associazioni di filiera. Tali proposte sono state inviate nei giorni scorsi a Federdoc, per essere sottoposte al Governo, attraverso il coinvolgimento del Ministero delle Politiche Agricole.

Il vero problema del blocco della ristorazione e dello stop dell’export è che ha provocato giacenze che non potranno essere riassorbite né nel breve, né nel lungo periodo, creando un crollo del valore di mercato dei vini e delle uve. Le conseguenze della contrazione dei prezzi, se non saranno adeguatamente contrastate, potrebbero essere catastrofiche per l’intero settore vitivinicolo con l’abbandono dei vigneti, la chiusura di molte cantine, anche storiche, soprattutto a filiera corta, giungendo a danneggiare perfino settori che fanno parte dell’indotto vino, come il vivaismo viticolo, l’industria delle macchine enologiche e da vigneto, le vetrerie, i sugherifici, i produttori di capsule e di cartoni, gli agronomi e gli enologi.

Nel concreto, le proposte pensate per la Regione Lazio riguardano la riduzione generale della resa per ettaro, ad es. il 20% su tutto il territorio regionale, per i vini delle doc, delle docg, dell’igt e del vino da tavola. Un sostegno regionale aggiuntivo per la vendemmia verde sulle uve doc e docg. Infine, il sostegno regionale alla distillazione dei doc e docg con riferimento ai prezzi di mercato. Inoltre, sempre a livello regionale, sarebbe importante conservare il bonus di 3000 euro anche per chi estirpa e non reimpianta subito il vigneto. Sarebbe una misura di tutela dei territori e un incentivo ad investire se anche per due anni di seguito i vigneti non fossero messi a coltura. Infine, servirebbe anche aumentare i finanziamenti sul vino e sui vigneti, per finanziare le domande di impianto di nuovi insediamenti.

A livello nazionale, invece, sarà fondamentale adottare una serie di misure che vanno nella direzione di proteggere i produttori e i coltivatori, come la cancellazione dell’Imu 2020 per i fabbricati legati alla filiera vitivinicola. La tutela dei crediti legati al canale horeca, con particolare attenzione ai crediti dei clienti che chiuderanno l’attività. La restituzione dei prestiti per liquidità a 20 anni, con almeno 2 anni di preammortamento. Altro fattore determinante per la ripresa saranno le agevolazioni sui contributi per le assunzioni di lavoratori stagionali per la raccolta delle uve (inclusa la vendemmia verde), meglio se anche per la gestione a verde. In alternativa il governo potrebbe reintrodure il sistema fiscale dei vaucher. Infine, sarebbe fondamentale la sospensione, per tre anni, dei pignoramenti sui fabbricati dei terreni agricoli, sulle macchine e le attrezzature strumentali che servono in villa e in cantina.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Albano Laziale, Borelli su proposta confronto pubblico: “Ho l’agenda piena da tempo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Il candidato sindaco di Centrosinistra Massimiliano Borelli non parteciperà al confronto pubblico proposto dal candidato di Centrodestra Matteo Mauro Orciuoli, al quale hanno dato invece disponibilità il candidato del partito Comunista Bruno Valentini e quello del M5s Luca Nardi. Borelli attraverso una nota spiega le ragioni del suo no rispetto a una proposta di confronto che il candidato Orciuoli ha lanciato diverse volte in diverse occasioni.

“Ho ricevuto via mail, un invito ad un confronto pubblico dal candidato del Centrodestra insieme a tutti gli altri candidati Sindaco. – Dichiara Massimiliano Borelli – Curioso. Ho sopportato per settimane e mesi – prosegue il candidato di Centrosinistra – attacchi gratuiti sulla mia persona. Ho letto decine di post sui social scritti da alcuni esponenti del centrodestra, conditi da commenti irripetibili. Il loro candidato a Sindaco in un’intervista mi ha definito “bugiardo” non so quante volte. Ho scelto di non replicare, non denunciare, perché fa parte del mio carattere. Ma questo non significa che tutto ciò non lasci dei segni, cari signori. Adesso, per incanto, mi si chiede un confronto pubblico sui programmi e potrei anche essere d’accordo, ma proprio venerdì 18 settembre alle ore 18.00 a poche ore dal silenzio elettorale dopo che ha avuto 9 (nove) mesi di tempo? Il nostro programma lo abbiamo presentato in tantissimi incontri pubblici, all’aperto, in piazze o cortili condominiali. Ho affrontato domande e critiche, ci ho messo sempre la faccia. Ed ho parlato della nostra idea per un’Albano Migliore. Altri, tra un sorso di caffè e l’altro, hanno parlato solo male di noi, non del loro programma. Comprensibile, vista la pochezza degli argomenti. Come dicevo, potrei anche essere disponibile al confronto, – conclude Borelli – ma la mia agenda è bloccata da tempo per i prossimi giorni. Ho tante persone che mi hanno chiesto un incontro, dalle Mole a Cancelliera, da Pavona a Cecchina ad Albano. Pronto ad un confronto si, con i cittadini, prima di tutto, che aspettano risposte per i prossimi anni”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, elezioni 2020: a Cecchina una piazza partecipata per Matteo Mauro Orciuoli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Proseguono gli appuntamenti con i “Caffè con Orciuoli” il candidato sindaco di centrodestra che i prossimi 20 e 21 settembre sfiderà gli altri candidati per la conquista di palazzo Savelli che da 10 anni è a guidato dal sindaco uscente Nicola Marini di centrosinistra.

Ieri, una piazza molto partecipata quella di Cecchina dove il candidato Sindaco Matteo Mauro Orciuoli si è confrontato con i cittadini sulle criticità da risolvere subito: “Decoro urbano, servizi e sicurezza – ha detto Orciuoli – sono le priorità che abbiamo in mente per Cecchina, trascurata per dieci lunghi anni dalla coalizione inconcludente Marini – Borelli. Videosorveglianza e potenziamento controlli anche attraverso l’impiego di forze dell’ordine in pensione e della Protezione Civile di Albano che dovrà tornare a essere motivo di orgoglio della Città, sono i primissimi segnali che daremo ai residenti di Cecchina. La valorizzazione e potenziamento, tra le altre cose, dell’ area della stazione sarà un ulteriore volano per questa frazione che deve poter non soltanto essere un territorio di passaggio verso il mare ma un polo attrattivo commerciale e industriale di riferimento per l’intera area. Tratteremo con un’ottica integrata la questione “culturale” dei nuclei abusivi. Ci occuperemo di completare le opere fognarie in via Colle Nasone, via Tor Paluzzi e le altre zone che ancora necessitano di interventi collegandole con il depuratore di Ardea. Daremo nuova rivisitazione all’Area industriale per sviluppare lavoro e pianificare un piano di rilancio delle attività. Basta chiacchiere, siamo stufi di vedere Cecchina anno dopo anno sempre più dimenticata. È il momento di cambiare per il bene della Città”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, consiglieri comunali passano da “Progetto Comune” a FdI e l’assessore Marcello Muzi si dimette

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CIAMPINO (RM) –  Si è dimesso l’assessore all’Assetto del Territorio e al Recupero Igdo al Comune di Ciampino Marcello Muzi che ha motivato la decisione a causa del venir meno di una necessaria rappresentanza politica in seno al Consiglio Comunale.

“Prendo atto della sua decisione e ringrazio l’Assessore Marcello Muzi per questo anno di impegno trascorso insieme per il governo della Città”.  Ha detto la prima cittadina Daniela Ballico dopo aver appreso delle dimissioni del suo assessore.

“Abbiamo condiviso con l’ex assessore Muzi un progetto politico che ci ha portato a sostenere il Sindaco Ballico attraverso la lista “La Locomotiva”. Dichiarano i Consiglieri del Comune di Ciampino, Antonella Ricciardi e Stefano Grossi – Nei mesi scorsi – proseguono – Marcello Muzi ha attivato un percorso politico istituzionale che ha dato luogo ad un nuovo gruppo consiliare denominato ‘Progetto Comune’ al quale abbiamo aderito come consiglieri comunali. Nei mesi successivi alla costituzione del nuovo gruppo ci siamo spesso trovati in disaccordo sul modus operandi del gruppo e sulle scelte politiche. Fondamentale per noi proseguire con tutte le nostre energie a sostegno del Sindaco Ballico e di questa maggioranza. Consequenziale quindi la decisione di uscire dal gruppo di ‘Progetto Comune’ e di aderire al Gruppo di ‘Fratelli d’Italia’ in una realtà politica composta da consiglieri e cittadini operosi nell’interesse esclusivo di Ciampino. Consideriamo tutto ciò assolutamente in linea con gli ideali che ci hanno portato ad intraprendere questa esperienza da Consiglieri Comunali. Abbiamo semplicemente scelto – ribadiscono i Consiglieri Ricciardi e Grossi – di continuare a metterci al servizio della Città e dei cittadini (anche di coloro che non ci hanno sostenuto) attraverso il percorso di buon governo finora seguito che cambierà il volto della Città”.

Continua a leggere

I più letti