Connect with us

Roma

Genzano: ecco l'infiorata dei ragazzi

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti La 13esima edizione dell'Infiorata dei Ragazzi si terrà dal 2 fino al 4 giugno; il tema scelto è Noi e gli altri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

 

GENZANO (RM) – Torna a Genzano – in concomitanza con la Festa della Repubblica – l’Infiorata dei Ragazzi, realizzata dagli studenti delle scuole e dalla Bottega dell'Infiorata. L'evento si svolge su via Bruno Buozzi (già via Sforza), la strada dove è stata realizzata la prima Infiorata nel lontano 1778.
La 13esima edizione dell'Infiorata dei Ragazzi si terrà il 2, il 3 e il 4 giugno; il tema scelto è Noi e gli altri.

I bozzetti dell’Infiorata dei ragazzi (in ordine):


TITOLO:
Un’amicizia speciale in un tappeto di fiori e colori
IDEATORI E REALIZZATORI:
Scuola primaria “Landi”
DESCRIZIONE:
A volte l'aspetto esteriore crea barriere mentali che i bambini con la loro predisposizione alla curiosità e spontaneità possono superare. Ecco che la diversità non fa paura e non crea distanze ma diventa un ponte che unisce nella scoperta di ciò che è oltre.
Così dalla pura fantasia dei bambini ispirata dalle magiche parole del libro “Il Grande gigante gentile” di Roald Dahl e gli infiniti colori sapientemente mescolati, viene lanciato un messaggio di pace e profonda amicizia.


TITOLO:
Un mondo a colori
IDEATORI E REALIZZATORI:
Scuola primaria “Marchesi”
DESCRIZIONE:
In un mondo che, in questo momento ha tutti i toni del grigio, nelle sue brutture uno spiraglio di luce emerge… È solo grazie agli occhi dei bambini che riusciamo a vedere il mondo per quello che è: nell'universalità di un meraviglioso arcobaleno di colori che unisce e non divide, bambini ed adulti in un girotondo di felicità e pace, fatto di famiglia, amicizia e in armonia con tutti i suoi diritti e le sue sfumature.


TITOLO:
Fiori e cuori formano l’amicizia verso gli altri
IDEATORI E REALIZZATORI:
Scuola primaria “E. De Amicis”
DESCRIZIONE:
Da questa rosa esce un fiore pieno di affetto e di amore, che mi fa pensare ai profumi e ai colori dell’Infiorata, che Genzano di farla ne è onorata.
Per me questa rosa ispira felicità, quella che ha tutta questa città.


TITOLO:
I due colombi
IDEATORI E REALIZZATORI:
Scuola primaria “A. Manzoni”
DESCRIZIONE:
“I due colombi sembrano tristi mentre passeggiano sul prato verde. In realtà non lo sono, perché intorno a loro ci sono tanti cuori: si vogliono bene e vogliono bene proprio a tutti”, cit. I bambini.
Sin dall'antichità la colomba compare con diverse simbologie. In genere la colomba, animale dolce e mite e spesso con piumaggio bianco, evoca mitezza, innocenza e purezza. È necessario però ricordare anche la sua funzione di messaggero di pace, accanto al simbolo di tenero amore, a causa del caratteristico tubare dei piccioni.


TITOLO:
Tutti insieme in un mondo migliore
IDEATORI E REALIZZATORI:
Scuola primaria “G. Pascoli”
DESCRIZIONE:
I bambini sono curiosi, vogliono sapere, scoprire, conoscere ed imparare guardano il mondo sorridente che accoglie coloro che vogliono portare la pace.
È un mondo come tutti lo vorremmo: gioioso, gentile, disponibile.
Il fiore che, con i suoi meravigliosi petali colorati, lo circonda, rappresenta tutta la gente “diversa ma uguale”, unita e rispettosa gli uni degli altri.
Io lo guardo e desidero vivere in questo mondo migliore !!!


TITOLO:
L'armonia del Creato
IDEATORI E REALIZZATORI:
Scuola secondaria di primo grado “G. Garibaldi”
DESCRIZIONE:
"La Primavera è tornata, il sole ha abbracciato la Terra. Presto vedremo i figli del loro amore. Ogni seme si è svegliato. Anche noi siamo stati generati da questa grande forza. Per questo crediamo che anche gli altri uomini e i loro fratelli animali abbiano il nostro stesso diritto a vincere su questa Terra", cit. Toro Seduto.
Il quadro rappresenta l'armonia tra gli uomini, tra l'uomo e la Natura, tra l'uomo e gli animali.
Bisogna trovare una nuova connessione per crescere e curare noi stessi e il pianeta in cui viviamo.


TITOLO:
Noi e gli altri
IDEATORI E REALIZZATORI:
Scuola secondaria di primo grado “F. De Sanctis”
DESCRIZIONE:
“Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato a vivere come fratelli”, cit. M.L.King.
Ispirazione liberamente tratta da un artista visto nel web, Tom Fredo.


TITOLO:
Legami
IDEATORI E REALIZZATORI:
Ragazzi della “Bottega dell’Infiorata”
DESCRIZIONE:
L’altro da me è me. È il continuo scoprire che nell’altro si fonde qualcosa che è mio, che sono io. È l’equilibrio che nasce dalle nostre diversità che si fondono e creano legami, in cui ognuno si riconosce nell'altro. L’intersecarsi delle forme, presenti nel quadro, rappresenta questa costante armonia dove l’uomo negli altri vede un mondo da scoprire, da accogliere e con cui unirsi per dare vita al futuro.


TITOLO:
Abbraccio floreale
IDEATORI E REALIZZATORI:
Ragazzi della “Bottega dell’Infiorata”
DESCRIZIONE:
La mamma è la prima persona con cui interagiamo. Lei è un’amica, un’insegnante, una confidente…
Noi e gli altri, il tema di questa infiorata, è rappresentato, nelle sue mille sfaccettature, dal rapporto madre e figlio in un abbraccio floreale.


TITOLO:
Noi siamo gli altri e gli altri sono noi
IDEATORI E REALIZZATORI:
Ragazzi della “Bottega dell’Infiorata”
DESCRIZIONE:
Conciliando una cornice barocca e “Decalcomania”, famoso quadro del pittore surrealista Magritte, si dà vita alla rappresentazione del tema “Noi e gli altri”.


TITOLO:
Attendere e trepidare per qualcuno
IDEATORI E REALIZZATORI:
I.I. S.S. Pertini
DESCRIZIONE:
Libera interpretazione dell’opera “L’Attesa” del pittore abruzzese B. Cascella è una donna che attende qualcuno in riva la mare…
La trepidazione dell’ignoto si indovina nell’atteggiamento di abbandono tra rovi sfidati con il corpo e lo sguardo rivolti all’infinito, su quel mare che sembra divorare tutte le ansie… Attende, forse, un migrante in balia delle onde, un io partito per terre lontane o un innamorato deluso dal presente, in cerca di lavoro in terra straniera, o, addirittura, sfuggito agli obici ed alle torture…?
L’attesa è il travaglio dell’animo in pena, dilaniato e sospeso nel limbo del “non sapere”, partenza o ritorno si confondono…

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Colleferro, stretta su dipendenze e uso dei social: ragazzi impegnati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Colleferro in collaborazione con l’Associazione per la Cura delle Dipendenze Patologiche (ACuDiPa) hanno tenuto sette conferenze, rivolte agli studenti delle Scuole Medie (L. Da Vinci di Colleferro – Leone XIII di Carpineto Romano – IC L. Da Vinci di Labico) e delle Scuole Superiori (IPSIA di Colleferro – IIS e ITCG “A. Gramsci” di Valmontone – ITIS “S. Cannizzaro” e IIS “G. Marconi” di Colleferro, organizzate con la collaborazione delle rispettive Direzioni Scolastiche nell’ambito delle attività di formazione della “cultura della legalità”.
Gli incontri tenuti dal Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Colleferro, accompagnato dai Comandanti di Stazione di Valmontone, Labico e Carpineto Romano, e dalla Dott.ssa Sara Nocera, Emergency Supporter, rappresentante dell’Associazione ACuDiPa,, impegnata nell’attività correlate alla cura delle dipendenze patologiche.
Hanno partecipato alle conferenze complessivamente oltre 1000 alunni dei citati plessi scolastici che insistono sul territorio, con i quali i relatori si sono intrattenuti diverse ore ed hanno stimolato la riflessione sull’importanza del rispetto delle regole nella vita di tutti i giorni, sul bullismo e cyberbullismo, sull’uso consapevole dei social e pericoli della rete ed infine sulle dipendenze giovanili, in particolare alcool e droga.
Le conferenze, iniziate con il saluto e il ringraziamento dei Dirigenti Scolastici, hanno riscosso grande interesse da parte dei giovani con numerose domande e interventi durante i quali i relatori hanno sottolineato che l’osservanza delle regole di vita, diritti e doveri – un binomio inscindibile, va considerata come un’opportunità per crescere insieme, non come un limite al proprio essere.
L’attività si inserisce nel quadro delle iniziative intraprese dal Comando Provinciale Carabinieri di Roma che ha come obiettivo la promozione e lo sviluppo della cultura della legalità nell’ambito di tutti gli istituti di istruzione della provincia.

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca Priora, sospesa la scuola d’infanzia: sopralluogo della Asl

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Una notizia che lascia alquanto esterrefatti: è stata sospesa temporaneamente la scuola comunale “servizi per l’infanzia” a seguito osservazioni del Servizio Igiene e Sanità
Pubblica ASL ROMA 6. L’8 febbraio c’è stato un sopralluogo ed erano presenti presenti 18 bambini di età compresa tra i due e i tre anni.

L’Azienda Sanitaria ha osservato che i locali in cui viene svolta l’attività educativa non presentano i requisiti igienico-sanitari previsti dalla normativa vigente per il servizio in corso e quindi è stato ritenuto opportuno provvedere a rimodulare in modo parziale il servizio,ottenendo, se previsti dalla normativa vigente, i relativi nulla osta necessari allo
svolgimento dell’attività. Nel frattempo la scuola resta chiusa.

Addirittura per l’attività della scuola, non risulta essere mai stato rilasciato nullaosta igienico-sanitario ai sensi della normativa vigente. L’unico atto prodotto dal servizio Sanitario è quello risalente al 17/04/2001 relativo al progetto di recupero del Palazzo M. Giacci.

Di chi sono le responsabilità? Intanto si auspica che la scuola riapra presto!

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, partono i lavori per il parcheggio multipiano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Via le auto durante il cantiere

Dal giorno 26 febbraio 2024 inizieranno i lavori per la realizzazione di un parcheggio multipiano in via Madre Teresa di Calcutta, pertanto non sara’ piu’ possibile sostare nella predetta area.
Per gli utenti che intendano usufruirne, sara’ disponibile il parcheggio dell’area ex amore, con tariffe agevolate e servizio di bus navetta per il collegamento con il centro storico.

Si tratta di una struttura di cinque piani nella zona dell’attuale parcheggio in via Madre Teresa di Calcutta (vicino all’ospedale pubblico Colombo). Sfruttando la disposizione del terreno, il progetto risulta poco impattante con un edificio che ospiterà 400 posti auto. Oltre a una serie di servizi che migliorano l’accessibilità e la mobilità.

Infatti un piano sarà dedicato alla logistica con la possibilità di smistare le merci tra mezzi più grandi e mezzi più piccoli alimentati elettricamente per evitare che il centro venga invaso da mezzi grandi e impattanti. Inoltre sono previsti una serie di locali da destinare alle attività ricreative  compreso un campo da padel e spazi dove sarà possibile svolgere attività culturali.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti